Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 02:01 di Mer 24 Apr 2019

dalla Regione Marche

di | in: Cronaca e Attualità, dalla Regione Marche

Donazione Organi

image_pdfimage_print

10 ott 2014
DONAZIONE ORGANI: POSITIVI I RISULTATI DEL PROGETTO “UNA SCELTA IN COMUNE”.

Una forte disponibilità dei marchigiani alla cultura della donazione. È emersa dal monitoraggio del progetto “Una scelta in Comune” che, a partire dall’aprile 2013, ha coinvolto i cittadini dei nove Comuni aderenti all’iniziativa promossa dalla Regione Marche, dalla Federsanità Anci, dai Centri nazionale e regionale dei trapianti, da Anci e Aido Marche. Un bacino di 345 mila abitanti, pari al 23 per cento della popolazione marchigiana. All’atto del rilascio o del rinnovo della carta d’identità, presso gli Uffici anagrafe, gli abitanti di Ancona, Ascoli Piceno, Chiaravalle, Fabriano, Fermo, Pedaso, Porto Sant’Elpidio, San Benedetto del Tronto e Senigallia, possono registrare il proprio assenso o diniego alla donazione di organi e tessuti direttamente nel sistema informativo del Centro nazionale trapianti, senza recarsi presso le Aziende sanitarie locali o i Centri regionali per i trapianti. La fase sperimentale nei nove Comuni è durata dal 17 aprile 2013 al 30 giugno 2014, facendo registrare un numero di dichiarazioni superiore a quelle segnalate, in 14 anni, preso le Asl. “È un’ulteriore testimonianza della grande generosità che i marchigiani sanno manifestare, quando vengono correttamente informati. Condivisione, altruismo e disponibilità sono valori che trovano una traduzione concreta nell’agire quotidiano dei nostri concittadini”, ha commentato il presidente della Regione, Gian Mario Spacca, a margine della conferenza stampa nel corso della quale sono stati presentati i risultati del progetto e annunciata la presenza della Regione Marche alla Giornata europea della donazione degli organi, promossa dal Consiglio d’Europa e in programma (sabato 11 ottobre) a Roma. Le Marche saranno presenti come regione “collaboratrice attiva” in uno spazio giovani che distribuirà gadget ufficiali, in particolare oltre mille puzzle rappresentanti un corpo umano stilizzato e con vari organi del dono (plasma, sangue, cellule…) e quadernoni ispirati al tema del riciclo. Insieme a otto associazioni di volontariato del settore (Adisco, Antr, Airp, Admo, Avis, Lifc, Aido e Aned) presidieranno i diversi punti della città dove si svolgeranno le iniziative, tra cui l’Auditorium Parco della Musica, nello spazio giovani e nello stand della Regione Marche che si trova in Piazza Risorgimento. “Quello della donazione – ha detto l’assessore Paola Giorgi , in conferenza stampa – è un tema importante e qualificante per i valori della nostra comunità regionale”. Duilio Testasecca, coordinatore del Progetto, ha evidenziato come le Marche, negli ultimi dieci anni, si siano collocate al primo posto in Italia per il tasso delle donazioni: un traguardo che ha consentito l’avvio del Centro regionale dei trapianti. Ha auspicato che “Una scelta in Comune” possa estendersi a tutte le amministrazioni comunali che, su base volontaria, decidano di aderire. Goffredo Brandoni (vicepresidente Anci Marche) ha manifestato la “piena disponibilità” dell’associazione dei Comuni ad allargare l’iniziativa, in maniera particolare per sensibilizzare i giovani alla donazione. Francesca De Pace (coordinatrice del Centro regionale trapianti) ha evidenziato il calo delle opposizioni, scese dal 35,29% del 2013 al 27,27% del 2014, segno che del contestuale aumento della disponibilità a donare organi. Terminata la sperimentazione di “Una scelta in Comune”, l’attività di registrazione dell’assenso/diniego alla donazione è ora pienamente a regime. La Regione Marche ha sostenuto il progetto con un finanziamento di 40mila euro; 20mila sono le risorse stanziate dall’Anci. Al 30 giugno 2014 sono state rilasciate 16.305 documenti d’identità, a fronte dei quali i cittadini hanno attestato 2.699 dichiarazioni, pari al 16,5% del totale: sostanzialmente si è espresso un cittadino su sei. Facendo una proiezione nazionale, è come se nei prossimi dieci anni (periodo di validità della carta d’identità), se la sperimentazione venisse rilanciata in Italia, 10 milioni di persone dicessero Si o No alla donazione, ampliando enormemente la platea degli aderenti. Ma il dato significativo, per le Marche, è che a fronte delle dichiarazioni, ben l’84,8% (2.289) sono state affermative e solo 410, pari al 15,2% i dinieghi: nei 186 giorni della sperimentazione (comprese anche le festività, quindi con gli Uffici anagrafe chiusi), sono state abbondantemente superate le 2.198 dichiarazioni di volontà registrate presso le Asl negli ultimi 14 anni! Il dato complessivo sottolinea la disponibilità dei cittadini alla donazione, se correttamente informati. Inoltre le Marche si pongono al secondo posto, in valori assoluti, nella graduatoria delle regioni, dietro all’Umbria, per le dichiarazioni di volontà espresse. La selezione dei Comuni aderenti al progetto è stata effettuata d’intesa con il Centro regionale trapianti. Sono stati scelte alcune municipalità del Fermano e dell’Ascolano che evidenziavano la più bassa percentuale di donazione regionale. Chiaravalle e Senigallia, invece, hanno chiesto di partecipare. L’elenco comprendeva anche Ancona, dove opera il Centro regionale trapianti e Fabriano, sede della Banca degli occhi. L’analisi delle dichiarazioni rilasciate sottolinea, comunque, una sostanziale diversità di percentuali tra Comuni: dal dato significativo del 39% delle dichiarazioni dei cittadini di Fermo, al 5,7% di Ancona. Questa diversità segnala l’importanza dell’informazione preventiva che deve essere sviluppata uniformemente sul territorio. Come pure va approfondito il caso “Fermo”, dove, a fronte del maggior numero di dichiarazioni rese, si riscontra una percentuale di dinieghi sensibilmente più elevata rispetto agli altri Comuni. Un’analisi a parte va dedicata, poi, ad Ascoli Piceno, dove si è avuta una sola dichiarazione e dove, da dieci anni, non si riscontrano donazioni d’organo.

Donazione Organi

Donazione Organi


Il presidente della Regione, Spacca, all’inaugurazione del ponte San Giovanni Paolo II a Villa Potenza

 

“E’ un ponte che guarda al futuro, un’opera frutto del buongoverno di questi anni, che migliora la viabilità di quest’area, un punto di riferimento rispetto al consolidamento idrogeologico del territorio. Si tratta, allo stesso tempo, di una bretella che sostiene le possibilità di crescita di questo territorio, in particolare per il supporto che fornisce alle sue infrastrutture anche di natura commerciale, come la fiera. E’ un’opera che ha un nome prestigioso, quello di Papa Giovanni Paolo II, e che si interconnette con il sistema della viabilità che, nella nostra regione, si sta rapidamente rafforzando grazie ai 5 miliardi di euro di investimenti in corso. Questa arteria è inoltre funzionale alla SS77, la Foligno-Civitanova, che verrà inaugurata a dicembre del prossimo anno. Crea anche un miglioramento della viabilità sulla Regina, con un collegamento alla terza corsia dell’A14. Nelle Marche la rete infrastrutturale è in continuo miglioramento. Numerose le opere che sono state realizzate in questa legislatura. Merito della concretezza del cosiddetto Modello Marche che ha fatto incontrare persone di buona volontà, lontane da estremismi e ideologismi,  e consentito, in una fase così difficile per l’economia del nostro Paese, di portare  a termine progetti strategici per il nostro territorio”. Cosi il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, partecipando all’inaugurazione del ponte San Giovanni Paolo II a Villa Potenza.

© 2014, Redazione. All rights reserved.




10 Ottobre 2014 alle 15:21 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


My Web TV Marche

• dalla Regione Marche
• dalla Regione Marche
• dalla Regione Marche


Social

Visit Us On TwitterVisit Us On Facebook
Ricerca personalizzata