Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 01:40 di Mar 21 Nov 2017

Secondo appuntamento della campagna di ascolto della giunta regionale ad Urbino

di | in: Primo Piano

Giunta Regionale nel Pesarese

Urbino, 2015-07-23 – Il secondo appuntamento della campagna di ascolto della giunta regionale con i territori si è svolto oggi ad Urbino , presso  Urbino Resort, una struttura recettiva molto elegante, con un impianto edilizio che risale alla fine del ‘700,  ma anche un’oasi ambientale protetta e un’azienda agricola all’avanguardia sui temi della compatibilità ambientale.  Qui il presidente  della giunta regionale, Luca Ceriscioli  ha aperto l’incontro con i 59 sindaci –  presenti anche il Presidente della Provincia di Pesaro-Urbino e i consiglierei regionali eletti nel territorio –  ricordando la tragedia del diciassettenne di Sant’Angelo in Vado , esprimendo tutta la vicinanza delle Marche e la solidarietà al lutto della comunità vadese e della famiglia.

Coinvolgere gli enti locali nel processo delle scelte è la volontà dichiarata anche in questa occasione dal Presidente e dagli  assessori regionali , modalità che ha raccolto l’apprezzamento dei sindaci : “perché  –  molti hanno sottolineato – ci sentiamo partecipi di una visione complessiva e non lasciati soli in momenti difficili, così si contribuisce  a sconfiggere i campanilismi e le contrapposizioni che non hanno mai portato al raggiungimento di obiettivi importanti.”

“ E’ una modalità diversa di incontrare  tutte le amministrazioni – ha ribadito Ceriscioli – di una Regione che vuole fare del dialogo un momento essenziale. Sono fasi problematiche per tutti e se non recuperiamo la capacità di collaborare e di condividere le scelte, difficilmente raggiungeremo traguardi importanti . Siamo convinti che il clima diverso di collaborazione, il cambio di mentalità, il senso di aggregazione e di appartenenza a una visione complessiva delle strategie, metta in buona e proficua relazione e crei un sistema coeso. Un ribaltamento di ottica , dunque, che sposta  l’asse di attenzione sulla centralità del cittadino:  se una necessità è sentita da tutti potremo trovare insieme le risposte che servono alla comunità.”

Sanità e viabilità sono stati i temi su cui si è focalizzata maggiormente l’attenzione , ma anche Scuola e Formazione,  trasferimento delle funzioni dalle Province, sviluppo delle aree interne e politiche di collegamento tra costa ed entroterra. Sulla sanità ‘quello che ci hanno raccontato anche qui non corrisponde al vero.-  spiega Ceriscioli – Ma il processo di aggregazione dentro Marche Nord è così avanti per cui diventa impossibile tornare indietro. Così come abbiamo fatto la precisa scelta di ripristinare il Fondo Sociale perché era una priorità e un modo per garantire servizi ai cittadini.“


La notizia oggi nell’incontro della giunta regionale a Urbino con le amministrazioni locali del pesarese

PER LA FANO – GROSSETO IL CONTRATTO DI DISPONIBILITA’ E’ UNA SOLUZIONE IMPRATICABILE

“Possiamo continuare a illuderci e coltivare sogni come è stato fatto negli ultimi anni o dirci la verità su come stanno davvero le cose. Io preferisco sempre la seconda soluzione e quindi è giusto informarvi che il contratto di disponibilità, come evoluzione del project financing per aggiungere fondi per la realizzazione della Fano–Grosseto e su cui si basa l’impostazione della società Centralia, non è praticabile per costruire strade. Quindi,con tutta probabilità si metterà fine all’esperienza di Centralia, perché la tanto sbandierata soluzione per la Fano-Grosseto si è rivelata un errore.”

Così il presidente Luca Ceriscioli che ha informato i 59 sindaci del territorio pesarese, durante la seconda tappa della campagna di ascolto della giunta regionale ad Urbino, chiedendo loro di dare un contributo sulle decisioni da prendere.

“Significa quindi ripartire a settembre – ha proseguito il Presidente – con molto più realismo, valutando insieme se procedere per lotti funzionali o  puntare su tratti particolari che possano migliorare la viabilità pesante o rafforzare altre direttrici, come la Pedemontana.  Purtroppo dispiace constatare che è stato solo un racconto a lungo raccontato, ma non vero – ha concluso Ceriscioli – mentre occorre confrontarsi sui dati reali ed è il metodo che intendiamo adottare insieme a un Governo nazionale che sta dimostrando l’intenzione di realizzare cose concrete e non progetti vuoti.”

Si ricorda che la società Centralia è una Società per Azioni  tra l’Anas e le Regioni Marche,  Toscana e  Umbria, costituita a novembre del 2014.

© 2015, Redazione. All rights reserved.

image_pdfimage_print



24 luglio 2015 alle 0:42 | Scrivi all'autore | | |

Ricerca personalizzata