Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 11:32 di Lun 10 Dic 2018

Antonio Bellia, “La corsa de L’Ora” a Urbino

di | in: Cultura e Spettacoli

La corsa de L’Ora

image_pdfimage_print

 

Urbino Alle ore 21 di giovedì 23 Marzo 2017, presso il Cinema Nuova Luce di Urbino, sarà proiettato il Film documentario La corsa de L’Ora di Antonio Bellia. Un film che racconta un pezzo di storia del Giornalismo italiano dal 1954 al 1975 tra impegno civile e politico e lotta alla mafia.

 

 

Prodotto da Demetra produzioni SAS e da Marvin Film SRL con la compartecipazione della Fondazione Archivio Movimento Operaio
Il Progetto di documentario è vincitore del Bando del Mibac (prima sessione 2015)
IL Progetto di documentario è vincitore del bando “Fondo regionale Cinema-Bando documentari 2014 Film Commission Regione Sicilia.
IL Progetto di documentario è vincitore del Bando IMAIE del 2014
Per contatti: Antonio Bellia cell.3384656776 email bellia@demetraproduzioni.com



LA CORSA DELL’ORA
Film documentario durata 64’
Genre storico
Director Antonio Bellia
Story Antonio Bellia
DOP Daniele Ciprì
Editing Marzia Mete
Musiche Mokadelic
Suono Danilo Romancino
Scenografia Fabrizio Lupo
Organizzatore generale Giacomo Iuculano
Produttore esecutivo Andrea Petrozzi
Cast Pippo Delbono
Produzione Demetra produzioni- Marvin Film
Compartecipazione Fondazione Archivio Movimento Operaio.
Parter nel progetto Ordine dei Giornalisti siciliano,Istituto Gramsci siciliano, Biblioteca regionale siciliana, Filmoteca regionale siciliana

Logline
L’Ora di Palermo durante il ventennio della direzione di Nisticò: gli intellettuali al servizio della lotta contro la mafia.
Oggi come ieri il mezzo della parola contro i soprusi di potere e gli attacchi alla democrazia.
Sinossi
Tra il 1954 e il 1975 si concentra e sviluppa la storia del documentario; sono gli anni in cui Vittorio Nisticò è il direttore del quotidiano L’ORA. Le parole di Nisticò interpretate da Pippo Delbono rappresentano l’ossatura del film: da un lato le battaglie contro l’intreccio di poteri e interessi tra la mafia e la politica in un momento storico di grande trasformazione per la Sicilia, dall’altro l’impegno di una generazione di intellettuali e artisti che
vedono protagonisti personaggi come Sciascia, Consolo, Dolci, Guttuso, Caruso, che si fanno carico della necessità di essere interpreti di un
cambiamento sociale e civile e che scelgono il piccolo quotidiano palermitano come luogo e strumento di questa grande scommessa. Il giornale in pochi anni diviene il perno della lotta alla “mentalità mafiosa”, Nisticò diventa un maestro del giornalismo e l’Ora una grande scuola, una “fabbrica delle notizie”.

di + in allegato: 23MARCorsadellOraPres

 

© 2017, Redazione. All rights reserved.




18 marzo 2017 alle 23:17 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


Ricerca personalizzata