Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 01:31 di Mar 21 Nov 2017

Bando regionale area di crisi del Piceno

di | in: Cronaca e Attualità, In...form@zione In...sicurezz@

FIDEAS – BANDO AREA DI CRISI PICENO TRONTO

 

 

DOMANDE DAL 2 OTTOBRE 2017.

 

 

POR MARCHE FESR 2014/2020 – ASSE 3 – AZIONE 7.1
“SOSTEGNO ALLO START UP, ALLO SVILUPPO E ALLA CONTINUITA’ DI IMPRESA NELLE AREE DI CRISI PRODUTTIVA”

PROGRAMMI AMMISSIBILI
Sono ammissibili alle agevolazioni previste dal presente Bando le seguenti tipologie progettuali:
A) PROGETTI DI START UP D’IMPRESA costituite da non oltre 3 anni ed attive (escluse imprese individuali);
B1) PROGETTI DI INVESTIMENTO PRODUTTIVO riconducibili ad uno dei seguenti ambiti di intervento:
• creazione di una nuova unità produttiva da parte di un’impresa esistente;
• ampliamento di un’unità produttiva esistente;
• diversificazione della produzione mediante prodotti aggiuntivi;
• acquisizione di attivi di uno stabilimento che è stato chiuso o sarebbe stato chiuso se non fosse stato acquistato.
B2) PROGETTI DI RILOCALIZZAZIONE DELLA PRODUZIONE MADE IN ITALY (“RESHORING”) volti alla realizzazione di nuovi impianti di produzione, capaci di generare nuova occupazione, aventi un forte impatto economico non solo per l’impresa proponente, bensì per tutta la catena della subfornitura. Le imprese proponenti debbono avere i seguenti requisiti:
• operare nella produzione di beni del “made in italy”;
• avere delocalizzato all’estero la produzione, anche se a partecipazione o controllo estero;
• non essere attive, ovvero non avere unità produttiva, in ambito regionale.
C) PROGETTI DI INNOVAZIONE DELL’ORGANIZZAZIONE DELL’IMPRESA, solo in funzione sussidiaria e complementare a progetti di investimento produttivo di cui al punto b);
D) PROGETTI DI TRASFERIMENTO D’IMPRESA (OVER 60) volti a favorire la continuità aziendale e lo sviluppo dell’impresa in transizione mediante percorsi di gestione del trasferimento della proprietà aziendale sia verso eredi o successori individuati in ambito familiare, sia verso acquirenti interni (lavoratori) o verso il management.


SOGGETTI BENEFICIARI
Possono partecipare al Bando le imprese (micro, piccole e/o medie anche cooperative, con:
– unità produttiva sede dell’investimento ubicata in una delle tre aree di crisi;
– attività economica, principale o secondaria di cui ai codici ATECO 2007 indicati di seguito;
– programma occupazionale finalizzato al mantenimento e/o incremento dell’occupazione.

AREE AMMISSIBILI, RISORSE DISPONIBILI E DATE APERTURA DEL BANDO

Area di crisi ammesse ai benefici Risorse disponibili Apertura bando

  • Area di crisi AdP ex A. Merloni, 5.519.480,52, Dal 13 luglio 2016
  • Area di crisi della Provincia di Pesaro Urbino, 5.623.376,62, Dal 13 luglio 2016
  • Area di crisi del Piceno, 5.857.142,86, Dal 2 ottobre 2017

TEMPI DI REALIZZAZIONE DEI PROGETTI
I progetti di investimento debbono essere avviati, salvo eccezioni, il giorno successivo alla presentazione della domanda formale di partecipazione e comunque al massimo entro e non oltre 30 giorni dalla data di ricezione della comunicazione della concessione delle agevolazioni.
In ogni caso i singoli progetti debbono concludersi non oltre il 24° mese dalla data di avvio del progetto

CUMULABILITA’
I contributi di cui al presente bando sono cumulabili con le agevolazioni che non siano qualificabili come aiuti di Stato ai sensi dell’art. 107, c. 1, del Trattato CE, come ad es. con le agevolazioni concesse sotto forma di garanzia dai Confidi iscritti nell’elenco speciale di cui all’art. 107, c. 1, del d. lgs. 1 settembre 1993, n. 385 e con il credito di imposta di cui all’art, 3 del decreto-legge 23 dicembre 2013, n. 145., coordinato con la legge di conversione 21 febbraio 2014, n. 9.

————————————————————————————————————————-

INVESTIMENTI AMMISSIBILI E CONTRIBUTI

TEMPI DI REALIZZAZIONE DEI PROGETTI
I progetti di investimento produttivo, inclusi quelli di rilocalizzazione, e di start up debbono essere avviati il giorno successivo alla presentazione della domanda formale di partecipazione e comunque al massimo entro e non oltre 30 giorni dalla data di ricezione della comunicazione della concessione delle agevolazioni. In ogni caso i singoli progetti debbono concludersi non oltre il 24° mese dalla data di avvio del progetto

INCREMENTO OCCUPAZIONALE
I progetti presentati da start up e i progetti di investimento produttivo per la rilocalizzazione (“Reshoring”) totale o parziale della produzione del “Made in Italy” nel territorio regionale debbono prevedere necessariamente, ai fini dell’ammissibilità a contributo, un incremento dell’occupazione di una unità a tempo indeterminato e a tempo pieno ogni 200.000,00 euro di investimento.

 

 

 


COMUNI DELL’AREA DI CRISI DI PESARO-URBINO

•Apecchio •Borgo Pace •Cagli •Cantiano •Fano •Fermignano •Fossombrone •Lunano •Mercatello sul Metauro •Mercatino Conca •Mombaroccio •Mondolfo •Monte Maggiore al Metauro •Montecalvo in Foglia •Monteciccardo •Montelabbate •Pesaro •Petriano •Piagge •Piandimeleto •Piobbico •Saltara •San Giorgio di Pesaro •Sant’Angelo in ado •Sassocorvaro •Sassofeltrio •Tavullia •Urbania •Urbino •Vallefoglia

COMUNI DELLA REGIONE MARCHE RICADENTI NELL’ACCORDO DI PROGRAMMA  PER LA REINDUSTRIALIZZAZIONE DELLE AREE COINVOLTE DALLA CRISI DEL GRUPPO ANTONIO MERLONI (ULTIMO ATTO INTEGRATIVO SOTTOSCRITTO IN DATA 18 MARZO 2015)

Acquacanina ?Arcevia ?Barchi ?Belforte del Chienti ?Belvedere Ostrense ?Bolognola ?Caldarola ?Camerino ?Camporotondo di Fiastrone ?Castelbellino ?Castelleone di Suasa ?Castelplanio ?Castelraimondo ?Castelsantangelo sul Nera ?Cerreto d’Esi ?Cessapalombo ?Cupramontana ?Esanatoglia ?Fabriano ?Fiastra ?Fiordimonte ?Fiuminata ?Fratte Rosa ?Frontone ?Gagliole ?Genga ?Jesi ?Maiolati Spontini ?Matelica ?Mergo ?Mondavio ?Monsano ?Monte Cavallo ?Monte Roberto ?Morro d’Alba ?Muccia ?Orciano di Pesaro ?Pergola ?Pieve Torina ?Pievebovigliana ?Pioraco ?Poggio San Marcello ?Poggio San Vicino ?Rosora ?San Costanzo ?San Lorenzo in Campo ?San Marcello ?San Paolo di Jesi ?Sassoferrato ?Sefro ?Serra San Quirico ?Serra Sant’Abbondio ?Serrapetrona ?Serravalle di Chienti ?Ussita ?Visso

COMUNI DELL’AREA DI CRISI VALLE DEL TRONTO -PICENO

Acquasanta Terme ?Acquaviva Picena ?Appignano del Tronto ?Arquata del Tronto ?Ascoli Piceno ?Castel di Lama ?Castignano ?Castorano ?Colli del Tronto ?Comunanza ?Cossignano ?Cupra Marittima ?Folignano ?Force ?Grottammare ?Maltignano ?Massignano ?Monsampolo del Tronto Montalto delle Marche ?Montedinove ?Montefiore dell’Aso ?Montegallo ?Montemonaco ?Monteprandone ?Offida ?Palmiano ?Ripatransone ?Roccafluvione ?Rotella ?San Benedetto del Tronto ?Spinetoli ?Venarotta ?Amandola ?Montefalcone Appennino ?Montefortino ?Montelparo Monterinaldo ?Ortezzano ?Santa Vittoria in Matenano ?Smerillo

—————————————————————————————————————————-

Per informazioni e consulenza

Borgo Cappuccini 3 – 63073 OFFIDA (AP)
Tel. (0736) 880843 – Fax 0736/888235
E-mail: fideas@topnet.it – Skipe: fideasinfo
Facebook: FideasSrlOffida – www.fideas.it

© 2017, Redazione. All rights reserved.

image_pdfimage_print



12 settembre 2017 alle 23:54 | Scrivi all'autore | | |

Ricerca personalizzata