Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 18:56 di Dom 19 Mag 2019

Mario Vespasiani, “Mara as Muse” unisce Mediterraneo e Sole nascente

di | in: Cultura e Spettacoli

Mario Vespasiani, “Mara as Muse”

image_pdfimage_print

San Benedetto del Tronto – Presentato presso l’atelier Colli di San Benedetto il progetto di Mario Vespasiani intitolato Mara as Muse – Oriente, riguarda una selezione di capi sartoriali indossati da Mara – la sua celebre musa – e immortalati in fotografie e dipinti.
Fin dall’antichità, delle Muse ci è stato tramandato un ricordo di dee e protettrice delle arti, che si è evoluto nei secoli, raggiungendo nel ‘900 una notevole rilevanza nella vita culturale della società, per poi cadere nell’oblio negli ultimi decenni. In controtendenza, nell’opera di Vespasiani la complicità con la Musa è chiara fin da subito. Riscoperta e valorizzata, quale esatta metà di un operato che nasce per forza di cose in solitaria, la presenza femminile dona inaspettati sviluppi alle varie fasi di conoscenza dell’altro, che portano alla creazione artistica.


Mario Vespasiani

Grazie ad una forza e ad una determinazione complementari, Artista e Musa riescono a imprimere al mondo reale il loro tocco, facendo dell’arte l’esaltazione del quotidiano: allora i vestiti diventano costumi, i foulard le bandiere di un proprio territorio e le immagini quotidiane scattate qua e là, quasi un racconto preso da un set cinematografico.
I capi esposti sono kimono originali giapponesi risalenti agli anni 1950-70, interamente in seta, realizzati a mano secondo la sapiente tradizione sartoriale nipponica e consistono in giacche haori reversibili, caratterizzate da tagli lineari, da sete shibori e motivi decorativi dall’inconfondibile gusto pittorico. Il titolo richiama, in quello sguardo ad Est, l’ammirazione per una cultura che nella ricerca di Vespasiani è stata un riferimento fin dalle origini, alla ricerca di un equilibrio in grado di unire il pensiero mediterraneo, caldo e vivace a quello del “sole nascente” più essenziale, meditativo e spirituale.

Mara as Muse – Oriente

Presentato presso l'atelier Colli di San Benedetto del Tronto il progetto di Mario Vespasiani intitolato Mara as Muse – Oriente, riguarda una selezione di capi sartoriali indossati da Mara – la sua celebre musa – e immortalati in fotografie e dipinti.Fin dall'antichità, delle Muse ci è stato tramandato un ricordo di dee e protettrice delle arti, che si è evoluto nei secoli, raggiungendo nel '900 una notevole rilevanza nella vita culturale della società, per poi cadere nell'oblio negli ultimi decenni. In controtendenza, nell'opera di Vespasiani la complicità con la Musa è chiara fin da subito. Riscoperta e valorizzata, quale esatta metà di un operato che nasce per forza di cose in solitaria, la presenza femminile dona inaspettati sviluppi alle varie fasi di conoscenza dell'altro, che portano alla creazione artistica. Grazie ad una forza e ad una determinazione complementari, Artista e Musa riescono a imprimere al mondo reale il loro tocco, facendo dell'arte l'esaltazione del quotidiano: allora i vestiti diventano costumi, i foulard le bandiere di un proprio territorio e le immagini quotidiane scattate qua e là, quasi un racconto preso da un set cinematografico.I capi esposti sono kimono originali giapponesi risalenti agli anni 1950-70, interamente in seta, realizzati a mano secondo la sapiente tradizione sartoriale nipponica e consistono in giacche haori reversibili, caratterizzate da tagli lineari, da sete shibori e motivi decorativi dall'inconfondibile gusto pittorico. Il titolo richiama, in quello sguardo ad Est, l'ammirazione per una cultura che nella ricerca di Vespasiani è stata un riferimento fin dalle origini, alla ricerca di un equilibrio in grado di unire il pensiero mediterraneo, caldo e vivace a quello del "sole nascente" più essenziale, meditativo e spirituale.

Pubblicato da Mara as Muse su Venerdì 27 luglio 2018

 

© 2018, Redazione. All rights reserved.




28 Luglio 2018 alle 15:01 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


Ricerca personalizzata