Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 03:04 di Sab 22 Set 2018

Implementazione al “Percorso Nascita” e decollo della “Partoanalgesia” al “Madonna del Soccorso”

di | in: Primo Piano

da sx Sansoni, Chiari, Capocasa, Principi, La Rocca

image_pdfimage_print

San Benedetto del Tronto, 2018-09-14 – Conferenza stampa oggi, tenuta dal Direttore dell’Area Vasta 5 Avv. Giulietta Capocasa unitamente al Dr. Chiari, Dr.ssa Principi, Dr.ssa Sansoni e Dr.ssa La Rocca, per chiarimenti relativi al Dipartimento Materno Infantile e focus sull’Implementazione in atto al “Percorso Nascita” del “Madonna del Soccorso” e “decollo” della Partoanalgesia frutto del lavoro in equipe tra gli addetti ai lavori e la dirigenza dell’Area Vasta.

ORGANIZZAZIONE LOGISTICA E DI PERSONALE DELLA U.O.C. di GINECOLOGIA e OSTETRICIA STABILIMENTO OSPEDALIERO di SAN BENEDETTO DEL TRONTO

A titolo esplicativo e chiarificatore è stato precisato che:

  • l’Unità Operativa di Ginecologia e Ostetricia dello S.O. di San Benedetto del Tronto è una struttura moderna in grado di accogliere nel migliore dei modi le mamme e i loro neonati, ma anche le tante donne che vi si rivolgono per essere sottoposte a delicati interventi chirurgici;

  • dotata di 23 posti letto, è stata completamente ristrutturata e progettata puntando ad un elevato standard di qualità per le degenti e ogni stanza è dotata di aria condizionata e di arredi completamente nuovi;

  • all’interno sono state ricavate nuove aree dedicate agli incontri tra le pazienti ed i loro familiari ed la sala “latte e coccole”, ovvero un nuovo ambiente riservato e dedicato solo all’allattamento, garantendo alle mamme che ne sentono la necessità uno spazio tranquillo e senza estranei dove allattare;

  • la profonda ed innovativa ristrutturazione è partita con un importante investimento economico che ha permesso di creare ex-novo un modernissimo blocco parto all’interno del quale è stata ricavata una vera e propria sala operatoria dedicata ai cesarei dove viene garantita la tutela della salute del neonato e della mamma;

  • la ristrutturazione dell’intera UOC ha consentito la massima qualificazione dell’assistenza ai neonati a partire dalla 34° settimana di gravidanza;

  • il personale del comparto (infermiere, ostetriche ed OSS) in turno ha una organizzazione di minima sempre uguale nell’arco delle 24 ore, con i consueti tre turni, mattino, pomeriggio e notte, garantendo il massimo in termini di sicurezza ed assistenza per mamma e neonato;

  • il numero minimo di ostetriche due ostetriche in turno, garantito nelle 24 ore 365 giorni all’anno, è stato calcolato applicando quanto stabilito dall’Accordo Stato-Regioni del 2010 e dal documento di Accreditamento Regionale del 2018 che stabilisce il numero di ostetriche necessarie in base al numero di parti annui di ogni punto nascita: nei punti nascita con nati compresi tra 500 e 1000, come quello di San Benedetto, il numero di ostetriche deve essere di due per turno. Ad adiuvandum è prevista una terza ostetrica nel turno notturno in reperibilità, figura professionale non prevista dall’Accordo Stato-Regioni, ma presente nella nostra organizzazione per garantire sempre una adeguata assistenza anche nei momenti di maggior afflusso che a volte si verificano;

  • il numero minimo di una infermiera in turno assistita da un OSS, sempre lo stesso numero nelle 24 ore 365 giorni all’anno, è stato calcolato applicando quanto previsto dal Manuale di accreditamento Regionale del 2018 che prevede una infermiera ogni 20 posti letto per i reparti classificati a bassa complessità assistenziale, come vengono classificati i reparti di ginecologia e ostetricia di I° livello. L’UOC di Ginecologia di San Benedetto ha 23 posti letto, ma tre di questi sono allocati all’interno del blocco parto e l’assistenza alle pazienti che li occupano viene fornita dalle ostetriche;

  • i neonati delle donne ricoverate sono assistiti e presi in cura dal personale del nido nell’orario diurno, la notte trovano assistenza in più figure professionali: l’infermiera della patologia neonatale (posizionata all’interno della ginecologia), l’infermiera e le due ostetriche in turno in ginecologia e, se necessario, può momentaneamente intervenire anche l’OSS dipartimentale fino all’arrivo di una figura professionale. Per garantire il massimo della sicurezza e della collaborazione 24 ore al giorno tra il personale del comparto di ginecologia e pediatria, l’UOC di Pediatria è stata recentemente avvicinata alla Ginecologia facilitando l’interazione tra le due strutture.


IL PARTO SENZA DOLORE: la PARTO-ANALGESIA

A completamento di questo impegnativo progetto che dimostra in modo inequivocabile la volontà locale e regionale di sostenere il punto nascita di San Benedetto del Tronto, dalla fine del 2017 viene offerta gratuitamente e 24 ore al giorno la parto-analgesia a tutte le mamme che si rivolgono al nostro punto nascita per la nascita del loro bambino. Come si sa il parto naturale è una esperienza meravigliosa che permette ad ogni donna di diventare mamma, garantendo il massimo in termini di gratificazione. Ma come altre situazioni naturali, è fisiologico che questa esperienza si accompagni ad una sensazione anche di dolore. Nella medicina moderna è giusto andare incontro a chi, pur consapevole della fisiologicità e della naturalità del dolore in travaglio, chiede un aiuto. Tra le tecniche che possono aiutare la donna in travaglio a sentire meno dolore, quella più efficace e moderna è l’analgesia peridurale, tecnica sicura sia per la madre che per il neonato. Questa tecnica è prevista dai nuovi LEA nazionali.

-Già nell’ottobre 2017 presso lo Stabilimento Ospedaliero di san Benedetto del Tronto è stato avviato il percorso di partoanalgesia, utile al miglioramento in termini di qualità prestazionale, del servizio di ostetricia che in tal modo risponde a tutte le richieste delle partorienti .

L’attività di partoanalgesia è iniziata ufficialmente nel Novembre 2017, ora è pienamente a regime con un medico anestesista disponibile h24 , non esclusivamente dedicato, poiché la quantità di parti è inferiore a 1000, ma comunque sempre attivo con risposta ad ogni richiesta sia in orario diurno che notturno.

Il giovedì, presso l’UOC di Ostetricia, è operativo un ambulatorio dedicato per colloquio e visita con il medico anestesista.

Dall’istituzione del servizio, sono state effettuate circa 50 partoanalgesie e sono in continua crescita; da gennaio sono già state sostenute 150 visite rivolte a donne in gravidanza che hanno scelto questa modalità di parto.

Il gruppo di Anestesisti, diretto dalla Dr.ssa Tiziana Principi, svolge la propria attività in stretta collaborazione sinergica con personale di Ostetricia. Il personale coinvolto effettua una formazione continua che garantisce l’acquisizione di tecniche di perfezionamento professionale e miglioramento della prestazione con positive ricadute sulla qualità del servizio erogato.

L’intero percorso è stato ulteriormente ottimizzato in collaborazione con il Consultorio familiare: durante i corsi di preparto e con il prezioso contributo del personale ostetrico vengono fornite alle partorienti dettagliate informazioni, tramite colloqui interattivi sulle modalità esecutive della partoanalgesia

A disposizione dell’utenza interessata una brochure (allegata) informativo-divulgativa, che viene regolarmente consegnata alle gestanti.

 

 

© 2018, Redazione. All rights reserved.




14 settembre 2018 alle 17:00 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


Ricerca personalizzata