Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 03:33 di Sab 23 Feb 2019

Emanuela l’ultima Toscanini

di | in: Primo Piano

Emanuela – Vittorio

image_pdfimage_print

di Vittorio Camaiani

 

 

Avrei voluto non dover mai scrivere un elogio funebre per una donna straordinaria come Emanuela, grande amica oltre che personaggio che non può non essere ricordato.
Emanuela di Castelbarco é stata una di quelle donne uniche come non ce ne saranno più, cosi come quel mondo che così elegantemente rappresentava. L’ultima Toscanini ha avuto una vita inimitabile che ha attraversato il Novecento, portandola a contatto con tutti i grandi personaggi del tempo, dal mondo della musica, della cultura a quello dell’arte a quello della moda, che molto amava.
La conobbi nel 2007, tramite Paola Severini Melograni, in prossimitá delle celebrazioni internazionali per i 50 anni dalla scomparsa del celeberrimo nonno di Emanuela, il Maestro Arturo Toscanini. In quell’occasione mi fu affidato il restauro del frac del Maestro, realizzato negli anni Trenta e muto testimone di una carriera folgorante, degli applausi scroscianti e delle tante serate mondane.


In quello stesso anno la vestii per la Prima della Scala, un evento imprscindibile per Emanuela che per tanti anni aveva presenziato all’evento mondano milanese per eccellenza, sfolgorante nelle mise di volta in volta di Biki, di Dior, di Yves Saint Laurent.
Nacque immediatamente quell’intesa profonda che sará poi caratteristica di tutta la nostra amicizia, un rapporto fatto di scambio intellettuale, affetto, stima reciproca e naturalmente costellato dei tanti racconti straordinari di Emanuela. Le prime scaligere, i viaggi, gli aneddoti sul nonno e sulla mamma Wally, i personaggi, quel mondo di nobili e industriali che sapevano avere rispetto profondo per l’arte e la cultura. Un mondo che Emanuela amaramente rimpiangeva, pur essendo una donna sempre pronta a vivere il presente, ad entusiasmarsi per i miei progetti di cui è stata sempre preziosa consigliera. Emanuela era infatti una donna antica e moderna allo stesso tempo e sapeva emozionarsi per ogni mia nuova collezione di cui avidamente voleva conoscere tutti i dettagli e i motivi ispiratori.
Emanuela di Castelbarco, nonostante quella vita incredibile sotto i riflettori era anche un donna sobria, rigorosa come lo era stato il nonno, capace di dirmi ti voglio bene con un solo battito di ciglia.

 

 

© 2018, Redazione. All rights reserved.




10 Dicembre 2018 alle 17:20 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


Ricerca personalizzata