Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 16:26 di Mer 20 Mar 2019

dalla Regione Marche

di | in: Cronaca e Attualità, dalla Regione Marche

Sciapichetti

image_pdfimage_print

2019-01-08

QUESTIONE TRIVELLE, INTERVIENE L’ASSESSORE ALL’AMBIENTE ANGELO SCIAPICHETTI: “LA REGIONE MARCHE HA SEMPRE AVUTO UN ATTEGGIAMENTO COERENTE CONTRARIAMENTE AL GOVERNO GIALLO VERDE”

“Il governo giallo-verde getta la maschera”: così l’assessore all’ambiente Angelo Sciapichetti interviene sulla questione delle trivellazioni in mare. “La logica dei Ministri Di Maio e Costa mi pare sia quella del predicar bene e razzolare male. A parole, grandi manifestazioni di contrarietà verso le trivellazioni nei nostri mari e le piattaforme petrolifere; nei fatti, con le autorizzazioni firmate dal MISE lo scorso 7 dicembre si dà il via ad ulteriori pericolose ricerche nel mar Ionio, anche mediante la devastante metodologia dell’air gun.

Siamo purtroppo abituati – continua Sciapichetti – a questi comportamenti ipocriti da parte del governo. La colpa è sempre degli altri: dei precedenti governi, dei tecnici e delle manine. In realtà, quando governi, è sempre colpa tua. Per quello che fai e per quello che avresti potuto fare. Da parte sua la Regione Marche ha sempre avuto all’opposto un atteggiamento coerente sulla questione delle trivellazioni petrolifere. Siamo stati fra i promotori del referendum contro le trivelle dell’aprile 2016 e nell’agosto dell’anno successivo abbiamo promosso in proposito anche un ricorso straordinario al Presidente della Repubblica. Le Marche le trivelle non le vogliono e non ci sono né governi passati, né tecnici attuali che possano deviare questa posizione”, conclude l’assessore all’Ambiente.


Ceriscioli: decreto sicurezza, nelle Marche garantita a tutti l’assistenza sanitaria. 

“Ho già dato mandato agli uffici competenti di verificare i requisiti per il ricorso alla Corte costituzionale sul decreto sicurezza. Ma è certo che nelle Marche sarà garantita a tutti l’assistenza sanitaria. L’articolo 32 della Costituzione è per noi un faro: “La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”. Indipendentemente dai profili di possibile incostituzionalità della norma per la nostra amministrazione questo è un tema di diritti universali, rispetto per le persone, società giusta, dignità degli individui, pari opportunità. La nostra battaglia è quella di garantire il diritto alle cure mediche, allo studio, alla formazione. Una società evoluta è quella che favorisce l’integrazione, nel rispetto delle regole, e non interrompe un percorso di inserimento già avviato.

La Regione Marche è consapevole di quanto sia sensibile per la comunità il tema della sicurezza ma noi non ci sottraiamo alla responsabilità che chi governa lo debba fare in coscienza. Il decreto Salvini non fa altro che aumentare una platea di invisibili, a danno degli italiani, che già esiste nelle nostre città e sono i diniegati o i minori” ha dichiarato il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli.

 

 

 

CAS, TRASFERITA LA PRIMA TRANCHE AI COMUNI PARI A 1,4 MILIONI DI EURO PER LA MENSILITA’ DI DICEMBRE

 

La Regione Marche ha effettuato la prima liquidazione della mensilità di dicembre 2018 del Contributo di autonoma sistemazione (Cas) per un totale di 1,4 milioni di euro. La somma sarà erogata ai Comuni che pagheranno il contributo ai cittadini e nuclei familiari, destinatari di ordinanza di sgombero in seguito al sisma, che ne hanno fatto richiesta.

In particolare le  risorse sono riferite ai fabbisogni relativi al mese di dicembre 2018 e  precedenti e ai documenti di variazione degli importi relativi ai mesi da agosto 2016 a novembre 2018 pervenuti dal 18 dicembre 2018 alle ore 12 del 7 gennaio 2019.

Va ricordato che le risorse per il pagamento del Cas fanno capo a fondi europei e quindi, oltre alla rendicontazione ordinaria, i controlli regionali devono verificare anche gli adempimenti relativi alla normativa comunitaria. La collaborazione tra Comuni e Regione ha fatto sì che anche questo tipo di rendicontazione fosse portata a termine correttamente, senza perdere risorse, nella massima trasparenza e correttezza amministrativa.

© 2019, Redazione. All rights reserved.




8 Gennaio 2019 alle 16:53 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


Ricerca personalizzata