Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 23:14 di Gio 9 Lug 2020

PallaMano: ancora una volta l’Ascoli fermato

di | in: Il Mascalzone Sportivo
L'Aquila - Ascoli PallaMano

L’Aquila – Ascoli PallaMano

Continua la serie negativa di eventi che portano i ragazzi di Russo a giocare in mancanza di un titolare. La squadra non ne vuole sapere quest’anno di disputare una partita al completo, stavolta è Morale che si vede costretto a guardare la partita tra i tifosi aquilani. Perdere in quel de L’Aquila solo di due distanze è davvero rammaricante per i nostri ragazzi, soprattutto dopo essersi visti annullare un goal nettissimo per un buco alla rete (subito riparata nell’intervallo al cambio campo), un goal non convalidato per il fischio del time out da parte degli assistenti di gara (anche se palesemente successivo al goal ascolano), oltre che parecchi errori arbitrali gravanti su entrambe le squadre. Ma non è su questi particolari che ci si deve soffermare, quanto ad una partita all’insegna del nervosismo, con gli ascolani davvero sottotono, 10-4 al 10’ del primo tempo, che continueranno a subire le realizzazioni dei due terzini aquilani Murri e Colicchia (entrambi 8 reti a fine gara) lanciati dal playmaker Limoncelli ,fino alla fine della prima frazione di gioco (risultato primo tempo 19-12). Ottima invece la ripresa del secondo tempo che vede un parziale di 5-8 nei primi 15 minuti, dove l’Ascoli del capitan Bolla (buona prestazione la sua soprattutto nella fase offensiva) ritrova la speranza, lotta fino in fondo, riuscendo a segnare punti anche in doppia inferiorità numerica. Al 20’ l’Ascoli chiude in difesa, l’Aquila ne risente (solo 2 le reti negli ultimi 10 minuti per gli aquilani), portando al risultato finale di 31-29 tra le proteste dei tifosi e della panchina ascolana a causa di parecchi secondi di gara lasciati scorrere anche laddove potevano essere fermati, nonché  la squalifica del portiere aquilano Fagioli lasciatosi andare dall’esultanza al triplice fischio. Nota di merito va al giovanissimo pivot  Luca Ferretti che spezza finalmente la maledizione dei rigori realizzandone 5 su 6 assegnati. Rimane in zona bassa classifica un’Ascoli che forse ha bisogno di credere un po’ più in se stessa e nelle sue capacità poiché possiede un potenziale davvero alto ma che viene spesso oscurato dall’inesperienza e la poca collaborazione tra compagni di squadra.


Da referto

L’Aquila: A. Iheukvumere, A. Figliola 2, A. Limoncelli 3, A. De Sanctis 3, P. Fracassa, G. De Meo, S.Fagioli, G. Pucci, A. Liberati, P. Colicchia 8, A. Murri 8, L. Santucci 7, D. Tedeschini, G. Bliair.   All. R. Marzolo.
Ammonizioni: 4
Minuti di sospensione: 6′

Squalifiche: 1

Ascoli: F. Di Gialluca, A. Mucci, M. Ciannavei, A. Mucci 2, G. Russo, M. Bolla 5, A. Di Gialluca 2, A. Gaspari, V. Angelini, A. Pannelli 7, M. Ferretti 2,L. Ferretti 8, A. Grama 2, E. Salvi 1.   All. D. Mazzocchi.
Ammonizioni: 3
Minuti di sospensione: 12′

M.C.

© 2010, Press Too srl . Riproduzione riservata




10 novembre 2010 alle 0:53 | Scrivi all'autore | stampa stampa | |

Argomenti Frequenti


Archivio


Ricerca personalizzata