Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 21:31 di Ven 22 Nov 2019

Concorso grafico pittorico ‘Un angolo di Ripatransone’, il vincitore è Riccardo Cicconi del Liceo artistico ‘U. Preziotti – O. Licini’

di | in: Primo Piano

Riccardo Cicconi

di Rosita Spinozzi

 

 

RIPATRANSONE Gli angoli più belli di Ripatransone tornano ad essere protagonisti del ‘Concorso Grafico Pittorico’, giunto alla XXIII edizione con l’organizzazione della sede ripana dell’Archeoclub d’Italia. Il concorso, riservato agli studenti degli istituti d’arte della Provincia di Ascoli e zone limitrofe, ha dato modo ai partecipanti di realizzare un’opera dedicata ad un aspetto panoramico, struttura o caratteristica del Belvedere del Piceno che più ha catturato la loro attenzione. A valutare i 45 elaborati pervenuti ha pensato un’apposita commissione presieduta dall’architetto Eugenio Cellini e composta dal critico d’arte Alberto Pulcini, lo storico locale Eligio Ciabattoni, la presidente della sede locale Archeoclub Donatella Donati Sarti, Ambra Vespasiani in rappresentanza dell’associazione Rolf. Dopodichè le opere, esposte nella centrale Sala Condivi, sono state apprezzate anche dalla cittadinanza e dai tanti visitatori che raggiungono Ripatransone anche durante il periodo invernale. Considerato l’alto livello qualitativo dei partecipanti, si è rivelato arduo il compito della commissione giudicatrice che ha decretato vincitore Riccardo Cicconi del Liceo artistico ‘U. Preziotti – O Licini’ di Fermo – Porto San Giorgio con la sua opera olio su tela raffigurante una vista panoramica di Ripatransone. La valutazione riportata dal critico d’arte Alberto Pulcini sottolinea in modo particolare l’ «ottima resa cromatica, il senso dello spazio e della scelta compositiva. Armonioso, gradevole, coglie in pieno l’essenza del paesaggio ripano».

 


Secondo classificato il centro storico con neve realizzato da Riccardo Marmorè del Liceo artistico ‘U.Preziotti-O.Licini’ di Fermo-Porto San Giorgio per il suo eccellente senso della prospettiva. «L’opera, particolarmente grafica,è riuscita a fermare il tempo in un determinato momento compositivo.Nonostante l’effetto bicromatico, riesce ad esaltare la profondità dello spazio».Terzo classificato l’elaborato dedicato al centro storico di Francesca Piccinini del Liceo artistico ‘O.Licini’ di Ascoli Piceno. La commissione ha definito la sua opera «essenzialmente grafica,ricca di particolari minuti, pronta a consegnare una Ripatransone senza persone e senza tempo.Vaghe ombre danno vita al tempo solare». A tutti i 45 opartecipanti è stato consegnato un attestato con la sigla dell’Archeoclub, mentre i primi tre classificati hanno ricevuto un premio in denaro, rispettivamente di 150-100-50 euro , offerto anche quest’anno dalla Banca di Ripatransone. Ma non finisce qui perché, oltre ai premiati, la giuria ha ritenuto opportuno segnalare per merito il Liceo artistico di Porto San Giorgio attraverso le bellissime opere realizzate dagli allievi Eleonora Cutini( «paesaggio notturno che emerge sotto un cielo irrequieto impreziosito dall’oro»), Sebastiano Ciminari («veduta urbana che evidenzia il contrasto della luce e delle ombre,lasciando leggibile il prezioso dell’architettura religiosa dominante»), ed il Liceo artistico di Ascoli Piceno per gli ottimi elaborati realizzati da Margherita Zinniala scelta compositiva e l’idea di sfogliare un album,fermano in contemporanea più scene.L’effetto grafico riconduce alla tecnica dell’acquatinta») e Diletta Pavolini («opera grafica su fondo nero di grande suggestione e notevole impatto visivo poiché si sviluppa totalmente in altezza, riproducendo così in verticale un angolo stilizzato del paese»).Graditi e numerosi i complimenti espressi agli allievi e ai loro docenti dalla dottoressa Donatella Donati Sarti e dai membri del direttivo dell’Archeoclub , dal sindaco Remo Bruni ed il consigliere delegato alla cultura Paolo Polidori. Nelle precedenti edizioni del concorso, le tematiche più gettonate dei giovani artisti ‘en plein air’ sono state i monumenti del centro storico, mura e torrioni medievali, abside della Cattedrale, Casa Condivi, Palazzo del Podestà, Colle Belvedere del Piceno-San Nicolò. Lodevole l’impegno della locale sede dell’Archeoclub, associazione di volontariato con finalità di carattere sociale nata per diffondere nei cittadini, ed in particolare tra i giovani e nelle scuole, l’interesse per i beni culturali e l’ambiente, attivando anche una proficua collaborazione con altre associazioni del territorio. 

© 2015, Press Too srl . Riproduzione riservata




9 gennaio 2015 alle 16:53 | Scrivi all'autore | stampa stampa | |

Argomenti Frequenti


Archivio


Ricerca personalizzata