Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 05:09 di Mer 26 Feb 2020

Il “Don Pasquale… a modo nostro” al Teatro Pergolesi di Jesi

di | in: Cultura e Spettacoli

Conferenza_Social Opera-BancoScena+DonPasquale

SOCIAL OPERA 2015

 

Jesi (AN), 23 ottobre 2015 – Il mondo del disagio e della sofferenza mentale incontra la magia dell’Opera Lirica. Domenica 25 ottobre alle ore 17 al Teatro Pergolesi di Jesi, ad ingresso gratuito, va in scena il “Don Pasquale… a modo nostro”,  con attori disabili ed utenti dei servizi socio-sanitari della Vallesina.

L’evento nel quadro del progetto “Social Opera” della Fondazione Pergolesi Spontini, che prevede inoltre una nuova edizione di Banco di scena, corso di formazione in scenografia teatrale e scenotecnica realizzato in collaborazione con il Liceo Artistico “E. Mannucci” di Jesi e dedicato agli studenti del terzo e del quarto anno.

 

Banco di Scena_Mannucci-FPS_2015

Banco di Scena_Mannucci-FPS_2015


Aspettando al Teatro Pergolesi di Jesi il “Don Pasquale” di Gaetano Donizetti, secondo titolo del cartellone della 48° Stagione Lirica di Tradizione (dall’11 al 15 novembre), il palcoscenico si anima con “Don Pasquale… a modo nostro”, domenica 25 ottobre alle ore 17, ad ingresso gratuito.

In scena, su musiche tratte dal capolavoro di Donizetti, saranno gli attori disabili ed utenti dei servizi socio-sanitari della Vallesina, in performance che sono l’esito finale dei laboratori di Teatralità “OperaH” e “La Lirica non mente” del progetto Social Opera 2014-2015 della Fondazione Pergolesi Spontini.

I laboratori sono stati avviati nei mesi scorsi nella convinzione che anche le persone in situazione di disagio psico-fisico debbano essere messe in condizione di incontrare i valori musicali ed emozionali dell’opera lirica; essi sono stati realizzati negli scorsi mesi, presso le strutture socio sanitarie locali, con lo scopo di promuovere benessere ed integrazione sociale attraverso la pratica del Teatro. L’operazione di libera riscrittura del “Don Pasquale” ha consentito di dare spazio all’espressione delle emozioni e delle storie di ciascuno. I laboratori, condotti dagli operatori del Social Opera Team della Fondazione, si sono avvalsi del sostegno del Comune di Jesi – ASP Azienda Pubblica Servizi alla Persona Ambito 9, Asur – Area Vasta 2 zona Territoriale 5, UMEA Unità multidisciplinare età adulta Asur ZT 5, Direzione del Dipartimento di Salute mentale Asur ZT 5, Cooss Marche, in collaborazione con Liceo Artistico “E. Mannucci” di Jesi per la realizzazione delle scene nell’ambito del corso di formazione in scenografia teatrale e scenotecnica “Banco di scena”.

“OperaH” e “La Lirica non mente”, ed il corso di formazione “Banco di scena” sono solo alcune delle numerose attività del progetto “Social Opera” della Fondazione Pergolesi Spontini curato da Silvano Sbarbati, e che da anni promuove il melodramma nel mondo delle scuole, della disabilità e del disagio sociale di Jesi e della Vallesina.

In questo ambito, ha preso il via con il nuovo anno scolastico la seconda edizione di “Banco di Scena”, corso di formazione in scenografia teatrale e scenotecnica destinato agli studenti del terzo e del quarto anno del Liceo Artistico “E. Mannucci” di Jesi, a cura della Fondazione Pergolesi Spontini in collaborazione con l’istituto scolastico.

Il corso, sviluppato da una idea di Massimo Ippoliti e Paolo F. Appignanesi, è finalizzato ad indirizzare i giovani creativi ai mestieri collegati allo spettacolo dal vivo, integrando la scuola nel tessuto produttivo del proprio territorio e collegando la formazione in aula con quella nel mondo del lavoro. Le lezioni teoriche e pratiche sono organizzate presso il Teatro Pergolesi (Sale Pergolesiane e Palcoscenico), e nel Laboratorio Scenografico della Fondazione in via C. Marx a Jesi.

Le lezioni di scenotecnica, disegno tecnico, costruzione, illuminotecnica e di introduzione all’opera lirica sono condotte da qualificati operatori della Fondazione e del territorio: Ilaria Sebastianelli per la scenografia, Frediano Brandetti per la scenotecnica, Fabrizio Gobbi per l’illuminotecnica, Elena Cervigni per la storia del melodramma e gli operatori del Social Opera Team per la regia. Il coordinamento è a cura del personale docente del Liceo Artistico Massimo Ippoliti e Nicola Farina, e di Paolo F. Appignanesi per la Fondazione Pergolesi Spontini.

 

Informazioni: Fondazione Pergolesi Spontini tel. 0731.202944 www.fondazionepergolesispontini.com

******

Fondazione Pergolesi Spontini – Teatro G.B. Pergolesi

Azienda culturale

di produzione e servizi per il territorio
Largo Francesco Degrada, 5 – 60035 JESI (AN) – Italia
tel. +39 0731 202944 – fax +39 0731 226460

www.fondazionepergolesispontini.com

Sostieni la Fondazione Pergolesi Spontini

Informativa sulla Privacy – Privacy PolicyInformativa sulla Privacy – Privacy Policy

© 2015, Press Too srl . Riproduzione riservata




24 ottobre 2015 alle 14:43 | Scrivi all'autore | stampa stampa | |

Argomenti Frequenti


Archivio


Ricerca personalizzata