Infortuni e Malattie Professionali nelle Marche

I DATI SUGLI INFORTUNI E LE MALATTIE PROFESSIONALI NELLA REGIONE MARCHE NEL MESE DI GENNAIO 2019

DI GUIDO BIANCHINI ESPERTO DI SICUREZZA SUL LAVORO UIL ASCOLI PICENO

 

Ascoli Piceno – Nel mese di Gennaio 2019 le MALATTIE PROFESSIONALI nelle Marche sono state 427 con un calo di 59 casi rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, riduzione che ha riguardato sia la componente maschile, sia quella femminile e tutti i settori.

Il calo riguarda sia i lavoratori italiani, sia quelli di provenienza U.E. ed extra.

Mentre più articolata è l’analisi delle Denunce delle malattie professionali per provincia come risulta dalla tabella sotto riportata.

Gennaio 2018

Gennaio 2019

Ancona

81

74

Ascoli Piceno

95

46

Fermo

65

81

Macerata

154

136

Pesaro Urbino

91

90

TOTALE

486

427

Circa la tipologia delle Denunce di malattie professionali per settore maggiormente denunciate nelle Marche, sempre nel periodo in esame: Tumori (C00-D48) da 1 a 2; Disturbi psichici e comportamentali (F00-F99) da 0 a 3; Malattie del sistema nervoso (G00-G99) da 73 a 46; Malattie dell’orecchio e dell’apofisi mastoide (H60-H95) da 20 a 17; Malattie del sistema respiratorio (J00-J99) da 3 a 7; Malattie del sistema osteo muscolare e del tessuto connettivo (M00-M99) da 234 a 207; Non Determinato da 154 a 142. Totale 427 casi.

Riguardo le DENUNCE D’INFORTUNIO nella Regione, sempre nel periodo d’analisi, c’è stato un incremento di 91 casi (in questo contesto in  aumento di 8 casi quelli in itinere) poiché si è passati da 1262 denunce a 1353.

In aumento quelli relativi alla gestione Industria e Servizi passate da 957 a 1027 (+70); in aumento di 25 casi quelli della gestione per Conto dello Stato mentre sono in calo quelle dell’Agricoltura di 4 casi.

La tabella sotto riportata presenta le Denunce d’infortunio per provincia; in aumento in tutti i territori ad eccezione in quello di Fermo.

Gennaio 2018

Gennaio 2019

Ancona

445

490

Ascoli Piceno

154

171

Fermo

109

108

Macerata

248

275

Pesaro Urbino

306

309

TOTALE

1262

1353

Analoga la situazione delle Denunce d’infortunio per luogo di nascita dell’infortunato: in aumento sia quelli di lavoratori italiani, passati da 1049 a 1140 casi, sia quelli di lavoratori extra U.E. (+7) mentre sono in calo di 7 unità quelli U.E.

Cosi quelli di differenze di genere sia per i maschi (+20), sia per le femmine dove si registra un incremento di 71 poiché si è passati da 441 a 512 casi.

Le 91 Denunce d’infortunio che sono aumentate, nelle Marche, nel mese di gennaio 2019, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, riguardano tutte le classi d’età dell’infortunato come si evince dalla tabella.

Gennaio 2018

Gennaio 2019

Da 15 a 19 anni

61

66

20 – 24 anni

51

77

25 – 29 anni

99

87

30 – 34 anni

87

102

35 – 39 anni

113

107

40 – 44 anni

156

131

45 – 49 anni

175

159

50 – 54 anni

153

198

55 – 59 anni

133

158

60 – 64 anni

73

87

65 – 69 anni

23

27

70 – 74 anni

12

11

75 anni e oltre

13

16

TOTALE

1262

1353

In calo del 50% le Denunce d’infortunio con esito mortale nella regione poichè si è passati da due casi ad uno accaduto nel settore Industria e servizi (provincia di Macerata – trattasi di un lavoratore della fascia d’età tra 50 a 54 anni).

 

COMMENTO DI GUIDO BIANCHINI ESPERTO DI SICUREZZA SUL LAVORO UIL ASCOLI PICENO

I dati aggregati, in valore assoluto,  analizzati evidenziano una riduzione sia degli infortuni, sia delle malattie professionali, nella regione, ciò è indubbiamente positivo anche se l’analisi è estremamente ridotta, visto l’arco temporale analizzato, e non consolidati poichè soggetti ad assestamento e consolidamento prossimamente.

Occorre implementare il percorso culturale con una In-formazione adeguata per contrastare infortuni e malattie professionali.

La formazione sulla sicurezza sul lavoro è, un processo che consente ai lavoratori  interessati di essere più preparati nello svolgere attività che necessitano di una maggiore conoscenza ed abilità, oltre all’acquisizione di una maggiore consapevolezza del proprio ruolo e del proprio comportamento, connessi all’espletamento della propria attività lavorativa.

E’ fondamentale che i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, svolgano un ruolo “positivo” nel controllo e attuazione della sorveglianza sanitaria, facilitare ed indirizzare le segnalazioni delle malattie professionali al patronato.

Il patronato sindacale non si interessa solo di pensioni e previdenza, ma ha un ruolo importante di tutela della salute e sicurezza sul lavoro di tutti i lavoratori del territorio.

Il mondo del lavoro è in perpetua modifica, di conseguenza gli Rls devono sviluppare le competenze che la “moderna prevenzione” richiede, ovvero consolidare approcci e attività complesse che si basano sull’attuazione di politiche atte ad intervenire sui determinanti di malattia legati al rapporto tra salute, ambiente esterno e luoghi di lavoro, comportamenti e stili di vita, corresponsabili dell’insorgenza di patologie croniche, professionali e infortuni sul lavoro, con costi enormi anche per il sistema pubblico e sanitario.

Infine non si può continuare a morire di lavoro in questo paese.

Tutto questo nel silenzio generale e, ancora più grave, nel provvedimento del Governo che taglia 150 milioni all’anno le risorse Inail destinate alla prevenzione e alla formazione, o, peggio ancora, consentendo all’Inail stesso di rivalersi anche nei confronti dei lavoratori sugli indennizzi concessi, oltre che sui responsabili e sulle imprese che hanno causato l’infortunio. Ancora una volta saranno solo i lavoratori a pagare.




Corso Gratuito “Gestione Imprese Agricole” ad Offida

CORSO GRATUITO PER LA FORMAZIONE DI DISOCCUPATI ALL’AMMINISTRAZIONE NEL SETTORE AGRICOLO.
FINANZIATO DA REGIONE MARCHE E FONDO SOCIALE EUROPEO, SI SVOLGERA’ AD OFFIDA

Secondo uno studio Nomisma nel 2018, il sistema agroalimentare locale vale 2 miliardi di euro, conta su 43mila imprese (il 28% del totale regionale), 70mila occupati (11%) e produce un valore aggiunto nell’economia regionale, quasi il doppio rispetto alla media nazionale (12% contro 7%).

Per questo motivo la Regione Marche ha finanziato l’avvio sul territorio regionale di percorsi formativi gratuiti nell’ambito della filiera agroalimentare, destinati a disoccupati e finanziati con il Fondo Sociale Europeo per 2.010.000 euro.

Gli obiettivi di queste proposte formative, come ha spiegato l’assessore regionale al Lavoro Loretta Bravi, sono di “innovare le competenze partendo dalle tradizioni tipiche locali, favorire la formazione di imprenditoria giovanile e il passaggio generazionale nelle aziende”, tenuto conto della grande qualità dei prodotti agroalimentari e della radicata vocazione agricola della regione Marche che va valorizzata insieme al turismo.

Tra i corsi finanziati anche la proposta di SMARTEAM relativa ad un corso di 100 ore per Amministrazione Settore Agricolo.

Unici requisiti di ammissione al corso sono lo stato di disoccupato da almeno 6 mesi e la residenza nella regione Marche.

Obiettivo del corso è quello di formare una figura professionale con conoscenze tecniche e specialistiche per lo svolgimento di mansioni amministrative, contabili e impiegatizie che siano di supporto allo sviluppo dell’azienda, con specifico riguardo al settore agricolo ed agro-alimentare.

Al termine del corso verrà rilasciato un Attestato di partecipazione.

Le iscrizioni al corso sono aperte fino al 10 marzo 2019.

E’ prevista una classe di 15 partecipanti. In caso di numero di richieste di iscrizione superiori sarà effettuata una selezione in base ad un questionario di valutazione con redazione di una graduatoria.

Il corso si terrà presso la sede formativa di Viale della Repubblica n.77 a Offida (AP).

Per informazioni modalità di iscrizione e contenuti del corso inviare una mail a formazione@smarteam.net, chiamare al cellulare 351 8920860, oppure consultare la pagina del corso all’interno del sito smarteam: https://www.smarteam.net/corso-amministrazione-settore-agricolo/




Infortuni e Malattie professionali in aumento: la situazione nelle Marche

SONO IN AUMENTO NEL PAESE LE DENUNCE DI INFORTUNI E MORTI SUL LAVORO NEL 2018. VEDIAMO LA SITUAZIONE NELLE MARCHE

DI GUIDO BIANCHINI UIL ASCOLI PICENO 29/01/2019

Le denunce di infortunio tra gennaio e dicembre sono state 641.261 (+0,9% rispetto al 2017, quando erano state 635.433); di queste, 1.133 con esito mortale (+10,1%, ossia 104 in più rispetto alle 1.029 del 2017). In aumento anche le malattie professionale denunciate, che sono state 59.585 (+2,5%, pari a 1.456 casi in più rispetto ai 58.129 dell’anno precedente).

Vediamo la situazione nella nostra regione partendo dalle malattie professionali facendo riferimento al periodo 1°gennaio 2018 –  31 dicembre 2018 comparato con l’anno precedente.

Sono 6.039 i casi di malattie professionali registrati nello scorso anno con un incremento del 13% rispetto all’anno precedente di cui un terzo donne.

Il 40% riguarda il settore industriale con 5.094 denunce (+41%) in calo i casi in agricoltura e nello Stato.

Denunce di malattie professionali per Provincia

Gennaio

Dicembre 2017

Gennaio

Dicembre 2018

%

Ancona

953

1.257

+32

Ascoli Piceno

756

959

+27

Fermo

795

746

-6

Macerata

1.490

1.551

+4

Pesaro Urbino

1.372

1.526

+11

Totale

5.366

6.039

+13

I lavoratori interessati sono prevalentemente italiani con 5.632 casi; in aumento, con valori molto inferiori, anche le denunce dei lavoratori di provenienza U.E. e extra.

Circa gli INFORTUNI SUL LAVORO ci troviamo difronte ad una diminuzione nel periodo in esame poiché si è passati da 18.706 a 18.621 (- 85 casi nel periodo analizzato). La riduzione riguarda tutti i settori e comparti economici; sia i lavoratori italiani che quelli della U.E. mentre si registra un incremento dei lavoratori extra UE che passano da 2178 a 2320 denunce.

Le fasce d’età di maggiore criticità sono i lavoratori tra i 30 e i 34 anni e quelli oltre i 50 anni

Circa il 50% sono donne.

Denunce d’infortunio per provincia

Provincia Gennaio

Dicembre 2017

Gennaio

Dicembre 2018

Ancona

6.753

6.604

Ascoli Piceno

2.347

2.333

Fermo

1.474

1.549

Macerata

3.669

3.730

Pesaro Urbino

4.463

4.495

Totale

18.706

18.621

Anche le Denunce d’infortunio con ESITO MORTALE sono in diminuzione poiché si sono registrati 22 casi mortali contro i 33 dell’anno precedente. La diminuzione riguarda tutti i settori e tutte le provincie marchigiane; così la provenienza dei lavoratori e la differenza di genere.

Denunce d’infortunio con esito mortale per luogo di accadimento

Gennaio

Dicembre 2017

Gennaio

Dicembre 2018

Ancona

9

7

Ascoli Piceno

4

2

Fermo

1

2

Macerata

4

6

Pesaro Urbino

15

5

Totale

33

22

Le Denunce d’infortunio con esito mortale per classe d’età dell’infortunato registrano casi nella fascia d’età 35/39 anni; e oltre i 50 anni.

Il commento:

In dati analizzati sono provvisori, ricordo che il numero definitivo di infortuni sul lavoro non coincide con quello delle denunce con esito mortale.

Solo al termine di tutte le verifiche (primavera inoltrata) è possibile verificare che il decesso sia avvenuto in relazione all’attività lavorativa.

Per quantificare il fenomeno, comprensivo anche dei casi accertati positivamente dall’Istituto, sarà, quindi, necessario attendere il consolidamento dei dati dell’intero 2018, con la conclusione dell’iter amministrativo e sanitario relativo a ogni denuncia.

Ad ogni buon conto nella Regione Marche restano elevate le denunce di malattie professionale (+673 casi) con una conferma di crescita nel settore industriale; così nella provincia ascolana con 203 nuovi casi.

Nella regione si evidenziano casi nel sistema nervoso e ostemuscolare (+494 casi).

In calo di 85 casi gli infortuni nella regione, diminuzione che riguarda tutti i comparti ad eccezione dello Stato dove si registra un incremento di 110 denunce che dimostra come è cambiata nella regione la composizione della forza lavoro attiva. Incremento che riguarda anche la componente femminile (+45 casi).

In forte riduzione sono le morti sul lavoro ridotti di ben 11 decessi; ridotti del 50% i casi nella nostra provincia.

Occorre più prevenzione, formazione, partecipazione e sanzioni severe nei casi di incidenti reiterati: argomenti importanti per una vera e propria politica della sicurezza.

Occorrono più risorse dell’Inail per il miglioramento delle prestazioni economiche di risarcimento dei danni per infortuni e malattie professionali

Da tempo il sindacato, unitariamente, rivendica un miglioramento delle attività dell’Inail ovvero:

• aumentare il valore economico dei risarcimenti;

• allargare la casistica dei danni indennizzati;

• velocizzare i tempi delle pratiche di indennizzo dei lavoratori malati;

• ridurre il contenzioso legale spesso utilizzato per respingere le richieste di prima istanza;

• realizzare e rafforzare l’intervento sui servizi socio-assistenziali e sanitari a favore degli infortunati e dei malati professionali;

• potenziare le attività della sorveglianza epidemiologica e sanitaria, finanziare e coordinare la ricerca clinica per le terapie efficaci per i tumori professionali, che sfuggono largamente alla rilevazione e agli indennizzi da parte dell’Istituto;

• favorire la definizione di nuovi indennizzi mutualistici del sistema delle imprese a favore delle vittime dell’amianto;

• potenziare le collaborazioni con il sistema sanitario nazionale tramite le Regioni e il Ministero della Salute, finanziare progetti di ricerca per il superamento dell’utilizzo delle sostanze cancerogene nelle attività economiche.

È necessario un decisivo impegno del Governo sulla prevenzione e tutela della salute e sicurezza sul lavoro, nonché sulla strategia nazionale e piani di intervento volti a garantire condizioni di lavoro adeguate che mirino ad un miglioramento continuo a favore di tutte le lavoratrici/ lavoratori.

Nelle Marche proprio in questi giorni è uscito il nuovo Piano sanitario regionale bisognerà verificare quali sono le linee e gli indirizzi in materia di sicurezza sul lavoro.

Occorre aumentare la spesa per la prevenzione sulla sicurezza sul lavoro (è il 3,5% del bilancio della sanità).

Servono più controlli poiché oggi vengono effettuati solo nel 5% delle imprese.

Ricordo che il  personale degli SPSAL (vigilanza) lavora in condizioni inaccettabili; gli organici  sono diminuiti del 20%  in 7 anni.

Sono circa 80.000 le imprese da controllare alle quali dobbiamo aggiungere tutti i cantieri legati alla ricostruzione post sisma già attivi e che si attiveranno prossimamente.

È altresì importante verificare con la Confindustria locale i contenuti dell’accordo interconfederale in materia di sicurezza sul lavoro definito il 12 dicembre ultimo scorso.

 




Aumentano le malattie professionali, in calo gli infortuni mortali

INFORTUNI SUL LAVORO: IN CALO QUELLI MORTALI. AUMENTANO LE DENUNCE DI MALATTIE PROFESSIONALI, +12% TRA CUI I TUMORI. SANTARELLI (CGIL MARCHE):  “I PIU’ COLPITI SONO I GIOVANI TRA I QUALI E’ PIU’ DIFFUSO IL LAVORO PRECARIO”

 

Ancona – Nelle Marche aumentano le denunce di malattie professionali, a partire dai tumori, in un quadro generale in cui la regione conferma un trend stabile nel 2018, rispetto al 2017, per il numero degli infortuni sul lavoro, praticamente in linea con le dinamiche nazionali. Diminuiscono, invece, del 33,3% gli infortuni mortali mentre in Italia, aumentano del 10,1%. Nel complesso, i più colpiti dagli infortuni, sono i lavoratori più giovani: nella fascia 15-24 anni, l’incremento è pari al 12,1%. Le province dove più aumentano gli infortuni sono Macerata con + 1,7% e Pesaro-Urbino con +0,7%; in diminuzione, invece, nelle altre province, ad Ancona (-2,2%), Ascoli Piceno (-0,6%) e Fermo (-1%).

Sono questi i dati Inail,rielaborati dall’Ires Cgil Marche, sulla situazione degli infortuni sul lavoro nelle Marche nel 2018. Dichiara Giuseppe Santarelli, segretario regionale Cgil Marche: “Il livello degli infortuni continua ad essere elevato, ancor di più il numero delle denunce di malattie professionali. Per questo, la contrattazione deve rimettere al centro le condizioni di lavoro ma anche le istituzioni devono esercitare il loro ruolo sia come prevenzione e controlli, incrementando gli organici della vigilanza, sia come repressione dei fenomeni di irregolarità”. E ancora: “Ciò che più ci preoccupa è che sono i giovani i più colpiti, tra i quali è più diffuso il lavoro precario; se non si combatte la precarietà, dunque, non si può perseguire neanche la dignità del lavoro stesso”.

INFORTUNI – Nelle Marche sono stati 18.621 gli infortuni di cui 15.776 avvenuti in occasione di lavoro e 2845 avvenuti in itinere (durante il tragitto casa-lavoro). Rispetto al 2017, c’è uno scarto di -0,5%. Tra i più coinvolti nella regione, ci sono gli immigrati dove si registra un aumento del 6,5% a fronte di una diminuzione degli italiani dell’1,4%. Il settore più esposto è quello dell’industria: in particolare, quella di fabbricazione dei mobili (+8%), dei macchinari (37%) e dei prodotti in metallo (2,1%) e quelle alimentari (+2,5%). In crescita anche gli infortuni nella sanità e assistenza sociale (+4,2%). Sul fronte degli infortuni mortali, diminuiscono in modo sostanziale ad Ancona (-22%), ad Ascoli (-50%) e a Pesaro-Urbino (-66%) mentre aumentano a Macerata (+50%) passando da 4 a 6, e Fermo passando da 1 a 2.

DENUNCE DI MALATTIE PROFESSIONALI – Nelle Marche aumentano del 12% passando da 5.366 a 6.039; in Italia, l’aumento è del 2,5%. I settori più colpiti sono quelli dell’industria e dei servizi dove si registra un incremento del 17,8%, diminuiscono invece in agricoltura (-9,3%) e nel lavoro pubblico (-9%). Tra le malattie professionali, quello che, percentualmente, segna l’aumento maggiore, pari a 55,2%, è il tumore, seguito da malattie del sistema nervoso (+17,1%), malattie osteo-muscolari (+13,9%) e quelle del sistema respiratorio (+3,8%). La provincia dove si registra il maggior incremento di denunce di malattie professionali è Ancona (+30,5%), seguita da Ascoli Piceno con +26,9%, Pesaro-Urbino con +11,2%, Macerata con +4,1. Unica provincia in diminuzione è Fermo con -6,2%.




Euro-Progettazione: aggiornare le competenze con i corsi Smarteam

TANTI I FONDI UE DISPONIBILI, MA CALA IL NUMERO DI PROGETTI FINANZIATI. URGENTE LA CRESCITA DI COMPETENZE

San Benedetto del Tronto – Con i corsi Smarteam puoi formare ed aggiornare le competenze in materia di euro-progettazione sia tue che della tua azienda o studio professionale.

Partecipa gratuitamente attivando i voucher formativi FSE della Regione Marche.

L’urgenza di accrescere le competenze per intercettare i finanziamenti messi a disposizione dall’Unione Europea è reso evidente anche dai risultati dei progetti ammessi nell’ultima call Horizon 2020 (Sme Instrument) – Fase 2 per l’innovazione delle Pmi: delle 71 aziende premiate solo due imprese sono italiane: una di Milano e l’altra di Bologna.

Prima del varo delle nuove regole l’Italia era al secondo posto per numero di aziende premiate (113) e al terzo posto (109 milioni) per controvalore di risorse a fondo perduto intercettate. In media l’Italia valeva il 12,5% del totale in termini numerici, il 9,2% in controvalore.

Nel 2018 queste percentuali si sono abbattute drasticamente, passando rispettivamente al 7,4% (20 imprese su 269) e al 5,3% (24 milioni su 450 erogati), con l’ultima call di ottobre a realizzare i risultati peggiori. Non un caso isolato, tuttavia, perché delle quattro call finanziate lo scorso anno solo in un caso (10 “vittorie” su 68) il tasso di successo italiano è stato in linea con i risultati precedenti mentre negli altri tre bandi i dati sono stati deludenti. Se limitiamo l’analisi allo scorso anno l’Italia è relegata alla decima posizione, alle spalle non solo della “solita” Spagna, regina incontrastata in questi bandi, ma anche dell’intero blocco nordico (Svezia, Finlandia, Norvegia, Danimarca) oltre che di Germania, Francia, Olanda e persino Israele, tra i beneficiari maggiori del cambio delle regole.

Le nuove regole di Horizon 2020 – Fase 2, con contributi per le Pmi a fondo perduto fino a 2,5 milioni di euro, prevedono non solo un elaborato scritto del progetto, ma anche  il superamento di un colloquio diretto con la commissione giudicante,  un peso maggiore rispetto al passato dell’impatto e delle novità di innovazione, con un focus più spinto sulla valutazione del business plan, esaminati attraverso un dialogo in inglese da parte di un team che include non solo imprenditori ma anche gestori di fondi di venture capital e business angels.

Ma anche dove le regole di base non cambiano (Fase 1, 50mila euro a progetto) l’Italia non riesce a tenere le posizioni, passando dal 15,6% al 10,1% in termini di successi numerici.

Correre ai ripari è urgente: nel 2019 il programma Horizon metterà a disposizione 555 milioni (482 nella Fase 2), nel 2020 il budget salirà oltre i 600 milionie sono inoltre disponibili per l’Italia, nei settenni 2014-2020 e 2021-2027, per tutti i settori economicioltre 200 miliardi di euro dei fondi comunitari.

 

Un’importante occasione si presenta per la formazione e il lavoro, per chi ha un lavoro e per chi lo cerca, e per l’avvio e lo sviluppo di attività imprenditoriali competitive nel nostro Paese.

In tema di formazione in euro-progettazione, con l’obiettivo di colmare le lacune esistenti su contenuti e tecniche teoriche di progettazione e coinvolgere attivamente nello sviluppo di business plan e nella simulazione di una call di finanziamento specifica, Smarteam propone due corsi formativi (gratuiti con voucher formativi FSE):

1) Corso di specializzazione “Tecnico Politiche/Problematiche Comunitarie (Master Europrogettazione)” (codice Siform n. 1007245) della durata di 400 ore (comprensive di lezioni frontali, esercitazioni, studio, ideazione e simulazione su una specifica call attuale, stage ed esame finale) che prevede il rilascio di un Attestato di Specializzazione riconosciuto legalmente a livello europeo ai sensi della Legge 845/78.

2) Corso di aggiornamento “Problematiche Comunitarie (Mini-Master Europrogettazione)” (codice Siform n. 1007276)  della durata di 60 ore (lezioni frontali ed esercitazioni) con rilascio di Attestato di Frequenza.

Per maggiori informazioni su contenuti e docenti dei corsi inseriti nel catalogo FORMICA visita il sito: https://www.smarteam.net/catalogo-corsi/

Informazioni utili per accedere al voucher formativo della Regione Marche

È fondamentale, per accedere al voucher formativo che consente l’accesso gratuito ai corsi, passare per il Centro per l’Impiego territorialmente competente per sottoscrivere il Piano formativo.

La domanda può essere presentata in qualsiasi momento ma la valutazione delle domande per il voucher è effettuata in ordine cronologico di arrivo, fino ad esaurimento delle risorse. Per non perdere tale opportunità è pertanto necessario presentare domanda in tempi rapidi prima che i fondi disponibili si esauriscano.

Info e contatti Smarteam

Gli interessati possono essere supportati e guidati nella predisposizione dei documenti per la richiesta di voucher formativo alla Regione Marche e della domanda d’iscrizione sul sistema informativo SIFORM 2, contattando lo staff di Smarteam al telefono 351 8920860, o inviando una mail a: formazione@smarteam.net.

Previo appuntamento, Smarteam è disponibile a ricevere presso il proprio ufficio in Via Calatafimi 44 – San Benedetto del Tronto (Zona Centro – Vicino Stazione Ferroviaria).




Oltre 2 miliardi per le Start-up con la Legge di Bilancio. Nuovi corsi di formazione per cogliere le opportunità

San Benedetto del Tronto – La legge 30 dicembre 2018 n. 145 (Legge di bilancio 2019) approvata dal Parlamento a fine anno porta molte novità ed ingenti risorse per le start-up.  Certamente la misura più rilevante riguarda la normativa che convoglia direttamente e/o indirettamente parte degli investimenti pubblici e privati verso i “Fondi per il Venture Capital” (FVC), ossia gli organismi di investimento collettivo del risparmio chiusi e le società di investimento a capitale fisso, che investono almeno l’85% del valore degli attivi in piccole e medie imprese (PMI) non quotate, nella fase di sperimentazione (seed financing), di costituzione (start-up financing), di avvio dell’attività (early-stage financing) o di sviluppo del prodotto (expansion o scale up financing) e il residuo in PMI.

Il Governo prevede infatti di movimentare oltre 2 miliardi di euro in favore delle start-up innovative attraverso l’attuazione delle seguenti misure di carattere fiscale e finanziario:

  • detrazione d’imposta Irpef-Ires del 40% (in luogo di quella del 30% vigente fino al 2018) per gli investimenti all’interno di Start-up innovative;
  • credito d’imposta del 50% ai fini Ires in caso di acquisizione dell’intero capitale sociale di startup innovative (fase di exit) da parte di medio-grandi imprese;
  • nell’ambito dei progetti di ricerca e sviluppo i servizi resi da Startup e Pmi innovative potranno godere di un credito d’imposta del 50% in luogo di quello ordinario del 25%;
  • viene istituito presso il Ministero di un Fondo di sostegno al Venture Capital con una dotazione di 110 milioni di euro per gli anni 2019-25;
  • lo Stato, tramite il Ministero dello sviluppo economico, potrà sottoscrivere quote o azioni di uno o più Fondi per il Venture Capital o di uno o più fondi che investono in Fondi per il Venture Capital;
  • le entrate dello Stato per dividendi delle società partecipate dovranno essere utilizzate per almeno il 15% del loro ammontare per investimenti in Fondi per il Venture Capital;
  • Piani Individuali di Risparmio (PIR) dovranno destinare almeno il 5% del loro patrimonio in quote o azioni di Fondi per il Venture Capital;
  • viene giuridicamente riconosciuta per la prima volta la figura dei “Business Angel” investitori a supporto dell’innovazione che investono in maniera diretta o indiretta una somma pari ad almeno euro 40.000 nel triennio.

Dunque sono sempre più necessarie competenze specialistiche a supporto dello start-up di imprese e per il loro consolidamento e per questo motivo Smarteam propone, nell’ambito del catalogo FORMICA della Regione Marche, due corsi di formazione:

1) CONSULENTE TERZIARIO AVANZATO (CREAZIONE E CONSOLIDAMENTO STARTUP D’IMPRESA), (Codice Siform: 1007246) è della durata di 400 ore (comprensive di lezioni frontali, esercitazioni, tirocinio ed esami finali) e prevede il rilascio di un Attestato di Specializzazione.

Info sul sito di smarteam: http://www.smarteam.net/consulente-terziario-avanzato-creazione-e-consolidamento-startup-dimpresa/

2) TECNICHE DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE – MINI MASTER CREAZIONE E CONSOLIDAMENTO STARTUP D’IMPRESA (Codice Siform: 1007303) è della durata di 60 ore (lezioni frontali con all’interno laboratori, role play e case studies), con rilascio di Attestato di Frequenza.

Info sul sito di smarteam: https://www.smarteam.net/tecniche-di-organizzazione-aziendale-mini-master-creazione-e-consolidamento-startup-dimpresa/

I due percorsi formativi, con un numero differente di ore previste, intendono formare figure professionali in grado di avviare e gestire startup e progetti d’impresa innovativi. Le tematiche specifiche riguardano gli aspetti giuridici e fiscali della costituzione aziendale; la normativa delle startup innovative, le agevolazioni UE, nazionali e regionali per le start-up;  le strategie di Business e Business Plan; le analisi degli strumenti di finanziamento pubblici e privati (fondi europei, nazionali e regionali, Business Angel, Venture Capital, ecc.); i modelli organizzativi e di gestione delle risorse umane, ecc.

 

Informazioni utili

I corsi sono gratuiti e autorizzati all’interno del Catalogo dell’offerta formativa a domanda individuale (FORM.I.CA.) della Regione Marche.  Pertanto il candidato in possesso dei requisiti previsti potrà usufruire di un Voucher a copertura totale della quota di iscrizione ai corsi.Per iscriversi e partecipare gratuitamente a tali attività formative è necessario che i soggetti interessati presentino apposita domanda di contributo alla Regione Marche tramite la piattaforma Siform2 al seguente link: https://siform2.regione.marche.it/siform2-web/public/catalogo/catalogoSearch.htm

Le modalità di presentazione sono diverse a seconda della propria condizione occupazionale:

  1. inoccupati o disoccupati: domanda in forma individuale;
  2. lavoratori autonomi (commercianti, artigiani, etc. con Partita Iva e/o iscrizione alla Cciaa): domanda unica per il titolare e/o propri dipendenti;
  3. liberi professionisti: domanda unica per il titolare dello studio e/o propri dipendenti;
  4. imprese: domanda unica per i propri dipendenti.

È fondamentale, per accedere al punteggio minimo previsto, passare per il Centro per l’Impiego territorialmente competente per sottoscrivere il Piano formativo.

La domanda può essere presentata in qualsiasi momento ma la valutazione delle domande per il voucher è effettuata in ordine cronologico di arrivo fino ad esaurimento delle risorse. Per non perdere tale opportunità è pertanto necessario presentare domanda in tempi rapidi prima che i fondi disponibili si esauriscano.

 

Contatti

Gli interessati possono essere supportati e guidati nella predisposizione dei documenti per la richiesta di voucher e della domanda d’iscrizione sul sistema informativo SIFORM 2, contattando lo staff di Smarteam al telefono 351 8920860, o inviando una mail a:  formazione@smarteam.net

 

Previo appuntamento, Smarteam è disponibile a ricevere presso il proprio ufficio in Via Calatafimi 44 – San Benedetto del Tronto (Zona Centro – Vicino Stazione Ferroviaria).




Corsi gratuiti di formazione nel settore turismo e cultura coi voucher Fse della Regione Marche

San Benedetto del Tronto – Approfitta dei Voucher formativi messi a disposizione dalla Regione Marche per formare ed aggiornare gratuitamente le tue competenze in materia di cultura e turismo.

Proprio nel momento in cui in Italia il Ministero dei Beni Culturali perde le sue funzioni in materia turistica, poiché passano al Ministero delle Politiche Agricole (Mipaaf), a livello europeo l’Agenzia Esecutiva per le piccole e medie imprese (EASME) della Commissione Europea lancia una call per costruire sinergie tra il settore turistico e quello delle industrie culturali e creative (ICC).

L’importanza di capitalizzare il patrimonio e la ricchezza del settore culturale e turistico, ormai ampiamente riconosciuto come uno dei settori più vivaci ed altamente innovativi dell’economia italiana ed europea, è alla base di questi percorsi formativi che hanno lo scopo di formare una specifica figura professionale con conoscenze teoriche e operative fondamentali per l’impiego nei settori del turismo e delle attività culturali, promozionali, organizzative ed imprenditoriali connesse.

Per questo motivo Smarteam propone, nell’ambito del catalogo FORMICA della Regione Marche, due corsi di formazione sull’argomento:

– Master management culturale e turistico – Operatore dei servizi turistici e culturali

– Minimaster cultura e turismo – Manager turistico

Obiettivi formativi

  • Il Master dovrà formare figure altamente specializzate nell’ideazione, nella progettazione e nell’erogazione di servizi culturali, dotate di solide competenze culturali, artistiche, manageriali, giuridiche, utili per operare nell’ambito del management culturale. Le persone formate dovranno inoltre essere in grado di affrontare i diversi aspetti di natura economica, finanziaria, contabile, organizzativa, giuridica e di marketing che incontrano durante l’erogazione di un servizio socioculturale.

Il percorso formativo è di Qualifica di II Livello e si rivolge ad aspiranti e/o consolidati startupper, manager e professionisti di tutte le attività economiche che hanno come punto di partenza la cultura (il cinema, il teatro, la musica, la moda, la pubblicità, il design, l’editoria, ecc.)

Per maggiori informazioni sul corso visita il seguente link sul sito di smarteam: https://smarteam.net/operatore-dei-servizi-turistici-e-culturali-master-management-culturale-e-turistico/

  • Il Mini Master ha l’obiettivo di far conseguire competenze tecniche e artistico-culturali, far sviluppare capacità e know-how utili a progettare, gestire e promuovere la filiera turistico-culturale e creativa in modo innovativo.

Per maggiori informazioni sul corso visita il seguente link sul sito di smarteam: https://smarteam.net/manager-turistico-minimaster-in-cultura-e-turismo/

Durata dei corsi

I due percorsi formativi hanno una diversa durata.

1) Operatore dei servizi turistici e culturali – Master Management Culturale e Turistico (Codice Siform: 1007233) è della durata di 497 ore (comprensive di lezioni frontali, esercitazioni, tirocinio ed esami finali) e prevede il rilascio di un Attestato di Specializzazione.

2) Manager turistico – Minimaster in Cultura e Turismo (Codice Siform: 1007231) è della durata di 42 ore (lezioni frontali con all’interno laboratori, role play e case studies), con rilascio di Attestato di Frequenza.

Informazioni utili

Per iscriversi e partecipare gratuitamente a tali attività formative è necessario che i soggetti interessati presentino apposita domanda di contributo alla Regione Marche tramite la piattaforma Siform2 al seguente link:

https://siform2.regione.marche.it/siform2-web/public/catalogo/catalogoSearch.htm

Le modalità di presentazione sono diverse a seconda della propria condizione occupazionale:

  1. inoccupati o disoccupati: domanda in forma individuale;
  2. lavoratori autonomi (commercianti, artigiani, etc. con Partita Iva e/o iscrizione alla Cciaa): domanda unica per il titolare e/o propri dipendenti;
  3. liberi professionisti: domanda unica per il titolare dello studio e/o propri dipendenti;
  4. imprese: domanda unica per i propri dipendenti.

È fondamentale, per accedere al punteggio minimo previsto, passare per il Centro per l’Impiego territorialmente competente per sottoscrivere il Piano formativo.

La domanda può essere presentata in qualsiasi momento ma la valutazione delle domande per il voucher è effettuata in ordine cronologico di arrivo fino ad esaurimento delle risorse. Per non perdere tale opportunità è pertanto necessario presentare domanda in tempi rapidi prima che i fondi disponibili si esauriscano.

Gli interessati possono essere supportati e guidati nella predisposizione dei documenti per la richiesta di voucher e della domanda d’iscrizione sul sistema informativo SIFORM 2, contattando lo staff di Smarteam al telefono 351 8920860, o inviando una mail a:  formazione@smarteam.net

 

Previo appuntamento, Smarteam è disponibile a ricevere presso il proprio ufficio in Via Calatafimi 44 – San Benedetto del Tronto (Zona Centro – Vicino Stazione Ferroviaria).




Corsi gratuiti di formazione ed aggiornamento in Euro-progettazione coi voucher Fse della Regione Marche

Approfitta dei Voucher formativi messi a disposizione dalla Regione Marche per formare ed aggiornare gratuitamente le tue competenze in materia di euro-progettazione.

Gli oltre 200 miliardi di euro dei fondi comunitari disponibili per l’Italia, nei settenni 2014-2020 e 2021-2027 per tutti i settori economici, sono una grande opportunità per avviare e sviluppare attività imprenditoriali competitive nel nostro Paese, ma anche un’importante occasione di formazione e lavoro per chi ha un lavoro e per chi lo cerca.

Per questo motivo Smarteam propone, nell’ambito del catalogo FORMICA della Regione Marche, due corsi di formazione sull’argomento:

–          Master in “Tecnico Politiche e Problematiche Comunitarie (Europrogettazione)”

–          Mini Master in “Problematiche Comunitarie (Europrogettazione) –

Obiettivi

L’attività formativa sarà dedicata alla conoscenza dei finanziamenti europei e alle relative modalità di utilizzo attraverso la preparazione, realizzazione e rendicontazione di progetti comunitari specifici.

I corsi sono indirizzati sia a chi si avvicina per la prima volta a queste tematiche e vuole conoscere gli elementi fondamentali della progettazione per accedere ai fondi europei, sia a chi  già si occupa di progetti comunitari e vuole crescere sviluppando competenze innovative e desidera strutturare e consolidare maggiormente le proprie conoscenze sulle opportunità finanziarie offerte dalla Commissione europea.

Alle aziende interessano giovani e adulti che abbiano una professionalità specifica: conoscenza dei bandi europei, criteri e modalità di progettazione e internazionalizzazione per rispondere alle sfide del mercato globale.

Tipologia e durata dei corsi

L’offerta formativa Smarteam inserita all’interno del catalogo regionale FORMICA offre due tipologie di corsi:

1) Corso di specializzazione “Tecnico Politiche/Problematiche Comunitarie (Master Europrogettazione)” (codice Siform n. 1007245) è della durata di 400 ore (comprensive di lezioni frontali, esercitazioni, studio, ideazione e simulazione su una specifica call attuale, stage ed esame finale) e prevede il rilascio di un Attestato di Specializzazione riconosciuto legalmente a livello europeo ai sensi della Legge 845/78.

2) Corso di aggiornamento “Problematiche Comunitarie (Mini-Master Europrogettazione)” (codice Siform n. 1007276)  è della durata di 60 ore (lezioni frontali ed esercitazioni) con rilascio di Attestato di Frequenza.

Per maggiori informazioni su contenuti e docenti dei nostri corsi inseriti nel catalogo FORMICA visita il nostro sito: https://www.smarteam.net/catalogo-corsi/.

Informazioni utili

Per iscriversi e partecipare gratuitamente a tali attività formative è necessario che i soggetti interessati presentino apposita domanda di contributo alla Regione Marche tramite la piattaforma Siform2 al seguente link: https://siform2.regione.marche.it/siform2-web/public/catalogo/catalogoSearch.htm.

Le modalità di presentazione sono diverse a seconda della propria condizione occupazionale:

  1. inoccupati o disoccupati: domanda in forma individuale;
  2. lavoratori autonomi (commercianti, artigiani, etc. con Partita Iva e/o iscrizione alla Cciaa): domanda unica per il titolare e/o propri dipendenti;
  3. liberi professionisti: domanda unica per il titolare dello studio e/o propri dipendenti;
  4. società: domanda unica per i propri dipendenti.

E’ fondamentale per disoccupati e professionisti con partita Iva inattiva, per accedere al punteggio minimo previsto, passare al Centro per l’Impiego per sottoscrivere il Piano formativo.

La domanda può essere presentata in qualsiasi momento ma la valutazione delle domande per il voucher è effettuata in ordine cronologico di arrivo fino ad esaurimento delle risorse. Per non perdere tale opportunità è pertanto necessario presentare domanda in tempi rapidi prima che i fondi disponibili si esauriscano.

Gli interessati possono essere supportati e guidati nella predisposizione dei documenti per la richiesta di voucher e della domanda d’iscrizione sul sistema informativo SIFORM 2, contattando il lo staff Smarteam al via telefono 351 8920860, o inviando una mail a:  formazione@smarteam.net

 

Previo appuntamento Smarteam è altresì disponibile presso il proprio ufficio di Via Calatafimi 44 – San Benedetto del Tronto (Zona Centro – Vicino Stazione Ferroviaria).




Fondi Fse per partecipare gratuitamente a corsi di formazione ed aggiornamento

COME PARTECIPARE GRATUITAMENTE A CORSI DI FORMAZIONE

PER OCCUPATI E DISOCCUPATI  NELLA REGIONE MARCHE

 

 

San Benedetto del Tronto – È partita la corsa per l’iscrizione gratuita ai corsi formativi inseriti nel catalogo formativo FORM.I.CA. di Smarteam, per arricchire il proprio bagaglio di competenze ed aumentare le opportunità di carriera.

I corsi Smarteam sono infatti inseriti nel Catalogo FORM.I.CA. della Regione Marche e beneficiano di Voucher formativi finanziati dal Fondo Sociale Europeo offrendo agli interessati di frequentarli  in modo gratuito.

I voucher della Regione Marche per partecipare gratuitamente ai corsi di formazione possono essere richiesti direttamente dall’interessato in caso di soggetto disoccupato, imprenditore o libero professionista, o dall’impresa privata per i suoi dipendenti.

La domanda d’iscrizione può essere presentata in qualsiasi momento, ma la procedura per la valutazione delle domande è in ordine cronologico, per cui chi presenta la domanda prima degli altri ha maggiori opportunità di avere il contributo (voucher) che sarà erogato direttamente all’ente di formazione, per cui nessun costo è a carico del partecipante finanziato.

Di seguito i corsi SMARTEAM presenti ad oggi nel catalogo FORM.I.CA.:

N. TITOLO CORSO N. ORE CORSO CODICE SIFORM **
1 OPERATORE PERSONAL COMPUTER

Master in informatica e competenze digitali per l’impresa

N. 556 * Progetto 1007305
2 CONSULENTE TERZIARIO AVANZATO – MasterCreazione e consolidamento Startup d’impresa N. 400 * Progetto 1007246
3 TECNICO POLITICHE/PROBLEMATICHE COMUNITARIE

Master Euro-progettazione

N. 400 * Progetto 1007245
4 MANAGER AZIENDALE

Master Gestione Imprese Agroalimentari Eco-Innovative

N. 497 * Progetto 1007234
5 OPERATORE DEI SERVIZI TURISTICI E CULTURALI

Master Management Culturale E Turistico

N. 497 * Progetto 1007233
7 TECNICHE DI ORGANIZZAZIONE/GESTIONE/DIREZIONE AZIENDALE/COMMERCIALE

Mini  Master Gestione Imprese Agroalimentari Eco-innovative

N. 42 Progetto 1007232
8 PROBLEMATICHE COMUNITARIE

Mini Master Euro-progettazione

N. 60 Progetto 1007276
9 COMUNICAZIONE D’IMPRESA

Mini Master Comunicazione Digitale Per Imprese E Professionisti

N. 100 Progetto 1007235
10 MANAGER TURISTICO

Mini Master in Cultura E Turismo

N. 42 Progetto 1007231

* incluso stage ** Codice identificativo del corso da citare nella domanda di contributo

Al termine del percorso formativo, a seconda della tipologia, verrà rilasciato un attestato di frequenza o di specializzazione riconosciuto a livello europeo ai sensi della Legge 845/78.

 

DESTINATARI

Destinatari dei voucher sono soggetti, di età superiore ai 16 anni, residenti o occupati nel territorio della regione Marche, in particolare:

  • inoccupati e disoccupati, anche percettori di Naspi e di altre provvidenze;
  • lavoratori dipendenti presso imprese private.
  • lavoratori autonomi e liberi professionisti.

 

PROCEDURA PER LA RICHIESTA DEL VOUCHER FORMATIVO

 

Per i soggetti disoccupati e inoccupati

Possono presentare domanda coloro (disoccupati, inoccupati) che hanno fornito, in precedenza, al Centro per l’Impiego di riferimento l’immediata disponibilità al lavoro (DID).

La domanda di voucher va compilata e presentata esclusivamente attraverso il sistema informativo SIFORM 2, accessibile al seguente indirizzo internet: https://siform2.regione.marche.it , e dovrà essere corredata dal patto formativo individuale (da sottoscrivere al Centro per l’impiego).

 

Per i soggetti occupati

Per i soggetti occupati la domanda dovrà essere presentata, sempre tramite https://siform2.regione.marche.it ,sottoscritta digitalmente (firma digitale) dal datore di lavoro ed inviata allegando i seguenti documenti:

  • Curriculum vitae aggiornato dell’occupato (in formato europeo);
  • Dichiarazione del datore di lavoro (se dipendente) attestante il regime di aiuto prescelto (regime De Minimis o Reg. 651).

 

Valutazione Domande Voucher

Le richieste di voucher saranno esaminate da una commissione tecnica dei Centri per l’Impiego che terrà conto di alcuni parametri tecnici (giudizio sull’attività prevista, Isee, titolo di studio, genere, settore di inserimento) per la formulazione del punteggio di ammissione di ciascun aspirante corsista.

 

INFORMAZIONI UTILI

Per consultare l’offerta formativa Smarteam presente nel catalogo Regionale Form.i.ca. visita il sito al seguente  link: https://smarteam.net/catalogo-corsi/

Gli interessati all’iscrizione ad uno dei corsi Smarteam potranno essere supportati e guidati gratuitamente nella predisposizione dei documenti e della domanda d’iscrizione sul sistema informativo SIFORM 2. Questi i contatti ed indirizzi di Smarteam:

  • cellulare 351 8920860
  • E-mail a:  formazione@smarteam.net.
  • Ufficio (previo appuntamento) Via Calatafimi 44, San Benedetto del Tronto (Vicino Stazione Ferroviaria SBT).




Iscrizione ai corsi Smarteam – Voucher formativi

San Benedetto del Tronto – È partita la raccolta d’interesse per l’iscrizione ai corsi formativi inseriti nel catalogo formativo di Smarteam, per favorire un ulteriore arricchimento al bagaglio di competenze e una spinta alla carriera lavorativa.

I corsi Smarteam sono inseriti nel Catalogo FORM.I.CA. della Regione Marche e beneficiano di Voucher formativi (L.R. n. 16/1990, art. 10 DGR n. 992/2017 e DDPF n. 459/IFD/2017), che offrono la possibilità di frequentarli in modo gratuito. I corsi formativi possono essere individuati dall’interessato (inoccupato, occupato, lavoratore autonomo), o dall’impresa, per i suoi dipendenti, all’interno del sito della Regione Marche, al seguente link: http://www.regione.marche.it/Regione-Utile/Lavoro-e-Formazione Professionale/Corsi-autorizzati-e-Catalogo-regionale-formazione-FORMICA#Presentazione.

La domanda d’iscrizione può essere presentata in qualsiasi momento, per l’intera durata di validità dell’Avviso, determinata dalla disponibilità di risorse finanziarie. Pertanto, la procedura per la valutazione delle domande è just in time (valutazione delle domande in ordine di arrivo).

Di seguito i corsi di specializzazione e di aggiornamento, presenti nel catalogo Smarteam:

  • Tecnico Politiche Comunitarie (Europrogettazione);

  • Consulente Terziario Avanzato (Creazione e Consolidamento Startup d’Impresa) Manager Aziendale;

  • Master Gestione Imprese Agroalimentari Eco-innovative Operatore dei Servizi Turistici e Culturali;

  • Master Management Culturale e Turistico Operatore Personal Computer;

  • Master in informatica e competenze digitali per l’impresa Tecniche di organizzazione/gestione/direzione aziendale/commerciale;

  • Mini Master Gestione Imprese Agroalimentari Eco-innovative;

  • Manager Turistico – Minimaster in Cultura e Turismo;

  • Comunicazione d’impresa – Minimaster comunicazione digitale per imprese e professionisti.

 

Per ogni corso è previsto un numero massimo di 15 allievi. A fine corso, a seconda della tipologia, verrà rilasciato un attestato di frequenza o di specializzazione.

 

DESTINATARI

I corsi Smarteam sono aperti a tutti, ma all’interno di ciascun corso è precisata la categoria di destinatari ed i requisiti specifici d’ingresso.

Per quanto riguarda la richiesta di Voucher formativo i destinatari sono soggetti, di età superiore ai 16 anni, residenti o occupati nel territorio della regione Marche, in particolare:

  • inoccupati e disoccupati, anche percettori di Naspi e di altre provvidenze;

  • lavoratori occupati. In questo caso l’azione formativa si svolge in orario di lavoro;

  • lavoratori autonomi e liberi professionisti.

 

PROCEDURA PER LA RICHIESTA DEL VOUCHER FORMATIVO

Per i soggetti disoccupati e inoccupati

Possono presentare domanda coloro (disoccupati, inoccupati) che hanno fornito, in precedenza, al Centro per l’Impiego di riferimento l’immediata disponibilità al lavoro (DID).

La domanda di voucher va compilata e presentata esclusivamente attraverso il sistema informativo SIFORM 2, accessibile al seguente indirizzo internet: https://siform2.regione.marche.it, e dovrà essere corredata (nel caso di richiedente disoccupato) del piano formativo individuale.

Per accedere al sistema, l’utente deve disporre di apposite credenziali di tipo “forte”, ovvero di credenziali nominative rilasciate, previo riconoscimento di persona con documento di identità e Tessera Sanitaria, dai vari Centri per l’Impiego dove si è iscritti. Sono supportate le seguenti modalità: SPID, CNS – Carta nazionale dei servizi e Pin Cohesion.

Per i soggetti occupati

Per i soggetti occupati la domanda dovrà essere sottoscritta e inviata dal datore di lavoro e sono necessari i seguenti documenti:

  • Curriculum vitae aggiornato dell’occupato (in formato europeo);

  • Dichiarazione del datore di lavoro (se dipendente) attestante il regime di aiuto prescelto. Tale dichiarazione, qualora il richiedente
    sia un lavoratore autonomo, andrà sottoscritta direttamente dall’interessato;

  • Credenziali forti di Cohesion (da richiedere al Centro per l’impiego);

  • Smart card per firma digitale da acquistare presso la Camera di Commercio, oppure presso Registri Buffetti.

 

Valutazione Domande Voucher

Le richieste di voucher saranno esaminate da una commissione tecnica dei Centri per l’Impiego (per la provincia di Ascoli, CpI di Ascoli Piceno e San Benedetto del Tronto) che terrà conto di alcuni parametri tecnici (giudizio sull’attività prevista, Isee, titolo di studio, genere, settore di inserimento) per la formulazione del punteggio di ammissione (minimo 60 punti) di ciascun aspirante corsista.

OBBLIGHI DEI CORSISTI

I destinatari del voucher, quindi i richiedenti alla partecipazione del corso di formazione, si devono impegnare, sottoscrivendo un apposita dichiarazione, a frequentare con puntualità il corso formativo. Il soggetto che vuole partecipare al corso di formazione, deve essere presente per almeno il 75% delle lezioni.

INFORMAZIONI UTILI

Per consultare l’offerta formativa Smarteam presente nel catalogo Regionale Form.i.ca. visita il sito al seguente link: https://smarteam.net/catalogo-corsi/

 

Gli interessati all’iscrizione ad uno dei corsi Smarteam potranno essere supportati e guidati nella predisposizione dei documenti e della domanda d’iscrizione sul sistema informativo SIFORM 2, contattando il nostro staff al cellulare 351 8920860, o inviando una mail a: formazione@smarteam.net.

Potrai raggiungerci, previo appuntamento, presso l’ufficio Smarteam: Via Calatafimi 44 – San Benedetto del Tronto (Zona Centro – Vicino Stazione Ferroviaria).