Del Moro: “Cardiologia eccellenza del nostro territorio”

La Direzione dell’Asur Marche Area Vasta 5 smentisce il Sindacato e precisa

 

SAN BENEDETTO DEL TRONTO, 16 Mag 2014 – Conferenza Stampa indetta dal Direttore dell’Asur Marche Area Vasta 5 sul tema “Attività dell’Unità Operativa di Cardiologia del Presidio Ospedaliero Madonna del Soccorso” per smentire le notizie diffuse in seguito ad un comunicato stampa congiunto della Cisl F. P. e Cisl Medici, che alleghiamo in calce.

Con il Direttore Del Moro erano presenti il Direttore Sanitario Appignanesi e il Dr. Persico con il Dr. Parato dell’U. O. di Cardiologia.

E’ stato precisato che nulla viene o verrà tolto alla Cardiologia di San Benedetto ma, anzi, verrà potenziata. In seguito al collocamento a riposo del Dr. De Curtis sarà presto indetto un concorso per il nuovo primario e, da subito, arriverà la Dr.ssa Gennaro Francesca dall’Azienda Ospedaliera Universitaria di Parma.

E’ stato ricordato come l’Ospedale “Madonna del Soccorso”, dai tempi del Dr. Floris, è stato precursore nel campo della elettrostimolazione cardiaca, attività proseguita poi dal Dr. Labanti ed ora dal Dr. Parato.

Altra cosa importante l’attività del Dr. Persico che da oltre un ventennio si occupa della Cardiologia Preventiva e Riabilitativa al fine di evitare le Acuzie (Infarto) e le ricadute.

Per il futuro è previsto un Ecocardio tridimensionale e un reparto per l’Elettrostimolazione Cardiaca in Day Surgery.

La Direzione ha chiuso ribadendo che nell’Area Vasta 5 ci sono molte eccellenze che altre aree non hanno e che saranno completate con l’arrivo della Pet in funzione alla fine dell’estate.

Correggere dunque la falsa percezione che questo territorio sia penalizzato. Parlano i dati, come ricordato nell’incontro sugli “Stati Generali della Sanità del Piceno”, dalle Tabelle con spesa pro capite sanità e posti letto ogni 1.000 abitanti per area vasta, che alleghiamo.

Clicca l’allegato CS Cisl

AREA VASTA 5 sala PM

da sx Parato, Persico, Del Moro, Appignanesi

da sx Parato, Persico, Del Moro, Appignanesi

Massimo Del Moro

Massimo Del Moro

 

Tabelle con spesa pro capite sanità e posti letto ogni 1.000 abitanti per area vasta

tabella spesa procapite

tabella spesa procapite

tabella posti letto

tabella posti letto

 

 




Cantine Aperte: gli itinerari piceni fra le emozioni del vino e del paesaggio

SAN BENEDETTO DEL TRONTO, 16 maggio 2014 – Sabato 24 e domenica 25 maggio torna “Cantine Aperte”, l’evento eno-turistico più importante d’Italia. Fin dal 1993, durante l’ultimo week end di maggio le aziende aderenti al Movimento Turismo del Vino aprono le loro porte al pubblico, organizzando visite guidate in cantina, degustazioni, mostre ed eventi.

“Cantine Aperte” è un’iniziativa ideale per scoprire le emozioni e la cultura del vino direttamente nei luoghi di produzione.

È una gita fuori porta, un’immersione nei colori primaverili delle nostre campagne rigogliose, una piacevole giornata all’insegna del gusto e della buona compagnia: “Cantine Aperte” è convivialità all’aria aperta ed anche un’occasione unica per scoprire i tesori della nostra terra. Paesaggi, sapori e, ovviamente, i vini.

Rossi, bianchi, frizzanti, passiti: “Cantine Aperte” è un momento di relax per degustare, appassionarsi, conoscere da vicino i nostri grandi “artigiani” del vino, artefici di un prodotto tutto italiano sempre più amato ad ogni latitudine del mondo.

Lo slogan è “Vedi cosa bevi”: come sempre, i visitatori di “Cantine Aperte” avranno a soli 5 euro il calice per le degustazioni nelle cantine aderenti.

NEL PICENO Le aziende picene che partecipano a “Cantine Aperte” sono “Cherri d’Acquaviva” di Acquaviva Picena (contrada San Francesco 4), “La Canosa” di Rotella (frazione Castel di Croce, contrada San Pietro 6), “Le Caniette” di Ripatransone (contrada Canali 23), “Moncaro” di Acquaviva Picena (via Boreale 37), “Pantaleone” di Ascoli Piceno (frazione Colonnata Alta 118), la “Tenuta Cocci Grifoni” di Ripatransone (frazione San Savino, contrada Messieri 12).

Nell’ottica di “fare rete” per il bene di tutto il territorio, quest’anno hanno deciso di presentare congiuntamente le proprie iniziative, per dare ancora più risonanza all’itinerario piceno di “Cantine Aperte”. 

Accoglieranno i visitatori con l’entusiasmo di mostrare i propri tesori. I vini saranno accompagnati da degustazioni di prodotti tipici, come salumi, formaggi e olio d’oliva (“Le Caniette”, ad esempio, organizzerà degustazioni con l’olio biologico dell’azienda agricola “Laura Frattini” e le norcinerie della “Salumi Monterotti” di Sarnano).

Ma ci saranno anche eventi culturali, come la mostra di artigianato piceno curata dal Consorzio Art for Job presso la Tenuta Cocci Grifoni, che accompagnerà le degustazioni e i piatti preparati dallo staff dell’Istituto Alberghiero “Buscemi” di San Benedetto.

Alle pendici dell’Ascensione oppure fra le dolci colline ripane, immersi nei panorami dell’ascolano rurale o nei colori delle campagne dominate dalla Fortezza d’Acquaviva, i turisti del vino potranno percorrere un itinerario affascinante, all’insegna della magia conviviale di “Cantine Aperte”.




Marchigiani dell’anno, assegnati i premi in Campidoglio

ROMA – Mercoledì 14 maggio 2014 – La prestigiosa Sala Protomoteca del Campidoglio ha accolto la cerimonia di consegna del XXIXPremio “Marchigiani dell’anno”. La manifestazione è organizzata dal Ce.S.Ma – Centro Studi Marche “Giuseppe Giunchi” e assegna annualmente un riconoscimento a marchigiani che si sono distinti in campo sociale, culturale, artistico e imprenditoriale.

Il premio, costituito dalla scultura “Spazio-Luce” dell’artista Paolo Gubinelli realizzata dall’azienda pesarese FIAM Italia di Vittorio Livi, quest’anno è stato conferito a:

Carlo Cirotto – Professore, biologo e ricercatore

Lucrezia Ercoli – Saggista

Franco Giuli – Pittore e scultore

Carlo Iacomucci – Incisore e pittore

Paolo Masini – Assessore Comune di Roma

Sandro Paradisi – Industriale

Annarita Pilotti – Industriale

Pietro Scendoni – Medico reumatologo

Nel corso della manifestazione sono stati inoltre conferiti il XI Premio alla Carriera – Medaglia concessa dal Presidente della Repubblica, come riconoscimento ad un marchigiano per ruoli di alto profilo, a Nando Ottavi, Presidente della Nuova Simonelli e di Confindustria Marche, e il XIV Premio “Marchigiano ad Honorem” al giornalista RAI Duilio Giammaria.

Numerosi diplomatici, industriali e personalità di spicco del mondo dell’arte e della cultura hanno preso parte all’evento, accanto a Sergio Mustica, consigliere della Fondazione Carifac, al Professor Fernando Aiuti, al Dottor Franco Moschini e alla giornalista Rosanna Vaudetti, rispettivamente Presidente Onorario, Presidente e Presidente Emerito del Ce.S.Ma.

La premiazione, organizzata dal Direttore del del Ce.S.Ma. Pina Gentili, è stata condotta dall’attore Simone Pieroni.

MOTIVAZIONI

XXIX Premio “Marchigiano dell’anno”

 

CARLO CIROTTO (nato a Camerino, MC)

Professore, biologo e ricercatore, autore di pubblicazioni scientifiche di rilievo internazionale, ha dedicato la sua vita alla professione e ad approfonditi studi, tra la cultura scientifica ed umanistica, anche al di fuori della sua primaria attività didattica. La sua prolifica attività, di primissimo livello nei vari campi, dà costante prestigio alla Regione Marche.

 

LUCREZIA ERCOLI (nata a Macerata)

Sostenuta da grande passione per la filosofia, per le scienze umane e per il sociale, poco più che ventenne si caratterizza per la cura e l’approfondimento nel settore della saggistica, dimostrando grande talento e una profonda levatura culturale.

 

FRANCO GIULI (nato a Cerreto d’Esi, AN)

Pittore, sculture, grafico di grande rigore formale e geometrico, si evidenzia quale artista, riconosciuto numerosi critici tra i più interessanti nel panorama del nuovo astrattismo italiano.

 

CARLO IACOMUCCI (nato ad Urbino)

Incisore e pittore di grande talento, formato nella tradizione della scuola Urbinate, si afferma per la sua straordinaria versatilità e dinamicità nei due campi artistici.

 

PAOLO MASINI (nato a Roma – famiglia di origine marchigiana)

Forte personalità, serietà, determinazione e lungimiranza sono le qualità fondamentali che sostengono la sua attività nel campo sociale, sempre tesa al miglioramento delle categorie disagiate.

 

SANDRO PARADISI (nato a Jesi)

Industriale

Con intelligenza, senso pratico e lungimiranza, ha sviluppato e riorganizzato l’azienda ereditata dal padre che con la genialità e la laboriosità caratteristiche della nostra Regione, ha saputo rinnovare conquistando la fiducia delle multinazionali del settore.

 

ANNARITA PILOTTI (nata a Penna San Giovanni, MC)

Industriale

Dopo esperienze di insegnamento e nel Corpo di Polizia, si dedica all’azienda di famiglia affermandosi quale attenta imprenditrice e manager nel settore delle calzature di lusso, portando il marchio Loriblu a livelli internazionali e ricevendo numerosi premi per la creatività e la qualità del prodotto.

 

PIETRO SCENDONI (nato ad Ortezzano, AP)

Medico reumatologo e ricercatore, profondamente legato alla terra marchigiana, si dedica con serietà di studi, professionalità e incisività al miglioramento delle condizioni di vita, alla prevenzione delle malattie metaboliche e geriatiche.

 

 

XI Premio alla Carriera

 

NANDO OTTAVI (nato a Cessapalombo, MC)

La sua carriera, meritevole del Premio concesso dal Presidente della Repubblica nel contesto del Marchigiano dell’anno, si caratterizza prevalentemente nel settore industriale, ove è riuscito ad elevare l’azienda Nuova Simonelli a livelli internazionali e ad imporsi, con incarichi di prestigio, all’interno della Pubblica Amministrazione e in organismi di categoria.

 

 

XIV Premio “Marchigiano ad Honorem”

 

DUILIO GIAMMARIA (nato a Bari)

Giornalista RAI, documentarista e scrittore con il film-documentario “Nel cuore della Cina: Matteo Ricci” ha contribuito a divulgare la figura di un marchigiano illustre, riportando alla ribalta e all’attenzione dell’opinione pubblica contemporanea il legame, mai cessato, tra Italia e Cina. In questi anni ha partecipato a numerose iniziative dedicate alla conoscenza e alla promozione culturale del territorio marchigiano.




Gli “Stati Generali sulla Sanità del Piceno” con i vertici regionali oggi a Castel di Lama

Oggi, presso la sala consigliare del Comune di Castel di Lama, la riunione “Stati Generali sulla Sanità del Piceno” con il presidente della Regione Marche  Spacca, il vice Canzian e i vertici della Sanità Mezzolani, Genga, Ciccarelli e Del Moro.

L’incontro è stato preceduto da una riunione con i Rappresentanti Sindacali

 

Il presidente Spacca: “Correggere la falsa percezione che questo territorio sia penalizzato. Parlano i dati”

 

Castel Di Lama, 2014-05-15 – “Va corretta innanzitutto una percezione non giusta: che la sanità picena sia la Cenerentola delle Marche. Non è così e i dati lo dimostrano. Il confronto deve partire da questo elemento che recupera fiducia e rispetto reciproco: il governo regionale è impegnato fortemente perché ogni cittadino, in qualunque territorio sia, abbia la medesima attenzione e livello di assistenza. L’allocazione delle risorse avviene oggi in modo coerente con la valorizzazione delle aree periferiche”. Lo ha detto il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, durante gli Stati generali della sanità del Piceno che si sono svolti a Castel di Lama.

Spacca, che prima dell’incontro con amministratori e operatori del Piceno si è confrontato con le organizzazioni sindacali, ha illustrato i dati oggettivi della contabilità analitica della sanità marchigiana, certificati dal Ministero della Salute. Per quel che riguarda la spesa pro capite negli anni 2011, 2012 e 2013, il dato per l’Area Vasta 5 di Ascoli Piceno è rispettivamente di 1.707 euro, 1.713 euro e 1.700 euro. In linea o superiore ai dati delle altre Aree vaste: Area vasta 1 (Pesaro) 1.725, 1.743 e 1.722 euro; l’Area vasta 3 (Macerata) 1.633, 1.676 e 1.662 euro; l’Area vasta 4 (Fermo) 1.598, 1.656 e 1.651. Sul dato dell’Area vasta 2  (provincia di Ancona: 1.776, 1.818, 1.807 euro rispettivamente) superiore a quello di Ascoli Piceno, va considerato che in quelle cifre è imputata parte dei servizi specialistici delle aziende ospedaliere del capoluogo (Ospedali Riuniti) che svolgono una funzione regionale. Stesso discorso per il dato sulla dotazione di posti letto. Per l’Area vasta di Ascoli Piceno ci sono 3,54 posti letto ogni mille abitanti, per l’Area vasta di Pesaro 3,16, per quella di Ancona 4,72 (anche in questo caso, la dotazione è proporzionata al ruolo di struttura sanitaria regionale di Torrette), per quella di Macerata 3,84 e per quella di Fermo 3,05.

“Queste cifre – ha detto Spacca – evidenziano in maniera oggettiva e incontrovertibile che la sanità picena gode dello stesso trattamento, in certi casi migliore, delle altre Aree vaste. Detto questo, siamo pronti a confrontarci, e avviamo un tavolo tecnico con le organizzazioni sindacali su un più ottimale utilizzo delle risorse e sul loro efficientamento. Ma non possiamo prescindere dal fatto che la sanità marchigiana è al top in Italia, è presa a riferimento per le altre Regioni per efficienza della spesa e qualità del servizio”.

Il presidente ha poi illustrato gli importanti investimenti che la Regione ha realizzato per la sanità picena, volti al miglioramento dell’offerta e delle dotazioni. A partire dalla PET che sarà collocata e attivata entro l’estate. La PET rappresenta un requisito essenziale nei percorsi oncologici ed è stata resa possibile grazie ad un investimento complessivo da parte della Regione Marche per 3,5 milioni di euro. Si è proceduto contestualmente all’adeguamento dei locali della Medicina Nucleare. E poi il nuovo Blocco Operatorio dell’ospedale di Ascoli Piceno, finanziato con una previsione di spesa di 6 milioni e già avviato: consentirà di realizzare 5 nuove sale operatorie a norma entro il 2015,  a disposizione delle diverse specialità chirurgiche dell’AV5. La reingegnerizzazione del nuovo Day Surgery nell’Ospedale di San Benedetto che sarà inaugurata a breve: la struttura consentirà il potenziamento dell’attività chirurgica, nonché lo sviluppo di attività di secondo livello di altre discipline come l’attività di terapia del dolore. Per quel che riguarda la dotazione di personale, 11 i concorsi per i Direttori di UU.OO. vacanti: Anestesia, Geriatria, Riabilitazione, Cardiologia ad indirizzo riabilitativo, ORL, Oculistica, Urologia, Chirurgia AP, Laboratorio Analisi, Medicina del Lavoro, Servizio Veterinario area A. Previsti poi progetti per alcune alte specialità presenti in AV5: Ematologia, Emodinamica, Chirurgia retinica, il progetto del Dipartimento delle Cronicità e della Post-acuzie, coerentemente con il progetto complessivo che la Regione sta realizzando per la terza età mettendo in rete sia le risorse pubbliche che quelle del privato. Spacca ha poi ricordato l’attivazione di due Case della Salute con il  riconoscimento dell’alta complessità alla Casa della Salute di Offida, e il potenziamento della rete dell’assistenza socio sanitaria territoriale con ulteriori 50 posti letto di  Residenze Protette  e dell’assistenza domiciliare. Altro investimento, il completamento della rete delle cure palliative con l’attivazione dell’Hospice quale fondamentale componente della rete (prevista nel 2015), quello della rete Emergenza-Urgenza con attivazione equipaggio jolly per l’Av 4 e 5. “Di grande rilievo – ha detto Spacca – lo sviluppo del polo di Chirurgia Vascolare e Radiologia Interventistica tra Arre vaste 3, 4, 5 con sede in AV5. La riqualificazione delle sanità delle ‘Marche di confine’ costituisce una delle linee strategiche della programmazione regionale. La Chirurgia Vascolare rappresenta una delle criticità del sistema regionale, sia in rapporto alla gestione dei percorsi di emergenza-urgenza, sia per la mobilità extraregionale. La scelta di collocare tale funzione nell’Area vasta di Ascoli è coerente con il percorso di diversificazione delle due strutture ospedaliere, grazie alla caratterizzazione della chirurgia di San Benedetto in ambito oncologico, e alle sinergie professionali tra l’attività di Radiologia Interventistica e il laboratorio di Emodinamica attivi nella struttura di Ascoli Piceno. Il confronto con questo territorio – ha concluso – non si ferma qui. Occorre però partire dal presupposto che la sanità sconta pesantissimi tagli da parte dello Stato e questo ci impone di trovare percorsi di un più appropriato utilizzo delle risorse”.

Tabelle con dati spesa pro capite sanità e posti letto ogni 1.000 abitanti per area vasta

tabella spesa procapite

tabella spesa procapite

tabella posti letto

tabella posti letto

 

STATI GENERALI DELLA SANITÀ DEL PICENO, GLI INTERVENTI DEL VICEPRESIDENTE CANZIAN E DELL’ASSESSORE MEZZOLANI.

“Uniti sugli obiettivi da raggiungere”. È l’esortazione del vicepresidente e assessore al Piceno, Antonio Canzian, a conclusione degli Stati generali della sanità che si sono svolti presso il municipio di Castel di Lama. All’incontro hanno partecipato numerosi operatori del settore, amministratori, rappresentanti sindacali. Erano presenti, inoltre, il direttore generale dell’Asur, Gianni Genga; il direttore dell’Area Vasta 5, Massimo Del Moro; il dirigente del servizio Salute, Piero Ciccarelli. “Quella odierna è stata una positiva giornata di confronto, uno spaccato dei problemi che viviamo sul territorio – ha detto Canzian – Sono emerse criticità, ma anche punti di forza che, in altre Aree Vaste, saprebbero valorizzare con maggiore condivisione e incisività. Bisogna giocare la partita della sanità picena ognuno secondo le proprie responsabilità, ma in maniera unita e condivisa, specie in un momento epocale di passaggio, come l’attuale, dove non è più possibile tornare al vecchio sistema organizzativo perché le condizioni finanziarie del Paese non lo consentono”. Secondo il vicepresidente “paghiamo difficoltà intrinseche per la contrapposizione esistita sul territorio tra zone diverse, che va superata, perché non ci sono strade alternative. Oggi, comunque, abbiamo disinnescato un preconcetto, con dati chiari ed evidenti: non siamo un’Area Vasta penalizzata, ma veniamo considerati allo stesso livello delle altre Aree Vaste in termini di risorse disponibili”. Canzian ha poi sottolineato come la riorganizzazione della rete dei Dipartimenti “imponga ai Capi di Dipartimento di assumere le proprie responsabilità. Abbiamo le competenze, le risorse, le capacità per operare le scelte migliori alle nostre esigenze. Dobbiamo essere propositivi nei confronti della Regione Marche, con indicazioni che servano al territorio”. Ha portato l’esempio dell’integrazione tra gli Ospedali di San Benedetto del Tronto e Ascoli Piceno: “Siamo avanti nella realizzazione del progetto, possiamo anche affrontare il problema dell’ospedale unico senza accapigliarci sul luogo dove realizzarlo”. In precedenza l’assessore alla Sanità, Almerino Mezzolani, ha ricordato come le Marche siano la “Regione che ha chiuso il bilancio 2013 con i migliori risultati: se siamo arrivati a questo traguardo, lo dobbiamo al coraggio delle scelte fatte. Siamo partiti, nel 2006, con un deficit di 150 milioni; nel giro di un paio d’anni siamo arrivati al pareggio. Ora dobbiamo discutere non di rivendicazioni, ma di come organizzare al meglio un sistema, pubblico e universalistico, che abbiamo salvato con le scelte giuste adottate negli anni”. La vera sfida, ha concluso l’assessore, “è quella della difesa dei diritti e della responsabilità dei doveri, tagliando privilegi che non ci possiamo più permettere”.

Fotocronaca

© www.ilmascalzone.it

nb: per immagini ad alta definizione scrivere a redazione@ilmascalzone.it




Adolescenti e nuove tecnologie

Convegno “Adolescenti e nuove tecnologie” 15 maggio 2014

 

ASCOLI PICENO – Il 15 maggio prossimo, dalle ore 15.30 alle ore 18.30, si svolgerà il convegno “Adolescenti e nuove tecnologie” presso la Sala Docens “M. Scatasta”, rivolto a tutta la popolazione.

Il convegno nasce dall’esigenza di informare gli adulti sui rischi legati all’utilizzo scorretto di internet e delle nuove tecnologie multimediali da parte dei giovani, e tratterà il tema della sicurezza dei minori e della privacy su Internet.

I recenti episodi di cronaca mettono in luce come le nuove generazioni siano le prime nate e cresciute nell’era di computer, e-mail e telefoni cellulari. Internet ha aperto nuove possibilità per tutti noi. L’altra faccia della medaglia è però rappresentata dai rischi legati ad un uso improprio di questo strumento. Per i giovani, la distinzione tra vita online e vita reale è davvero minima, la vita virtuale influenza il modo di comportarsi nella quotidianità con risvolti che devono essere presi in considerazione per comprendere a fondo episodi di attualità come il cyberbullismo.

Al convegno interverranno il dott. Vincenzo Luciani, Responsabile del Consultorio Familiare di Ascoli Piceno e San Benedetto del Tronto, la Dott.ssa Patrizia Nobili, psicologa del progetto “Stop al bullismo” per l’ATS XXII di Ascoli Piceno e gli Agenti della Polizia Postale di Ancona Dott.ssa Cinzia Grucci e Dott. Giovanni Bonomo.

Il convegno è organizzato dalla Dott.ssa Maria Grazia Mercatili, Dirigente dell’U.O. Promozione Educazione Alla Salute del Dipartimento di Prevenzione ASUR Marche AV n.5 e dal Coordinatore dell’ATS XXII di Ascoli Piceno, Dott. Cesare Rapagnani. 




Micah P. Hinson, sold out il concerto di domenica

 

C’era da aspettarselo, ma è piacevole avere l’ufficialità del sold out per il concerto che Micah P. Hinson terrà al Teatro Leopardi di S. Ginesio (Macerata) domenica prossima 18 maggio. Micah concluderà nella nostra regione il suo tour italiano che è partito ieri dall’Hana-Bi di Marina di Ravenna e toccherà anche Milano (stasera), Torino (domani), Roma (venerdì 16) e Padova (sabato 17).

 

Un grande artista arriva nelle Marche, per un concerto che si può definire epocale. Micah presenterà le canzoni del nuovo album “Micah P. Hinson and the Nothing”, inframmezzandole con i brani più amati del suo repertorio. Dal 2005, l’anno di “Micah P. Hinson and the Gospel of Progress”, l’artista texano regala emozioni sincere a chi ha a cuore le sorti del folk-rock americano, raccontando in un modo unico il dolore e la perdita, la malinconia e il mal di vivere. Nell’estate 2011 Hinson è rimasto vittima di un brutto incidente d’auto in Spagna. Durante la convalescenza in Texas, impossibilitato a suonare, ha spedito a vari musicisti i demo realizzati prima dell’incidente. Il nuovo album ha preso una forma più compiuta nel 2012, quando Hinson è tornato in Spagna per due settimane di registrazioni al Moon River Studio di Santander con l’Aquattro String Quartet. Il risultato è il magnifico “Micah P. Hinson and the Nothing”.




Assemblea Sit-in di protesta al “Madonna del Soccorso”

SAN BENEDETTO DEL TRONTO, 2014-05-13 – Non molti oggi all’Assemblea Sit-in nel piazzale antistante il Pronto Soccorso dell’Ospedale di San Benedetto e un solo Sindaco…

Ora non resta che attendere domani per il Sit-in all’Ospedale di Ascoli e  la riunione “Stati Generali della Sanità” con il presidente Spacca, il vice Canzian e i vertici dell’Asur Marche (da Mezzolani, Genga, Ciccarelli e Del Moro) il 15 maggio alle ore 10 presso la sala consigliare del Comune di Castel di Lama.

Fotocronaca

© www.ilmascalzone.it

nb: per immagini ad alta definizione scrivere a redazione@ilmascalzone.it

 

 

 

 




Polittico di Carlo Crivelli, Museo Aperto per Lavori proroga le attività di conservazione programmata fino al 29 maggio

di Rosita Spinozzi

 

 

MONTEFIORE DELL’ASO – Sono state prorogate fino al 29 maggio le attività di conservazione programmata del Polittico di Carlo Crivelli presso il Polo Museale di Montefiore dell’Aso, nell’ambito dell’iniziativa Museo Aperto per Lavoripromossa da Musei Piceni e dall’Amministrazione Comunale di Montefiore, in collaborazionecon la Scuola di Conservazione e Restauro e il Dipartimento di Scienze di Base e Fondamenti dell’Università ‘Carlo Bo’ di Urbino. Iniziati il 28 aprile, i lavori rappresentano un’occasione di importanza eccezionale per il patrimonio artistico del territorio. Quest’anno le operazioni di manutenzione ordinaria avranno, appunto, ad oggetto una delle opere di maggiore rilievo del maestro veneto Carlo Crivelli: il Polittico conservato nel Polo Culturale San Francesco di Montefiore dell’Aso. Le operazioni già avviate e in fase di operazione, saranno effettuate nel laboratorio temporaneo di restauro e di diagnostica allestito all’interno del Polo Museale, coinvolgendo non solo docenti della Scuola di Conservazione e Restauro e il Dipartimento di Scienze di Base e Fondamenti dell’Università ‘Carlo Bo’ di Urbino, tra cui la dott.ssa Daphne De Luca, ma anche consulenti esterni come Gianluigi Colalucci, Mauro Matteini, Claudio Falcucci della società Mida- Metodologie d’Indagine per la Diagnostica Artistica, Matteo Fabbri della società Tryeco, ed esperti delle diverse istituzioni tra cui la Soprintendenza Bsae delle Marche, Musei Piceni, Comune di Montefiore, Regione Marche, e numerose società private che sostengono finanziariamente l’iniziativa: Artifex Srl – Comunicare con l’arte,Luigi Viglione Notaio in Roma, Emma per l’Arte, Forno Roscioli. L’iniziativa è articolata su diverse fasi di lavoro, secondo un calendario fitto di appuntamenti ai quali è possibile partecipare contattando l’Associazione Agheiro ai numeri0734/938743, 328/1775908. Nelle giornate già trascorse si sono svolte le attività di rilievo e documentazione del manufatto. Nei prossimi giorni, dal 19 al 23 e dal 27 al 29 maggio,si svolgeranno gli interventi sull’opera. Eccellente il percorso di Museo Aperto per Lavori che, da anni, permette a chiunque di prendere parte alle operazioni di manutenzione programmata di importanti opere del patrimonio artistico locale, partecipando a workshop organizzati in occasione degli interventi specifici.

Il progetto di valorizzazione che riguarda il Polittico di Carlo Crivelli pone in evidenza il concetto di restauro quale terreno di intersezione tra le componenti storiche, scientifiche e tecniche, in grado di produrre conoscenza per la salvaguardia del patrimonio artistico, memoria storica del nostro paese. «Il ‘modello’ di collaborazione tra istituzioni diverse intende dimostrare che è possibile sviluppare azioni concertate ‘in economia’ per tutelare i beni culturali. È in questo contesto che si può e si deve elaborare una nuova, efficace proposta per il rilancio complessivo di un nuovo modello per la gestione e la fruizione dei beni culturali» spiegano i responsabili di Museo Aperto per Lavori sottolinendo che, a tal proposito, è necessario riattivare il circuito identità culturale e ricchezza distribuita, proporre concrete modalità di razionalizzazione della spesapubblica e privata nel campo della cultura; individuare ruoli e modelli strutturali di eventuali soggetti di intermediazione nella gestione della cultura e ridisegnare le funzioni conoscitive, di ricerca e di tutela della pubblica amministrazione in una continua collaborazione fra istituzioni «In Italia la complessità dell’intreccio fra territorio, musei, paesaggio, iniziative culturali, istituzioni di formazione è talmente tanta e tale che, se riuscissimo a perseguire questo modello efficace a carattere nazionale, e modulabile sulle nostre realtà locali, potremmo aspettarci che esso sia modellizzabile ed esportabile in Europa ed altrove».

Lavori Polittico Crivelli

Lavori Polittico Crivelli

Info:http://www.museipiceni.itmuseipiceni@museipiceni.it




La Sanità non si taglia – Difendiamola noi

SAN BENEDETTO DEL TRONTO, 2014-05-12 – E’ quanto recita il volantino predisposto da FP CGIL – CISL FP – FSI e NURSIND unitamente alla RSU dell’Area Vasta 5 per chiamare a raccolta gli operatori sanitari, i cittadini, i pensionati, le associazioni dei malati, i Sindaci dei Comuni dell’Area Vasta 5 e tutte le donne e gli uomini di buona volontà del Piceno, per partecipare all’assemblea sit-in davanti ai due presidi ospedalieri del nostro territorio.

Martedì 13 Mag 2014 dalle ore 12.30 assemblea sit-in davanti all’Ospedale di San Benedetto del Tronto

 

Sit-In_Ospedale SBT_13-mag-2014

Sit-In_Ospedale SBT_13-mag-2014

Mercoledì 14 Mag 2014 dalle ore 12.30 assemblea sit-in davanti all’Ospedale di Ascoli Piceno

 

Sit-In_Ospedale AP_14 mag 2014

Sit-In_Ospedale AP_14 mag 2014




Biagio Nazzaro – Samb 1 a 4

San Benedetto del Tronto, 2014-05-11 – La Samb chiude la stagione con un poker

 

 

LND Eccellenza Marche, Risultati 34ma giornata

MONTURANESE
CASTELFIDARDO 1:4
GROTTAMMARE
PORTORECANATI 1:3
TOLENTINO
ELPIDIENSE 3:0
V. SENIGALLIA
FALERONE 2:1
CAGLIESE
MONTEGIORGIO 1:2
CORRIDONIA
PAGLIARE 1:0
URBANIA
TRODICA 4:1
FORSEMPRONESE
VISMARA 2:0
B. NAZZARO
SAMB 1:4 

 

LND Eccellenza Marche, Classifica 34ma giornata

 

G

P.ti

V

N

P

Reti F/A

SAMB

34

89

28

5

1

81:27

CASTELFIDARDO

34

75

23

6

5

61:22

B. NAZZARO

34

59

17

8

9

63:50

URBANIA

34

54

14

12

8

42:29

TOLENTINO

34

53

13

14

7

50:36

TRODICA

34

52

14

10

10

47:39

FALERONE

34

52

14

10

10

53:46

MONTEGIORGIO

34

51

14

9

11

50:40

PORTORECANATI

34

50

14

8

12

54:45

VISMARA

34

42

10

12

12

36:36

GROTTAMMARE

34

41

11

8

15

32:40

V. SENIGALLIA

34

40

9

13

12

35:44

FORSEMPRONESE

34

37

10

7

17

36:55

CORRIDONIA

34

37

9

10

15

30:44

PAGLIARE

34

33

7

12

15

32:49

ELPIDIENSE

34

31

7

10

17

39:62

MONTURANESE

34

21

3

12

19

32:64

CAGLIESE

34

16

4

4

26

26:71