Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 04:37 di Mer 21 Nov 2018

Articoli di Recensioni

image_pdfimage_print

Spiritualized “And Nothing Hurt”

di

“And Nothing Hurt” (Bella Union/Fat Possum, 2018)

L’ottavo lavoro degli Spiritualized è una grande opera rock, probabilmente il miglior disco della band inglese dopo il capolavoro tossico del 1997, Ladies And Gentlemen We Are Floating In Space



Villagers “The Art Of Pretending To Swim”

di

“The Art Of Pretending To Swim” (Domino, 2018)

Un disco uniformemente toccato dalla grazia, che conferma Conor O’Brien come uno dei migliori autori della sua generazione



Michael Imperioli “Il profumo bruciò i suoi occhi”

di

“Il profumo bruciò i suoi occhi” (Neri Pozza, Bloom – pag. 208; euro 16,50)

Chi lo immaginava che Michael Imperioli, meglio conosciuto come il Christopher Moltisanti della serie tv I Soprano, fosse un così abile narratore, capace di fare centro con il suo romanzo d’esordio?! Ambientato a New York nella torrida estate del 1976, Il profumo bruciò i suoi occhi svela la storia del giovane Matthew che, dopo la […]



Ruen Brothers “All My Shades Of Blue”

di

“All My Shades Of Blue” (Ramseur / Goodfellas, 2018)

L’attitudine retromaniaca di partenza intercetta coordinate contemporanee grazie ad un suono pieno e vigoroso che cerca di immaginare come potrebbe suonare Roy Orbison al tempo dei millennials



Leonard Michaels “Il club degli uomini”

di

“Il club degli uomini” (Einaudi, 2018 – Pagine 144; euro 17,00)

Einaudi riporta in libreria l’esordio dello scrittore ebreo-americano scomparso nel 2003. Si tratta di un romanzo del 1981 che all’epoca fu finalista al National Book Award e che racconta di un gruppo di uomini borghesi che, nella California degli anni Settanta, decidono di vedersi a casa di uno di loro per chiacchierare in libertà delle proprie scappatelle e dei propri desideri



Okkervil River “In The Rainbow Rain”

di

“In The Rainbow Rain” (ATO Records, 2018)

Quando funziona, la scrittura di Will Sheff è tra le migliori in circolazione, così letteraria, verbosa, mai ammiccante o consolatoria, invece intransigente e disturbante nella sua idea di lasciare un solco di verità e purezza



“Tonya” di Graig Gillespie

di

“Tonya” (“I, Tonya” – USA, 2017)

La vita della pattinatrice statunitense Tonya Harding in un riuscito biopic firmato dall’australiano Graig Gillespie che ha ottenuto tre candidature all’Oscar e una statuetta per la migliore attrice non protagonista all’eccezionale Allison Janney.



Jean Echenoz “L’occupazione del suolo”

di

L’occupazione del suolo è un piccolo capolavoro, un racconto urbano fatto di prosa evocativa e immagini poetiche, struggenti. Echenoz l’ha pubblicato nel 1988, prima di scrivere i romanzi che l’hanno reso uno dei maggiori scrittori d’Oltralpe.



Eloisa Atti “Edges”

di

“Edges” (Alman Music, 2018)

Una musica evocativa, che richiama spazi enormi, che scompiglia la grigia quotidianità con l’elemento selvaggio; confezionata con cura artigianale, fino a creare un sound denso e allo stesso tempo arioso, libero di disperdersi into the wild. I confini del titolo sono solo pretesti per andare oltre qualsiasi steccato, geografico o mentale, per superare e superarsi nel proprio desiderio



GoGo Penguin “A Humdrum Star”

di

GoGo Penguin “A Humdrum Star”

I GoGo Penguin fanno convivere più anime nella loro musica, quella elettronica, quella classica e quella jazz. Il risultato è un viaggio affascinante e multicolore nella contemporary music



Argomenti Frequenti


Archivio


Ricerca personalizzata