Operazione “Spiagge libere” a Cupra Marittima

Cupra Marittima – Nel corso della nottata tra il 9 e 10 agosto u.s., personale militare dell’Ufficio Locale Marittimo – Guardia Costiera di Cupra Marittima, sotto il coordinamento operativo della Capitaneria di Porto di San Benedetto del Tronto ed in collaborazione con la Polizia Locale, ha posto in essere un mirato servizio di controllo del territorio del Comune di Cupra Marittima, al fine di garantire l’ordinato e libero svolgimento delle attività balneari e tutelare il bene demaniale marittimo.

L’attività ha consentito la rimozione e il sequestro di n° 193 (centonovantatré) installazioni e attrezzature varie (ombrelloni, sdraio, lettini, ecc….) posizionati in maniera permanente sulle spiagge libere, anche dopo il tramonto, in contrasto al regolamento Comunale vigente sull’utilizzo del litorale marittimo, per finalità turistico-ricreative, del Comune di Cupra marittima.

L’attività di rimozione, attuata per contrastare un’illecita abitudine, si è resa necessaria al fine di ripristinare la libera fruizione di tali spiagge da parte di tutta la collettività. Si ricorda, infatti, che le spiagge libere sono a disposizione di tutti ma, tuttavia, corre l’obbligo di rimuovere tutte le attrezzature di proprietà nel momento in cui si va via dalla spiaggia, per non incorrere nella abusiva occupazione del demanio marittimo.-




La Guardia Costiera soccorre sei bagnanti in difficoltà a Grottammare

BAGNANTI IN DIFFICOLTA’ NEL TRATTO DI MARE ANTISTANTE LO STABILIMENTO “KOHI-NOOR” A GROTTAMMARE.

NELLA MATTINATA ODIERNA, ALLE ORE 11.20 CIRCA, IL PERSONALE DELLA CAPITANERIA DI PORTO – GUARDIA COSTIERA DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO, IN ATTIVITÀ DI “MARE SICURO”, E’ INTERVENUTO PER PRESTARE SOCCORSO AD ALCUNI BAGNANTI CHE SI SONO TROVATI IN SERIA DIFFICOLTA’ NEL TRATTO DI MARE ANTISTANTE GLI STABILIMENTI BALNEARI DENOMINATI KOHI-NOOR E RAGNO VERDE DI GROTTAMMARE.

1530 – Mare Sicuro

IL SOCCORSO, PRESTATO CON LA DIPENDENTE MOTOVEDETTA SAR CP843 ED IL GOMMONE GC140 DELLA GUARDIA COSTIERA, SI E’ RESO NECESSARIO A SEGUITO DI UNA FORTE RISACCA CHE, IN QUEL FRANGENTE, NON CONSENTIVA AI BAGNANTI DI RECUPERARE LA RIVA, TRASPORTANDOLI SEMPRE PIU’ A LARGO. LE CONDIZIONI DEL MARE ERANO TALI CHE GLI STESSI ASSISTENTI BAGNANTI DEI CITATI STABILIMENTI BALNEARI, CHE PRONTAMENTE SONO INTERVENUTI PER PRESTARE ASSISTENZA ALLE PERSONE IN DIFFICOLTA’, NON RIUSCIVANO A RITORNARE VERSO LA SPIAGGIA.

L’ATTIVITA’ DI SOCCORSO HA CONSENTITO DI PORTARE IN SALVO SEI PERSONE, TRA LE QUALI ANCHE I TRE ASSISTENTI BAGNANTI CHE OPERAVANO NEL TRATTO DI LITORALE INTERESSATO.

OCCORRE RIBADIRE L’IMPORTANZA DI PRENDERE SEMPRE IN SERIA CONSIDERAZIONE I SEGNALI, QUALI LA BANDIERA ROSSA OVVERO I CARTELLI CHE INDICANO LE ZONE DI DIVIETO DELLA BALNEAZIONE, CHE CI INFORMANO DEI POTENZIALI PERICOLI DEL MARE.

INOLTRE E’ IMPORTANTE RICORDARE COME, MANTENERSI NEI LIMITI DELLA ACQUE SICURE, TENERE SEMPRE A VISTA I BAMBINI POSSIBILMENTE MUNENDOLI DI QUEGLI AUSILI CHE NE FAVORISCONO IL GALLEGGIAMENTO, EVITARE L’ESPOSIZIONE AL SOLE NELLE ORE PIU’ CALDE DELLA GIORNATA, SIANO PICCOLI ACCORGIMENTI CHE, TUTTAVIA, POSSONO CONSENTIRE ED ASSICURARE UNA BALNEAZIONE SICURA.




Tartaruga Caretta Caretta recuperata al porto

AVVISTATA E RECUPERATA UNA TARTARUGA SPECIE “CARETTA CARETTA” NEL PORTO DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO

NELLA MATTINATA ODIERNA GLI UOMINI DELLA CAPITANERIA DI PORTO – GUARDIA COSTIERA DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO IN ATTIVITÀ DI “MARE SICURO”, SONO INTERVENUTI IN AMBITO PORTUALE CON IL MEZZO NAUTICO GOLF CHARLIE 140 AL FINE DI RECUPERARE UNA TARTARUGA MARINA AVVISTATA DAL PERSONALE IN SERVIZIO PRESSO IL CIRCOLO NAUTICO SAMBENEDETTESE.

LA TARTARUGA, DI TIPO “CARETTA CARETTA”, NUOTAVA ALL’INTERNO DEL BACINO PORTUALE, DISORIENTATA E FERITA SENZA RIUSCIRE A RIPRENDERE LA VIA DEL MARE, CON IL RISCHIO DI ESSERE COLPITA DALLE UNITA’ IN NAVIGAZIONE PRESENTI IN PORTO.

LA TARTARUGA È STATA AFFIDATA DAPPRIMA AL PERSONALE DELL’UNICAM DI CAMERINO SEDE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO. LA STESSA IN SEGUITO ALL’ISPEZIONE DEL VETERINARIO DELL’ASUR E’ STATA, IMMEDIATAMENTE, TRASFERITA PRESSO IL CENTRO SPECIALISTICO DI RECUPERO E RIABILITAZIONE DI NUMANA PER RICEVERE LE CURE MEDICHE DEL CASO. LA CAPITANERIA DI PORTO DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO CONSIGLIA DI SEGNALARE SEMPRE IL RINVENIMENTO DI ESEMPLARI DI SPECIE MARINE PROTETTE IN DIFFICOLTÀ, AL FINE DI PERMETTERNE IL RECUPERO E LA REINTRODUZIONE NEL LORO HABITAT NATURALE.




Operazione di controllo sulla filiera della pesca delle vongole

Compartimento marittimo di San Benedetto del Tronto

 

San Benedetto del Tronto, 2019-06-13 – Nella giornata di oggi 13 giugno 2019, gli Ispettori pesca della Capitaneria di porto di San Benedetto del Tronto, in collaborazione con i militari dell’Ufficio Circondariale marittimo di Porto San Giorgio e con i militari dell’Ufficio Locale marittimo di Cupra Marittima, hanno effettuato una complessa attività di vigilanza in materia di pesca di molluschi bivalvi (vongole), nell’ambito del Compartimento marittimo di San Benedetto del Tronto, ovvero lungo le coste picene e fermane. Tali controlli hanno portato all’individuazione di pescatori imbarcati su sei unità professionali, intenti a sbarcare e nascondere, in maniera fraudolenta all’interno di alcuni veicoli, circa 23 sacchi di vongole per un totale di 427 kg.

I comandanti delle unità individuate sono stati sanzionati per una serie di violazioni inerenti la pesca e nello specifico per aver superato i quantitativi di prodotto da pescare consentito dalla normativa europea e nazionale, per assenza di tracciabilità e per mancanze riguardanti la compilazione di documenti inerenti le catture. Le violazioni accertate hanno portato all’applicazione di sanzioni amministrative per un totale di 32500 euro.  Inoltre, in relazione alla gravità delle violazioni commesse, sono stati attribuiti i previsti punti sia ai titoli dei comandanti che alle licenze di pesca delle unità coinvolte. Il prodotto ittico consistente in 427 kg è stato sottoposto a sequestro e successivamente rigettato, dal personale della Capitaneria di porto, nelle aree a mare di restocking, a seguito di valutazione sanitaria da parte del medico veterinario dell’Asur Marche.

La pesca delle vongole è disciplinata attraverso un piano di gestione nazionale che stabilisce, tra le altre cose, chiare regole sui quantitativi pescabili, tracciabilità del prodotto e luoghi di cattura. Tali regole hanno l’obiettivo di garantire la sopravvivenza della risorsa ittica, importante sia per il comparto produttivo locale che per i delicati equilibri biologici che caratterizzano il Mare Adriatico. In particolare, è fondamentale che siano rispettate le disposizioni riguardanti il quantitativo massimo di prodotto ittico pescabile ai fini della riproduzione e sopravvivenza di tale specie. Non ultimo, le cattura illegali ed eccessive di tale risorsa sono destinate a forme di commercializzazione illecite, costituendo anche un grave danno alle economie dei pescatori che esercitano correttamente la professione.

 




Giornata del Mare e della Cultura Marinara alla Sentina

San Benedetto del Tronto, 2019-06-04 – SI E’ SVOLTA OGGI, PRESSO LA RISERVA NATURALE REGIONALE SENTINA, “LA GIORNATA NAZIONALE DEL MARE E DELLA CULTURA MARINARA”. HANNO PARTECIPATO SETTANTA ALUNNI DELLE SCUOLE DELL’INFANZIA “A. MARCHEGIANI” DELL ISC NORD E DELLA SCUOLA DELL’INFANZIA ALFORTVILLE DELL’ISC SUD.

DURANTE LA GIORNATA SI SONO SVOLTE ATTIVITA’ DI SOCCORSO IN MARE E RECUPERO DI TRE NAUFRAGHI CADUTI IN ACQUA DA UNA BARCA A VELA GRAZIE ALLA PARTECIPAZIONE DI UNITÀ NAVALI DELLA GUARDIA COSTIERA E PERSONALE SUBACQUEO DEL NUCLEO SOMMOZZATORI DELLA LA GUARDIA COSTIERA DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO.

SONO STATE SVOLTE ATTIVITÀ DI RECUPERO NAUFRAGHI MEDIANTE L’INTERVENTO DI CANI DI SALVATAGGIO DELLA FEDERAZIONE ITALIANA SALVAMENTO ACQUATICO (FISA).

INOLTRE, I BAMBINI PRESENTI HANNO POTUTO CIMENTARSI IN ESERCITAZIONI E DIMOSTRAZIONI CON UNITÀ A VELA E CANOE EFFETTUATE DAGLI ISTRUTTORI DELLA LEGA NAVALE ITALIANA SEZIONE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO.

I BAMBINI PRESENTI HANNO PRESO PARTE AD UNA LEZIONE DI NODI MARINARESCHI TENUTA DAL PERSONALE DELL’ASSOCIAZIONE MARINAI D’ITALIA E DELLA GUARDIA COSTIERA E ALL’EFFETTUAZIONE DI UNA CHIAMATA DI SOCCORSO INTERCONTINENTALE GRAZIE ALL’ASSOCIAZIONE RADIOAMATORI A.R.I. DI ASCOLI PICENO.

L’ATTIVITA’ E’ STATA IMPREZIOSITA DALLA CROCE ROSSA ITALIANA SEZIONE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO CHE HA EFFETTUATO UNA DIMOSTRAZIONE DI PRIMO SOCCORSO SANITARIO SU UNO DEI VELISTI CADUTI IN ACQUA.

HA COLLABORATO ALLA BUONA RIUSCITA DELLA MANIFESTAZIONE ANCHE LA GUARDIA NAZIONALE AMBIENTALE CHE HA IMPIEGATO DRONI PER L’ATTIVITA’ DI RICERCA E SALVATAGGIO IN MARE DEI VELISTI CADUTI IN ACQUA.

LE ATTIVITA’ A CUI HANNO PARTECIPANTO GLI ALUNNI SONO STATE MOLTEPLICI E I QUALI SONO APPARSI SUBITO COINVOLTI E INCURIOSITI.

A TUTTI GLI ALUNNI SONO STATI CONSEGNATI MAGLIETTA, CAPPELLINO E ZAINETTO CON I LOGHI DELLA GIORNATA NAZIONALE DEL MARE E DELLA CULTURA MARINARA.

SI RINGRAZIA IL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO, LA RISERVA NATURALE SENTINA, LA LEGA NAVALE ITALIANA, LA CROCE ROSSA, L’ASSOCIAZIONE NAZIONALE MARINAI D’ITALIA, LA FEDERAZIONE ITALIANA SALVAMENTO ACQUATICO, LA GUARDIA NAZIONALE AMBIENTALE E LA BANCA DI RIPATRANSONE E DEL FERMANO – CREDITO COOPERATIVO PER LA COLLABORAZIONE CHE HANNO OFFERTO PER L’OTTIMA RIUSCITA DELLA GIORNATA NAZIONALE DEL MARE E DELLA CULTURA MARINARA.




L’Onorevole Paola Deiana incontra i promotori del progetto “A pesca di plastica”

San Benedetto del Tronto, 2019-05-31 – Il progetto “A pesca di plastica”, attività che per tutto il mese di maggio 2019 ha coinvolto l’intera flotta a strascico di San Benedetto del Tronto – circa 40 pescherecci – nel conferire a terra i rifiuti raccolti in mare, promosso dall’associazione MedShark, in sinergia con il progetto europeo Clean Sea LIFE, sotto il coordinamento della Capitaneria di Porto di San Benedetto del Tronto, e con la collaborazione del Comune di San Benedetto del Tronto, l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centrale e le società di gestione dei rifiuti PicenAmbiente S.p.A. e Garbage Service, ha avuto come scopo ultimo quello di stabilire una solida base conoscitiva utile per le Autorità competenti e i decisori politici, necessaria per adottare le attività di fishing for litter in modo continuativo.

A Pesca di Plastica

? ???? Una flotta di 40 pescherecci, per tutto il mese di maggio, ha sbarcato, oltre a seppie, triglie e calamari, anche i rifiuti intrappolati nelle reti, che sono stati poi analizzati e avviati allo smaltimento. Eleonora de Sabata, coordinatrice di #APescaDiPlastica, racconta a #Radio1 perché questo progetto può fare la differenza per la tutela del nostro mare ????????Clean Sea LIFE???? Approfondimenti nel #GR1

Pubblicato da Radio1 Rai su Venerdì 31 maggio 2019

 

In quest’ottica l’On. Paola Deiana ha incontrato presso la Capitaneria di Porto di San Benedetto del Tronto i fautori del progetto, per analizzare i dati raccolti durante l’attività sperimentale, nonché le esperienze e le criticità rilevate, e condividere il disegno di legge “Salva Mare”, di cui la deputata è relatrice.
Preso atto del riscontro positivo ottenuto dopo questo primo mese di “pulizia dei fondali”, le autorità locali stanno valutando di protrarre l’attività fino al mese di agosto, in cui avrà inizio il fermo dell’attività di pesca.

 




La Capitaneria di Porto ripropone la “Giornata del Mare”

San Benedetto del Tronto – LA CAPITANERIA DI PORTO DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO RIPROPORRA’, PRESSO LA RISERVA NATURALE DELLA SENTINA IL PROSSIMO 04 GIUGNO DALLE ORE 09:00 ALLE ORE 12:00, L’EVENTO ORIGINARIAMENTE PREVISTO NELLA PROGRAMMAZIONE DELLA “GIORNATA DEL MARE” 2019, CHE LO SCORSO 11 APRILE SI E’ POTUTO CELEBRARE SOLO IN PARTE PER LE CONDIZIONI METEO NON FAVOREVOLI.

LA “GIORNATA DEL MARE”, PREVISTA DAL CODICE DELLA NAUTICA DA DIPORTO, È PROMOSSA DAL COMANDO GENERALE DEL CORPO DELLE CAPITANERIE DI PORTO – GUARDIA COSTIERA, NELLA VESTE DI INTERLOCUTORE PRIVILEGIATO PER TUTTE QUELLE ATTIVITÀ TESE A VALORIZZARE LA CULTURA DEL MARE E LA SUA SALVAGUARDIA.

LA PROGRAMMAZIONE VEDRÀ TUTTI I SODALIZI PARTECIPANTI E L’AUTORITÀ MARITTIMA, IMPEGNATI NELLA SIMULAZIONE DI UNA OPERAZIONE DI SOCCORSO DOVE, IN SEGUITO AL CAPOVOLGIMENTO DI UNA UNITÀ A VELA CON TRE PERSONE A BORDO, VI SARÀ L’INTERVENTO DI UNA SQUADRA DI SUBACQUEI “RESCUE SWIMMER” DELLA GUARDIA COSTIERA, DI UN CANE DI SALVATAGGIO DELLA SCUOLA FEDERALE CINOFILI DA SALVAMENTO DELLA FISA E DI UN SUB DEL 1° NUCLEO OPERATORI SUBACQUEI DELLA GUARDIA COSTIERA DI BASE A SAN BENEDETTO DEL TRONTO. A SEGUIRE VERRANNO SIMULATE LE PRIME CURE DI PRONTO SOCCORSO DA PERSONALE SPECIALIZZATO DELLA CROCE ROSSA ITALIAN,A SEZIONE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO, MEDIANTE LA MODERNA TECNICA DEL PRIMO SOCCORSO BLS-D. LA FASE SUCCESSIVA, INVECE, SARÀ CARATTERIZZATA DA UNA BREVE ISTRUZIONE MARINARESCA AD OPERA DELL’ASSOCIAZIONE NAZIONALE MARINAI D’ITALIA (A.N.M.I.) DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO E DA UN ESPERTO DELLA GUARDIA COSTIERA. INFINE, VI SARÀ UNA LEZIONE DI EDUCAZIONE AMBIENTALE AD OPERA DELLA DOTT.SSA SABINA EVANGELISTI, DEL CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE DELLA SENTINA.

A COROLLARIO DELLA MANIFESTAZIONE, DA SEGNALARE IL RADUNO DI VELE, CANOE E KAYAK DELLA LEGA NAVALE ITALIANA E L’ALLESTIMENTO DI STAND ED ATTIVITÀ DIMOSTRATIVE DA PARTE DI OGNI SODALIZIO.

LA GIORNATA DEL MARE E’ RIVOLTA IN PARTICOLARE AI BAMBINI, CON L’OBIETTIVO DI EVIDENZIARE IL CORRETTO MODO DI APPROCCIARE A QUESTO FANTASTICO ECOSISTEMA, DIRETTAMENTE CONNESSO E INFLUENZATO DAI COMPORTAMENTI CHE SI ASSUMONO ANCHE SULLA TERRA FERMA, MA NON TRALASCIA, NELL’ESSENZA DEL MESSAGGIO CHE LANCIA, GLI ADULTI, IL CUI RUOLO NELL’EDUCAZIONE AMBIENTALE DELLE NUOVE GENERAZIONI NON È CERTAMENTE SECONDARIO A QUELLO DELLE ISTITUZIONI.

TUTTA LA CITTADINANZA È INVITATA A PARTECIPARE ALL’EVENTO.

 




Il Prefetto di Fermo in visita alla Capitaneria di Porto

San Benedetto del Tronto, 2019-05-22 – Questa mattina il Prefetto di Fermo, Dott.ssa Vincenza FILIPPI, si è recata in visita presso la Capitaneria di Porto di San Benedetto del Tronto dove, dopo essere stata accolta dal Direttore Marittimo delle Marche Contrammiraglio (CP) Enrico MORETTI, dal Capo del Compartimento Marittimo C.F. (CP) Mauro COLAROSSI e dal Comandante del porto di Porto San Giorgio T.V.(CP) Ciro PETRUNELLI, ha incontrato il personale in servizio presso la Capitaneria.

In questa occasione, sono state illustrate al Prefetto i compiti istituzionali del Corpo delle Capitanerie di Porto, nonché le attività principali di vigilanza della costa e polizia marittima, con particolare riguardo agli aspetti demaniali, ambientali e della pesca.

Inoltre, sono state fornite alcune prime indicazioni sulle molteplici attività che verranno svolte durante il periodo estivo lungo il litorale del Compartimento marittimo a salvaguardia della vita umana in mare e della sicurezza della navigazione.

Il Comandante Colarossi ha espresso grande soddisfazione per la visita del Prefetto di Fermo, che si inserisce in una serie di incontri istituzionali con le massime Autorità che operano nella giurisdizione del Compartimento e nel corso dei quali è emerso in tutta la sua evidenza, il ruolo centrale che la Capitaneria di porto esercita a sostegno dello sviluppo economico del settore marittimo locale.




Il Prefetto di Ascoli Piceno in visita alla Capitaneria di Porto

San Benedetto del Tronto, 2019-05-21 – In data odierna, il Prefetto di Ascoli Piceno, Dott.ssa Rita STENTELLA ha visitato la sede della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di San Benedetto del Tronto.

Accolta dal Capo del Compartimento Marittimo – C.F. (CP) Mauro COLAROSSI -, il Prefetto STENTELLA, nel corso della sua visita, ha potuto visitare la struttura, le dotazioni ed i mezzi navali del Corpo, intrattenendosi anche con il Personale militare e civile.

Il Prefetto di Ascoli Piceno in visita alla Capitaneria di Porto

La giornata è proseguita con l’illustrazione, da parte del Comandante Colarossi, del litorale facente parte del Compartimento Marittimo di San Benedetto del Tronto, che prossimamente sarà interessato dall’operazione Mare Sicuro e che si protrarrà per tutta l’estate.

Il Comandante Colarossi ha espresso grande soddisfazione per la visita del Prefetto di Ascoli Piceno, massima Autorità provinciale, il quale ha avuto modo di conoscere più nel dettaglio il lavoro degli uomini della Guardia Costiera, nonché il fondamentale ruolo che l’Autorità Marittima riveste per la comunità locale, con particolare riferimento agli utenti del mare ed agli operatori portuali.

 




Italian Ports Days per sensibilizzare alla cultura ambientale

Grottammare, 2019-05-17 – Nella mattinata di oggi, gli alunni delle classi 1A e 1B – Indirizzo Informatica – dell’IIS Fazzini-Mercantini di Grottammare, parteciperanno alla prima edizione di ‘Italian Ports Days’, un’iniziativa nazionale voluta, promossa e organizzata da Assoporti (l’associazione dei porti italiani), in collaborazione con le Autorità di Sistema Portuale e le Capitanerie di porto degli scali interessati.

Tra gli obiettivi principali di questa serie di appuntamenti, che dal 15 al 21 Maggio coinvolgeranno oltre 20 porti italiani, è quello di contribuire ad avvicinare le comunità che vivono in zone marittime alla vita e alla cultura portuale, per favorirne uno sviluppo equilibrato, sostenibile e razionale, in sintonia con l’ambiente cittadino.

Il programma della Capitaneria di porto sambenedettese, indirizzato in particolare alle scolaresche, prevede una visita al porto e ai mezzi navali in dotazione, al fine di far conoscere le attività che si sviluppano in ambito marittimo e la loro gestione. Seguirà una visita al Museo del mare del Comune di San Benedetto del Tronto, il quale ospita una mostra itinerante a cura della Fondazione Cetacea di Riccione. Qui saranno esposte le problematiche relative alla presenza di plastica in mare, con le inevitabili ripercussioni sulla fauna marina, soprattutto sulle tartarughe. Insieme all’associazione MedShark, sarà poi illustrato ai ragazzi il progetto “A pesca di plastica”, che impegnerà per l’intero mese di Maggio i pescatori sambenedettesi in una massiccia operazione di raccolta dei rifiuti plastici provenienti dal mare, tramite pesca a strascico. Gli alunni dell’IIS Fazzini-Mercantini, durante l’anno scolastico, hanno avuto occasione di avvicinarsi al tema molto attuale e preoccupante dell’abbandono dei rifiuti di plastica, attraverso la partecipazione al ‘COREPLA School Contest’ promosso dal Consorzio nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica: il progetto, tramite percorsi di approfondimento, informazioni e curiosita?, ha permesso agli studenti di imparare a conoscere ed elaborare le tematiche inerenti alla gestione sostenibile degli imballaggi in plastica.
Dunque, la partecipazione a questa importante iniziativa rappresenta una ulteriore e preziosa opportunità di sensibilizzazione al problema dei rifiuti, nonché di educazione ad una ‘cittadinanza attiva e responsabile’ che agisce nel rispetto dell’ambiente e della biodiversità.