Palaindoor 2020

ANCONA, PALAINDOOR 2020: IL CUORE DELL’ATLETICA CRESCE VERSO IL FUTURO
Nel capoluogo marchigiano, presentato il progetto di ampliamento dell’impianto al coperto dedicato all’atletica grazie al fondo “Sport e Periferie”.

Un Palaindoor più spazioso, più confortevole, più efficiente. Un Palaindoor che guarda al futuro per essere ancora di più al centro dell’atletica italiana. L’impianto indoor di Ancona, il più importante per l’atletica al coperto in Italia, cresce grazie al progetto finanziato dal fondo CONI “Sport e periferie” e entro il 2020 potrà disporre di due nuove aree dedicate all’allenamento e all’attività fisica per un totale di oltre mille metri quadri di superfici in più: il grande terrazzo sul lato nord verrà coperto con una nuova palestra e area di riscaldamento, mentre sul lato sud verrà creata una sala di alta specializzazione per il salto in alto, con l’obiettivo di fare di Ancona il centro di riferimento per la specialità a livello nazionale e non solo. Tutti i nuovi ambienti sono studiati per offrire il massimo comfort ambientale agli atleti e ai frequentatori dell’impianto e al contempo per ridurre al minimo l’impatto sui consumi energetici. Il progetto, che si prevede di realizzare entro il 2020, è stato presentato da Valeria Mancinelli, sindaco di Ancona e Alfio Giomi, presidente della Federazione Italiana di Atletica Leggera, dai progettisti Roberto Buccione e Rodolfo Giampaoli, alla presenza del presidente del CONI Marche, FabioLuna, del delegato dalla Regione Marche, Fabio Sturani, dell’assessore allo sport del Comune di Ancona, Andrea Guidotti, e del presidente del Comitato Regionale FIDAL Marche, Giuseppe Scorzoso. Presenti inoltre Alessia Trost, bronzo ai Mondiali indoor di salto in alto che si allena proprio ad Ancona, e il suo tecnico Marco Tamberi.
IL PROGETTO – A elaborare il progetto per la parte architettonica e strutturale è stato lo studio Buccione Architects, che aveva già progettato l’intero Palaindoor e, per quanto riguarda la parte impiantistica, lo studio Efaistos. Il grande terrazzo sul lato nord, oggi scoperto e inutilizzato, verrà trasformato in una nuova palestra e zona di riscaldamento: la nuova area, di circa 460 mq, sarà addossata all’attuale parete nord con una struttura portante in acciaio, ampie pareti vetrate e sarà adeguata sismicamente con fibre di carbonio. Da un punto di vista energetico la palestra sarà al più alto livello esistente, il livello A4, grazie a sistemi di risparmio attivi e passivi: il soffitto della sala verrà utilizzato sia per gli impianti di riscaldamento sia per l’illuminazione. La palestra consentirà in occasione di gare sportive di poter disporre di un’area di riscaldamento più estesa e confortevole dell’attuale, mentre durante la normale attività potrà essere utilizzata per una più ampia e varia attività sportiva aperta alla cittadinanza.
La palestra di alta specializzazione per il salto in alto sorgerà invece sul lato sud dell’impianto e avrà una superficie di circa 600 mq, con l’obiettivo di diventare il più importante centro di allenamento di eccellenza per il salto in alto a livello nazionale. La sala è stata pensata lavorando in stretta sinergia con i tecnici del settore salto in alto della Federazione Italiana di Atletica Leggera: sono state calcolate le rincorse degli atleti sia da destra che da sinistra, creando due “ali” alla sala in modo da ottimizzare gli spazi.  I sacconi di caduta sono posizionati contrapposti nelle due pareti trasversali, in posizione tale da ottimizzare la telemetria degli atleti. Le altezze della sala consentiranno una illuminazione artificiale tale da non compromettere l’esercizio degli atleti ed evitare ogni possibile abbagliamento. Tutta l’illuminazione dei nuovi ambienti sarà realizzata con tecnologia a led e con sistemi di gestione integrati e gestibili da remoto.
Il programma dell’intervento prevede nel corso del 2019 la progettazione esecutiva e l’assegnazione dei lavori e entro il 2020 la realizzazione dei nuovi ambienti: l’obiettivo è che Ancona e l’atletica italiana possano godere del nuovo Palaindoor già nell’anno dei Giochi Olimpici di Tokyo.
IL BANDO CONI “SPORT E PERIFERIE” – Il progetto di ampliamento del Palaindoor di Ancona è stato presentato dalla Federazione Italiana Di Atletica Leggera e approvato dal Comune di Ancona, proprietario della struttura. L’intervento ha un valore complessivo di due milioni di euro, interamente finanziati grazie a “Sport e Periferie”, il fondo istituito dal Governo per realizzare interventi edilizi per l’impiantistica sportiva volti, in particolare, al recupero e alla riqualificazione degli impianti esistenti. Il fondo ha come finalità il potenziamento dell’agonismo, lo sviluppo della cultura sportiva, la rimozione degli squilibri economico-sociali e l’incremento della sicurezza urbana. Il progetto di ampliamento del Palaindoor è stato inserito tra quelli approvati per gli impianti con valenza nazionale e internazionale.
I PROGETTISTI – La progettazione architettonica e strutturale dell’ampliamento del Palaindoor di Ancona è a cura dello studio dell’architetto Roberto Buccione di Grottaferrata (Roma), che già ha curato il progetto originario dell’impianto e che è specializzato nella progettazione e realizzazione di impianti sportivi. La parte impiantistica è stata invece curata dall’ingegner Rodolfo Giampaoli dello studio Efaistos di Modena, con una vasta esperienza nella rigenerazione energetica di edifici e nella sostenibilità ambientale.
LE DICHIARAZIONI – Valeria Mancinelli, sindaco di Ancona: “È stato determinante il gioco di squadra per raggiungere questo risultato. Dobbiamo ringraziare FIDAL e CONI che qui hanno consentito un investimento così importante. L’atletica si conferma una risorsa per la città di Ancona”.
Alfio Giomi, presidente FIDAL: “Ancona è uno dei centri di eccellenza per l’atletica, perché qui c’è una storia. Adesso ognuno deve fare la sua parte per realizzare il progetto nei tempi fissati, ovvero entro il 2020. L’atletica rappresenta sicuramente un valore aggiunto per la città, anche per portare risorse attraverso gli eventi. Fondamentale è quindi il ruolo del Palaindoor di Ancona”.
Fabio Luna, presidente CONI Marche: “Il bando Sport e periferie è un investimento straordinario per le Marche. Stiamo intervenendo per ridare alla regione impianti a norma e moderni”.
Fabio Sturani, delegato Regione Marche: “La Regione sta investendo nell’impiantistica in tutta la zona. Dobbiamo credere nello sport come risorsa, per attirare il turismo e far conoscere il territorio. Da sottolineare come il Palaindoor di Ancona abbia vinto un bando per rifare la pista e uno per l’efficientamento energetico”.
Andrea Guidotti, assessore allo sport Comune di Ancona: “Grazie a tutti quelli che hanno lavorato per questo obiettivo, il CONI ha mantenuto l’impegno che il presidente Malagò aveva preso proprio qui ad Ancona. Siamo molto contenti”.
Giuseppe Scorzoso, presidente FIDAL Marche: “La prossima stagione indoor, nei primi mesi del 2019, sarà particolarmente di alto livello, con un programma ricco di campionati italiani ed eventi internazionali. I numeri dicono quanto il Palaindoor sia importante per l’atletica e per le Marche, arrivando a circa 15 mila presenze di atleti in ogni anno”.
In chiusura Alessia Trost ha dato appuntamento a tutti per il weekend dei Campionati Italiani Assoluti, con la gara di salto in alto prevista venerdì 15 febbraio. INDOOR: IL CALENDARIO 2019 DELLE MARCHE
5 campionati italiani, 20 meeting, l’incontro della Nazionale: un programma senza precedenti al Palaindoor di Ancona

Sarà un inverno ricchissimo di appuntamenti per l’atletica delle Marche, più che mai. A livello italiano e internazionale. Nei primi tre mesi dell’anno, anche nel 2019, il nuovo calendario prevede un’attività particolarmente intensa. Il Palaindoor di Ancona si conferma al centro dell’attività nazionale al coperto e si prepara ad accogliere come di consueto 5 campionati italiani, per la quarta volta consecutiva, oltre a un gran numero di meeting che nel capoluogo marchigiano porteranno migliaia di atleti. Dopo sei anni tornerà l’Incontro internazionale Italia-Francia-Germania under 20 in sala, abbinato a quello di lanci under 23 all’aperto sulle pedane del campo Italico Conti. Nel primo weekend di marzo in pista anche i più giovani per “Ai confini delle Marche”, manifestazione dedicata ai migliori under 16 italiani.
Si partirà nei primissimi giorni del 2019 perché sabato 5 gennaio andrà in scena la riunione assoluta di apertura. Poi ogni fine settimana di gennaio avrà in programma tre meeting: infatti la domenica, con la mattina dedicata ai giovani, si raddoppia. Attese inoltre quattro prove infrasettimanali: 23 e 30 gennaio, 6 e 13 febbraio.
Il mese delle rassegne tricolori sarà ancora febbraio: l’evento clou in occasione degli Assoluti indoor (15-17), preceduti dai Campionati italiani juniores (under 20) e promesse (under 23) del 2-3 febbraio e dai Campionati italiani allievi (under 18) del 9-10 febbraio. Quindi i Campionati italiani master indoor dal 22 al 24 febbraio, per gli “over 35”, nel quindicesimo anno di attività al Palaindoor di Ancona.
Sabato 2 marzo toccherà poi agli azzurri dell’atletica: le Nazionali under 20 indoor e under 23 di lanci affronteranno i pari età di Francia e Germania. Protagonisti i giovani anche domenica 3 marzo con il tradizionale “Ai confini delle Marche”, incontro interregionale per rappresentative cadetti, che per il nono anno di fila vedrà sfidarsi molti tra i migliori under 16 del panorama italiano in una giornata di gare ad alta densità agonistica.
Si andrà avanti con altri due importanti momenti: l’Esaindoor (under 12) di sabato 9 e la Coppa Giovani di domenica 10 per ragazzi (under 14) e cadetti (under 16) che metterà in palio la Coppa Pasquale Del Moro, intitolata al dirigente e tecnico da poco scomparso. Nel weekend del 23-24 marzo la chiusura con i Campionati italiani paralimpici Fispes e Fisdir. Non solo Ancona: l’impianto indoor di Fermo ospiterà il Memorial Roberto Donzelli di salto con l’asta nel pomeriggio di domenica 27 gennaio, per un totale di 20 meeting sul territorio regionale senza contare le manifestazioni tricolori.

RIEPILOGO DATE PRINCIPALI – ANCONA INDOOR 2019
2-3 febbraio: Campionati italiani juniores e promesse indoor
9-10 febbraio: Campionati italiani allievi indoor
15-17 febbraio: Campionati italiani assoluti indoor
22-24 febbraio: Campionati italiani master indoor
2 marzo: Italia-Francia-Germania under 20 indoor e under 23 di lanci
3 marzo: “Ai confini delle Marche” under 16
23-24 marzo: Campionati italiani paralimpici indoor

LINK ALLE IMMAGINI
Il Palaindoor di Ancona: http://www.fidal.it/upload/Marche/TOP/PalaindoorAncona_top.jpg
http://www.fidal.it/upload/gallery/2016/Ancona-Campionati-Italiani-Assoluti-indoro-2-a-giornata/anc_italy_168.jpg
Il progetto della palestra e zona riscaldamento al Palaindoor di Ancona: http://www.fidal.it/upload/Marche/Palestra_Palaindoor.jpg
Il progetto della sala di alta specializzazione per il salto in alto: http://www.fidal.it/upload/Marche/Alto_Palaindoor.jpg
L’illuminazione della palestra: http://www.fidal.it/upload/Marche/Illuminazione_Palestra_Palaindoor.jpg

Cliccare qui per il download del comunicato

Le foto indicate sono libere da diritti per l’uso editoriale, fatto salvo l’obbligo di citazione dell’autore.
E’ escluso ogni altro genere di utilizzo.




Azzurri delle Marche per gli europei di Cross

 
Nella rassegna continentale di corsa campestre, a Tilburg (Olanda) il 9 dicembre, Eleonora Vandi al debutto in Nazionale assoluta e Ahmed Abdelwahed convocato tra gli under 23
Ancona – In una stagione ricca di risultati per l’atletica marchigiana, la stagione 2018 si chiude con altre convocazioni a un evento internazionale. Nei Campionati Europei di corsa campestre, che si svolgeranno domenica 9 dicembre a Tilburg (Olanda), farà il suo debutto in maglia azzurra assoluta Eleonora Vandi. La 22enne mezzofondista pesarese dell’Atletica Avis Macerata si è guadagnata la selezione per la staffetta mista grazie ai risultati ottenuti nelle gare più recenti: la vittoria al Carsolina Cross di Sgonico (Trieste) e il secondo posto di domenica al Cross Valmusone di Osimo (Ancona). Dopo tanti successi nelle rassegne tricolori e diverse presenze nelle Nazionali giovanili, arriva quindi la soddisfazione dell’ingresso in quella dei “grandi”. Un traguardo raggiunto quest’anno anche dalla 18enne sorella Elisabetta, quattrocentista che ha fatto parte della squadra azzurra agli Europei di Berlino. Le due figlie d’arte (papà Luca specialista del mezzofondo e mamma Valeria Fontan dei 400 metri) sono allenate dal tecnico Faouzi Lahbi. A Tilburg l’impegno per Eleonora sarà in una delle quattro frazioni di circa un chilometro e mezzo previste dalla staffetta, con due uomini e due donne, che scatterà alle ore 14.55 del 9 dicembre.
La gara maschile under 23 vedrà invece in azione Ahmed Abdelwahed, vicecampione europeo di categoria sui 3000 siepi. Il 22enne romano delle Fiamme Gialle, proveniente dal Cus Camerino, vive e si allena nella città universitaria marchigiana sotto la guida di Roberto Scalla. Finalista in questa stagione agli Europei assoluti di Berlino, stavolta ha ottenuto la chiamata dopo essersi piazzato sesto nella sua fascia di età al Cross Valmusone di Osimo. Partenza alle ore 12.05 del 9 dicembre, sulla distanza di 8,3 chilometri.

TUTTI I CONVOCATI: http://www.fidal.it/content/Europei-Cross-gli-azzurri-per-Tilburg-2018/118057

LINK ALLE FOTO
Eleonora Vandi (foto di Maurizio Iesari):
http://www.fidal.it/upload/Marche/2018/Vandi_Eleonora_pista.jpg
http://www.fidal.it/upload/Marche/2018/VandiEleonora.jpg

Ahmed Abdelwahed (foto di Giancarlo Colombo/FIDAL):
http://www.fidal.it/upload/gallery/2017/Campionati-Italiani-Juniores-e-Promesse/firenz091.jpg
http://www.fidal.it/upload/gallery/2017/Campionati-Europei-under-23-2-giornata/bydgoszs224.jpg

 

Le foto indicate sono libere da diritti per l’uso editoriale, fatto salvo l’obbligo di citazione dell’autore.
E’ escluso ogni altro genere di utilizzo.




Il Cross Valmusone a Osimo nel segno di Meucci e Tommasi

Successo di risultati e di partecipazione nell’ultima prova indicativa per gli Europei. Il maratoneta azzurro vince al debutto stagionale, tra le donne si impone la ventenne veneta.

Osimo, 2018-11-25 – Anche quest’anno  (Ancona) fa centro. La sesta edizione dell’evento allestito dall’Atletica Amatori Osimo del presidente Alessandro Bracaccini si conferma tra i principali appuntamenti del calendario nazionale, con quasi 600 atleti al via e gli ultimi verdetti per la composizione della squadra azzurra che disputerà i Campionati Europei del 9 dicembre a Tilburg, in Olanda. La gara-clou, quella maschile, saluta il ritorno vincente sui prati per Daniele Meucci. L’ingegnere pisano dell’Esercito si aggiudica la gara maschile, invece tra le donne prevale la ventenne veronese e compagna di club Francesca Tommasi (Esercito). Il campione europeo 2014 di maratona, che in questa stagione non ha potuto difendere il titolo continentale, era al rientro agonistico nella corsa campestre a cui mancava dal successo tricolore nel marzo 2017 a Gubbio. Una presenza di prestigio per il cross di Osimo, senza deludere le attese: l’azzurro con il tempo 29:44 sui 10 chilometri precede Andrea Sanguinetti (Fiamme Oro), vincitore due anni fa a Osimo e di nuovo protagonista piazzandosi secondo con 29:51 in una mattinata di pioggia, anche se non troppo intensa. Al terzo posto si conferma tra i migliori Nekagenet Crippa (Trieste Atletica, 30:08), fratello maggiore dell’azzurro Yeman, che aveva conquistato la prova di apertura al Carsolina Cross di Sgonico. Tra le donne, la giovane veneta si impone nettamente sui 7 chilometri in 24:01 staccando un’altra portacolori dell’Esercito come l’emiliana Christine Santi (24:23), terza la 21enne Federica Zanne (Atl. Brescia 1950 Ispa Group, 24:31). Nelle due gare di cross corto sui 2 chilometri, in vista della staffetta mista alla rassegna continentale, affermazioni di Mohad Abdikadar (Aeronautica, 5:46) e di Giulia Aprile (Esercito, 6:41). Sfide combattute tra gli under 20, con le vittorie del pugliese Pasquale Selvarolo (Barile Flower Terlizzi, 19:09 nei 6 km) e di Elisa Palmero (Atl. Pinerolo) in 14:08 al termine dei 4 chilometri sugli spazi verdi intorno al campo scuola della Vescovara.

Podio F Valmusone 2018


GLI ATLETI DELLE MARCHE – Tra i marchigiani in gara, nel cross corto di 2 km conquista un prezioso secondo posto la pesarese Eleonora Vandi (Atl. Avis Macerata), che aveva vinto la prova di due settimane fa. La gara assoluta vede quindi dodicesimo Ahmed Abdelwahed, finanziere proveniente dal Cus Camerino, poi 25esimo Marco Campetti (Atl. Recanati), 28esimo il 21enne Gianmarco Cecchini (Atl. Fabriano), 29esimo l’atleta di casa Massimiliano Strappato (Atl. Amatori Osimo) e trentesimo Luigi Del Buono (Sef Stamura Ancona), mentre l’ascolano Stefano Massimi (Sef Stamura Ancona) non termina la prova dopo una partenza coraggiosa. Al femminile 14esima la pesarese Ilaria Sabbatini (Atl. Avis Macerata). Nelle prove under 20 undicesima Ilaria Piottoli (Atl. Avis Macerata), invece si ferma Simone Barontini (Sef Stamura Ancona).
GIOVANI E MASTER – La manifestazione organizzata in sinergia con i comuni di Filottrano, Recanati, Castelfidardo, Loreto e Montefano, oltre a quello di Osimo, era abbinata alla quinta tappa del Campionato regionale di corsa campestre master e alla seconda prova del Grand Prix regionale giovanile. A fare gli onori di casa Simone Pugnaloni, sindaco di Osimo, con Alex Andreoli, assessore allo sport del Comune di Osimo, insieme a Fabio Luna, presidente Coni Marche, Fabio Sturani, responsabile segreteria presidente Regione Marche, e Rossano Bartoli, presidente della Lega del Filo d’Oro. Presenti oltre allo staff federale anche tanti tecnici provenienti da tutta Italia.

RISULTATI COMPLETI: http://www.fidal.it/risultati/2018/COD7019/Index.htm

LINK ALLE IMMAGINI (foto Organizzatori)
Il podio maschile: http://www.fidal.it/upload/Marche/2018/PodioM_Valmusone2018.jpg
Le prime tre donne al traguardo: http://www.fidal.it/upload/Marche/2018/PodioF_Valmusone2018.jpg
La vincitrice della gara assoluta femminile: http://www.fidal.it/upload/Marche/2018/Tommasi_Valmusone2018.jpg

Le foto indicate sono libere da diritti per l’uso editoriale, fatto salvo l’obbligo di citazione dell’autore.
E’ escluso ogni altro genere di utilizzo.

 

Tommasi Valmusone 2018




Atletica, al Cross Valmusone ci si gioca gli europei

Domenica 25 novembre in palio le maglie azzurre di corsa campestre, nell’ultima prova del calendario nazionale prima della rassegna continentale

OSIMO –Il cammino per l’Europa passa da Osimo (Ancona), con una manifestazione nazionale di atletica che torna nelle Marche. Per il terzo anno consecutivo sarà il Cross Valmusone di domenica 25 novembre ad accogliere l’ultima prova del calendario verso i Campionati Europei di corsa campestre, in programma due settimane più tardi a Tilburg (Olanda), il 9 dicembre. Dopo l’esordio stagionale di due settimane fa a Sgonico (Trieste), la sesta edizione dell’evento organizzato dall’Atletica Amatori Osimo Bracaccini darà le indicazioni per comporre la squadra italiana: al via tanti pretendenti alla maglia azzurra in ogni categoria (senior, under 23, under 20), oltre che nel cross corto in vista della staffetta, tra rivincite e ritorni. Negli spazi verdi circostanti la pista di atletica della Vescovara, si svolgerà anche la quinta tappa del Campionato regionale di corsa campestre master e la seconda tappa del Grand Prix regionale giovanile, in una valle a cavallo tra due province, Ancona e Macerata, e in sinergia con i comuni di Filottrano, Recanati, Castelfidardo, Loreto e Montefano, oltre a quello di Osimo. Per le Marche da seguire nei 6 km juniores Simone Barontini (Sef Stamura Ancona), tricolore assoluto degli 800 indoor, e nei 10 km l’atleta di casa Massimiliano Strappato (Atl. Amatori Osimo), invece nei 2 chilometri al femminile la pesarese Eleonora Vandi (Atl. Avis Macerata).
Tra i senior sui 10 km è atteso Daniele Meucci, di nuovo in azione nella campestre a quasi due anni dall’ultima volta, la vittoriosa rassegna tricolore di Gubbio nel marzo del 2017. L’ingegnere pisano dell’Esercito, campione europeo di maratona nel 2014, in questa stagione non ha potuto difendere il titolo sui 42,195 chilometri per problemi fisici, ma nel suo ricco palmarès ha anche il bronzo continentale 2012 di cross. Debutto stagionale sui prati anche per Marco Salami (Esercito), tricolore assoluto nei 10 km su strada, ma anche per Yassin Bouih (Fiamme Gialle), protagonista della stagione indoor con la finale mondiale sui 3000 ma costretto a saltare l’attività all’aperto passando poi sotto la guida tecnica di Luciano Gigliotti, e per Samuele Dini (Fiamme Gialle), ora allenato da Stefano Baldini come il gemello Lorenzo.
Tutti se la vedranno con alcuni dei migliori nella prova di apertura a cominciare dal trentino Nekagenet Crippa (Trieste Atletica), fratello maggiore dell’azzurro Yeman, che ha conquistato il Carsolina Cross davanti al campione italiano di mezza maratona Ahmed El Mazoury (Atl. Casone Noceto). Entrambi troveranno ancora tra gli altri Andrea Sanguinetti (Fiamme Oro), Giuseppe Gerratana (Aeronautica), Michele Fontana(Aeronautica) e l’argento europeo di corsa in montagna Cesare Maestri (Atl. Valli Bergamasche Leffe). Tra le promesse l’uomo da battere è Alessandro Giacobazzi(Aeronautica), leader di categoria nella gara inaugurale dove invece si era fermato Simone Colombini (Aeronautica), vincitore della scorsa edizione a Osimo, che cercherà di entrare nelle posizioni di vertice con Jacopo De Marchi (Trieste Atletica) e Ahmed Ouhda (Atl. Casone Noceto) senza dimenticare il rientro del vicecampione continentale under 23 dei 3000 siepi Ahmed Abdelwahed (Fiamme Gialle).
Anche sui 7 chilometri delle donne è annunciato un ritorno, quello della trentina Federica Dal Ri (Esercito) che come Meucci si è aggiudicata il titolo italiano nella scorsa stagione prima di un periodo di stop. Da seguire la prova di atlete da top ten nella gara di due settimane fa: Maria Chiara Cascavilla (La Fratellanza 1874 Modena), Christine Santi(Esercito) e Silvia Oggioni (Aeronautica). Nella categoria under 23 attenzione all’esordio della campionessa italiana di categoria Francesca Tommasi (Esercito) opposta a Rebecca Lonedo (Atl. Vicentina), quarta assoluta al Carsolina Cross dove si è lasciata alle spalle Mara Ghidini e Federica Zanne, portacolori dell’Atletica Brescia 1950 Ispa Group.
La gara under 20 maschile (6 km) attende il pugliese Pasquale Selvarolo (Barile Flower Terlizzi), secondo a Sgonico dopo i titoli italiani juniores di 10 km e mezza maratona, per una nuova sfida con Nesim Amsellek (Atl. Chiari 1964 Libertas) e Abdelhakim Elliasmine(Atl. Bergamo 1959 Oriocenter). Prima uscita agonistica della stagione per due finalisti dei Mondiali juniores: Simone Barontini (Sef Stamura Ancona), tricolore assoluto indoor degli 800 metri che sarà alle prese con una distanza più lunga del solito, e il siepista Giovanni Gatto (Us Quercia Trentingrana), in ripresa da un intervento al menisco, oltre che per l’ex campione allievi Luca Alfieri (Pbm Bovisio Masciago). Al femminile nuovo match sui 4 km tra Elisa Palmero (Atl. Pinerolo), l’allieva Martina Cornia (La Fratellanza 1874 Modena), Francesca Marangi Agostino (Cus Torino), l’altra under 18 Margherita De Mattia (Atl. Mogliano) e la campionessa europea juniores di corsa in montagna Angela Mattevi (Atl. Valle di Cembra), con il possibile inserimento di Linda Palumbo (Atl. Clarina Trentino).
Ad arricchire il programma, torna il cross corto di 2 km con Mohad Abdikadar(Aeronautica) e Joao Bussotti (Esercito), al rientro dal raduno in Kenya, per confrontarsi con i gemelli Ala Zoghlami (Fiamme Oro) e Osama Zoghlami (Aeronautica), ma anche con Gabriele Aquaro (Team-A Lombardia). La vincitrice della gara di esordio Eleonora Vandi (Atl. Avis Macerata) proverà a respingere ancora l’assalto del terzetto dell’Esercito formato da Elisa Bortoli, dalla tricolore dei 1500 metri Giulia Aprile e da Joyce Mattagliano, al via insieme a Laura Dalla Montà (Assindustria Sport Padova) e Chiara Casolari (La Fratellanza 1874 Modena). Si gareggia dalle ore 9.00 con i master e il settore promozionale, quindi le prove assolute alle 11.20 (7 km donne) e 12.00 (10 km uomini), mentre il cross corto di 2 km scatterà alle 12.50, per chiudere con le sfide giovanili di allievi e juniores alle ore 13.00 (4 km femminili) e 13.20 (6 km maschili).

LINK ALLE FOTO
http://www.fidal.it/upload/Marche/2017/Valmusone2017.jpg
http://www.fidal.it/upload/images/new-TOPNEWS/Partenza_CrossValmusone2017.jpg

Le foto indicate sono libere da diritti per l’uso editoriale, fatto salvo l’obbligo di citazione dell’autore.
E’ escluso ogni altro genere di utilizzo.




Atletica, memorial Rirì Angelini: i vincitori delle staffette giovani

Assegnati i titoli regionali nel 20° Memorial Rirì Angelini conquistato dalla Sef Stamura Ancona
Ascoli Piceno – Un traguardo importante per il Memorial Rirì Angelini, che è arrivato all’edizione numero 20. Quest’anno il classico appuntamento di fine stagione al campo scuola Mauro Bracciolani di Ascoli Piceno è tornato ad accogliere il campionato marchigiano di staffette per le categorie cadetti (under 16) e ragazzi (under 14): in palio dodici titoli, con sette club ad aggiudicarsi almeno uno scudetto regionale. Protagonisti i giovani della Sef Stamura Ancona che si prendono la vittoria a squadre e ben cinque titoli. Due successi dai cadetti: nella 4×100 di Alex Ebuka Chuks, Nicola Sanna, Mattia Triccoli, Matteo Ruggeri in 46”98 e nella staffetta svedese su quattro diverse frazioni di lunghezza crescente (200, 400, 600, 800 metri) composta da Matteo Ruggeri, Nicola Sanna, Filippo Sanna, Tommaso Ajello in 5’07”54. Anche tra i ragazzi c’è una doppia affermazione del club dorico, nella 4×100 di Filippo Granato, Alessandro Romagnoli, Michele Pizzichini, Emanuele Conti in 52”47 e nella svedese 100-200-300-400 metri, con gli stessi atleti ma in ordine diverso (Pizzichini, Romagnoli, Conti, Granato) in 2’28”14, oltre alle ragazze della 4×100 metri con Viola Rinaldi, Claudia Scarponi, Sofia Gambelli, Sara Rocchetti nel tempo di 56”25.
Per due volte sale sul gradino più alto del podio l’Atletica Sangiorgese Renato Rocchetti: nella 4×100 cadette con Sara Ribichini, Francesca Cuccù, Claudia Boccaccini, Martina Cuccù in 51”17 per un solo centesimo di vantaggio sulla Collection Atletica Sambenedettese (Giulia Caucci, Eva Joao Polo, Anthea Pagnanelli, Irene Pagliarini 51”18) al termine di una sfida risolta al fotofinish e poi nella 3×800 ragazzi con Francesco Maria Matteucci, Alessandro Si Youcef, Pietro Crosta in 7’53”84.
Conquistano un titolo altre cinque società: le padrone di casa dell’Asa Ascoli Piceno (Ilenia Angelini, Sabrina Salvatori, Bianca Albertini, Asia Mascetti) nella svedese cadette in 6’00”97, il Mezzofondo Club Ascoli (Davide Regnigoli, Gabriele Tazza, Daniele Gagliardi) in 9’58”97 con la 3×1000 cadetti, vinta al femminile dall’Atletica Osimo (Fatima Ezzara Houti, Aurora Massera, Serena Frolli) in 10’31”10. Tra le under 14 riescono a imporsi l’Atletica Ama Civitanova nella svedese (Agnese Anna Giustozzi, Elisa Ripari, Meskerem Paparello, Marica Melatini) in 2’39”86 e l’Atletica Avis Fano-Pesaro (Matilde Giuliani, Jasmine Pini, Virginia Bancolini) con 8’19”16.
La classifica a squadre della manifestazione premia la Sef Stamura Ancona, davanti ad Atletica Sangiorgese Renato Rocchetti e Collection Atletica Sambenedettese. Nelle graduatorie dei Campionati regionali di società, titolo marchigiano per Sef Stamura Ancona (cadetti), Atletica Sangiorgese Renato Rocchetti (ragazzi), Asa Ascoli Piceno (cadette) e Atletica Avis Fano-Pesaro (ragazze).

RISULTATI
Cadetti. 4×100: Sef Stamura Ancona (Alex Ebuka Chuks, Nicola Sanna, Mattia Triccoli, Matteo Ruggeri) 46”98; svedese (200-400-600-800): Sef Stamura Ancona (Matteo Ruggeri, Nicola Sanna, Filippo Sanna, Tommaso Ajello) 5’07”54; 3×1000: Mezzofondo Club Ascoli (Davide Regnigoli, Gabriele Tazza, Daniele Gagliardi) 9’58”97.
Cadette. 4×100: Atl. Sangiorgese R. Rocchetti (Sara Ribichini, Francesca Cuccù, Claudia Boccaccini, Martina Cuccù) 51”17; svedese (200-400-600-800): Asa Ascoli Piceno (Ilenia Angelini, Sabrina Salvatori, Bianca Albertini, Asia Mascetti) 6’00”97; 3×1000: Atl. Osimo (Fatima Ezzara Houti, Aurora Massera, Serena Frolli) 10’31”10.
Ragazzi. 4×100: Sef Stamura Ancona (Filippo Granato, Alessandro Romagnoli, Michele Pizzichini, Emanuele Conti) 52”47; svedese (100-200-300-400): Sef Stamura Ancona (Michele Pizzichini, Alessandro Romagnoli, Emanuele Conti, Filippo Granato) 2’28”14; 3×800: Atl. Sangiorgese R. Rocchetti (Francesco Maria Matteucci, Alessandro Si Youcef, Pietro Crosta) 7’53”84.
Ragazze. 4×100: Sef Stamura Ancona (Viola Rinaldi, Claudia Scarponi, Sofia Gambelli, Sara Rocchetti) 56”25; svedese (100-200-300-400): Atl. Ama Civitanova (Agnese Anna Giustozzi, Elisa Ripari, Meskerem Paparello, Marica Melatini) 2’39”86; 3×800: Atl. Avis Fano-Pesaro (Matilde Giuliani, Jasmine Pini, Virginia Bancolini) 8’19”16.

RISULTATI COMPLETI: http://www.fidal.it/risultati/2018/REG18690/Index.htm

LINK ALLE FOTO (autore Massimo Matteucci)
Il podio della 4×100 ragazzi: http://www.fidal.it/upload/Marche/2018/4x100ragazzi_Ascoli2018.jpg
Martina Cuccù e Irene Pagliarini: http://www.fidal.it/upload/Marche/2018/Cuccu_Pagliarini_Ascoli2018.jpg

Le foto indicate sono libere da diritti per l’uso editoriale, fatto salvo l’obbligo di citazione dell’autore.
E’ escluso ogni altro genere di utilizzo.

 




Finale di stagione con il botto per la Collection Atletica ai regionali di staffetta

San Benedetto del Tronto – Sabato 13 ottobre si è svolto presso il Campo Scuola di Ascoli Piceno il Campionato Regionale individuale di Staffette valevole come seconda ed ultima fase per i Campionati Regionali di Società di Staffette.

Vittoria della Collection Atletica Sambenedettese nel CDS marchigiano nella Categoria Cadette che hanno pertanto bissato la vittoria del Campionato su pista, ribadendo una leadership indiscussa a livello regionale.

Questo grazie a due secondi posti ottenuti nella staffetta 4 x 100 (Giulia Caucci, Eva Polo, Anthea Pagnanelli ed Irene Pagliarini le frazioniste) con 51”18, ad un solo centesimo dalle velociste dell’Atletica Sangiorgese e nella staffetta svedese ( 200+400+600+800 metri) con Beatrice Costantini al posto di Eva Polo ed un crono di 6’07”13.

I Cadetti, come già accaduto nel Campionato su pista, sono giunti secondi a livello di classifica alle spalle della Sef Stamura Ancona, laureandosi vice campioni regionali sia nella 4 x 100 con 47”62 grazie ai frazionisti Davide Mancini, Daniele Silvestri, Daniele Rossi e Luca Patrizi, che nella staffetta svedese in 5’14”00 con Ivan Damiani al posto di Mancini.

Nella Categoria Ragazzi, eccellente bronzo a livello femminile nella staffetta svedese con 2’45”43 grazie alle frazioni di Elena Capocasa, Martina Minuto, Alessia Catalini e Sofia Straccia dopo essersi classificate quinte con 58”33 nella staffetta 4 x 100.

Infine, tra i Ragazzi, quinto posto nella 3 x 800 con 8’37”30 ( Ermanno Silvestri, Matteo Collini e Lorenzo Cameli i frazionisti ) mentre sesta piazza sia nella 4 x 100 che nella staffetta svedese per il team composto da Lorenzo Lucidi, Matteo Casalboni, Michele Mazza e Leonardo Chiappini.

Il dato significativo che emerge consiste nel fatto che i tempi ottenuti da tutte le staffette, nessuna esclusa, siano migliorati sensibilmente rispetto a quanto ottenuto in occasione della prima fase svoltasi ad aprile a Porto Sant’Elpidio, a testimonianza del lavoro egregio svolto sia dagli atleti che dallo staff tecnico.




Eva Joao Polo d’argento ai tricolori di Rieti

Rieti – Nei Campionati italiani cadetti svoltisi lo scorso week end a Rieti, i portacolori della Collection Atletica Sambenedettese hanno ottenuto una serie di risultati significativi a partire dallo splendido argento della discobola Eva Joao Polo con 32.68, la migliore tra tutti i Cadetti e Cadette della rappresentativa marchigiana.

Scoperta ed allenata da Francesco Butteri, la ragazza di Centobuchi proveniente dal pattinaggio artistico con genitori angolani, si era già segnalata ai Campionati Italiani Studenteschi di Palermo dove era giunta seconda.

Ottimo prestazione da parte della sprinter Irene Pagliarini , allenata da Anna Mancini e Patrizia Bruni, che dopo aver conquistato la finale con 10”27 vincendo la propria batteria, è giunta poi settima in 10”43 in una finale caratterizzato dalla pioggia e dal vento contrario ( -1,2 ).

Sempre nella velocità, si migliora Luca Patrizi che sigla il suo personal best negli 80 metri con 9”57, il migliore tra i marchigiani, giungendo inoltre nono nella staffetta della rappresentativa marchigiana assieme a Simone Guidotti (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti), Lorenzo Agostini (Asa Ascoli Piceno) e Mattia Barboni (Sacen Corridonia) in 45”62. Decima invece con 49”96 la 4×100 cadette delle Marche con il contributo di Irene Pagliarini che ha corso la terza frazione.

Finale mancata di un soffio nel getto del peso da Giorgia Di Salvatore, seguita da Cesare Alesi , che si classifica al nono posto, migliorando il record personale e sociale di categoria con 10,62 .

Infine Anthea Pagnanelli che e giunta 17ma nei 300 metri ad ostacoli con 48”78 e diciottesimo Daniele Rossi nel getto del peso con 11 metri.

Un bilancio decisamente positivo, a coronamento di una stagione straordinaria e densa di successi per la Collection Atletica Sambenedettese che vedrà gli ultimi epiloghi con la partecipazione di Emma Silvestri alle Olimpiadi Mondiali giovanili di Buenos Aires e con i Campionati Regionali di staffetta giovanili che si svolgeranno ad Ascoli Piceno il prossimo week end.

 




Atletica, Cadetti: conferma per Le Marche ai tricolori di Rieti

Ancora un nono posto della rappresentativa regionale under 16 nella rassegna tricolore, con tre piazzamenti individuali sul podio

Rieti, 2018-10-07 – Nei Campionati italiani cadetti, a Rieti, la rappresentativa under 16 delle Marche si conferma al nono posto della classifica combinata. Per gli atleti della regione c’è quindi lo stesso piazzamento della scorsa edizione, con una serie di risultati significativi anche nella giornata conclusiva dopo i tre podi tutti al femminile conquistati in apertura: l’argento della discobola Eva Joao Polo (Collection Atl. Sambenedettese) con 32.68, in una gara con due ragazze marchigiane al top visto che Chiara Marangoni (Atl. Avis Macerata) chiude quarta a 31.03, e i due bronzi di Martina Cuccù (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti) in 11”80 sugli ostacoli e di Chiara Raccosta (Atl. Civitanova) con 1.64 nel salto in alto.
L’ultima sessione di sfide tricolori condizionate dalla pioggia vede protagonista la giovanissima Serena Frolli (Atl. Osimo), non ancora 14enne, quarta sui 1200 siepi con oltre quattro secondi di progresso in 3’55”41. Da cinque anni vive a Osimo con la famiglia, di origine ligure, viene seguita da Pieraldo Nemo ed è un’amante delle letture fantasy, anche in lingua inglese.
Un altro ragazzo nato nel 2004 coglie un bel sesto posto nel salto in alto: Ermes Mercuri(Atl. Castelfidardo Criminesi) che supera la quota di 1.76. Ha iniziato da meno di un anno, allenato da Rossano Burini, ma si è già inserito tra i migliori a livello nazionale. Nell’asta con 2.80 finisce ottava Agnese Capponi (Asa Ascoli Piceno): una figlia d’arte, perché il papà Paolo è stato a lungo azzurro nel getto del peso, ma la 15enne di Maltignano ha scelto un’altra specialità sotto la guida tecnica di Natalino Angelini, dopo aver praticato ginnastica artistica.
Tra le staffette, il miglior piazzamento è quello dei cadetti che nella 4×100 centrano il nono tempo con una formazione nuova: Simone Guidotti (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti), Lorenzo Agostini (Asa Ascoli Piceno), Luca Patrizi (Collection Atl. Sambenedettese), Mattia Barboni (Sacen Corridonia) in 45”62, dopo il forfait dell’influenzato Matteo Ruggeri (Sef Stamura Ancona). Decima invece con 49”96 la 4×100 cadette con Sofia Stollavagli(Atl. Avis Macerata), Martina Cuccù (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti), Irene Pagliarini(Collection Atl. Sambenedettese), Sabrina Salvatori (Asa Ascoli Piceno) che partono bene e restano in linea per un ottimo risultato fino all’ultimo cambio. Nei 300 metri sedicesimo posto di Federico Vitali (Atl. Avis Macerata), ottavo in finale B con 38”36 per migliorare il 38”38 della batteria, e stesso piazzamento in 3’10”53 nei 1000 metri di Eva Falcioni (Atl. Avis Fano-Pesaro), 14enne di Fano allenata da Massimo Ceresani.
In tutto sono undici i risultati da finale tra i primi otto, con un notevole sesto posto nella classifica combinata dei salti. Ad accompagnare la rappresentativa, per il Comitato regionale, i consiglieri Fabio Romagnoli e Leonardo Sanna, insieme al fiduciario tecnico Robertais Del Moro con i tecnici Angelo Angeletti, Ermenegildo Baldini, Sandro Bernardi, Francesco Butteri, Roberto Recchioni, Pino Gagliardi e Guglielmo Colucci.RISULTATI SECONDA GIORNATA
4. Serena Frolli (Atl. Osimo) 1200 siepi 3’55”41 pb
6. Ermes Mercuri (Atl. Castelfidardo Criminesi) alto 1.76
8. Agnese Capponi (Asa Ascoli Piceno) asta 2.80
9. Simone Guidotti (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti), Lorenzo Agostini (Asa Ascoli Piceno), Luca Patrizi (Collection Atl. Sambenedettese), Mattia Barboni (Sacen Corridonia) 4×100 metri 45”62
10. Sofia Stollavagli (Atl. Avis Macerata), Martina Cuccù (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti), Irene Pagliarini (Collection Atl. Sambenedettese), Sabrina Salvatori (Asa Ascoli Piceno) 4×100 metri 49”96
16. Federico Vitali (Atl. Avis Macerata) 300 metri 38”36 fin. B, 38”38 batt.
16. Eva Luna Falcioni (Atl. Avis Fano-Pesaro) 1000 metri 3’10”53
17. Benedetta Saracchini (Atl. Osimo) giavellotto 27.82
19. Claudia Boccaccini (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti) 2427 pentathlon; 80 ostacoli 13”85 (+0.7), alto 1.35 =pb, giavellotto 11.12, lungo 4.99 (-1.0), 600 metri 2’15”22
21. Filippo Danieli (Atl. Fabriano) 2616 esathlon; 100 ostacoli 16”05 (0.0), alto 1.47 pb, giavellotto 31.57, lungo 4.99 (+0.7), disco 25.13, 1000 metri rit.
22. Daniele Pennacchietti (Team Atl. Porto Sant’Elpidio) 1000 metri 2’56”82
23. Dennis Mengoni (Atl. Osimo) giavellotto 36.58
24. Matteo Orazi (Atl. Civitanova) 1200 siepi 4’09”99

RISULTATI COMPLETI
2. Eva Joao Polo (Collection Atl. Sambenedettese) disco 32.68
3. Martina Cuccù (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti) 80 ostacoli 11”80 (-0.9) fin. A, 11”80 (+1.3) batt.
3. Chiara Raccosta (Atl. Civitanova) alto 1.64
4. Serena Frolli (Atl. Osimo) 1200 siepi 3’55”41 pb
4. Chiara Marangoni (Atl. Avis Macerata) disco 31.03
5. Eleonora Fazi (Sport Atl. Fermo) lungo 5.17 (+0.1)
6. Ermes Mercuri (Atl. Castelfidardo Criminesi) alto 1.76
6. Francesca Botnari (Sef Stamura Ancona) alto 1.56
7. Irene Pagliarini (Collection Atl. Sambenedettese) 80 metri 10”43 (-1.2), 10”27 (+1.6) batt.
8. Mattia Grilli (Team Atl. Porto Sant’Elpidio) 5000 marcia 24’47”19
8. Agnese Capponi (Asa Ascoli Piceno) asta 2.80
9. Simone Guidotti (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti), Lorenzo Agostini (Asa Ascoli Piceno), Luca Patrizi (Collection Atl. Sambenedettese), Mattia Barboni (Sacen Corridonia) 4×100 metri 45”62
9. Giorgia Di Salvatore (Collection Atl. Sambenedettese) peso 10.62 pb
10. Nicola Sanna (Sef Stamura Ancona) triplo 12.81 (+1.8)
10. Sofia Stollavagli (Atl. Avis Macerata), Martina Cuccù (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti), Irene Pagliarini (Collection Atl. Sambenedettese), Sabrina Salvatori (Asa Ascoli Piceno) 4×100 metri 49”96
11. Lorenzo Agostini (Asa Ascoli Piceno) 100 ostacoli 14”20 (-0.5) fin. B, 14”32 (-0.2) batt.
11. Yousef Taib (Sport Atl. Fermo) martello 43.36
11. Francesca Cuccù (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti) triplo 10.81 (-1.0)
13. Tommaso Boriani (Sef Stamura Ancona) asta 2.80
13. Tommaso Ajello (Sef Stamura Ancona) 2000 metri 6’01”62
14. Simone Guidotti (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti) lungo 5.92 (+0.8)
14. Massimo Ciferri (Atl. Ama Civitanova) disco 32.07 pb
16. Federico Vitali (Atl. Avis Macerata) 300 metri 38”36 fin. B, 38”38 batt.
16. Eva Luna Falcioni (Atl. Avis Fano-Pesaro) 1000 metri 3’10”53
17. Anthea Pagnanelli (Collection Atl. Sambenedettese) 300 ostacoli 48”78
17. Benedetta Saracchini (Atl. Osimo) giavellotto 27.82
17. Francesca Cinella (Atl. Civitanova) 3000 marcia 16’10”44
18. Daniele Rossi (Collection Atl. Sambenedettese) peso 11.00
19. Claudia Boccaccini (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti) 2427 pentathlon; 80 ostacoli 13”85 (+0.7), alto 1.35 =pb, giavellotto 11.12, lungo 4.99 (-1.0), 600 metri 2’15”22
19. Chiara Menotti (Pol. Montecassiano) 300 metri 44”34
21. Filippo Danieli (Atl. Fabriano) 2616 esathlon; 100 ostacoli 16”05 (0.0), alto 1.47 pb, giavellotto 31.57, lungo 4.99 (+0.7), disco 25.13, 1000 metri rit.
22. Daniele Pennacchietti (Team Atl. Porto Sant’Elpidio) 1000 metri 2’56”82
22. Federico Bracalenti (Pol. Montecassiano) 300 ostacoli 44”08 pb
23. Mattia Barboni (Sacen Corridonia) 80 metri 9”76 (-0.1)
23. Dennis Mengoni (Atl. Osimo) giavellotto 36.58
24. Matteo Orazi (Atl. Civitanova) 1200 siepi 4’09”99
25. Veronica Faggioli (Atl. Ama Civitanova) 2000 metri 7’20”81
n.c. Vesna Braconi (Atl. Fabriano) martello

80 extra:
Luca Patrizi (Collection Atl. Sambenedettese) 9”57 (0.0) pb
Sofia Stollavagli (Atl. Avis Macerata) 10”47 (0.0)
Sabrina Salvatori (Asa Ascoli Piceno) 10”68 (0.0)

RISULTATI COMPLETI: http://www.fidal.it/risultati/2018/COD6663/Index.htm

LINK ALLE IMMAGINI (foto di Leonardo Sanna)
La rappresentativa delle Marche: http://www.fidal.it/upload/gallery/2018/Rieti-2018-Cadetti-delle-Marche-(1)/Cadetti_Rieti2018_001.jpg
Serena Frolli: http://www.fidal.it/upload/Marche/2018/Frolli1_Rieti2018.jpg
http://www.fidal.it/upload/Marche/2018/Frolli2_Rieti2018.jpg
Ermes Mercuri: http://www.fidal.it/upload/Marche/2018/Mercuri_Rieti2018.jpg
Agnese Capponi: http://www.fidal.it/upload/Marche/2018/Capponi_Rieti2018.jpg
La premiazione finale: http://www.fidal.it/upload/Marche/2018/Podio_Rieti2018.jpg

 

Le foto indicate sono libere da diritti per l’uso editoriale, fatto salvo l’obbligo di citazione dell’autore.
E’ escluso ogni altro genere di utilizzo.




Atletica, tricolori cadetti: Le Marche aprono con 3 medaglie

Brillano le under 16 a Rieti: argento per la discobola Polo, bronzo a Cuccù (80hs) e Raccosta (alto)
Rieti, 2018-10-06 – Tre volte sul podio le Marche nella giornata inaugurale dei Campionati italiani cadetti a Rieti. Sulla pedana del disco, due atlete tra le prime quattro con l’argento di Eva Joao Polo (Collection Atl. Sambenedettese) che all’ultimo lancio conquista il secondo posto a 32.68. Scoperta da Francesco Butteri, si era rivelata quest’anno agli Studenteschi di Palermo e qui si conferma: proviene dal pattinaggio artistico, ma la ragazza di Centobuchi con genitori angolani che ha gareggiato con i capelli “blu elettrico” potrebbe avere un futuro da specialista delle prove multiple. Nell’ennesimo derby stagionale tra marchigiane, quarta Chiara Marangoni (Atl. Avis Macerata): fino all’ultimo lancio era seconda, ma l’allieva di Luca Ciaffi può comunque sorridere per il suo 31.03.
Ostacoli di bronzo per Martina Cuccù (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti), terza sugli 80hs con un doppio 11”80 in batteria e anche in finale. La polivalente sangiorgese cresciuta sotto la guida di Elisa Del Moro, che stavolta ha scelto la gara singola anziché le amate prove multiple, coglie un risultato di prestigio. Difficile salire più in alto, di fronte a una concorrenza molto agguerrita: l’emiliana Sandra Milena Ferrari (11”31) e l’altoatesina Anastasia Veronesi Vedovelli (11”60), seconda e terza italiana di sempre in questa categoria.
Terzo posto anche di Chiara Raccosta (Atl. Civitanova) nell’alto a 1.64. La 15enne di Morrovalle, ora allenata da Robertais Del Moro, si porta a un solo centimetro dal personale e con la stessa misura del secondo posto, ma più errori alle quote precedenti. Nella stessa gara sesta Francesca Botnari (Sef Stamura Ancona): la jesina di origine moldava seguita da Andrea Marani, aspirante pediatra, sale a 1.56.
Applausi sulla pedana del lungo per Eleonora Fazi (Sport Atl. Fermo) che centra un brillante quinto posto risalendo ben nove posizioni rispetto alla lista di partenza (entrava in gara con il 14° risultato). Ancora al primo anno di categoria, l’atleta di Monte Urano allenata da Franco Marangoni con 5.17 (+0.1) al secondo salto sfiora il personale (5.19 per la recente vittoria al Memorial Musacchio di Isernia).
La sprinter Irene Pagliarini (Collection Atl. Sambenedettese) passa il turno negli 80 metri: con 10”27 (+1.6) la velocista di Grottammare, cresciuta sotto la guida di Anna Mancini e Patrizia Bruni, si prende al fotofinish il successo nella batteria. Poi in finale, sotto la pioggia e con vento contrario, non riesce a migliorarsi ed è settima in 10”43 (-1.2).
Ottavo il marciatore Mattia Grilli (Team Atl. Porto Sant’Elpidio) sui 5000 in 24’47”19. Non senza rammarico, perché l’atleta allenato da Leonardo Paci avvicina il suo miglior crono nonostante una sosta di 30 secondi imposta dai giudici in pit lane per tre richiami. Finale mancata di un soffio da Giorgia Di Salvatore (Collection Atl. Sambenedettese): la pesista seguita da Cesare Alesi si migliora con il record personale di 10.62 ed è nona. Nel triplo decimo Nicola Sanna (Sef Stamura Ancona): l’allievo di Stefano Luconi atterra a 12.81 (+1.8), mancando di poco (appena 13 centimetri) l’ingresso tra i primi otto.
Gran progresso nel martello di Yousef Taib (Sport Atl. Fermo): cresce di quasi cinque metri con 43.36 e si piazza undicesimo. Per il lanciatore di papà marocchino, che vive a Rubbianello ed è seguito da Roberto Recchioni, i limiti sono ancora tutti da esplorare se si considera che solo da pochi mesi si dedica a questa specialità. Stesso piazzamento per Lorenzo Agostini (Asa Ascoli Piceno), undicesimo nei 100hs con 14”20 (-0.5) che segue il 14”32 (-0.2) della batteria. Il 15enne di Venagrande, allenato da Mauro Ficerai, dopo il recente exploit di Isernia (13”89) arriva a soli otto centesimi dalla finalissima. Un atleta che ha iniziato a frequentare il campo di atletica insieme al fratello Federico, protagonista due anni fa nei 300hs. Nel triplo cadette, undicesima anche Francesca Cuccù (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti): la sorella di Martina, sotto la guida di Guglielmo Colucci, salta 10.81 (-1.0) ad appena sei centimetri dal personale. Domani la giornata conclusiva della rassegna tricolore.DIRETTA VIDEO – L’intera manifestazione tricolore di Rieti è trasmessa in diretta video streaming sul web all’indirizzo atletica.tv per entrambe le giornate.

RISULTATI PRIMA GIORNATA
2. Eva Joao Polo (Collection Atl. Sambenedettese) disco 32.68
3. Martina Cuccù (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti) 80 ostacoli 11”80 (-0.9) fin. A, 11”80 (+1.3) batt.
3. Chiara Raccosta (Atl. Civitanova) alto 1.64
4. Chiara Marangoni (Atl. Avis Macerata) disco 31.03
5. Eleonora Fazi (Sport Atl. Fermo) lungo 5.17 (+0.1)
6. Francesca Botnari (Sef Stamura Ancona) alto 1.56
7. Irene Pagliarini (Collection Atl. Sambenedettese) 80 metri 10”43 (-1.2), 10”27 (+1.6) batt.
8. Mattia Grilli (Team Atl. Porto Sant’Elpidio) 5000 marcia 24’47”19
9. Giorgia Di Salvatore (Collection Atl. Sambenedettese) peso 10.62 pb
10. Nicola Sanna (Sef Stamura Ancona) triplo 12.81 (+1.8)
11. Lorenzo Agostini (Asa Ascoli Piceno) 100 ostacoli 14”20 (-0.5) fin. B, 14”32 (-0.2) batt.
11. Yousef Taib (Sport Atl. Fermo) martello 43.36
11. Francesca Cuccù (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti) triplo 10.81 (-1.0)
13. Tommaso Boriani (Sef Stamura Ancona) asta 2.80
13. Tommaso Ajello (Sef Stamura Ancona) 2000 metri 6’01”62
14. Simone Guidotti (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti) lungo 5.92 (+0.8)
14. Massimo Ciferri (Atl. Ama Civitanova) disco 32.07 pb
17. Anthea Pagnanelli (Collection Atl. Sambenedettese) 300 ostacoli 48”78
17. Francesca Cinella (Atl. Civitanova) 3000 marcia 16’10”44
18. Daniele Rossi (Collection Atl. Sambenedettese) peso 11.00
19. Chiara Menotti (Pol. Montecassiano) 300 metri 44”34
22. Federico Bracalenti (Pol. Montecassiano) 300 ostacoli 44”08 pb
23. Mattia Barboni (Sacen Corridonia) 80 metri 9”76 (-0.1)
25. Veronica Faggioli (Atl. Ama Civitanova) 2000 metri 7’20”81
n.c. Vesna Braconi (Atl. Fabriano) martello

esathlon: Filippo Danieli (Atl. Fabriano) 100 ostacoli 16”05 (0.0), alto 1.47 pb, giavellotto 31.57
pentathlon: Claudia Boccaccini (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti) 80 ostacoli 13”85 (+0.7), alto 1.35 =pb, giavellotto 11.12

finalista: Federico Vitali (Atl. Avis Macerata) 300 metri 38”38 batt.

80 extra:
Luca Patrizi (Collection Atl. Sambenedettese) 9”57 (0.0) pb
Sofia Stollavagli (Atl. Avis Macerata) 10”47 (0.0)
Sabrina Salvatori (Asa Ascoli Piceno) 10”68 (0.0)

RISULTATI COMPLETI: http://www.fidal.it/risultati/2018/COD6663/Index.htm

LINK ALLE IMMAGINI (foto di Leonardo Sanna)
Martina Cuccù portabandiera alla cerimonia di apertura: http://www.fidal.it/upload/Marche/2018/Cuccu_apertura_Rieti2018.jpg
La rappresentativa delle Marche: http://www.fidal.it/upload/Marche/2018/Marche_Rieti2018.jpg

 

Le foto indicate sono libere da diritti per l’uso editoriale, fatto salvo l’obbligo di citazione dell’autore.
E’ escluso ogni altro genere di utilizzo.




Atletica, Le Marche in partenza per i tricolori cadetti

Tutti i convocati ai Campionati italiani under 16 in programma a Rieti sabato 6 e domenica 7 ottobre

 

Ancona – È il momento dei più giovani con l’ultimo evento tricolore della stagione su pista, dedicato agli under 16. Questo weekend, sabato 6 e domenica 7 ottobre, si disputa il Campionato italiano cadetti individuale e per regioni a Rieti. Una rassegna come sempre a doppia valenza: gli atleti nati negli anni 2003 e 2004 si confronteranno con i pari età a livello nazionale e le 21 rappresentative regionali saranno in lizza per il trofeo a squadre. La formazione delle Marche si presenta dopo il secondo posto nel Memorial Musacchio a Isernia (ma con lo stesso score della Puglia che ha vinto per maggior numero di successi parziali), dove in molti sono riusciti a migliorarsi e nel weekend proveranno a guadagnare un buon piazzamento, contro una concorrenza ai massimi livelli.
Arrivano con risultati di vertice in questa stagione soprattutto le cadette: nel disco Eva Joao Polo (Collection Atl. Sambenedettese), medaglia di bronzo agli Studenteschi di Palermo con 34.74, e Chiara Marangoni (Atl. Avis Macerata, 33.03 di record personale), che entrano in gara rispettivamente con il secondo e terzo accredito. Negli 80 ostacoli al via la primatista regionale Martina Cuccù (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti), stavolta impegnata in una gara individuale anziché nelle prove multiple: con il suo 11”50 scende in pista da terza italiana dell’anno. Poi sarà anche una pedina importante della staffetta 4×100 metri che vedrà in azione tra le altre Irene Pagliarini (Collection Atl. Sambenedettese), argento nella scorsa edizione con il quartetto marchigiano e candidata alla finale individuale degli 80 metri. Sulla pedana dell’alto da seguire Chiara Raccosta(Atl. Civitanova), salita di recente nella rassegna regionale a 1.65 che vale la quarta misura di ingresso. Per il mezzofondo proverà a giocarsi le sue carte nei 1200 siepi Serena Frolli (Atl. Osimo).
Al maschile attenzione ai progressi di Lorenzo Agostini (Asa Ascoli Piceno), che a Isernia ha vinto migliorandosi notevolmente con 13”89, mentre il triplista Nicola Sanna (Sef Stamura Ancona) quest’anno è atterrato a 13.32. Ma in tanti potranno lottare per una posizione nella parte alta della classifica, a patto di esprimersi al meglio delle loro possibilità: tra questi il marciatore Mattia Grilli (Team Atl. Porto Sant’Elpidio) sui 5000 riservati agli specialisti del tacco e punta, il mezzofondista Daniele Pennacchietti (Team Atl. Porto Sant’Elpidio) nei 1000 metri e il saltatore in alto Ermes Mercuri (Atl. Castelfidardo Criminesi). In tutto sono iscritti 40 atleti della regione, pronti a indossare le divise realizzate con il supporto di Göba della famiglia Marinsalta con sede a Montecassiano. Nella scorsa edizione la squadra delle Marche ha chiuso al nono posto nella classifica combinata. Lo staff guidato dal fiduciario Robertais Del Moro vedrà presenti i tecnici Angelo Angeletti, Ermenegildo Baldini, Sandro Bernardi, Francesco Butteri, Roberto Recchioni, Pino Gagliardi e Guglielmo Colucci.
DIRETTA VIDEO – L’intera manifestazione tricolore di Rieti sarà trasmessa in diretta video streaming sul web all’indirizzo atletica.tv per entrambe le giornate.

LA SQUADRA DELLE MARCHE
Cadetti. 80: Mattia Barboni (Sacen Corridonia); 300: Federico Vitali (Atl. Avis Macerata); 1000: Daniele Pennacchietti (Team Atl. Porto Sant’Elpidio); 2000: Tommaso Ajello (Sef Stamura Ancona); 1200 siepi: Matteo Orazi (Atl. Civitanova); 100hs: Lorenzo Agostini (Asa Ascoli Piceno); 300hs: Federico Bracalenti (Pol. Montecassiano); alto: Ermes Mercuri (Atl. Castelfidardo Criminesi); asta: Tommaso Boriani (Sef Stamura Ancona); lungo: Simone Guidotti (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti); triplo: Nicola Sanna (Sef Stamura Ancona); peso: Daniele Rossi (Collection Atl. Sambenedettese); disco: Massimo Ciferri (Atl. Ama Civitanova); martello: Yousef Taib (Sport Atl. Fermo); giavellotto: Dennis Mengoni (Atl. Osimo); marcia 5000: Mattia Grilli (Team Atl. Porto Sant’Elpidio); esathlon: Filippo Danieli (Atl. Fabriano); 4×100: Mattia Barboni (Sacen Corridonia), Lorenzo Agostini (Asa Ascoli Piceno), Luca Patrizi (Collection Atl. Sambenedettese), Matteo Ruggeri (Sef Stamura Ancona).
Cadette. 80: Irene Pagliarini (Collection Atl. Sambenedettese); 300: Chiara Menotti (Pol. Montecassiano); 1000: Eva Luna Falcioni (Atl. Avis Fano-Pesaro); 2000: Veronica Faggioli (Atl. Ama Civitanova); 1200 siepi: Serena Frolli (Atl. Osimo); 80hs: Martina Cuccù (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti); 300hs: Anthea Pagnanelli (Collection Atl. Sambenedettese); alto: Chiara Raccosta (Atl. Civitanova); asta: Agnese Capponi (Asa Ascoli Piceno); lungo: Eleonora Fazi (Sport Atl. Fermo); triplo: Francesca Cuccù (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti); peso: Giorgia Di Salvatore (Collection Atl. Sambenedettese); disco: Eva Joao Polo (Collection Atl. Sambenedettese); martello: Vesna Braconi (Atl. Fabriano); giavellotto: Benedetta Saracchini (Atl. Osimo); marcia 3000: Francesca Cinella (Atl. Civitanova); pentathlon: Claudia Boccaccini (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti); 4×100: Irene Pagliarini (Collection Atl. Sambenedettese), Martina Cuccù (Atl. Sangiorgese R. Rocchetti), Sofia Stollavagli (Atl. Avis Macerata), Sabrina Salvatori (Asa Ascoli Piceno).
Presenti a titolo individuale. Alto: Francesca Botnari (Sef Stamura Ancona); disco: Chiara Marangoni (Atl. Avis Macerata).

ISCRITTI E RISULTATI: http://www.fidal.it/risultati/2018/COD6663/Index.htm

LINK ALLE FOTO
La rappresentativa cadetti delle Marche al recente Memorial Musacchio di Isernia: http://www.fidal.it/upload/Marche/2018/Marche_Isernia2018.jpg
Eva Joao Polo e Martina Cuccù: http://www.fidal.it/upload/Marche/2018/Polo_Cuccu.jpg

 

Le foto indicate sono libere da diritti per l’uso editoriale, fatto salvo l’obbligo di citazione dell’autore.
E’ escluso ogni altro genere di utilizzo.