PallaMano, Hc Monteprandone U 13 vicecampione d’Italia

MISANO ADRIATICO – Un mezzo miracolo dopo il 12esimo posto della stagione passata. Dunque, amarezza affogata nella certezza di essersi migliorati molto, anche se i giovani della società targata Roberto e Pierpaolo Romandini sono davvero andati vicino tanto così a realizzare il sogno scudetto.

L’ha vinta il Benevento la finalissima Esordienti U13 nell’edizione numero 15 del Festival della pallamano di Misano Adriatico. 20-17 il risultato, al culmine di un confronto che i verdi di coach Andrea Vultaggio hanno mantenuto in parità per oltre metà gara. Ma non è bastato. Lo strappo decisivo è arrivato nel terzo dei quattro tempi da 8 minuti. E i campani sono riusciti a difenderlo fino all’ultimo.

Quello di Monteprandone, inserito nel girone B, resta una grandissima fase finale. Una cavalcata cominciata con il netto 20-11 della gara d’esordio, mercoledì, contro Cingoli. A ruota l’altrettanto netto 22-10 alla Fiorentina. Un pareggio (20-20 con l’Altamura B) e un successo (23-16 al Cassano Magnano) nella giornata di giovedì. Bis di vittorie, venerdì: 19-13 al Bologna United e 15-9 alla Scuola Pallamano Modena. Conseguenza: Hc prima nel gruppo B e pronta a sfidare Benevento, padrone del girone A. Quindi, l’epilogo. Meno amaro di quel che potrebbe sembrare. “Abbiamo disputato un torneo eccezionale. Siamo strasoddisfatti. Un grazie a tutti, davvero” sintetizza il vicepresidente Pierpaolo Romandini. “Siamo andati ben oltre le aspettative iniziali e questo risultato è la conferma che i nostri ragazzi rappresentano sul serio il futuro della pallamano a Monteprandone” passa e chiude il numero due della società verde.

Ed è conclusa anche la stagione dell’Hc Monteprandone, che con le note positive arrivate dal settore giovanile, può mettersi a programmare con entusiasmo la prossima annata dopo la retrocessione in serie B della prima squadra.

Questi i ragazzi dell’Under 13 Hc Monteprandone che fino all’ultimo hanno cullato il sogno tricolore: Lorenzo Capocasa, Cristian Cellini, Marco Di Girolamo, Wasim Khouaja, Riccardo Simonetti, Davide Evangelista, Mirco Salladini, Matteo Vagnoni, Lorenzo Pedroni, Daniele D’Andrea, Alessandro Tritto, Francesco Cela e Giulio Pompei.

 




Pallamano, Hc Monteprandone U 13: dopo la Partille Cup a Göteborg ecco le finali nazionali a Misano

Monteprandone – La valigia disfatta da qualche ora, ma per l’Hc Monteprandone Under 13 è già tempo di ripartire. Dopo l’eliminazione agli ottavi dei playoff B alla Partille Cup, ecco le finali nazionali. Dopo la Svezia e Göteborg, c’è Misano Adriatico. Dopo il torneo di pallamano più grande del mondo, il Festival della pallamano (alla 15esima edizione), con 58 squadre ai nastri di partenza e un migliaio di partecipanti fra atleti, tecnici, dirigenti e arbitri.

Il luglio di fuoco dei giovanotti verdi fa tappa in Romagna. L’Under 13 di coach Andrea Vultaggio, inserita nel girone B della categoria Esordienti, debutterà mercoledì 11 luglio, alle 12, contro Cingoli. Nel pomeriggio, alle 18.30, la sfida alla Fiorentina. Giovedì altro doppio incrocio: alle 8.30 Monteprandone incontrerà Altamura B; alle 16.30, invece, la gara con Cassano Magnago. Venerdì il terzo bis di impegni: alle 12 il Bologna United, alle 18.30 la Scuola Pallamano Modena.

Sabato le finali, con il match per l’assegnazione del tricolore tra le prime dei due gironi che si disputerà alle 11.30. Nel gruppo A figurano Pressano, Benevento, Tushe Prato, Decima, Romagna e Altamura A.

Questi, infine, i ragazzi dell’Under 13 Monteprandone che dopo l’avventura in Svezia saranno in Romagna: Lorenzo Capocasa, Cristian Cellini, Marco Di Girolamo, Wasim Khouaja, Riccardo Simonetti, Davide Evangelista, Mirco Salladini, Matteo Vagnoni, Lorenzo Pedroni, Daniele D’Andrea, Alessandro Tritto, Francesco Cela e Giulio Pompei.

 




PallaMano, si conclude agli ottavi il Partille Cup dell’Hc Monteprandone U 13

GOTEBORG – La rimonta subita all’ultimo respiro, nel girone della prima fase, e il golden gol adesso. Doppia recriminazione per l’Hc Monteprandone Under 13, la cui corsa alla Partille Cup, il tornei di pallamano più grande del mondo, si è conclusa agli ottavi di finale dei Playoff B. I verdi tornano a casa, ma salutano la Svezia dopo avere sventolato con orgoglio sia la bandiera italiana (l’Hc era una delle 4 formazioni del nostro Paese a Göteborg), sia il vessillo di Monteprandone che il sindaco Stefano Stracci aveva consegnato alla società dei fratelli Roberto e Pierpaolo Romandini nella cerimonia di fine maggio.

Dunque, fine della corsa. Dopo il quarto posto conseguito nel girone 9 (bilancio: 2 vittorie e 3 sconfitte), l’Hc Monteprandone parte forte anche nella sfida dei sedicesimi dei Playoff B, battendo nettamente i francesi dell’Hbc Conflans, quinti nel gruppo 1. Verdi sempre avanti e risultato finale, il 22-16, che racconta solo in parte la supremazia dei ragazzi di coach Andrea Vultaggio.

Ben altra storia nella gara degli ottavi, al pomeriggio. I norvegesi del Fjellhammer IL 1 dimostrano subito di essere un osso duro da spolpare: partita costantemente in equilibrio e vantaggi minimi per le due squadre. Finisce con l’Hc costretta ad alzare bandiera bianca al golden gol (21-22). Il commento di coach Vultaggio: “Ci congediamo da una manifestazione di grandissimo livello. I miei ragazzi si sono comportati sempre bene. Inutile sottolineare che siamo molto amareggiati per questa sconfitta”. Così, invece, il vicepresidente Pierpaolo Romandini: “È stata un’esperienza fantastica. I nostri giovani hanno sicuramente imparato tanto dalla prima partecipazione alla Partille Cup. Ringrazio di nuovo tutti, dai dirigenti presenti qui a Göteborg a quelli rimasti a casa, dal mister ai fantastici genitori che ci hanno sostenuto con convinzione”.

Domenica il rientro dell’Hc Monteprandone in Italia.

 




PallaMano, l’Hc Monteprandone U 13 alla Partille Cup

GOTEBORG, 2018-07-05 – Un gol, uno solo, e la rimonta subita nel finale, nell’ultima gara della fase eliminatoria, costano all’Hc Monteprandone Under 13 l’accesso al tabellone principale della Partille Cup. Per i giovani verdi due vittorie, tre sconfitte, 78 reti fatte, 84 incassate e il quarto posto nel gruppo 9. Morale: lo stesso un figurone alla primissima esperienza nel torneo di pallamano più grande del mondo per la squadra di coach Andrea Vultaggio.

Di sicuro l’avventura in terra svedese non è ancora conclusa. Per Monteprandone, qualificatasi ai Playoff B, quelli dove si incontreranno quarte, quinte e seste classificate degli 11 raggruppamenti under 13, il prossimo impegno è fissato per domani, venerdì 6 luglio, alle 11.25, contro i francesi dell’Hbc Conflans, quinti nel girone 1. Eventuali ottavi e quarti nel pomeriggio, mentre semifinali e finalissima sono in programma sabato 7 luglio.

Per il momento, dunque, sono andati in archivio 5 incontri. Monteprandone è partita a razzo, battendo i norvegesi di Ski IL 2 15-12 e gli svedesi di Lugi HF 2 15-8. Poi, però, due stop di fila per i verdi, contro gli svedesi del Redbergslids IK 1 (10-18) e gli islandesi di Fram 2 (20-27). Nell’ultima sfida con gli svedesi dell’HK Aranäs 2, quella decisiva per il terzo posto e quindi per la qualificazione al tabellone principale, Monteprandone scatta sul 6-2 al 4’, ma si fa subito rimontare e da lì la partita è equilibratissima. Anche se a fatica i verdi nel finale riescono a rimettere il muso avanti, sul 18-17, con Marco Di Girolamo, ma l’HK Aranäs 2 porta a casa i 2 preziosissimi punti con un paio di reti che fissano il risultato sul 19-18.

L’Hc Monteprandone dei fratelli Romandini recrimina, ma domani mattina si torna già in campo.

Questi i nomi dei ragazzi sbarcati a Göteborg per la Partille Cup: Lorenzo Capocasa, Cristian Cellini, Marco Di Girolamo, Wasim Khouaja, Riccardo Simonetti, Davide Evangelista, Mirco Salladini, Matteo Vagnoni, Lorenzo Pedroni, Daniele D’Andrea, Alessandro Tritto, Francesco Cela e Giulio Pompei. A seguire, invece, i dirigenti della società monteprandonese volati anche loro in Svezia: Pierpaolo Romandini, Raffaele Salladini, Patrizio Evangelista, Luca Cellini e Raffaele D’Andrea.




PallaMano, l’Hc Monteprandone U 13 alla conquista della terra dei vichinghi

GÖTEBORG – L’aereo con a bordo l’Handball Club Monteprandone Under 13 è partito da Fiumicino all’alba ed è atterrato a Göteborg in tarda mattinata. Per i giovani verdi la prima esperienza all’estero è anche la prima partecipazione alla Partille Cup, il torneo di pallamano più grande del mondo, che resiste dal 1970, con numeri da capogiro: 1.116 squadre ai nastri di partenza, 41 Paesi rappresentati e 70 campi di gioco per la 49esima edizione.

“Un’avventura incredibile, da cui usciremo di sicuro tutti più ricchi” è la sintesi di un emozionato coach Andrea Vultaggio, dopo il lungo viaggio servito per coprire i 1.700 chilometri di distanza tra Monteprandone e la Svezia. “Si tratta della nostra prima trasferta internazionale: siamo curiosi di confrontarci con nazioni che sono sicuramente superiori a noi” aggiunge il vicepresidente Pierpaolo Romandini. “Ce la metteremo tutta per ben figurare. Siamo veramente orgogliosi di regalare una esperienza di grandissimo spessore ai nostri ragazzi. Un grazie a tutti i dirigenti che hanno lavorato per realizzare questo sogno” la chiusura del numero due della società monteprandonese.

Coach Vultaggio e la sua Under 13 a Göteborg rappresenteranno una delle appena quattro formazioni italiane in gara: ci sono anche gli Azzurri EOC, la Pallamano 2 agosto Bologna Under 15 e le ragazze U18 Mezzocorona. Lo faranno nel gruppo 9, insieme alla norvegese Ski IL 2, alle svedesi Redbergslids IK1, HK Aran?s 2 e Lugi HF 2 e all’islandese Fram 2.

L’esordio dei verdi è fissato per domani, martedì 3 luglio, alle 10.15, contro Ski IL 2. Mercoledì, invece, due sfide: con Lugi HF 2 alle 9.05 e col Redbergslids IK1 alle 10.50. E giovedì altro doppio impegno: avversari Fram 2 alle 8.30 e HK Aran?s 2 alle 10.50.

Venerdì 6 luglio la seconda fase del torneo, con le prime 3 classificate degli 11 gironi under 13 che accederanno ai Playoff e le quarte, le quinte e le seste che al contrario si sfideranno nei Playoff B.

Questi i nomi dei ragazzi sbarcati a Göteborg per la Partille Cup: Lorenzo Capocasa, Cristian Cellini, Marco Di Girolamo, Wasim Khouaja, Riccardo Simonetti, Davide Evangelista, Mirco Salladini, Matteo Vagnoni, Lorenzo Pedroni, Daniele D’Andrea, Alessandro Tritto, Francesco Cela e Giulio Pompei. A seguire, invece, i dirigenti della società monteprandonese volati anche loro in Svezia: Pierpaolo Romandini, Raffaele Salladini, Patrizio Evangelista, Luca Cellini e Raffaele D’Andrea.




PallaMano, solo 4° posto per l’Hc Monteprandone U15 alla Supercoppa

CINGOLI – Due sconfitte su due e quarto posto finale. Verdetto quasi annunciato per l’Under 15 dell’Hc Monteprandone, composta per intero da under 13 e capace, comunque, di compiere il miracolo della qualificazione alla Supercoppa (area 6). Di sicuro per i giovanotti della società targata fratelli Romandini la soddisfazione di una domenica da protagonisti a Cingoli.

Se il ko per 42-22 in semifinale contro la corazzata Lions Teramo (vittoriosa 35-16 su Cingoli e tra le favorite alle finali nazionali di Misano a luglio) era preventivato e ragionevole, lo stesso non si può dire della finalina per il terzo posto contro la Torelli Teramo allenata dal mito della pallamano Settimio Massotti. Eppure l’Hc Monteprandone, nonostante gli abruzzesi siano più grandi e grossi, partono molto forte. Alla lunga, però, la stanchezza e l’inesperienza finiscono per costare caro ai verdi, che si arrendono per due soli punti (31-29).

Vicepresidente Hc Pierpaolo Romandini durante premiazioni finali

“Abbiamo concluso la Supercoppa immeritatamente al quarto posto, ma il risultato non ci interessava più di tanto” è il commento del coach monteprandonese, Andrea Vultaggio. “A inizio stagione ero dubbioso sulla partecipazione al campionato di under 15, visto che avevamo in rosa diversi classe 2006 e 2007. Devo dire, invece, che si è rivelata un’esperienza interessante e formativa per tutti. Sicuramente abbiamo ottenuto grandi miglioramenti e guardiamo fiduciosi al futuro” chiude coach Vultaggio.

A fine giornata premiate le squadre, il miglior giocatore (Davide Ciattaglia di Cingoli) e il miglior portiere della manifestazione (Matteo De Angelis, Lions Teramo).

 




PallaMano, Partille Cup: tricolore e vessillo di Monteprandone a Goteborg

MONTEPRANDONE – La bandiera italiana e il vessillo di Monteprandone, a Goteborg: li farà sventolare l’Under 13 dell’Handball Club. Poco più di due settimane e sarà Partille Cup, il torneo di pallamano giovanile più grande del mondo al via il 3 luglio (fino al 9). Stilati i gironi: 11 in tutto quelli della categoria under 13, con 66 squadre ai nastri di partenza in rappresentanza di 15 Paesi.

La società dei fratelli Romandini è stata inserita nel gruppo 9 insieme a tre formazioni svedesi (Redbergslids IK1, HK Aran?s 2 e Lugi HF 2), una norvegese (Ski IL 2) e una islandese (Fram 2). Come detto l’Hc Monteprandone, uno dei quattro club italiani che saranno a Goteborg, porterà sull’aereo pure la bandiera di Monteprandone che il sindaco Stefano Stracci ha consegnato ai verdi nella cerimonia in Comune del 25 maggio scorso.




PallaMano, finisce il sogno tricolore dell’Hc Monteprandone U17

FANANO – Si spegne quasi sul nascere il sogno tricolore dell’Hc Monteprandone Under 17, fuori già nel girone eliminatorio alle finali nazionali. Per i ragazzi di coach Andrea Vultaggio il fine settimana a Fanano, in provincia di Modena, si conclude con due sconfitte e un pareggio.

Nel primo incontro, quello di venerdì mattina contro Schio, Monteprandone entra in campo teso e pure con qualche cerotto di troppo dopo la finale di Supercoppa Marche-Abruzzo disputata (e persa) precedentemente coi Lions Teramo. Nel primo tempo i verdi lottano alla pari, poi nella ripresa cedono per colpa di qualche episodio sfavorevole (36-28 il risultato in favore dei veneti).

Molte meno recriminazioni nella sfida del pomeriggio contro il Rapid Nonantola: gli emiliani si dimostrano ostacolo insormontabile per i campioni marchigiani e nonostante le prestazioni super di Campanelli e capitan Mattioli (rispettivamente 10 e 6 gol), l’Hc rimedia il secondo ko (30-39).

L’ultima gara, quella contro Mascalucia, conferma che il traguardo delle finali nazionali è meritato per Monteprandone. I siciliani, infatti, che avevani messo in seria difficoltà Nonantola e battuto Schio, sono costretti a rincorrere per tutta la gara. Ma nel finale Mascalucia si rifà sotto e chiude sul 39 pari. Straripante il solito Campanelli, autore di 14 reti.

Il commento di coach Vultaggio: “Sono felice di quanto i miei ragazzi hanno fatto vedere durante al stagione. Sono stati spettacolari, dando sempre il massimo. Vederli lottare contro avversari più forti, mi rende molto orgoglioso di questo gruppo. Spero che il campionato appena concluso possa rappresentare per tutti loro il trampolino di lancio per una grandiosa vita da sportivi della pallamano”.

Per la cronaca il tricolore Under 17 è andato ai lombardi di Cassano Magnago.

Di seguito i tabellini delle tre partite giocate dall’Under 17 a Fanano.

Schio-Hc Monteprandone 36-28

SCHIO: De Marchi, Gusi, Marangon 1, Bissaro, Giuriato 7, Sbabo 7, Bissacco, Facci 3, Cosmo, Maculan, F. Rizzi 4, Finello 1, Bonollo 1, Lollo 12. All.: A. Rizzi.

MONTEPRANDONE: A. Di Girolamo, Salladini, Parente 3, Campanelli 7, Khouaja, M. Di Girolamo, Funari 3, Curzi, Carlini 2, Lattanzi 4, Mattioli 9, Capocasa. All.. Vultaggio.

Arbitri: Vizzini e Guttadauro.

NOTA: parziale primo tempo, 14-11.

Hc Monteprandone-Rapid Nonantola 30-39

MONTEPRANDONE: A. Di Girolamo, Salladini 3, Parente 3, Campanelli 10, Khouaja, M. Di Girolamo, Funari 1, Curzi, Carlini 1, Lattanzi 6, Mattioli 6, Capocasa. All. : Vultaggio.

NONANTOLA: Pennisi 2, Dattoli 6, Sitta 1, Gollini, Cristiano 2, Rizzello 1, Kr. Kasa 4, Kl. Kasa 7, Nigro, Foresti 1, Magnoni 3, Monzani 8, Melchiorri 4, Giampaglia, Bertani. All.: Montanari.

Arbitri: Savarese e Calascibetta.

NOTA: parziale primo tempo, 14-21.

Mascalucia-Hc Monteprandone 39-39

MASCALUCIA: Seminara, Pappalardo 5, Cardullo 11, Xhethani 2, Cristaudo 8, Coppola, Villani, Cantone 1, Santonocito, L. M. Mineo 9, Bonanno 3. All.: A. N. Mineo.

MONTEPRANDONE: A. Di Girolamo, Salladini, Parente 7, Campanelli 14, Khouaja, M. Di Girolamo, Funari 2, Curzi, Carlini 4, Lattanzi 8, Mattioli 4, Capocasa. All.. Vultaggio.

Arbitri: Busolli e Lippolis.

NOTA: parziale primo tempo, 18-19.

 

 




PallaMano U 17, sfugge la supercoppa Marche – Abruzzo all’Hc Monteprandone

 

MONTEPRANDONE – Niente bis in Supercoppa (edizione Marche-Abruzzo), l’Hc Monteprandone Under 17 si fa superare dai Lions Teramo ai supplementari. La stagione dei ragazzi di coach Andrea Vultaggio, campioni regionali per la terza volta consecutivi e vincitori della Supercoppa Marche, resta comunque da incorniciare.

Al limite resiste il rammarico per non averci messo il fiocco sopra. Al palazzetto di via Colle Gioioso, davanti al proprio pubblico e alle istituzioni cittadine (con il sindaco Stefano Stracci poi protagonista al momento delle premiazioni), l’Under 17 verde si è arresa a un centimetro dal traguardo. Prima il successo, seppure un pizzico faticoso, contro Guardiagrele (38-36). Quindi la tiratissima finale contro i Lions Teramo, che a loro volta avevano superato il Cus Ancona 37-26.

Grande gara dell’Hc per 45 minuti, che riesce a portarsi avanti di 4 punti. Ma dopo la stanchezza si è fatta sentire. Carlini, con un gran gol dalla distanza a fil di sirena, permette ai suoi di sperare ancora, ma nell’extra-time Teramo fa valere la sua maggiore freschezza atletica. Finale, 43-41 per gli abruzzesi (parziali: 23-24,38-38,42-40) e secondo ko dell’anno per i giovani monteprandonesi. Degne di nota le prestazioni di capitan Mattioli e di Campanelli, che hanno totalizzato 50 reti e passa in due partite.

“Perdiamo la Supercoppa interregionale dopo aver sfornato le migliori prestazioni stagionali” è il commento di coach Vultaggio. “Purtroppo abbiamo pagato la panchina corta, ma è stata una mia scelta affrontare entrambe le gare quasi interamente col lo stesso sette. Non posso rimproverare nulla ai ragazzi, escono sicuramente più forti da questa esperienza e sicuramente avranno immagazzinato benzina importante in vista delle finali nazionali di Fanano dall’8 al 10 giugno. Comunque vada per la nostra piccola società sarà una annata indimenticabile” sintetizza coach Vultaggio.

A fine giornata premiati anche due giocatori dei Lions Teramo, M. De Angelis e A. De Angelis, rispettivamente come miglior portiere e miglior giocatore.

Impeccabile l’organizzazione dell’Hc Monteprandone dei fratelli Romandini.

 




PallaMano, l’Hc Monteprandone U17 verso la supercoppa

MONTEPRANDONE – Con due titoli già in tasca, l’Handball Club Monteprandone Under 17 si mette a rincorrere il terzo. Dopo i successi nel torneo regionale e in Supercoppa Marche, i verdi ospiteranno Cus Ancona, Lions Teramo e Guardiagrele nell’edizione interregionale della Supercoppa.

Appuntamento a domenica 3 giugno al palazzetto di via Colle Gioioso di Monteprandone. Per i ragazzi di coach Andrea Vultaggio, che poi dall’8 al 10 giugno saranno impegnati a Fanano (Modena) nelle finali nazionali del campionato, la possibilità di festeggiare ancora una volta davanti al proprio pubblico. La gara d’apertura alle 10, tra Lions Teramo e Cus Ancona. Alle 11.30 l’Hc contro Guardiagrele. Nel pomeriggio, alle 16, la finalina tra le perdenti. A seguire, alle 17.30, il match che assegnerà la Supercoppa Marche-Abruzzo. E l’Under 17 Monteprandone spera di esserci anche stavolta.