dal Piceno

“La ristrutturazione finanziaria del debito dell’Ente Locale”
15-07-2014

Presentata con successo l’esperienza della Provincia di Ascoli Piceno

“La ristrutturazione finanziaria del debito dell’Ente Locale” è stato il tema del convegno svoltosi nella sala consiliare di palazzo San Filippo e promosso dalla società Ingegna Finanza, con il patrocino dell’Amministrazione Provinciale, per illustrare l’esperienza virtuosa in tema di gestione dello stock di debito pregresso posta in essere dalla Provincia di Ascoli Piceno.

Un confronto aperto e a tutto campo, che si è sviluppato alla presenza di rappresentanti di Comuni, associazioni di categoria, commercialisti ed altri esperti del settore, su una questione di grande attualità e che può essere di positivo esempio anche per altre amministrazioni, impegnate a far quadrare i conti in una complessa situazione per la stringente spending rewiev e la crisi economica. L’operazione di ristrutturazione del debito della Provincia di Ascoli Piceno, attuata con la supervisione di Ingegna Finanza, si è infatti concretizzata in una rinegoziazione di posizioni debitorie per oltre 54 milioni e 373 mila euro, generando complessivamente, nel triennio 2013-2015, un risparmio pari ad oltre 5 milioni e 811 mila euro.

Il convegno è stato aperto dal Presidente della Provincia Piero Celani e dall’Assessore al Bilancio Vittorio Crescenzi che hanno evidenziato il percorso e il senso della complessa operazione, funzionale anche al buon esito del piano di risanamento dell’Ente e che ha consentito di “liberare” preziose risorse per gli equilibri di bilancio.

“La ristrutturazione del debito ha costituito una best practice che ha ricevuto indirettamente, con l’approvazione del piano di riequilibrio della Provincia, l’avvallo della stessa Corte dei Conti – ha sottolineato con soddisfazione il Presidente Celani – e che dimostra come si possano conseguire risultati importanti, quando si coniuga insieme la buona politica con la buona finanza. Desidero ringraziare Ingegna Finanza e gli istituti di credito che hanno partecipato con convinzione e grande collaborazione a questa operazione di cui ha beneficiato secondo le percentuali di riparto anche la Provincia di Fermo visto che, dopo la separazione dei due enti nel 2009, i mutui non erano stati novati”.

Soddisfazione è stata espressa anche dall’Assessore al Bilancio Crescenzi “siamo partiti da una situazione economico finanziaria molto difficile: basti pensare che dal 2010 al 2014 i trasferimenti dello Stato si sono ridotti di 7 milioni di euro e quelli della Regione di 22 milioni e, nonostante questo ed altre difficoltà, abbiamo portato avanti con successo la ristrutturazione del debito insieme ad una rigorosa politica di contenimento della spesa corrente, tagliando i costi della politica e senza toccare il personale e penalizzare gli investimenti sul territorio”.

I lavori, moderati dal dott. Ferruccio Squarcia Amministratore delegato Confindustria servizi srl Ascoli, hanno visto gli interventi dei rappresentanti di Banca dell’Adriatico, Daniele Ionni e Maria Angela Palucci e del Prof. Giovanni Piersanti, Ordinario dell’Università di Teramo che nella sua relazione di respiro internazionale ha trattato la questione della crisi in campo europeo da affrontare “attraverso politiche strutturale espansive, la vendita di asset pubblici e la monetizzazione del debito”.

Sugli aspetti tecnici della ristrutturazione del debito si è infine soffermato l’Ing Paolo Di Antonio di Ingegna Finanza che ha posto in risalto “l’ottimo lavoro di squadra di tutti i soggetti interessati: Provincia di Ascoli, Banca dell’Adriatico (ex Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno), Gruppo Intesa Sanpaolo e istituto Fms Wertmanagement, già Depfa Bank coinvolti in una esperienza unica a livello nazionale per complessità dei parametri economico-finanziari e della normativa di riferimento, in particolare l’articolo 41 L.448/2001”.

 




dal Piceno

Settimana conclusiva del Festival dell’Appennino
14-07-2014

Tre appuntamenti in programma a Rocchetta, Meschia e Force

Settimana conclusiva e ricca di sorprese quella che il ‘Festival dell’Appennino’ si appresta a vivere. Si parte domani, martedì 15 luglio, con la prima edizione del “Rocchetta Film Festival” in programma nell’affascinante borgo dell’Acquasantano. La rassegna prosegue poi mercoledì 16 con lo spettacolo “Il regno fantastico” a Meschia (rinviato la scorsa settimana a causa del maltempo) e si chiude, quindi, giovedì 17 con la tappa di Force.

“Tre appuntamenti tutti da vivere e tutti da scoprire – spiega l’Assessore alla Cultura Andrea Maria Antonini – di certo, possiamo dire con soddisfazione e un pizzico di orgoglio che si è trattato di una edizione davvero ben riuscita e con un numero crescente di partecipanti a testimonianza della bontà del binomio cultura-natura”.

L’appuntamento di Rocchetta (in programma domani) sarà aperto dall’escursione con ritrovo alle ore 18 a Piandelloro, quindi dopo circa mezzora di cammino si arriverà nel caratteristico borgo dove sarà possibile cenare, alle ore 20, nei punti allestiti dall’Associazione Appennino Perduto. Nel corso della serata saranno proiettati i video partecipanti al “Rocchetta Film Festival”, evento che ha inteso essere momento di produzione originale ed incontro per giovani video makers italiani. Per una settimana infatti 5 troupe, hanno girato filmati su temi e legati ad aspetti naturalistici, antropologici, storici, architettonici e culturali di aree dell’entroterra piceno, che saranno proposti alla fruizione del pubblico. Ritorno previsto per le 23. L’organizzazione raccomanda di dotarsi di abbigliamento da montagna e di torce frontali per il percorso in notturna.

Mercoledì 16 luglio sarà la volta di Meschia dove sarà presentato lo spettacolo “Il Regno Fantastico” con ritrovo alle 16 nella frazione del comune di Roccafluvione. Alle 16.30 prenderà il via la passeggiata ad anello che, da Meschia, condurrà i partecipanti in località Pianamonte con ritorno al punto di partenza previsto intorno alle 20. Negli stand allestiti dall’associazione locale AVAM, sarà possibile fare cena in attesa dello spettacolo teatrale “La principessa delle rocce”, che si svolgerà alle 21.30 nello splendido scenario del castagneto.

Il testo, scritto dallo studioso Cesare Catà e messa in scena in collaborazione con la Fitzcarraldo eventi, racconta, in maniera favolistica e leggiadra, un legame d’amore tra una principessa e un cavaliere errante. Una bellissima storia ambientata nella natura tra rocce, massi erratici e castagni da sempre simbolo di sapienza e intramontabili valori.

Il Festival quindi si chiuderà a Force dalle ore 19 fino a tarda notte dove, con estro e tanta fantasia, sarà presentata una speciale serata in omaggio al grande regista Federico Fellini e alle sue opere che hanno fatto la storia del cinema mondiale.




Rinnovati gli organi statutari al Consorzio di tutela dell’Oliva ascolana Dop

ASCOLI PICENO – Il Consorzio di tutela dell’Oliva ascolana del Piceno DOP ha rinnovato in questi giorni i suoi organi statutari. Come noto il consorzio ha finalità di “salvaguardia della DOP da abusi, atti di concorrenza sleale e contraffazioni” ed è l’unico organismo titolato ad acquisire finanziamenti da parte del Ministero delle Politiche Agricole e ad attivare direttamente tutte le iniziative volte al miglioramento della produzione olivicola e alla sua valorizzazione.

Il Consiglio di Amministrazione, che è costituito da 9 membri nominati dall’assemblea dei soci, ha eletto nuovo Presidente il prof. Leonardo Seghetti, docente di chimica agraria e trasformazione dei prodotti agroalimentari presso l’Istituto Tecnico Agrario Statale Ulpiani di Ascoli. Il prof. Seghetti è accademico nazionale dell’olivo e dell’olio, della cucina Italiana e di quella di Agraria di Pesaro, nonché autore di oltre 100 pubblicazioni divulgative e scientifiche, ma soprattutto è innamorato dell’oliva tenera ascolana, pregiatissima varietà locale alla base del disciplinare della DOP.

 

Vicepresidente del consorzio è stato designato Luigi Tempera, in rappresentanza di F.lli Tempera srl, mentre assume la carica di tesoriere e segreteria generale Isabella Mandozzi in rappresentanza della ditta Silvestri Rosina.

Ringrazio il presidente storico del Consorzio Nazzareno Migliori per il grande lavoro sin qui svolto – ha dichiarato il neo Presidente Seghettitra i progetti a cui tengo molto ci sono i rapporti con le istituzioni scolastiche (Agraria ed Alberghiero) per favorire la realizzazione di corsi modulari e serali riguardanti l’intera filiera e la realizzazione di una formazione continua ai cittadini sulla conoscenza della DOP con corsi di degustazione sia di olive verdi e nere che farcite.”

Il Presidente Piero Celani, a nome dell’Amministrazione Provinciale che è stata a fianco fin dall’inizio al consorzio e si è impegnata molto per la sua costituzione, ha rivolto gli auguri più sinceri per un proficuo lavoro al nuovo Presidente ed al Consiglio di Amministrazione del Consorzio ricordando che “il valore aggiunto dato dalla protezione comunitaria è alto e connesso strettamente al particolare legame tra prodotto e territorio che nell’Oliva Ascolana del Piceno viaggiano all’unisono. In questo modo viene riconosciuto e valorizzato una produzione frutto della nostra terra e della sua intelligenza e direi di più, grazie alla certificazione raggiunta abbiamo un’ambasciatrice d’eccezione che viaggia in tutto il mondo portando il nome del Piceno”.




Consegnati gli attestati per le professionali turistiche

33 i nuovi operatori a disposizione del settore

 

ASCOLI PICENO, 2014-07-11 – Il Presidente Piero Celani ha consegnato ieri pomeriggio, nella Sala “Ugo Toria” dell’Ente, gli attestati e i relativi tesserini per l’esercizio dell’attività ai candidati abilitati alle professioni turistiche che hanno superato le procedure di selezione previste dai bandi regionali, svoltesi in questi mesi. Il Servizio Turismo della Provincia ha infatti coordinato tutto l’iter amministrativo dalla predisposizione degli atti alla costituzione delle relative commissioni d’esame composte da esperti interni ed esterni delle varie materie.

In tutto sono 33 i nuovi operatori così suddivisi: 6 guide turistiche, 4 accompagnatori turistici, 4 tecnici di comunicazione e marketing turistico, 9 guide naturalistiche e, infine, 8 direttore di tecnico agenzia di viaggi e turismo, il cui relativo albo è però curato dalla Regione Marche.

un momento della cerimonia

un momento della cerimonia

Mi congratulo con tutti i nuovi professionisti abilitati – ha dichiarato il Presidente Celanicon grande efficienza e celerità la Provincia ha provveduto, con procedure di selezioni molto attente, a mettere a disposizione di un mercato turistico locale in forte crescita ulteriori figure qualificate molto attese, visto che gli ultimi esami banditi dalla Provincia risalgono al 2000, mentre il bando per Direttore di Agenzia Viaggi è stato nel 2010. Pertanto – ha aggiunto Celanidi fronte ad uno scenario profondamente cambiato, era necessario procedere ad ampliare l’offerta di operatori in un settore sempre più multifunzionale dove, accanto al turismo tradizionale, si sono sviluppati altri tipi di turismo, come ad esempio, quello di ‘scoperta’ legato alle tradizioni e alla storia dei luoghi“.

Il Presidente Celani ha inoltre ricordato che l’Amministrazione Provinciale ha svolto fin dal 2010, con risorse proprie o del Fondo Sociale Europeo, corsi volti a formare operatori con competenze specifiche. In particolare i corsi di I° e II° livello in Tecnologie di Ricezione per Bed & Breakfast e strutture ricettive extra-alberghiere, i corsi di I° e II° livello in Marketing Turistico per il personale di Enti e Associazioni (pubbliche e private), Pro Loco che aveva tra gli obiettivi quello di trasformare i centri I.A.T. provinciali di Ascoli, S. Benedetto, Porto d’Ascoli e Grottammare da semplici luoghi di distribuzione di materiale informativo in spazi aperti ad eventi promozionali delle eccellenze del territorio. Il Presidente ha anche fatto cenno ai corsi di Steward e Hostess di bordo per formare professionisti in grado di operare nell’attività di receptionist all’interno di navi da crociera e da diporto ed i corsi per Guide Naturalistiche in aree protette di come i Parchi dei Monti Sibillini e dei Monti della Laga o zone marine di pregio come la Sentina.




dal Piceno

Il Festival dell’Appennino in scena a Meschia
08-07-2014

Appuntamento con il “Regno Fantastico” giovedì 10 luglio

‘Il Regno Fantastico’ è il titolo del prossimo imperdibile appuntamento del Festival dell’Appennino in programma giovedì 10 luglio con ritrovo alle 16 a Meschia, frazione del comune di Roccafluvione. Alle 16.30 prenderà il via l’escursione ad anello nel cuore verde dell’entroterra piceno che, da Meschia, condurrà i partecipanti in località Pianamonte con ritorno al punto di partenza previsto intorno alle 20. Negli stand allestiti dall’associazione locale AVAM, sarà possibile fare cena in attesa dello spettacolo teatrale “La principessa delle rocce”, che si svolgerà alle 21.30 nello splendido scenario del castagneto.

“Si tratta di una opera davvero originale che rientra in una trilogia fantasy realizzata in questi anni dal Festival – spiega il regista dello spettacolo Maurizio Serafini – dopo la produzione nel 2013 ambientata nella grotta del Petrennio nel 2012 e al lago di Gerosa nel 2013, quest’anno infatti sarà la volta di Meschia, splendida località dell’Ascolano”.

Il testo, a cura del filosofo Cesare Catà e messa in scena in collaborazione con la Fitzcarraldo eventi, racconta, in maniera favolistica e leggiadra, un legame d’amore tra una principessa e un cavaliere errante. Una bellissima storia ambientata nella natura tra rocce, massi erratici e castagni da sempre simbolo di sapienza e intramontabili valori.

Ecco i nomi dei protagonisti: Pamela Olivieri (la principessa delle rocce), Stefano Tosoni (il cavaliere); Wendy Farinelli, (la balia della principessa), Silvia Betini (la fata della parola), Cesare Catà (il narratore), Diego Giulietti, Leo Vargeon, Michele Serafini e Luciano Monceri (i cannibali). Regia di Maurizio Serafini. Costumi Stefania Sbarbati. Luci: Paola Ciccarelli. Allestimenti: Tito Ciarma e Pippo Salvi.

L’organizzazione ricorda che in caso di pioggia lo spettacolo sarà rimandato a sabato 12 luglio con inizio alle ore 16. Si consiglia di dotarsi di adeguato abbigliamento da montagna (giacca a vento, scarponi, plaid, torcia frontale e coperte). Per ogni notizia meteo è consigliabile consultare preventivamente il sito del festival o chiamare il numero 335 6223577.

La ristrutturazione del debito della Provincia di Ascoli Piceno

Pres. Convegno Finanza Locale Provincia
08-07-2014

L’esperienza sarà presentata venerdì in un convegno

L’Amministrazione Provinciale di Ascoli Piceno ha scelto di puntare anche sulla ristrutturazione finanziaria del proprio debito come strumento virtuoso per ottenere risparmi e per abbassare il cospicuo stock di debito pregresso accumulato nelle precedenti gestioni amministrative. Questa esperienza amministrativa verrà illustrata in un convegno aperto agli enti locali, alle associazioni di categoria e agli operatori del settore venerdì 11 luglio, alle ore 9.30, nella sala consiliare di palazzo San Filippo.

L’iniziativa è stata presentata stamane dal Presidente della Provincia Piero Celani, dall’Assessore al Bilancio Vittorio Crescenzi e dal Ing. Paolo Di Antonio partner di Ingegna Finanza, l’advisor che ha condotto e certificato l’operazione di ristrutturazione del debito. Erano presenti i dirigenti dell’Ente, il dott. Giuseppe Serafini e il dott. Eros Nunzio Libetti, che ha curato il percorso tecnico da parte della Provincia. Alla conferenza di presentazione ha anche partecipato il dott. Ferruccio Squarcia, Amministratore delegato Confindustria servizi srl Ascoli che modererà i lavori del convegno. Tra gli interventi previsti nella giornata di venerdì ci sarà quello del prof. Giovanni Piersanti, Ordinario dell’Università di Teramo e Presidente del Consorzio Universitario per gli studi economici e ¬finanziari e dei rappresentanti delle banche interessate alla ristrutturazione: il dott. Marco Santarcangelo di FMS Wertmanagement e per la Banca dell’Adriatico: il dott. Vittorio Meconi Coordinatore di mercato retail e il dott. Tonino Simonetti Direttore ¬della filiale di Ascoli Piceno.

“L’operazione di ristrutturazione del debito della Provincia può essere definita una buona pratica amministrativa e si è concretizzata in una rinegoziazione di posizioni debitorie per oltre 54 milioni e 373 mila euro – ha spiegato il Presidente Celani – una sfida impegnativa condotta in ottemperanza a quanto previsto dalla normativa vigente, con l’assistenza e la supervisione di Ingegna Finanza, che ha assunto un ruolo di terzietà portando avanti le analisi tecniche di convenienza economico-finanziarie. L’operazione ha conseguito risultati molto positivi generando complessivamente un risparmio sul triennio 2013-2015 pari complessivamente ad oltre 5 milioni e 811 mila euro. Da evidenziare che l’operazione è stata condotta anche per conto della Provincia di Fermo, in quanto, al tempo, le posizioni debitorie, dopo la divisione dei due province avvenute nel 2009, non erano state novate. La Provincia di Fermo gode quindi di un quota parte dei benefici economico-finanziari della rinegoziazione”.

L’Assessore Crescenzi ha sottolineato “la valenza di questa iniziativa funzionale anche al piano di riequilibrio economico e finanziario dell’Ente e che ha ricevuto in questo ambito indirettamente il riconoscimento della stessa Corte dei Conti come buona operazione di finanza pubblica. In particolare, non solo si è ridotto il valore attuale dello stock di debito esistente al tempo, ma la ristrutturazione del debito ha soprattutto consentito di ‘liberare’ risorse finanziarie utili al risanamento dei conti e agli investimenti sul territorio. Al convegno – ha proseguito l’Assessore Crescenzi – abbiamo invitato non solo i 33 comuni del Piceno ma anche i comuni del vicino Abruzzo e del Fermano nell’ottica del principio di sussidiarietà di mettere a disposizione un’esperienza ed un percorso utile anche per altre amministrazioni”.

L’ing. Di Antonio ha evidenziato “l’ottimo lavoro di squadra della Provincia di Ascoli Piceno effettuato nell’ambito di in un’esperienza professionale coinvolgente ed unica a livello nazionale per complessità di un contesto in rapida evoluzione normativa e finanziaria e in considerazione anche della spending review con il taglio massiccio di trasferimenti dello Stato e delle Regioni che ha inciso pesantemente sui bilanci degli enti locali territoriali, penalizzando in particolar modo le Province in piena trasformazione istituzionale”.

 

Intervento di Celani sul Ponte Rubbiabello

 

Con riguardo alla questione tuttora irrisolta del ponte in località Montefiore – Rubbianello, torno a segnalare la forte preoccupazione e il vivo disappunto, condiviso peraltro con la Provincia di Fermo e con tutti i Comuni interessati, per una situazione di stallo che continua purtroppo a prolungarsi con gravi danni economici e sociali per le comunità interessate, a causa del mancato parere della Soprintendenza ai Beni Architettonici e Paesaggistici delle Marche, necessario al rifacimento dell’opera. Oltretutto anche la stessa Prefettura di Ascoli Piceno ha segnalato la problematica e richiesto di individuare al più presto una soluzione in grado di salvaguardare i prioritari interessi della collettività.

In particolare penso ai residenti, ai tanti pendolari, agli artigiani e agli agricoltori della Valdaso che con grande impegno faticano ad andare avanti in questo momento di ristagno dell’economia e certo non hanno bisogno di vedersi aggiungere ulteriori disagi con la mancanza di un’infrastruttura essenziale per la mobilità di quel territorio. Pertanto, chiedo alla Soprintendenza di esprimere ufficialmente, entro una settimana, il parere di competenza sul ponte, previo un confronto diretto sul luogo con le istituzioni e i cittadini per verificare direttamente sul campo le conseguenze negative della mancanza del collegamento e le caratteristiche architettoniche dell’infrastruttura che, pur essendo di una certa epoca, non appare possedere caratteri di unicità storica; tanto più che la stessa opera ha subito nel tempo profondi rimaneggiamenti sia nella struttura che nei parapetti che ne hanno già ampiamente modificato la conformazione. Si evidenzia, inoltre, che la Provincia di Ascoli Piceno ha fatto già pervenire alla Soprintendenza tutta la documentazione tecnico-amministrativa necessaria per esprimere il parere.

Auspico quindi che, entro pochi giorni, possa pervenire come sollecitato una risposta ufficiale e definitiva da parte della Soprintendenza specialmente in considerazione della grave e perdurante difficoltà economica che richiede a tutte le istituzioni, pur nel rispetto delle reciproche competenze e della normativa vigente, la massima responsabilità e collaborazione nel risolvere le problematiche con urgenza e con le migliori sinergie nel nome dell’interesse pubblico e del bene comune.

Il Presidente della Provincia

Piero Celani      




Donato alla Provincia un quadro simbolo delle peculiarità del territorio

Le realtà di Ascoli e San Benedetto unite all’insegna del turismo e della cultura
ASCOLI PICENO, 07-07-2014 – “Armonie e suggestioni di terre picene”: è questo l’evocativo titolo del quadro donato alla Provincia dagli artisti legati alla manifestazione “Pianeta OltremArte”, vetrina sulla costa delle tipicità del territorio svoltasi l’anno scorso con il coordinamento della Provincia e di Confcommercio. Un’iniziativa che si rinnoverà anche quest’anno, a partire da giovedì prossimo, con una serie di appuntamenti presso lo chalet “Oltremare”, concessione n.86, di San Benedetto del Tronto per veicolare le meraviglie dei Comuni dell’entroterra

Il quadro è stato consegnato stamani, a palazzo San Filippo, al Presidente della Provincia Piero Celani dal Presidente della Confcommercio Fausto Calabresi, dai titolari dello stabilimento balneare “Oltremare” Luigino e Maria Rita Capriotti e da due degli artisti che hanno realizzato il dipinto Giuseppe Alesiani e Sandro Cianni. Gli altri tre co-autori dell’opera sono Silvano Prete, Ewa Maria Hamczyk e Gabriele Partemi

“La tela è veramente splendida – ha dichiarato il Presidente Celani – e amalgama bene insieme gli elementi che caratterizzano, dalla costa alla montagna, il nostro straordinario territorio raffigurando le varie eccellenze dall’enogastronomia, all’artigianato tipico fino ai simboli e tradizioni storiche della marineria e città di San Benedetto e della realtà di Ascoli. Posizioneremo l’opera nella sala ‘Ramazzotti’ antistante l’ingresso dell’aula consiliare, una collocazione che valorizza al meglio il messaggio di condivisione che il dipinto vuole sintetizzare: il legame tra tutte le componenti del territorio e le sinergie che esse possono e sanno esprimere”.

“Ringrazio la Provincia per aver partecipato all’iniziativa di valorizzazione portata avanti dalla Confcommercio e, in particolare, da un suo associato – ha affermato il Presidente Calabresi – risulta fondamentale ‘vendere il prodotto territorio’ nella sua interezza promuovendo al meglio le sue peculiarità uniche dal punto di vista artistico, paesaggistico, ambientale e storico, insieme alla passione e l’entusiasmo degli operatori del settore che vogliono affrontare e vincere le grandi sfide poste dalla competizione”.

Alla consegna dell’opera era presente anche il pro-rettore dell’Università Politecnica delle Marche Prof. Gianluca Gregori che ha sottolineato “come il sistema universitario nel Piceno risponda ad una logica di integrazione delle sue articolazioni con le varie sedi accademiche dislocate dalla costa ad Ascoli”.




Rifacimento del ponte di Rubianello: nota congiunta Celani – Cesetti

Ascoli Piceno, 2014-07-01 – I Presidenti delle Province di Ascoli Piceno e Fermo Piero Celani e Fabrizio Cesetti si sono incontrati stamane, a palazzo S. Filippo, per trattare vari problematiche comuni riguardanti le due Amministrazioni. In particolare, è stata approfondita la questione del ponte di Rubianello per trovare la soluzione più rapida e funzionale possibile a garantire il rifacimento dell’infrastruttura crollata, essenziale per le comunità interessate che stanno vivendo comprensibili e molteplici disagi. I due Presidenti, coadiuvati dai collaboratori tecnici Ing. Mariangela Fiorentino e dall’Ing. Ivano Pignoloni, hanno inviato al Soprintendente ai Beni Architettonici e Paesaggio delle Marche dott. Stefano Gizzi la seguente lettera congiunta:

 

“OGGETTO: Ricostruzione ponte in località Rubianello

Si fa riferimento alla nota di codesta Soprintendenza trasmessa nella mail il 30 giugno u.s.

La comunicata pretesa di ricostruzione del ponte “mediante interventi di consolidamento e restauro conservativo con esclusione di demolizioni” confligge con la normativa vigente in materia, di cui al DM 14/01/08, per cui si ritiene che qualsiasi operazione di restauro e consolidamento dell’attuale struttura non potrà mai soddisfare le dovute verifiche idrauliche e di stabilità, ponendo fin d’ora un problema di corretto utilizzo di risorse pubbliche nonché di etica professionale per chi sarà incaricato della progettazione.

Ciò premesso, pur considerando le strutture un esempio di architettura di una certa epoca, questi Enti, vista anche l’esiguità delle risorse disponibili (3 milioni di euro) ritengono di dover procedere, come procederanno, alla redazione di una soluzione progettuale con la previsione di un nuovo ponte in prossimità di quello gravemente danneggiato dagli eventi meteorici del 02/12/2013, che invece verrà restaurato ai soli fini monumentali o per mobilità dolce, non appena saranno rese disponibili le risorse occorrenti da parte dello Stato e/o della Regione.

Distinti Saluti

Il Presidente della Provincia di Fermo                               Il Presidente della Provincia di Ascoli Piceno

Avv. Fabrizio Cesetti                                                                Dott. Ing. Piero Celani”




dal Piceno

Obbligo formativo, concluso il primo anno del corso di aiuto cuoco
26-06-2014

Saggio finale con le prelibatezze preparate dagli allievi

Si è concluso oggi in bellezza con un ricco buffet preparato dagli allievi il primo anno del Corso di “Addetto produzione pasti (Aiuto cuoco)”, gestito dal Centro Locale per la Formazione di Ascoli nell’ambito del progetto sull’Obbligo Formativo promosso dalla Provincia per i ragazzi in situazione di drop-out, ovvero giovani dai 16 ai 18 anni che hanno smesso di studiare, formarsi e in attesa di un lavoro. A questo appuntamento conclusivo non è voluto mancare il Presidente della Provincia Piero Celani, l’Assessore al Lavoro Aleandro Petrucci, la Dirigente del Servizio Formazione dott.sa Matilde Menicozzi e la direttrice del CFL dott.sa Fiorenza Pizi che, insieme a docenti e operatori, si sono congratulati con i ragazzi per l’impegno e gli ottimi risultati didattici conseguiti.

Il corso, frequentato da 18 allievi, si è snodato in oltre 1200 ore includendo discipline tradizionali e formazione tecnico-professionale nell’ambito delle materie attinenti la cucina, pizzeria, pasticceria e servizio di sala. Le lezioni pratiche si sono tenute nell’attrezzato laboratorio di cucina allestito nel CLF di via Cagliari, dove gli studenti hanno avuto modo di prepararsi avendo come docenti affermati chef del territorio, che hanno portato la loro pluridecennale esperienza, maturata anche in abito internazionale. I corsisti hanno anche potuto usufruire di tirocini formativi presso ristoranti della città e della vallata, potendo così acquisire sul campo un’esperienza di carattere professionale. L’iniziativa formativa consente di potersi iscrivere direttamente al IV anno delle scuole statali alberghiere e quindi riprendere il percorso interrotto della formazione superiore.

I ragazzi torneranno dietro i fornelli a metà settembre per iniziare il II ed ultimo anno di formazione che li proietterà nel mondo del lavoro in un settore che offre concrete opportunità di impiego.

Festival dell’Appennino, “Ritmi e suoni nel cuore della Laga”

 

 

Festival dell’Appennino 2014Festival dell’Appennino 2014

Sabato 28 giugno 2014 nuovo appuntamento con il Festival dell’Appennino che propone escursione e spettacoli a Quintodecimo per “Ritmi e suoni nel cuore della Laga”.

 

ASCOLI PICENO – L’appuntamento del Festival di questo fine settimana condurrà i partecipanti da Quintodecimo alla Grotta di Sasso Petruccio lungo il Rio Noce Andreana per una valle nascosta intagliata nell’arenaria. Saranno presenti, come consueto, la guida alpina del Festival Tito Ciarma ed i ragazzi del Soccorso Alpino.

 

A causa di lavori di manutenzione del ponte presso Quintodecimo, i partecipanti non potranno parcheggiare in prossimità del paese, ma dovranno lasciare la propria auto presso Acquasanta Terme, nel parcheggio vicino alla piscina. Un servizio di bus navetta sarà attivo fin dalle ore 8 e provvederà al trasferimento.

La partenza per l’escursione è fissata intorno alle 9 e, raggiunta la Grotta di Sasso Petruccio, si potrà assistere al Concerto Duo Laminae Cantus Musique Ensemble. 

Il duo regalerà uno spettacolo unico nel suo genere in una cornice ineguagliabile per bellezza e suggestione accompagnato dalla voce recitante dell’attrice Alessia Bedini che darà vita a storie e leggende legate ai monti della Laga.

 

Alle ore 13 è previsto il ritorno a Quintodecimo dove saranno allestiti punti ristoro dall’Associazione Quintodecimo in collaborazione con la Pro Loco di Acquasanta con menù a prezzi convenzionati con il Festival. La giornata proseguirà con il concerto di musica africana di Mater Mbaye, artista senegalese e maestro di percussioni, danza africana, salsa e reggae in varie scuole italiane.

 

Si ricorda che per tutte le escursioni del Festival è consigliabile equipaggiarsi adeguatamente: scarpe da trekking, giacca impermeabile, indumenti di ricambio, borraccia, zainetto di media capacità. Per tutte le informazioni è possibile consultare il sito www.festivaldellappennino.it.




dal Piceno

Festival dell’Appennino a Palmiano e a Folignano
25-06-2014

Ancora grandi emozioni tra cultura, escursioni e spettacolo

Ancora una volta il Festival dell’Appennino ha reso omaggio, nel giorno più lungo dell’anno, ad una civiltà gloriosa e importante e, dopo i mongoli e i gitani delle precedenti edizioni, è stata la volta del popolo berbero le cui suggestioni hanno animato l’appuntamento della manifestazione nel solstizio d’estate.

Nella splendida cornice paesaggistica di Palmiano, del crinale che divide la vallata di Palmiano con quella di Venarotta, sotto la direzione artistica di Maurizio Serafini, la giornata si è aperta con un dibattito a tema alla presenza di esperti e studiosi chiamati ad approfondire una cultura affascinante e ricca di tradizioni come quella nordafricana. A seguire, dopo una gustosa degustazione di prodotti tipici, si è tenuto quindi il concerto del gruppo “Amine & Hamza” che ha catturato i numerosi presenti con ritmi davvero incalzanti. In un clima di autentica festa, si è quindi reso omaggio all’arrivo della bella stagione.

Grande partecipazione ha riscosso anche il secondo appuntamento con la tappa di Folignano dal titolo “Borghi collinari, ieri ed oggi”. L’escursione partita dal borghetto di San Benedetto ha visto la presenza di oltre 250 persone, che si sono dirette a piedi fino a Villa Egidi dove si è tenuta la presentazione del libro fotografico ”Paesaggi nell´Ascolano” di Enzo Morganti con testi di Erminia Tosti Luna. Prima della metà finale c’è stata una piacevole pillola artistica con l’esibizione all’organetto di Pierfilippo Melchiorre e una degustazione presso un birrificio artigianale. Gran finale con lo spettacolo “Il poema dei monti naviganti”: in scena Roberta Biagiarelli e Sandro Fabiani della compagnia “Babelia Progetti” che hanno raccontato il viaggio del giornalista Paolo Rumiz dalle Alpi all’Aspromonte a bordo della mitica “Topolino”. E proprio la celebre vettura, messa gentilmente a disposizione da un residente, ha fatto parte della scenografia dello spettacolo.




dal Piceno

Premiati i nuovi maestri del lavoro a Palazzo San Filippo

21-06-2014

Cerimonia nella Sala del Consiglio Provinciale

Si è svolta stamane nell’aula Consiliare di palazzo San Filippo, come da apprezzata tradizione, la consegna delle targhe di riconoscimento da parte dell’Amministrazione Provinciale ai nuovi maestri del lavoro del Piceno. Si tratta di Pietro Gentile, dipendente della Travaglini srl Costruzioni e Restauri e di Sergio Virgulti, dipendente in quiescenza di Confindustria Ascoli.

Una cerimonia sobria, ma molto intensa e significativa che ha visto la partecipazione del Prefetto di Ascoli Piceno dott.ssa Graziella Patrizi, del Presidente della Provincia Piero Celani, del Sindaco di Ascoli Guido Castelli, dell’Assessore provinciale al Bilancio e Attività produttive Vittorio Crescenzi, del Presidente Nazionale della Federazione Maestri del Lavoro Amilcare Brugni e del Console interprovinciale Ascoli Piceno – Fermo Alberto Amici. Erano naturalmente anche presenti i familiari dei due neo maestri del lavoro nonché il direttore dell’associazione industriale dott. Luciano Vizioli e l’imprenditore Gianni Travaglini, in rappresentanza delle realtà professionali dei premiati.

“Si tratta di una cerimonia importante – ha affermato il Prefetto dott.sa Patrizi – che, accanto a quella regionale che si svolge il 1° maggio ad Ancona, intende onorare al meglio quanti con abnegazione e competenza hanno lavorato al servizio della comunità locale e per lo sviluppo umano e sociale della collettività. Il lavoro – ha aggiunto il Prefetto – costituisce uno dei cardini su cui si fonda la nostra Costituzione e la nostra democrazia e, proprio in un momento di crisi come quello attuale, va valorizzato”.

Il Sindaco Castelli da parte sua ha sottolineato “come i nuovi maestri del lavoro abbiano il compito di continuare ad essere di esempio alle nuove generazioni specie in un periodo in cui lavoro sta trasformandosi rispetto alle concezioni del passato in senso moderno come elemento di miglioramento e di progresso della società”.

“I maestri del lavoro costituiscono un punto di riferimento portando avanti i valori fondamentali dell’impegno, della responsabilità e del senso di appartenenza al territorio – ha dichiarato il Presidente Celani – eminenti studiosi hanno messo in evidenza che si sta passando dalla società del capitalismo a quella del ‘talentismo’, ossia la risorsa umana nelle imprese e nelle realtà produttive diventerà sempre più essenziale, non solo come capacità di innovazione ma anche come elemento di aggregazione e propulsore delle normali attività aziendali”.

Infine Presidente Nazionale della Federazione Maestri del Lavoro Amilcare Brugni, ha ricordato “l’impegno dell’associazione negli istituti scolastici del territorio per favorire l’incontro degli studenti con il mondo del lavoro, anche con la collaborazione proficua delle aziende disposte a promuovere progetti di alternanza scuola – lavoro”.