dal Piceno

Ultimo appuntamento con “La Scrittura Femminile nel Piceno”

 

Omaggio a Mariolina Massignani

Si conclude domani, mercoledì 28 maggio, il progetto “La Scrittura Femminile nel Piceno” coordinato da Franca Maroni e promosso da Provincia e Commissione provinciale Pari Opportunità per far conoscere scrittici ed esponenti culturali del nostro territorio e promuovere il valore etico della scrittura poetica. Notevole partecipazione e consenso hanno riscosso tutti gli incontri dell’edizione 2014 di questa iniziativa che è diventata un altro fiore all’occhiello dell’attività culturale sul territorio “al femminile”.

L’ultimo incontro, che si svolgerà come sempre alle 17 nella Sala Conferenze della libreria Rinascita, è dedicato alla memoria di Mariolina Massignani, compianta ed apprezzata presidente dell’Archeoclub. la Prof.ssa Massignani è stata protagonista con passione e rigore intellettuale di tante battaglie di civiltà per salvaguardare monumenti e testimonianze presenti nel Piceno, contribuendo a mantenere e diffondere la conoscenza dell’identità storico e culturale del territorio.

A rievocarne l’opera e l’impegno sarà il marito Dott. Carlo Cappelli, una preziosa occasione dunque di rendere omaggio ad una persona di grande spessore culturale ed umano che tanto si è prodigata per la città delle Cento Torri e la comunità locale.




dal Piceno

Ferrovieri Esperantisti in visita in Provincia

Gli ospiti accolti dal Presidente Celani

Il Presidente della Provincia Piero Celani ha ricevuto ieri, nell’aula consiliare di palazzo San Filippo, una folta delegazione composta da oltre 80 ferrovieri esperantisti che in questi giorni stanno celebrando il loro 66° congresso internazionale a San Benedetto del Tronto. Nel nostro territorio sono presenti oltre 200 tra partecipanti e familiari a questo convegno che raccoglie rappresentanti di ben 19 nazioni tra cui la Cina e Cuba uniti all’insegna dell’Esperanto, lingua ausiliaria che vuole avvicinare popoli e nazioni rispettando le diverse culture e tradizioni. Il prossimo appuntamento congressuale è previsto in Cina, è quindi motivo di grande soddisfazione che per la tappa italiana la scelta sia caduta su San Benedetto ed il Piceno che sono al centro delle iniziative turistiche e culturali complementari ai lavori dell’assise.

Il Presidente Celani ha illustrato agli ospiti le eccellenze culturali ed ambientali della provincia e le principali iniziative ed attrattive tra cui la giostra storica della Quintana e li ha invitati “ad essere ambasciatori nei paesi e località di provenienza della nostra terra e delle sue straordinarie risorse” ricordando “come il popolo dei Piceni sia stato precursore, già millenni, fa di uno spirito europeo tanto che, in terra tedesca, mercanti provenienti dalle attuali Marche e Abruzzo vendevano oggetti e monili”. “E’ importante sviluppare ogni forma di turismo – ha osservato Celani – tra cui quello congressuale che nel nostro territorio sta assumendo una valenza sempre più interessante per gli operatori e per la sua capacità promozionale”.

Ai visitatori è stata messa a disposizione una guida che li ha accompagnati alla scoperta delle meraviglie del centro storico della città dove hanno potuto anche ammirare la sede dell’ente Quintana con i costumi storici della manifestazione e il teatro Ventidio Basso.

Nuovo appuntamento con “La Scrittura Femminile nel Piceno”

La Scrittura Femminile nel Piceno
 

Incontro con la scrittrice Graziella Carassi

Prosegue domani, mercoledì 21 maggio, con un altro appuntamento il progetto “La Scrittura Femminile nel Piceno” coordinato da Franca Maroni e promosso da Provincia e Commissione provinciale Pari Opportunità per far conoscere poetesse e scrittrici che operano e vivono nel nostro territorio e promuovere il valore etico e culturale della scrittura poetica.

Dopo il notevole successo di partecipazione riscosso con l’intervento di Valeria Di Felice, poetessa e titolare del’omonima casa editrice, il secondo incontro che si svolgerà alle 17 presso la Sala Conferenze della libreria Rinascita, vedrà protagonista la scrittrice e psicoterapeuta Graziella Carassi, autrice del romanzo storico “Maddalena profuga per sempre” la vicenda di una donna che, bambina, lascia lo scenario di guerra goriziano per rifugiarsi tra le dolci colline marchigiane. Oltre alla scrittrice è previsto l’intervento della dott.sa Maria Rita Bartolomei, esperta di antropologia e letteratura.

Il prossimo appuntamento sarà mercoledì 28 maggio, sempre alle 17 nella Sala Conferenze della libreria Rinascita, con un omaggio alla compianta Mariolina Massignani già presidente dell’Archeoclub, persona di grande spessore culturale ed umano e protagonista di tante battaglie di civiltà.




dal Piceno

‘Festival dell’Appennino’, successo per la terza tappa a Colle d’Arquata

 

Escursione nel cuore del Parco della Laga con oltre 200 partecipanti

Un borgo di montagna in festa con il “Festival dell’Appennino” che ha visto, domenica scorsa, oltre duecento escursionisti effettuare un percorso a piedi nel cuore verde di Colle d’Arquata. Partiti di buon mattino dalla frazione picena, al confine tra Marche e Lazio, i partecipanti, guidati dall’esperto alpinista Tito Ciarma, si sono inoltrati per un itinerario che li ha condotti alla scoperta di scorci naturali di grande impatto. Molto suggestivo, durante il tragitto, è stato l’incontro con alcuni carbonai del posto che, in rappresentanza di un’antichissima tradizione montana, hanno spiegato le principali tecniche di lavorazione, raccolta e commercio del prezioso materiale.

Dopo oltre 4 ore di cammino, il gruppo quindi ha fatto ritorno nella piazzetta del paese, dove si è tenuto il concerto della band “Ucroniutopia” di Gianluca Lalli. Gustosi cibi tradizionali e tanta allegria hanno accompagnato le prime ore del pomeriggio. A portare i saluti della Provincia non è voluto mancare l’Assessore alla Cultura Andrea Maria Antonini che, dopo aver ringraziato tutti i presenti, ha sottolineato la straordinaria capacità del Festival di abbinare “natura, cultura, arte e socialità e divertimento”.

Dello stesso avviso anche il sindaco di Arquata Domenico Pala che, alla presenza dell’Assessore Provinciale alle Politiche della Montagna Aleandro Petrucci, ha evidenziato “l’importanza da parte delle Istituzioni di mantenere sempre alta l’attenzione all’entroterra che rappresenta uno scrigno di saperi e sapori davvero unici”.

Prima dei saluti, il responsabile dell’Associazione “Appennino Up” Carlo Lanciotti ha dato appuntamento alla prossima tappa del Festival in programma domenica 31 maggio a Astorara di Montegallo.

Il Prof. Polia presenta l’opera della scrittrice Anna Eustacchi Nardi

Mario Polia
19-05-2014

Quarto volume ristampato dal Centro Studi Tradizioni Picene

Prosegue l’impegno di valorizzazione e di indagine storiografica del “Centro Studi Tradizioni Picene” con la presentazione del volume “Contributo allo studio delle tradizioni popolari marchigiane” di Anna Maria Eustacchi Nardi in programma martedì 20 maggio, alle 17 nella sala della Ragione di Palazzo dei Capitani. Ad illustrare l’opera in collaborazione con la casa editrice Librati, sarà il prof. Mario Polia, presidente del Centro Studi e noto antropologo che analizzerà un contributo letterario cardine nel panorama della cultura tradizionale regionale.

All’incontro interverranno, tra gli altri, il Presidente della Provincia Piero Celani, l’Assessore alla Cultura e Identità Locali Andrea Maria Antonini, il sindaco di Ascoli Guido Castelli e il figlio dell’autrice lo storico Bernardo Nardi.

“E’ fondamentale mantenere sempre viva la memoria e le usanze del nostro territorio con il suo straordinario bagaglio di storia, di conoscenza e di bellezza – afferma l’assessore Antonini – in questa direzione, si inquadra l’opera della scrittrice ascolana Eustacchi Nardi che rappresenta una pietra miliare per la cultura popolare del sud delle Marche”.

“Le profonde trasformazioni tecnologiche, sociali e culturali che alla metà degli anni Cinquanta del Novecento hanno trasformato il volto della società contadina, hanno introdotto cambiamenti irreversibili nel tessuto tradizionale stravolgendone la fisionomia il cui profilo erano venute tracciando le accurate e pazienti indagini, iniziate già nell’Ottocento soprattutto ad opera di studiosi locali – spiega il prof. Polia – proprio per questo il libro della Eustacchi Nardi rappresenta una testimonianza di assoluto valore e importanza. Ben venga, dunque, la ristampa di questo prezioso lavoro che oggi, nella sua versione integrale, riproponiamo all’attenzione del lettore”.




dal Piceno

Avviso presentazione progetti formativi ex Carbon

 

Carbon
16-05-2014

Il bando rivolto gli Enti di formazione accreditati dalla Regione Marche

Il servizio Formazione Professionale della Provincia comunica che è stato approvato l’Avviso pubblico per la presentazione e la gestione dei progetti formativi destinati, prioritariamente, ad ex lavoratori della SGL Carbon.

L’intervento è frutto del protocollo d’intesa siglato nel 2011 tra Regione Marche, Provincia, Comune, Restart srl, OO.SS. e Confindustria con l’obiettivo di procedere in tempi brevi alla riqualificazione degli ex dipendenti SGL Carbon e favorire il loro reinserimento lavorativo nell’ambito dei processi di bonifica, messa in sicurezza e riconversione dell’area interessata.

Gli Enti accreditati per la formazione superiore interessati dovranno presentare domanda entro il 16 giugno 2014 utilizzando la specifica procedura informatica disponibile sul sito http://siform.regione.marche.it. Le domande saranno sottoposte a valutazione effettuata da un apposito nucleo interno del Servizio Formazione Professionale dell’Ente.

Il bando è scaricabile dal sito internet www.provincia.ap.it (formazione professionale). Per ulteriori informazioni è possibile chiamare i seguenti numeri 0736 277402 o 439 o 461.

 

 

‘Festival dell’Appennino’, appuntamento con “L’ultimo dei carbonai”

Carbonaia di Colle di Arquata del Tronto
16-05-2014

Escursione da Colle d’Arquata domenica 18 maggio

Nel segno dei carbonai e delle loro antiche usanze, si caratterizza il terzo appuntamento del “Festival dell’Appennino” in programma domenica 18 maggio a Colle d’Arquata del Tronto. Con ritrovo alle ore 9 dalla piazza del borgo i partecipanti, sotto la guida dell’esperto di montagna Tito Ciarma, si inoltreranno lungo un affascinante sentiero all’interno del Parco della Laga in direzione laghi Secco e della Selva. A metà passeggiata, si terrà un incontro molto speciale con uno degli ultimi carbonai del Piceno, che illustrerà caratteristiche e curiosità di un mestiere assai antico e ancora radicato in alcune aree montane del Centro Italia.

Gli escursionisti faranno quindi ritorno alle 13 circa a Colle di Arquata dove potranno rifocillarsi nei vari punti ristoro allestiti dall’organizzazione. Dopo la sosta per pranzo, avrà luogo il concerto degli “Ucroniutopia”, band rock-folk guidata da Gianluca Lalli, vincitrice di importanti riconoscimenti tra cui il premio “Rino Gaetano” (2005) e “Hard Rock Cafe” (2013).

“Dopo i gravi disagi causati dalla recente chiusura della Salaria a causa delle abbondanti piogge, l’arteria è stata riaperta a senso unico alternato – evidenzia l’Assessore Antonini – per il Festival e per i suoi numerosissimi affezionati, si tratta di una bella notizia che permetterà così di raggiungere l’entroterra con più facilità e senza grossi intoppi”.

L’organizzazione del Festival, raccomanda di dotarsi di un abbigliamento adeguato: scarpe da montagna, giacca impermeabile, indumenti di ricambio, borraccia con l’acqua, bastone da trekking. Per qualsiasi informazione è possibile consultare il sito internet all’indirizzo www.festivaldellappennino.it




dal Piceno

Grande partenza per la quarta edizione del Festival dell’Appennino

Week-end magico tra convegni, concerti, escursioni e tanto divertimento

La quarta edizione del ‘Festival dell’Appennino’ ha spiccato idealmente il volo con un evento davvero unico nel suo genere tenutosi sabato sera nella chiesa dei SS. Vincenzo e Anastasio con protagonisti falchi, poiane, gufi reali, civette e una magnifica coppia di lupi. Gli splendidi animali hanno accompagnato, per la felicità di grandi e piccoli, la performance musicale “Wild Piano” di Giovanni Granati, esperto addestratore di rapaci e abile pianista.

A salutare i presenti e dare il via alla rassegna promossa dalla Provincia insieme ad altri importanti partner quali l’Associazione Appennino Up, la Regione Marche, il Bim Tronto e diversi Comuni del territorio è stato l’Assessore alla Cultura Andrea Maria Antonini che ha messo in risalto l’importanza di “dare continuità e forza a un progetto che da 4 anni abbina socialità, amore per la natura, valorizzazione delle tradizioni popolari e spirito di aggregazione”. L’appuntamento è stato preceduto nel pomeriggio da un interessante dibattito svoltosi nella sala Docens della Libreria Rinascita per parlare con esperti (Stefano Ardito, Michele Locatelli) e guide alpine (Maurizio Gallo, Tito Ciarma) di uno speciale ponte che lega il capoluogo piceno a una sperduta località montana del Pakistan di nome Askole. Nel corso dell’evento gli organizzatori hanno lanciato una speciale colletta di solidarietà per raccogliere fondi da destinarsi alla costruzione di una scuola nel villaggio che sorge nel cuore del Karakorum.

Ricca di emozioni e di belle suggestioni all’aria aperta è stata, come tradizione, la prima escursione della rassegna svoltosi domenica a Rosara. Centinaia i partecipanti che hanno vissuto con entusiasmo e allegria la passeggiata ad anello che, con partenza dalla cava Angelini (dove si ammirano le sculture in travertino dell’artista Sasso), li ha condotti alla scoperta di scorci incantevoli del paesaggio piceno. A impreziosire l’evento anche il concerto lirico del grande tenore Cesare Catani, una spettacolare esibizione acrobatica sulle pareti della cava e il concerto dell’orchestrina popolare, quindi si è svolto il momento conviviale, rigorosamente a base di prodotti tipici.

Cerimonia di premiazione ‘Al Lavoro Sicuri’

Al Lavoro Sicuri
 

L’iniziativa mercoledì all’Hotel Marche per sensibilizzare sulla cultura della prevenzione

Si terrà mercoledì 14 maggio, nella sala congressi dell’Hotel Marche, alle 10.30, la cerimonia di premiazione del concorso “Al lavoro Sicuri” promosso dalla Provincia in collaborazione con le sigle sindacali CGIL, CISL, UIL e l’INAIL. Alla presenza di rappresentanti istituzionali, referenti del mondo sindacale e della scuola, saranno premiati i migliori elaborati realizzati, con estro e impegno, dagli allievi degli istituti scolastici coinvolti.

In tutto sono tre le sezioni in gara: 1) Lavoro grafico, fotografico o figurativo (disegno – collage – scultura o altra tecnica); 2) elaborato audiovisivo o multimediale; 3) opera letteraria (racconto breve, tema e/o ricerca) basata su fatti reali o di fantasia da presentarsi sia su supporto cartaceo, sia informatico. Per ognuna delle tre categorie sarà premiata la migliore opera (individuale o di gruppo) scelta da un’apposita commissione dell’Ente.

“Come da alcuni anni, siamo lieti di presentare l’appuntamento conclusivo di un progetto che vuole rafforzare la cultura della prevenzione e della sicurezza nei luoghi di lavoro, sensibilizzando soprattutto le giovani generazioni a tenere sempre alta l’attenzione su tematiche di assoluta valenza sociale”spiega il Presidente della Provincia Piero Celani.




dal Piceno

Al via il Festival dell’Appennino

Primi appuntamenti ad Ascoli e a Rosara

Il Festival dell’Appennino prenderà avvio domani (sabato 10 maggio alle 15) con il convegno “Da Ascoli ad Askole: un ponte di solidarietà dall’Appennino al Karakorum” che si terrà nella Sala Docens – Libreria Rinascita di Ascoli Piceno. L’iniziativa, legata ai 60 anni dalla prima conquista italiana del K2, vedrà la presenza del dott. Maurizio Gallo e dell’arch. Michele Locatelli del progetto Evk2cnr e del giornalista-documentarista RAI Stefano Ardito.

Askole è un piccolo villaggio situato nella parte più remota della regione del Karakorum nel Pakistan, a circa 3000 metri di altitudine, ed è una delle porte d’ingresso ad alcune delle montagne più alte del mondo. Si tratta di un villaggio poverissimo quindi, per tutta la durata del Festival, sarà possibile raccogliere fondi a sostegno del mantenimento della scuola della piccola località. A conclusione del convegno, presso l’Area Archeologica di Palazzo dei Capitani, sarà inaugurata la Mostra dedicata ad Askole “Living in Upper Braldo Valley” che resterà aperta fino al 18 maggio.

Il primo appuntamento del Festival si concluderà alle 21 con lo spettacolo “Wild Piano – concerto per piano, lupi e falchi” presso la Chiesa SS. Vincenzo e Anastasio ad Ascoli Piceno. L’artista Giovanni Granati, musicista, danzatore, addestratori di falchi e lupi, accompagnerà il pubblico con composizioni ispirate ai rapaci. Saranno presenti alcuni falchi che durante il concerto prenderanno il volo e due esemplari di lupi.

Il Festival proseguirà domenica con la prima delle affascinanti escursioni studiate dalla guida alpina Tito Ciarma, che condurranno i partecipanti alla scoperta di nuovi ed antichi percorsi dell’Appennino. La partenza è prevista alle 10 dall’ex cava Angelini di Rosara e l’itinerario si snoderà tra musica, scultura e spettacolo. “Cave Cavam” è il titolo di questo secondo appuntamento che, dopo la passeggiata al ritorno alla Cava per punto ristoro, proporrà nello splendido scenario di travertino, arie d’opera e da camera eseguite dal soprano Arona Bogdan e dal tenore Cesare Catani, accompagnati al piano da Alessandro Olori. A seguire, lo spettacolo di alcuni acrobati della Compagnia dei Folli in “Danzando per piani verticali” e subito dopo, l’incontro con l’artista Alessandro Virgulti detto “Sasso”, ideatore dello spazio teatrale realizzato nella cava di proprietà del nonno materno. Il pomeriggio sarà allietato anche “dall’Orchestrina”, giovane formazione ascolana con musica folk e cantautoriale.

Stage in ristoranti per gli allievi dell’Obbligo Formativo

 

Inaugurazione Cucine CLF Ascoli
09-05-2014

Iniziativa promossa dalla Provincia

Entra nel vivo la I^ annualità del Corso biennale in “Operatore della Ristorazione” organizzato dal Centro Locale di Ascoli Piceno e rivolto a 18 allievi in obbligo formativo. Dopo sei mesi passati sui banchi o impegnati in esercitazioni pratiche nel laboratorio di cucina della struttura, gli studenti partecipanti all’iniziativa, tutti di età compresa tra i 16 e 18 anni hanno intrapreso un periodo di tirocinio in ristoranti del capoluogo e della vallata, per conoscere e apprendere meglio le tecniche del mestiere.

L’attività formativa della Provincia, finanziata con risorse del Fondo Sociale Europeo, consentirà al termine del biennio e per i soli allievi che avranno frequentato almeno il 75% delle ore didattiche di conseguire l’attestato professionale di “Aiuto Cuoco”. Una qualifica molto richiesta dal mercato che permetterà di lavorare in ambito comunitario o di iscriversi al IV anno della Scuola Statale Alberghiera, con la possibilità quindi di conseguire il diploma di maturità.

Il percorso relativo alla prima annualità si articola in ben 1056 ore, suddivise in esercitazioni pratiche e materie tecniche come: pasticceria, merceologia, igiene, cucina tipica, pizzeria, oltre allo studio di discipline tradizionali quali: lingua e letteratura italiana, storia, scienze e matematica, informatica, inglese. Inoltre, il CLF di Ascoli Piceno ha attivato ulteriori 200 ore nei 4 Assi fondamentali del sapere (Italiano / Storia / Scienze ed Informatica) in veste di Misure di Accompagnamento, ovvero funzionali a far recuperare i debiti agli allievi con gravi carenze.

Soddisfazione per questo secondo importante momento didattico degli allievi è stata espressa dalla direttrice del CLF di Ascoli dott.ssa Fiorenza Pizi e dal funzionario dell’Ente dott. Danilo Barullo che hanno seguito da vicino l’inserimento dei giovani e il loro avvicinamento ad una professione affascinante e impegnativa come quella dell’addetto alla preparazione pasti.




dal Piceno

Chiuse 4 strade provinciali

 

In atto verifiche ed interventi per il ripristino della viabilità

Le eccezionali precipitazioni che hanno colpito il Piceno nel fine settimana hanno provocato una serie di smottamenti con danni ingenti e diffusi sulla rete della viabilità di competenza. La Provincia si è prontamente mobilitata con tutti gli uomini, mezzi e strutture tecniche disponibili per ripristinare la normale circolazione e minimizzare ogni possibile disagio per gli automobilisti e le comunità interessate. Tuttavia, a scopo cautelativo e per garantire la pubblica incolumità, il Servizio Viabilità dell’Ente ha disposto la chiusura al transito di alcune strade provinciali anche se la situazione è in constante evoluzione in quanto sono in pieno svolgimento sia gli interventi di ripristino che i sopralluoghi da parte dei tecnici per valutare, caso per caso, se le ragioni di prudenza che hanno determinato la attuale chiusura possano essere superate consentendo quindi, nei prossimi giorni, una riapertura alla circolazione delle arterie interessate, salvo, naturalmente il mantenimento dei divieti per particolari esigenze di sicurezza o per motivi di indispensabile prolungamento tecnico degli interventi in atto.

Attualmente risultano quattro le strade provinciali chiuse al transito tutte a causa di frane che hanno invaso la carreggiata. Si tratta della S.P. n. 238 ex SS. 433 Valdaso, dal Km. 39+350 al Km. 39+500, nel territorio del Comune di Comunanza: in questo caso il traffico è deviato sulla S.P. n. 187 Villa Pera – Ponte Aso. Nel Comune di Palmiano il divieto di circolazione vige sulla S.P. n. 184 Tavernelle, al Km. 1+200 con traffico veicolare deviato sulla S.P. n. 93 Venarottese e sulla S.P. n. 65 Palmiano. Nel Comune di Montalto delle Marche è chiusa al transito la strada provinciale n. 218 Sant’Emidio, al Km. 1+800 con conseguente deviazione sulla S.P. n. 23 Cuprense e sulla S.P. n. 144 SS. Annunziata. Infine, nel Comune di Montefiore dell’Aso, è stata chiusa la S.P n. 6 Bore – Aso al Km. 0+500 con obbligo di deviazione sulla strada provinciale n. 251 Santa Maria delle Fede.




dal Piceno

Consegnata l’Emidiana ai pellegrini nella chiesa di San Francesco


 

Con la consegna dell’ Emidiana, l’attestato che certifica il compimento di un percorso di oltre 100 km si è conclusa lo scorso 1° maggio, nella suggestiva chiesta di San Francesco di Ascoli, la 4° edizione del Cammino Francescano della Marca, promosso dalla Provincia e organizzato all’interno del Festival dell’Appennino come sua significativa anteprima.

Tanto entusiasmo ed emozione, seppur nella comprensibile stanchezza, da parte del nutrito gruppo di viandanti, che ha percorso in otto giorni un tragitto di 177 Km tra Assisi ed Ascoli sulle orme del grande santo patrono d’Italia tra splendidi luoghi d’arte e natura. Nel gruppo guidato dai responsabili dell’iniziativa Maurizio Serafini e Luciano Monceri, anche stavolta erano presenti persone provenienti da varie parti d’Italia e dall’estero, tutte animati dal piacere di condividere un’esperienza umana di grande spessore e di vera fratellanza. Ad accogliere i pellegrini c’era, nella duplice veste di amministratore provinciale e priore della Confraternita di San Jacopo di Compostella, l’Assessore alla Cultura Andrea Maria Antonini che ha consegnato la pergamena di riconoscimento dell’avvenuto pellegrinaggio. I partecipanti hanno ricevuto la solenne benedizione impartita da padre Ubaldo Valeri, guardiano dei Frati Minori Conventuali.

L’Assessore Antonini ha ricordato “l’alta valenza sociale e spirituale dell’iniziativa che riscuote consenso e partecipazione e che quest’anno ha assunto particolare rilevanza per l’anniversario degli 800 anni della visita ad Ascoli di San Francesco avvenuta tra il 1214 e il 1215 e che testimonia il profondo legame che unisce idealmente Ascoli ed Assisi intorno alla figura del grande santo”.




dal Piceno

25 aprile: il programma delle celebrazioni

 

Come ormai consolidata tradizione, la Provincia insieme al Comune di Ascoli Piceno e l’A.N.P.I provinciale, ha organizzato alcuni momenti per celebrare il 69° anniversario della Liberazione e il 66° anniversario della Costituzione.

La giornata di venerdì 25 aprile inizierà, alle 9, con la deposizione della corona dinanzi al Palazzo del Governo, in piazza Simonetti. Da li, quindi, partirà il corteo delle autorità civili e militari diretto a piazza Roma dove, alle ore 9.15, sarà deposta una corona sul monumento ai caduti.
Alle ore 9.30, quindi, le autorità si trasferiranno a Colle San Marco dove, alle 10, prima della deposizione della corona sul cippo e sul sacrario ai caduti per la Resistenza e la resa degli onori ai caduti, sono in programma gli interventi dei rappresentanti delle istituzioni.

Prenderanno la parola il Prefetto di Ascoli Piceno dott.sa Graziella Patrizi, il Presidente della Provincia ing. Piero Celani, il Sindaco di Ascoli Piceno avv. Guido Castelli e il Presidente del Comitato provinciale A.N.P.I William Scalabroni. Chiuderà la giornata, alle 11, la celebrazione della Santa Messa in memoria di tutti i caduti.

 

Corsi di formazione FSE: pubblicata graduatoria degli enti ammessi

CLF San Benedetto del Tronto
24-04-2014

Selezionati anche i due Clf di Ascoli e San Benedetto

La Provincia comunica che sono state pubblicate sul sito istituzionale le graduatorie degli Enti accreditati selezionati per organizzare 20 nuovi corsi di formazione gratuiti finanziati con risorse FSE. Gli enti scelti dovranno curare dunque l’organizzazione e l’avvio di percorsi innovativi e all’avanguardia, molto richiesti dal mercato del lavoro locale e nazionale. Tra questi si segnalano i corsi di Disegnatore progettista (disegno tecnico 3D), lingua estera (inglese, tedesco avanzato), tecniche di vendita e informatica avanzata.

“Prosegue l’impegno della Provincia nel campo della formazione professionale, utilizzando le ultimissime risorse della precedente programmazione FSE in attesa della nuova – evidenziano il Presidente della Provincia Celani e l’Assessore al Lavoro Aleandro Petrucci – si tratta di opportunità formative importanti con l’obiettivo di definire figure individuate dopo un’attenta azione di monitoraggio, frutto dell’accounting territoriale effettuato dai nostri funzionari all’interno delle aziende locali e in ascolto costante al mondo delle Associazioni di categoria, dei Sindacati, delle Università, degli Enti di ricerca”.

Tra gli enti formatori ci sono anche i due Centri Locali di Formazione della Provincia di Ascoli Piceno e San Benedetto.

“Nella stesura dei progetti – spiega il responsabile del CLF di San Benedetto dott. Alessandro D’Ignazi – si è data particolare rilevanza all’aspetto contenutistico, sull’onda delle esperienze già fatte e delle consolidate collaborazioni con professionisti di alto livello, così come alla scelta di partner qualificati per la realizzazione dei corsi, tra cui anche una rinomata società di servizi operante nel settore CAD/CAM/CAE”.

Torna la “Festa del Ricamo”

Pres. Festa del Ricamo 2014
24-04-2014

Tanti eventi ad Ascoli e Venarotta il 26 e 27 aprile

Sabato 26 e domenica 27 aprile Ascoli Piceno e Venarotta saranno di nuovo protagoniste dell’eccellenza manifatturiera artigiana della “Festa del Ricamo 2014” promossa dalla Confartigianato Imprese di Ascoli Piceno e Fermo. Le numerose iniziative delle kermesse sono state illustrate nel corso di una conferenza stampa dalla Presidente di Confartigianato Nadia Beani, dal Presidente della Provincia Piero Celani, dal Presidente della Comunità Montana del Tronto Maria Anna Perotti e dal Vice Sindaco di Venarotta Fabio Salvi.

“Ancora una volta saranno in vetrina le eccellenze del sistema manifatturiero e artigianato piceno – ha evidenziato il Presidente Celani – che meritano di essere valorizzate e possono contribuire al rilancio dell’economia locale con quella qualità creativa, frutto di saperi e tradizioni che costituiscono parte integrante della nostra identità”.

La manifestazione si aprirà ufficialmente sabato mattina ad Ascoli, alle ore 10, con l’inaugurazione a palazzo dei Capitani dell’esposizione “artigiani a palazzo” dedicata ai prodotti artigianali. Dalle 10 alle 19 le vie del centro storico di Venarotta faranno da sfondo a stand espositivi di vari manufatti, mentre alle 17, nel teatro comunale della cittadina, si svolgerà il convegno da titolo “L’internazionalizzazione è una moda? – il bello del saper fare oltre le frontiere” con la partecipazione di illustri relatori tra cui Giuseppe Mazzarella presidente nazionale Confartigianato Moda, Erminia Tosti Luna docente ed esperta di storia locale e Maria Elma Grelli, docente all’Ipsia di Ascoli e ricercatrice con le conclusioni dell’Assessore Regionale alle Attività Produttive Sara Giannini. Sempre a Venarotta alle 21 presso il teatro comunale sfilata di abiti artigianale arricchiti da ricami e merletti.

Domenica 27 aprile nello spazio antistante il palazzo comunale di Venarotta, dalle 9 alle 19, si svolgerà con iscrizione al guinnes dei primati una gara a staffetta per la realizzazione della stradella a tombolo più lunga del mondo. Nel pomeriggio, spazio invece alla musica folcloristica dalle 15 in poi e prosecuzione delle mostre di manufatti e oggetti artigianali. Alle ore 18 ad Ascoli Piceno in Piazza del Popolo ci sarà, infine, una sfilata di abiti artigianali.

 

Partita la 4° edizione del Cammino Francescano della Marca

Partenza 4° edizione Cammino Francescano della Mar
24-04-2014

Suggestiva cerimonia nella Basilica di Assisi

La 4° edizione del Cammino Francescano della Marca, promosso dalla Provincia e organizzato all’interno del Festival dell’Appennino come attesa anteprima, ha preso il via stamane ad Assisi con la suggestiva cerimonia di consegna delle credenziali ai pellegrini all’interno della Basilica dedicata al patrono d’Italia.

Ad augurare “buon cammino” e salutare il nutrito gruppo di viandanti, che ha ricevuto la solenne benedizione impartita da padre Marco, segretario custodiale della Basilica di Assisi, c’era l’Assessore alla Cultura Andrea Maria Antonini nella duplice veste di amministratore provinciale e priore della Confraternita di San Jacopo di Compostella, l’associazione di volontariato che ha il compito di assistere i pellegrini.

L’Assessore Antonini ha evidenziato “l’alta pregnanza sociale e spirituale dell’iniziativa che unisce idealmente Ascoli ed Assisi nel solco di una delle vie che San Francesco seguì nelle sue predicazioni verso il Piceno e le Marche. Un anniversario – ha aggiunto l’Assessore – quest’anno particolarmente significativo: ricorrono infatti gli 800 anni della visita ad Ascoli del grande santo avvenuta tra il 1214 e il 1215”.

Nel gruppo, partito oggi che giungerà il 1° maggio nella chiesa di San Francesco ad Ascoli, sono presenti pellegrini animati da grande entusiasmo provenienti da Marche, Abruzzo, Lazio, Trentino, Lombardia e dall’estero tra cui un belga di 75 anni. Durante le varie tappe si aggiungeranno altri partecipanti lungo il percorso culturale e spirituale che toccherà, nei suoi 177 Km, luoghi di grande pregio artistico e naturalistico.

Il gruppo dei viandanti, capitanati dai responsabili dell’iniziativa Maurizio Serafini e Luciano Monceri, dopo la sosta a Spello, raggiungerà nel pomeriggio Foligno con un tragitto di circa 20 km per poi ripartire il giorno successivo alla volta di Colfiorito.

Per conoscere il programma del “Cammino Francescano della Marca” e per eventuali ulteriori info in tempo reale, è possibile cliccare il sito www.festivaldellappennino.it e utilizzare il seguente contatto: camminofrancescano@gmail.com




dal Piceno

Il 24 aprile parte il “Cammino Francescano della Marca”

 

Otto tappe tra sentieri ed eremi con partenza da Assisi e arrivo ad Ascoli

ASCOLI PICENO, 2014-04-22 – Quarta edizione per un appuntamento oramai fisso per gli appassionati pellegrini e viandanti non solo delle Marche. Si tratta del Cammino Francescano della Marca che partirà il 24 aprile dalla Basilica di San Francesco ad Assisi, dove vi sarà la benedizione del pellegrino da parte dei frati minori e la consegna della credenziale ad opera della Confraternita di San Jacopo di Compostella che assiste spiritualmente l’iniziativa.

La manifestazione anche quest’anno è inserita nel programma del Festival dell’Appennino rappresentandone una sorta di anteprima; Festival che partirà il 10 maggio da Ascoli, per concludersi il 17 luglio a Force.

Il “Cammino Francescano della Marca”, come noto, intende ripercorrere, in otto giorni di viaggio su strade sterrate e tragitti immersi nel verde, una delle vie che San Francesco seguì nelle sue predicazioni verso le Marche meridionali in un contesto di assoluta bellezza e richiamo. In tutto sono 177 km che, in un ideale tracciato geografico e di fede, collegano il santuario del patrono d’Italia di Assisi con il sepolcro del protettore dai terremoti Sant’Emidio di Ascoli, con il coinvolgimento di 2 regioni (Umbria e Marche), 4 province (Perugia, Macerata, Fermo e Ascoli Piceno) e 16 comuni (Assisi, Spello, Foligno, Serravalle di Chienti, Muccia, Pievebovigliana, Caldarola, Fiastra, Cessapalombo, San Ginesio, Sarnano, Amandola, Comunanza, Palmiano, Venarotta, Ascoli Piceno).

“Il percorso è un diverticolo importante tra Tirreno e Adriatico – osserva l’Assessore provinciale alla Cultura e Ambiente Andrea Maria Antonini – un tragitto a piedi che attraversa centri e luoghi di culto di primario interesse, transitando lungo tratturi delle transumanze appenniniche e in parte la stessa via Lauretana che collegava Loreto con Roma già dal XIV secolo. Desidero ricordare che saranno fruibili gli ostelli di Comunanza, Venarotta e Ascoli inaugurati lo scorso anno che permetteranno a turisti e pellegrini di riposare in edifici nuovi e accoglienti, il tutto nel silenzio e nel fascino della natura e della storia, inoltre – aggiunge l’Assessore Antonini – l’arrivo ad Ascoli quest’anno avrà un sapore speciale essendo di fatto l’inizio dei festeggiamenti dedicati a San Francesco in occasione degli 800 anni dal suo predicare in città”.

A illustrare i dettagli dell’itinerario è Maurizio Serafini, coordinatore del progetto che spiega: “sull’onda del grande entusiasmo e del notevole seguito che abbiamo riscontrato, fino ad oggi, non solo da coloro che hanno vissuto anche una sola tappa, ma anche dalle comunità e dai borghi toccati dal Cammino, abbiamo deciso, di concerto con l’Assessore Antonini, di proporre la quarta edizione del Cammino Francescano della Marca. Ma che cos’è il Cammino? E’ Un modo per stare insieme, stringere amicizie, vivere la natura nella sua essenza, dimenticando i ritmi frenetici della vita moderna e valorizzando la dimensione spirituale”

Per conoscere il programma del “Cammino Francescano della Marca” è possibile cliccare il sito www.festivaldellappennino.it. Per ulteriori informazioni ed iscriversi si può utilizzare il seguente contatto: camminofrancescano@gmail.com