Shoah, mostra e tavola rotonda a UniMc

In occasione del 50° anniversario della Facoltà di Lettere e Filosofia, Macerata ospita una mostra, un convegno e una tavola rotonda sulla Shoah, Israele e i Giusti fra le Nazioni

 

n occasione del 50° anniversario dell’istituzione della Facoltà di Lettere e Filosofia, oggi Dipartimento di Studi Umanistici, avvenuta il 13 ottobre 1964, da lunedì 19 fino al 30 maggio l’Università di Macerata ospita la mostra fotografico-documentariaChi salva una vita salva il mondo intero. La Shoah, Israele e i Giusti fra le Nazioni” realizzata dall’Ambasciata d’Israele in Italia a cura del professor Paolo Coen dell’Università della Calabria.

 

L’esposizione, che sarà visitabile liberamente tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, al Dipartimento di Giurisprudenza, si compone di quattro sezioni. La prima è dedicata alla Shoah, ovvero allo sterminio degli Ebrei d’Europa; la seconda alla costituzione dello Stato d’Israele; la terza all’istituto dei Giusti fra le Nazioni; l’ultima a tre figure di Giusti, Raoul Wallenberg, Madre Maria Antoniazzi e Lorenzo Perrone.

 

In concomitanza, lunedì alle 17.30 nell’Aula Verde del Polo Pantaleoni si svolgerà la tavola rotonda “La Shoah nel cinema e nell’arte”: dialogo, coordinato dalla professoressa Clara Ferranti, con Paolo Coen, lo storico dell’arte Lorenzo Canova, il giornalista di Pagine Ebraiche Adam Smulevich e il critico cinematografico Claudio Gaetani,

 

L’inaugurazione ufficiale della mostra si svolgerà il giorno successivo, martedì 20 maggio, alle ore 10 in Aula Magna. Saranno anche presentati i primi tre volumi curati da Paolo Coen della collana dedicata al tema e alla memoria della Shoah dall’Università della Calabria, per i tipi di Rubettino. Intervengono, oltre all’autore, Adam Smulevich, Simone Misiani, Stefania Monteverde e Natascia Mattucci.




Accordo tra il Comune di Folignano e l’UniCam

Presentata la Convenzione tra il Comune di Folignano e la Scuola di Scienze e Tecnologie UNICAM Corso di Laurea in Tecnologie e Diagnostica per la Conservazione e il Restauro

 

 

Ascoli Piceno, lì 16/05/2014 – E’ stato firmato nelle settimane scorse un accordo tra il Comune di Folignano e la Scuola di Scienze e Tecnologie dell’Università di Camerino. Si tratta della prima convenzione, per quanto riguarda il Comune di Folignano, con un’istituzione universitaria per lo studio, l’approfondimento e la divulgazione di progetti scientifici sul territorio applicati ai settori del Patrimonio storico e culturale e della Pubblica istruzione: una collaborazione che farà bene al territorio e all’Ateneo.

“Il Comune di Folignano informa il Sindaco Angelo Flaiani ha avviato un percorso volto alla riscoperta e valorizzazione delle proprie radici storiche e culturali con la previsione e realizzazione di pubblicazioni, corsi di formazione per studenti ed adulti, eventi culturali a rilevanza pubblica.

Si tratta di un lavoro complesso ma affascinante che restituisce al territorio sempre nuove scoperte e notizie circa il nostro passato. Intendiamo proseguire nell’attività intrapresa, avvalendoci dell’ausilio di partner qualificati e con competenze specialistiche, al fine di infondere anche nei giovani cittadini una maggiore consapevolezza e conoscenza del proprio territorio nell’ambito del contesto locale/regionale e nazionale.”

“E’ il caso dell’ultimo evento riferisce l’assessore alla Pubblica Istruzione, Daniele Ricciotti dedicato a Cola dell’Amatrice che ci ha permesso di documentare, con la stampa di un volume dedicato all’artista e alla Folignano del 1500, che anche il nostro territorio all’epoca ha vissuto un florido Rinascimento nei campi artistici e architettonici. Grazie a questa nuova convenzione contiamo di poter approfondire maggiormente questo tipo di ricerche, con all’ausilio scientifico dell’Università.

Sarà anche possibile ampliare e sviluppare con moduli didattici innovativi i corsi per Mini Guide e archeologia che già da tre anni interessano numerosi dei nostri alunni della Secondaria di 1^ grado.”

Da parte sua la Scuola di Scienze e Tecnologie dell’Università di Camerino, attraverso il suo Corso di Laurea in Tecnologie e Diagnostica per la Conservazione e il Restauro, ribadisce la sua volontà di porsi al servizio del territorio nel progetto di conservazione, tutela e valorizzazione del Patrimonio culturale e al contempo riconosce nelle municipalità locali un interlocutore privilegiato per la coprogettazione di progetti formativi, di ricerca e di sviluppo.

Secondo il Presidente del Corso di Laurea in Tecnologie e Diagnostica per la Conservazione e il Restauro, Marco Giovagnoli, “l’Accordo col Comune di Folignano rappresenta in tal senso un’esperienza pilota di sinergia tra due istituzioni pubbliche sul tema del Patrimonio culturale, aperta alla società civile e con uno sguardo particolarmente attento alle giovani generazioni, future custodi del Patrimonio stesso. Con la speranza”, conclude, “che attraverso esperienze di questo tipo sempre più giovani intraprendano un percorso universitario che li metta in grado di divenire, nel futuro, protagonisti in prima persona della tutela e dello sviluppo del proprio territorio e delle sue bellezze.

Questi i punti di forza dell’accordo:

? collaborazioni scientifiche e/o didattiche su temi specifici di comune interesse?

? progetti di ricerca finalizzati alla conservazione, restauro, valorizzazione dei Beni Culturali?

? lo sviluppo congiunto di progetti con finalità didattiche, rivolte agli studenti di ogni ordine e

grado: ampliamento dei corsi di Archeologia e Mini Guide?

? la possibilità di poter ospitare presso le strutture del Comune di Folignano studenti per stage

formativi e/o di organizzare congiuntamente stage sul territorio, con interventi diretti in situ?

? la programmazione e lo scambio di seminari, tirocini formativi e di orientamento, lo

svolgimento di elaborati per tesi o diplomi e di altre attività didattiche e divulgative

? la possibilità di poter organizzare giornate di studio in collaborazione, finalizzate alla

conoscenza del Patrimonio Culturale, delle collezioni museali etc. e delle problematiche a

queste collegate?

? la possibilità di svolgere attività coordinate nel campo della formazione degli insegnanti,

degli educatori, dei formatori e degli amministratori pubblici relative all’educazione al

patrimonio per l’esercizio della cittadinanza attiva e del diritto alla cultura.




Scavi in Fortezza alla ricerca della storia più antica della comunità acquavivana

Rosita Spinozzi

 

ACQUAVIVA PICENA – La Fortezza Medievale di Acquaviva è ormai diventata luogo d’interesse per una squadra di archeologi che sta indagando il sottosuolo alla ricerca della storia più antica della comunità. A partire da lunedì 5 maggio, infatti, gli archeologi dell’Università di Bologna Enrico Giorgi, Julian Bogdani, Erika Vecchietti, Paolo Storchi e Roberta Vico, coadiuvati dall’archeologa acquavivana Letizia Neroni e con il supporto di Michele Massoni (titolare della ditta Arte di Folignano) e dell’impresa Ediltech di Ascoli, hanno avviato una nuova, estesa indagine che mira a completare la raccolta di informazioni sul passato della Fortezza. Il sondaggio aperto ha dimensioni di m 15×10 e raggiungerà la profondità del terreno sterile. Al momento sono emerse alcune strutture murarie in mattoni, riferibili agli edifici adibiti forse a stoccaggio e ricovero indicati come ‘Quartieri’ nella veduta a volo d’uccello del 1708 disegnata dal bolognese Marsili. Questi ambienti erano stati abbandonati e interrati nel corso dei massicci interventi di restauro della Fortezza effettuati tra l’‘800 e il ‘900, ed i presenti scavi permetteranno di chiarirne la funzione. Lo scavo, condotto con metodo stratigrafico, consentirà inoltre di gettare maggiore chiarezza sulle fasi precedenti di vita del sito e sulle ulteriori evidenze archeologiche e architettoniche non più visibili. «A partire dal 2004 il territorio acquavivano è stato inserito all’interno dei progetti di studio del Dipartimento di Archeologia dell’Università di Bologna, che ha mappato, studiato, scavato e interpretato le tante evidenze storico-archeologiche presenti intorno a noi. Dei numerosi articoli e pubblicazioni scaturite da questi studi, la più recente sta per essere presentata proprio in questi giorni» spiega il sindaco Pierpaolo Rosetti «Sembrava per questo naturale, vista la collaborazione di lungo corso e avvicinandosi l’inizio dei lavori di riqualificazione della Piazza d’Armi, completare le indagini archeologiche, come richiesto anche dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle Marche, prima che una nuova pavimentazione rendesse più bella la Fortezza». Per quanto riguarda i lavori, nella prospettiva di dare massima divulgazione agli aspetti culturali del territorio, sono visitabili tutti i giorni feriali fino al 2 giugno, dalle ore 8 alle 12,30 e dalle ore 14 alle 18; il sabato e la domenica dalle ore 16,30 alle 18,30. Gli archeologi saranno lieti di accompagnare quanti vorranno intraprendere questo viaggio nel tempo, alla ricerca delle origini e della storia di Acquaviva Picena.

Fortezza Acquaviva

Fortezza Acquaviva




Cantine Aperte: gli itinerari piceni fra le emozioni del vino e del paesaggio

SAN BENEDETTO DEL TRONTO, 16 maggio 2014 – Sabato 24 e domenica 25 maggio torna “Cantine Aperte”, l’evento eno-turistico più importante d’Italia. Fin dal 1993, durante l’ultimo week end di maggio le aziende aderenti al Movimento Turismo del Vino aprono le loro porte al pubblico, organizzando visite guidate in cantina, degustazioni, mostre ed eventi.

“Cantine Aperte” è un’iniziativa ideale per scoprire le emozioni e la cultura del vino direttamente nei luoghi di produzione.

È una gita fuori porta, un’immersione nei colori primaverili delle nostre campagne rigogliose, una piacevole giornata all’insegna del gusto e della buona compagnia: “Cantine Aperte” è convivialità all’aria aperta ed anche un’occasione unica per scoprire i tesori della nostra terra. Paesaggi, sapori e, ovviamente, i vini.

Rossi, bianchi, frizzanti, passiti: “Cantine Aperte” è un momento di relax per degustare, appassionarsi, conoscere da vicino i nostri grandi “artigiani” del vino, artefici di un prodotto tutto italiano sempre più amato ad ogni latitudine del mondo.

Lo slogan è “Vedi cosa bevi”: come sempre, i visitatori di “Cantine Aperte” avranno a soli 5 euro il calice per le degustazioni nelle cantine aderenti.

NEL PICENO Le aziende picene che partecipano a “Cantine Aperte” sono “Cherri d’Acquaviva” di Acquaviva Picena (contrada San Francesco 4), “La Canosa” di Rotella (frazione Castel di Croce, contrada San Pietro 6), “Le Caniette” di Ripatransone (contrada Canali 23), “Moncaro” di Acquaviva Picena (via Boreale 37), “Pantaleone” di Ascoli Piceno (frazione Colonnata Alta 118), la “Tenuta Cocci Grifoni” di Ripatransone (frazione San Savino, contrada Messieri 12).

Nell’ottica di “fare rete” per il bene di tutto il territorio, quest’anno hanno deciso di presentare congiuntamente le proprie iniziative, per dare ancora più risonanza all’itinerario piceno di “Cantine Aperte”. 

Accoglieranno i visitatori con l’entusiasmo di mostrare i propri tesori. I vini saranno accompagnati da degustazioni di prodotti tipici, come salumi, formaggi e olio d’oliva (“Le Caniette”, ad esempio, organizzerà degustazioni con l’olio biologico dell’azienda agricola “Laura Frattini” e le norcinerie della “Salumi Monterotti” di Sarnano).

Ma ci saranno anche eventi culturali, come la mostra di artigianato piceno curata dal Consorzio Art for Job presso la Tenuta Cocci Grifoni, che accompagnerà le degustazioni e i piatti preparati dallo staff dell’Istituto Alberghiero “Buscemi” di San Benedetto.

Alle pendici dell’Ascensione oppure fra le dolci colline ripane, immersi nei panorami dell’ascolano rurale o nei colori delle campagne dominate dalla Fortezza d’Acquaviva, i turisti del vino potranno percorrere un itinerario affascinante, all’insegna della magia conviviale di “Cantine Aperte”.




Il fisarmonicista Telari si esibisce all’Auditorium

Appuntamento della Gioventù musicale sabato 17 maggio nell’ambito della stagione dei concerti

 

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sabato 17 maggio, alle ore 21,15, presso l’auditorium comunale Tebaldini, si terrà il concerto del primo dei due vincitori delle “Audizioni nazionali 2013” della Gioventù Musicale. Si esibirà alla fisarmonica Samuele Telari che è anche neo vincitore del primo premio nella categoria Concertisti del prestigioso concorso “Città di Castelfidardo”.

 

Il concerto fa parte del cartellone della Stagione dei Concerti 2014 promosso dall’assessorato alla cultura del comune di San Benedetto del Tronto e dalla Fondazione “Gioventù Musicale d’Italia”.

Samuele Telari ha vinto in precedenza altri importanti concorsi internazionali quali il “Premio A. Salieri”, il “Premio Civardi (Val Tidone Competition)”, “Eratai”, “Contemporaneamente Fisarmonica” (Conservatorio di Santa Cecilia), “Premio FENAM” e molti altri.

 

Nonostante la giovane età, Samuele Telari si è già esibito in importanti e prestigiose sale da concerto sia in Italia che all’estero. Recentemente ha tenuto un concerto presso la Royal Academy of Music di Londra e prossimamente sarà impegnato in diversi concerti come solista. Tra gli appuntamenti, spiccano il festival “Day of the Ukranian bayan and accordion 2014” di Kiev su invito del celebre compositore Volodymyr Runchak, la stagione concertistica “Società Umanitaria”, i concerti con importanti orchestre quali “I Virtuosi Italiani”, “The State Hermitage Orchestra” in occasione del “Musical Olympus Festival in St. Petersburg 2014”.

 

Telari presenterà un programma di grande interesse, che spazia da Bach a Vivaldi, ai contemporanei come Gardel e Fancelli. Il concerto si concluderà con un brillante “Omaggio a Piazzolla” di Zubitsky. Sarà un concerto fuori dagli schemi, con uno strumento molto conosciuto nella Regione Marche, raramente presentato nelle stagioni dei concerti.

 

Il biglietto d’ingresso costa 5 euro, ridotto a 3 euro per ragazzi fino a 18 anni.




dalla Città

Installato il passaggio a livello in via Pasubio, riapre la statale 16

16 maggio 2014

Installato il passaggio a livello in via Pasubio, riapre la statale 16

 

Si concludono nei tempi previsti i lavori di completamento del by pass che funzionerà durante la realizzazione del sottopassaggio

 

Rispettando in pieno il cronoprogramma, nella mattinata di domani, sabato 17 maggio, sarà riaperta al traffico via Pasubio, il nome che prende nella zona Agraria la statale 16 Adriatica. Sono infatti terminati i lavori di spostamento del passaggio a livello sulla linea ferroviaria Ascoli Porto d’Ascoli dal tracciato originario della strada all’adiacente by pass, appositamente realizzato per garantire la viabilità durante l’avvio dei lavori di realizzazione del sottopassaggio ferroviario.

 

Nonostante il maltempo che ha comportato, tra le altre cose, lo slittamento dell’avvio dell’operazione dal 3 al 5 maggio scorso, i tecnici delle tante ditte che hanno lavorato in questi giorni hanno portato a termine l’operazione con precisione e celerità.

 

Per fare un esempio della complessità dell’intervento, è stato necessario spostare e testare il sistema PAI che presiede alla sicurezza rilevando la presenza di oggetti o persone sulla ferrovia a sbarre abbassate: solo quest’operazione è costata oltre 150mila euro.

 

Già questa mattina si è potuta testare la funzionalità del passaggio a livello nella nuova posizione al momento del transito dei convogli ferroviari. Da domani, dunque, riprenderà regolarmente il traffico lungo la statale Adriatica mentre accanto al nuovo tracciato potranno avere inizio, da parte delle maestranze dell’Associazione Temporanea di Imprese che si è aggiudicata l’appalto, le operazioni che porteranno alla realizzazione del tanto atteso sottopassaggio.

 

Bilancio 2014, protocollo d'intesa tra Amministrazione e sindacati

16 maggio 2014

Bilancio 2014, protocollo d’intesa tra Amministrazione e sindacati

 

Il Comune assume precisi impegni sulle politiche per le categorie svantaggiate, previste periodiche verifiche in un apposito tavolo di concertazione 

 

E’ stato siglato questa mattina, venerdì 16 maggio, un protocollo d’intesa tra Comune e le sigle sindacali CGIL, CISL, UIL e i sindacati dei pensionati SPI/CGIL, FNP/CISL e UILP/UIL che impegna l’Amministrazione comunale di San Benedetto del Tronto ad attuare una serie di azioni, soprattutto nel campo degli interventi sociali, tramite le previsioni del bilancio preventivo 2014 che sta per andare all’approvazione del Consiglio comunale.

 

Tra gli impegni che l’Amministrazione assume con questo documento, figurano la riduzione della pressione fiscale in favore dei cittadini in difficoltà, la riduzione della spesa amministrativa attraverso processi di gestione associata dei servizi, di semplificazione degli adempimenti burocratici, di ridimensionamento del numero dei membri nei consigli d’amministrazione delle partecipate, di estensione dell’utilizzo degli strumenti informatici con il coinvolgimento del personale.

 

E ancora, il Comune s’impegna ad affinare le procedure di controllo di gestione, a rinviare tutte quelle spese che non presentano carattere di estrema urgenza, al monitoraggio costante del patrimonio comunale per rivalutarne la redditività, ad applicare in maniera rigorosa la normativa sull’imposta comunale sugli immobili, ad un maggiore controllo su cartellonistica pubblicitaria, occupazioni di suolo pubblico, attività edilizia, a prevedere la tassazione dell’uso del sottosuolo da parte di enti o società che erogano servizi, a coinvolgere le associazioni di volontariato per svolgere servizi aggiuntivi a quelli già erogati.

 

Infine Amministrazione e sindacati si sono impegnati a verificare l’attuazione degli impegni in un apposito tavolo di concertazione indicando nel 31 ottobre 2014 la data entro cui convocare un nuovo incontro per la verifica dell’accordo.

Le iniziative dell'estate all'esame del tavolo del turismo

16 maggio 2014

Le iniziative dell’estate all’esame del tavolo del turismo

 

Illustrati il programma per Marche in Blu e le proposte di valorizzazione della Sentina

 

Si è tenuto ieri, giovedì 15 maggio, un nuovo incontro dei rappresentanti delle associazioni di categoria del settore turistico componenti il tavolo tematico istituito dall’Amministrazione comunale.

 

Erano presenti l’assessore al turismo Margherita Sorge, il consigliere Pierfrancesco Morganti, i rappresentanti dell’Associazione Albergatori Simona Cava e Luigi Quondamatteo, di Confindustria Assobalneari Rosalba e Francesca Rossi, di Confesercenti Sandro Assenti, di Associazione Piceno Turismo (APT) Antonia Fanesi, Luca Cantalamessa e Gianni Perazzoli, di Confcommercio Enrica Ciabattoni, di I.T.B. Italia Stefano Giammarini e Gregorio Capriotti e la dipendente del Consorzio Turistico “Riviera delle Palme” Linda Travaglini.

 

All’ordine del giorno le iniziative per la stagione estiva 2014 proposte dal Comitato d’indirizzo della Riserva Naturale Regionale Sentina, l’iniziativa “Marche in blu” promossa dalla Regione Marche il 21 giugno in tutti i diciassette Comuni che hanno ottenuto la “Bandiera blu”, le iniziative messe in campo dalla Regione Marche sui social network e sul web e un’informativa sull’accoglienza estiva.

 

L’Amministrazione comunale e il Comitato di indirizzo hanno proposto iniziative di valorizzazione turistiche della Riserva Sentina per l’estate 2014: una volta alla settimana, gli ospiti degli alberghi della Riviera delle Palme avranno la possibilità di partecipare ad una visita guidata delle bellezze floro – faunistiche custodite nell’area protetta. Con la collaborazione delle associazioni degli albergatori, i turisti verranno informati dell’opportunità di praticare turismo ambientale e potranno prenotare la propria visita presso il Consorzio turistico “Riviera delle Palme”. E’ questo il primo passo che porterà alla creazione di pacchetti da offrire in periodi di “bassa stagione” quando nella Riserva Sentina si verificano i più interessanti fenomeni migratori o la fioritura di specie floristiche.

 

Si è proseguito illustrando la bozza di programma che l’Amministrazione comunale ha redatto per la festa “Marche in Blu”, un’intera giornata di appuntamenti e animazione dedicata alla promozione del “cluster mare” delle Marche. Dal tavolo sono arrivate alcune interessanti proposte: il coinvolgimento degli sbandieratori della Quintana di Ascoli Piceno per offrire un’immagine di tutto il Piceno, gli aperitivi “a tema” negli stabilimenti balneari del lungomare che fungeranno da cornice all’evento clou, il concerto in piazza Giorgini della Brass Band “Fröschl Hall” con il trombone solista Lito Fontana promosso in collaborazione con l’Istituto Musicale “Antonio Vivaldi”.

 

La Regione Marche infatti, dall’alto del suo riconoscimento di “prima Regione social” in Italia, ha avviato una serie di iniziative di promozione attraverso i social network e il portale turismo.marche.it che prevedono l’adesione degli operatori turistici. Le associazioni hanno manifestato la propria disponibilità a lavorare in questo senso. Verrà infatti programmato un seminario di formazione tenuto dal Social Media Team della Regione Marche.

 

In conclusione, è stata fornita un’informativa circa le iniziative estive che verranno definite appena il Consiglio comunale avrà approvato il bilancio di previsione stanziando le risorse necessarie.

 

“Nonostante i tagli che la situazione economica attuale impone alle pubbliche amministrazioni – ha affermato la Sorge – confidiamo di mantenere alto il livello qualitativo delle iniziative che caratterizzeranno il calendario estivo 2014. Desidero inoltre ringraziare i componenti del tavolo del turismo per l’attenzione e lo spirito propositivo con cui sempre affrontano gli argomenti in discussione”.

 Un bando per censire i centri estivi in città 16 maggio 2014

Un bando per censire i centri estivi in città

 

Ai soggetti riconosciuti il Comune chiederà di inserire bimbi disabili o in situazione di disagio

 

Il Comune San Benedetto del Tronto intende istituire un elenco di soggetti attuatori di Centri estivi per l’anno 2014.

 

Ai Centri estivi riconosciuti il Comune di San Benedetto del Tronto potrà chiedere l’inserimento di determinate categorie di utenti (minori disabili, utenti con disagio familiare, sociale o economico) con retta a parziale o totale carico del Comune oppure rimborsi alle famiglie.

 

Possono presentare domanda enti no profit che abbiano sede nei comuni dell’Ambito Territoriale Sociale n. 21 e che garantiscano precisi standard qualitativi come, ad esempio, garantire sedi adeguate, essere capaci di accogliere bimbi con bisogni specifici (handicap, immigrati, nomadi, situazioni a rischio di emarginazione, ecc.), mettere a disposizione strumenti di verifica dei risultati, avere la capacità di accogliere i bambini per almeno 4 settimane dal lunedì al venerdì e per almeno 5 ore giornaliere, predisporre specifici progetti educativi per almeno una delle fasce di età 3/8 anni e 7/14 anni, avere personale professionalmente qualificato.

 

Il bando integrale e la modulistica sono disponibili nella sezione “Bandi di gara” del sito www.comunesbt.it e le domande dovranno pervenire entro giovedì 22 maggio.

 

Per ogni ulteriore informazione è possibile rivolgersi al Settore Servizi alla Persona, secondo piano del Municipio.

 

 

Il fisarmonicista Telari si esibisce all'Auditorium16 maggio 2014

Il fisarmonicista Telari si esibisce all’Auditorium

 

Appuntamento della Gioventù musicale sabato 17 maggio nell’ambito della stagione dei concerti

 

Sabato 17 maggio, alle ore 21,15, presso l’auditorium comunale Tebaldini, si terrà il concerto del primo dei due vincitori delle “Audizioni nazionali 2013” della Gioventù Musicale. Si esibirà alla fisarmonica Samuele Telari che è anche neo vincitore del primo premio nella categoria Concertisti del prestigioso concorso “Città di Castelfidardo”.

 

Il concerto fa parte del cartellone della Stagione dei Concerti 2014 promosso dall’assessorato alla cultura del comune di San Benedetto del Tronto e dalla Fondazione “Gioventù Musicale d’Italia”.

 

Samuele Telari ha vinto in precedenza altri importanti concorsi internazionali quali il “Premio A. Salieri”, il “Premio Civardi (Val Tidone Competition)”, “Eratai”, “Contemporaneamente Fisarmonica” (Conservatorio di Santa Cecilia), “Premio FENAM” e molti altri.

 

Nonostante la giovane età, Samuele Telari si è già esibito in importanti e prestigiose sale da concerto sia in Italia che all’estero. Recentemente ha tenuto un concerto presso la Royal Academy of Music di Londra e prossimamente sarà impegnato in diversi concerti come solista. Tra gli appuntamenti, spiccano il festival “Day of the Ukranian bayan and accordion 2014” di Kiev su invito del celebre compositore Volodymyr Runchak, la stagione concertistica “Società Umanitaria”, i concerti con importanti orchestre quali “I Virtuosi Italiani”, “The State Hermitage Orchestra” in occasione del “Musical Olympus Festival in St. Petersburg 2014”.

 

Telari presenterà un programma di grande interesse, che spazia da Bach a Vivaldi, ai contemporanei come Gardel e Fancelli. Il concerto si concluderà con un brillante “Omaggio a Piazzolla” di Zubitsky. Sarà un concerto fuori dagli schemi, con uno strumento molto conosciuto nella Regione Marche, raramente presentato nelle stagioni dei concerti.

 

Il biglietto d’ingresso costa 5 euro, ridotto a 3 euro per ragazzi fino a 18 anni.




dal Piceno

Avviso presentazione progetti formativi ex Carbon

 

Carbon
16-05-2014

Il bando rivolto gli Enti di formazione accreditati dalla Regione Marche

Il servizio Formazione Professionale della Provincia comunica che è stato approvato l’Avviso pubblico per la presentazione e la gestione dei progetti formativi destinati, prioritariamente, ad ex lavoratori della SGL Carbon.

L’intervento è frutto del protocollo d’intesa siglato nel 2011 tra Regione Marche, Provincia, Comune, Restart srl, OO.SS. e Confindustria con l’obiettivo di procedere in tempi brevi alla riqualificazione degli ex dipendenti SGL Carbon e favorire il loro reinserimento lavorativo nell’ambito dei processi di bonifica, messa in sicurezza e riconversione dell’area interessata.

Gli Enti accreditati per la formazione superiore interessati dovranno presentare domanda entro il 16 giugno 2014 utilizzando la specifica procedura informatica disponibile sul sito http://siform.regione.marche.it. Le domande saranno sottoposte a valutazione effettuata da un apposito nucleo interno del Servizio Formazione Professionale dell’Ente.

Il bando è scaricabile dal sito internet www.provincia.ap.it (formazione professionale). Per ulteriori informazioni è possibile chiamare i seguenti numeri 0736 277402 o 439 o 461.

 

 

‘Festival dell’Appennino’, appuntamento con “L’ultimo dei carbonai”

Carbonaia di Colle di Arquata del Tronto
16-05-2014

Escursione da Colle d’Arquata domenica 18 maggio

Nel segno dei carbonai e delle loro antiche usanze, si caratterizza il terzo appuntamento del “Festival dell’Appennino” in programma domenica 18 maggio a Colle d’Arquata del Tronto. Con ritrovo alle ore 9 dalla piazza del borgo i partecipanti, sotto la guida dell’esperto di montagna Tito Ciarma, si inoltreranno lungo un affascinante sentiero all’interno del Parco della Laga in direzione laghi Secco e della Selva. A metà passeggiata, si terrà un incontro molto speciale con uno degli ultimi carbonai del Piceno, che illustrerà caratteristiche e curiosità di un mestiere assai antico e ancora radicato in alcune aree montane del Centro Italia.

Gli escursionisti faranno quindi ritorno alle 13 circa a Colle di Arquata dove potranno rifocillarsi nei vari punti ristoro allestiti dall’organizzazione. Dopo la sosta per pranzo, avrà luogo il concerto degli “Ucroniutopia”, band rock-folk guidata da Gianluca Lalli, vincitrice di importanti riconoscimenti tra cui il premio “Rino Gaetano” (2005) e “Hard Rock Cafe” (2013).

“Dopo i gravi disagi causati dalla recente chiusura della Salaria a causa delle abbondanti piogge, l’arteria è stata riaperta a senso unico alternato – evidenzia l’Assessore Antonini – per il Festival e per i suoi numerosissimi affezionati, si tratta di una bella notizia che permetterà così di raggiungere l’entroterra con più facilità e senza grossi intoppi”.

L’organizzazione del Festival, raccomanda di dotarsi di un abbigliamento adeguato: scarpe da montagna, giacca impermeabile, indumenti di ricambio, borraccia con l’acqua, bastone da trekking. Per qualsiasi informazione è possibile consultare il sito internet all’indirizzo www.festivaldellappennino.it




dalla Regione Marche

16 mag 2014
CONTRIBUTI PER IL COMMERCIO, LA REGIONE ASSEGNA OLTRE 1 MILIONE PER LE PICCOLE IMPRESE.

Sostegno alle piccole imprese del settore “non alimentare”, valorizzazione commerciale delle aree urbane, con particolare riguardo ai centri storici e all’avvio di nuovi negozi da parte di giovani o disoccupati. Sono gli obiettivi di due provvedimenti adottati dalla Giunta regionale, finanziati con oltre un milione di euro, tra risorse proprie e la rimodulazione del Fondo unico regionale degli anni precedenti. I contributi riguardano le azioni previste nel Programma 2014 del settore commercio. “Sono interventi concreti che mirano a sostenere l’attività commerciali promosse dalle piccole imprese, in un momento di crisi che sta penalizzando gli operatori del settore – afferma il vice presidente e assessore al Commercio, Antonio Canzian – Un’attenzione particolare viene riservata alle piccole attività, ai giovani e ai centri storici, per favorire quella vita di comunità che ha sempre caratterizzato la realtà economica e sociale dei paesi marchigiani”. Nelle prossime settimane verranno emanati i bandi di finanziamento sulla base dei criteri e delle modalità stabilite con le due deliberazioni. Sono previsti contributi in conto capitale per la ristrutturazione l’ampliamento dei locali commerciali, l’acquisto di attrezzature, arredi e merci. Vengono anche finanziati progetti di riqualificazione e valorizzazione commerciale di aree, vie e piazze, dei centri storici, con una riserva di finanziamento per i comuni con meno di 5mila abitanti. Le domande andranno presentate dopo la pubblicazione dei bandi sul Bollettino Ufficiale della Regione Marche (che saranno consultabili anche su www.regione.marche.it e www.commercio.marche.it alla voce bandi).

A ROMA, “LE MARCHE IN TAVOLA”, MALASPINA: “LA REGIONE INVESTE SULLE RICCHEZZE DEL TERRITORIO”.

“Il buono e il bello sono la nostra migliore strategia di comunicazione, il volano della nostra economia e la speranza di un lavoro per le nuove generazioni”. Lo ha affermato l’assessore all’Agricoltura, Maura Malaspina, che ha partecipato, a Roma, alla presentazione di “Le Marche in tavola: un viaggio nella qualità e nel benessere” che verrà ospitato, dal Pio Sodalizio dei Piceni, presso il Complesso monumentale di San Salvatore in Lauro, fino al 31 maggio. Per il secondo anno consecutivo la manifestazione punta a far conoscere le Marche nella Capitale. La Regione, che collabora all’evento, offrirà al pubblico la possibilità di vivere un percorso che si snoda tra la qualità alimentare e la cultura dell’accoglienza. Dopo un ciclo di seminari, l’appuntamento si concluderà con una “quattro giorni” espositiva che mostrerà quanto di meglio e originale le Marche possano offrire: dalla ricettività turistica alle eccellenze enogastronomiche, comprese le produzioni biologiche. “La Regione investe molte delle sue potenzialità economiche sul territorio, sull’ambiente, sull’agricoltura, sul turismo e sulla cultura, consapevole del loro valore economico – ha riferito l’assessore – Settori che verranno ulteriormente sostenuti nell’ambito della nuova programmazione dei Fondi europei 2014/2020”. Malaspina ha poi ribadito che “sulla qualità la Regione punta da sempre, consapevole che un buon prodotto fa la differenza in un mondo dove tutti fanno tutto, ma certamente non bene come sappiamo fare noi marchigiani. La riprova viene dai dati sull’export 2013, dove le Marche si segnalano per la più alta percentuale di esportazioni tra tutte le regioni italiane, a significare quanto il prodotto Made in Marche sia unico e richiesto proprio perché di qualità”.

 

DIRITTI E PARI OPPORTUNITA’, IL CORTOMETRAGGIO “CON LE MIE MANI” ammesso AL FESTIVAL INTERNAZIONALE ‘UN FILM PER LA PACE”

 

Giorgi: “Un grande risultato per il corto di Laura De Santis girato e vissuto con grande sensibilità e passione. Con le sue immagini fa comprendere che dalla privazione della libertà individuale può nascere violenza psicologica e che il rispetto è, e resta sempre, un diritto”

 

 

 

“Sono felice per l’ho ammissione del cortometraggio “Con le mie mani” al prestigiosoFestival Internazionale ‘Un Film per la Pace”, uno dei concorsi cinematografici più grandi al mondo nel campo dei diritti umani”: così l’assessore ai Diritti e pari opportunità, Paola Giorgi, ha commentato la notizia della partecipazione del cortometraggio diretto da Laura De Santis – prodotto da Artemisia, Videotolentino e Associazione culturale Le Sibille, con il contributo di Regione e Amat – alla nona edizione del festival organizzato dal Comune di Medea.

 

Le premiazioni, che si terranno il prossimo 31 ottobre all’Università degli studi di Trieste, vedranno la partecipazione di film provenienti da paesi di tutti i cinque continenti che trattano il tema dei diritti umani e combattano ogni forma di abuso e di violenza.

 

“Il cortometraggio ‘Con le mie mani’ – aggiunge l’Assessore – è un lavoro da cui emerge la sensibilità verso la tematica e si vede che è’ fatto con il cuore . Merita perché coinvolge lo spettatore e lo induce a riflettere e reagire di fronte alla violenza, alla prevaricazione e ai soprusi contro le donne, realtà drammatica e purtroppo attuale”. Acquista forza dalla quotidianità dei fatti che racconta. “Narra un caso di violenza compiuta tra le mura domestiche, una violenza reiterata che nasce da piccole privazioni della libertà di giudizio che poi, in un escalation di ingiusta e, probabilmente dettata dalla paura, sopportazione, arriva al tragico epilogo. Il film individua una possibile via di uscita, una speranza, una reazione, che non è una fuga, ma una forte consapevolezza della propria persona, della propria libertà, dei propri diritti. E’ da questo secondo finale che occorre trarre spunto per combattere con tutte le forze contro la violenza che è il buio di qualsiasi civiltà che si ritiene evoluta”. Il Festival Internazionale ‘Un Film per la Pace’è un concorso cinematografico organizzato dal Comune di Medea, dalla Provincia di Gorizia, dalla Windcloak Film Production e dalla Visual Studies Institute. Con il Festival collabora l’Università degli Studi di Udine, Corso di Laurea Dams di Gorizia ed è sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia. Il Festival si caratterizza anche per il prestigio delle location in cui è viene ospitato. Ha avuto come luoghi di svolgimento della manifestazione la sede del Dams-Università degli Studi di Udine, il Monumento Nazionale Ara Pacis Mundi di Medea (GO) e il British Museum di Londra.Ma anche l’Università di Cambridge (la migliore università al mondo, prima in classifica, come stabilito da QS World University Rankings) nel 2012 in occasione della Giornata Internazionale della Pace indetta dall’Onu.

 

AL VIA IL CONTO ALLA ROVESCIA PER MARCHE ENDURANCE LIFESTYLE 2014

Quattro giorni di eventi, sulla Riviera del Conero dal 12 al 15 giugno, fra sport, business e relazioni internazionali al massimo livello sull’asse Italia-Emirati Arabi Uniti

 

 

Marche Endurance Lifestyle concede il tris. Dopo l’esordio del 2012 e le brillanti conferme dell’edizione 2013, il grande evento in grado di esaltare sport, economia, turismo e relazioni internazionali sull’asse Italia-Emirati Arabi Uniti torna dal 12 al 15 giugno nello splendido scenario della Riviera del Conero per consolidarsi e continuare a crescere. “Le premesse per un nuovo successo ci sono tutte – dice il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca – I risultati ottenuti a seguito delle due precedenti edizioni lo confermano. Significative le sinergie avviate tra imprese marchigiane ed emiratine: il boom dell’agroalimentare, con incrementi a tre cifre delle esportazioni verso gli Emirati Arabi Uniti, è l’esempio più lampante, ma condizioni favorevoli all’incremento dell’interscambio riguardano anche altri importanti comparti del tessuto produttivo delle Marche. La macchina organizzativa è già in moto. La nostra regione è pronta ad ospitare questo prestigioso evento che, quest’anno, si arricchisce di un ulteriore significato: la manifestazione è stata infatti inserita tra quelle legate a Milano Expo 2015, per creare una simbolica staffetta con Dubai Expo 2020”.

E’ sulla scorta di queste certezze che a metà giugno le Marche e la Riviera del Conero ospiteranno una quattro giorni particolarmente intensa in fatto di appuntamenti e di eventi ad altissimo livello. Per ciò che riguarda l’ambito sportivo, sono in programma le quattro gare della Conero Endurance Cup: una sui 120 chilometri valida come prova unica del Campionato italiano a squadre open, una sempre sui 120 chilometri ma riservata agli young riders, una sui 90 e una sui 160 chilometri, la “Road to the Weg”, valida come qualificazione per i migliori cavalieri del mondo ai World Equestrian Games di fine estate in Normandia.

Di assoluto rilievo il programma economico, che avrà uno dei suoi fiori all’occhiello in “UAE Days nelle Marche”, una serie di iniziative che coinvolgerà aziende marchigiane e ed emiratine che verificheranno l’opportunità di attivare sinergie e collaborazioni. I comparti di riferimento per l’edizione 2014 saranno quelli dell’agroalimentare e del florovivaismo, secondo un format ormai collaudato che prevede due momenti ben precisi: incontri B2B e visite nei distretti industriali marchigiani da parte delle aziende emiratine.

Sempre nell’ambito di “UAE Days nelle Marche”, altro appuntamento di rilievo sarà il Business forum Italy-UAE “Our vision, our future – From Milano Expo 2015 to Dubai Expo 2020” che si svolgerà a Senigallia, nel quale esponenti di spicco dei due governi ed esperti di caratura internazionale si confronteranno sulle prospettive e sulle occasioni offerte da due edizioni dell’Expo che di recente hanno sottoscritto un patto di collaborazione e di sviluppo reciproco.

Due mondi a confronto anche per ciò che riguarda il convegno “Voci di donne arabe”, “Fashion & Design: heritage and new inspirations” sarà il tema che verrà sviscerato da un novero di speaker che, ognuna nel proprio settore di attività, realizza al massimo livello i propri obiettivi. Il quartier generale di Marche Endurance Lifestyle 2014 sarà come sempre il lungomare di Marcelli di Numana, dove verrà realizzato il villaggio internazionale, sede degli eventi sportivi e degli appuntamenti pensati per coinvolgere il pubblico, i turisti e le famiglie che dal 12 al 15 giugno vorranno essere protagonisti di un happening indimenticabile.




Premio Nazionale Righetto, la città di Ripatransone ricorda i caduti in difesa della Repubblica Romana

di Rosita Spinozzi

 

 

RIPATRANSONE – La città di Ripatransone celebra i cento anni dallo scoppio della Prima Guerra Mondiale, evento bellico che sconvolse l’Europa, con una giornata ricca di appuntamenti nell’ambito di un interessante percorso fra idee e temi organizzato dall’assessorato alla cultura, sempre sensibile alle iniziative inerenti il ricordo storico. A tal proposito, sabato 17 maggio alle ore 11,30 nell’Aula Magna dell’Istituto Scolastico Comprensivo di Ripatransone, lo storico Pietro Pistelli affronterà la tematica ‘A ricordo della Prima Guerra Mondiale, quarta Guerra d’Indipendenza d’Italia’ in presenza dei ragazzi delle classi dell’Istituto. Dopodichè alle ore 11,45 il dott.Roberto Bruni, presidente dell’associazione culturale romana ‘Gli Amici di Righetto’, presenterà il Premio Nazionale Righetto. Seguirà alle ore 12,30, nella Sala di Rappresentanza del Palazzo Municipale, la solenne cerimonia di consegna del Premio conferito dal dott.Giampiero Panichelli allo storico Pietro Pistelli, autore di molti saggi dedicati all’epopea Risorgimentale.

In virtù del suo impegno rivolto alla ricerca e all’interesse per l’approfondimento storico, Pistelli riceverà il prestigioso riconoscimento promosso da ‘Gli Amici di Righetto’, che solitamente è dedicato agli studenti delle scuole, ma premia anche quanti hanno onorato il Risorgimento con la propria attività. «L’associazione culturale romana presieduta da Roberto Bruni organizza ogni anno questa premiazione che prende il nome dall’eroica figura del giovane Righetto, orfano dodicenne che nel 1849 si trovò ad essere un protagonista attivo nella difesa della Repubblica Romana. Righetto, infatti, sacrificò la sua giovane vita nel rischioso tentativo di spegnere una miccia inesplosa. Morì il 29 giugno 1849 insieme al suo inseparabile cane Sgrullarella» spiegano il sindaco Remo Bruni e il consigliere delegato alla cultura Paolo Polidori, che interverranno agli incontri previsti nel corso della giornata «Ricordare Righetto è un modo per omaggiare, nel centenario della Grande Guerra, anche i tanti giovani caduti in difesa della Repubblica Romana».




Fondi europei per i lavori di riqualificazione della Fortezza Medievale e dell’Ufficio Turistico

di Rosita Spinozzi


ACQUAVIVA PICENA –
Acquaviva Picena investe sul proprio patrimonio storico e, in particolare, sulla Fortezza Medievale e l’Ufficio Turistico in Piazza San Nicolò, grazie ai finanziamenti europei PSR2007-2013-Asse 3, diretti alla tutela e riqualificazione del territorio rurale al fine di conservare alcuni degli immobili più importanti del centro storico, migliorando così anche l’offerta turistica. A tal proposito l’Amministrazione Rosetti ha presentato all’inizio del 2013 due progetti inerenti la manutenzione della Fortezza e dello Iat per partecipare ai bandi indetti dalla Provincia di Ascoli, di cui uno relativo al PSR 2007-2013 per finanziare interventi strutturali di recupero, restauro e riqualificazione del patrimonio comunale, e l’altro relativo l’incentivazione alle attività turistiche e la creazione, il potenziamento e l’adeguamento di infrastrutture su piccola scala.Entrambi i progetti sono stati ammessi a finanziamento, così come comunicato dalla Provincia con nota del 17/09/2013. Per quanto riguarda la Fortezza, sono previsti il rifacimento della pavimentazione interna, illuminazione e ulteriori adeguamenti necessari per garantire una più ampia e proficua utilizzazione del bene, per un costo complessivo di 167.165,00 euro, di cui 105.000,00 coperti dal finanziamento e 62.165,00 coperti dal Comune. L’intervento di manutenzione dell’immobile sito in Piazza San Nicolò,invece, prevede la sistemazione del tetto, pulizia e sistemazione delle mura esterne e adeguamento degli impianti interni, per un costo complessivo di 69.909,09 euro, di cui 27.519,26 finanziati dalla Regione, 7.043,85 a carico del privato e 35.345,98 a carico del Comune. «Gli interventi si inseriscono nel programma elettorale, in particolare nell’obiettivo di riqualificazione del centro storico, già avviato con la sistemazione della Torre dell’Orologio in Piazza San Nicolò e che, oltre ai due interventi sopra descritti, vede anche il rifacimento della segnaletica orizzontale e verticale con successiva e definitiva chiusura delle Piazze del centro, in modo da renderle fruibili sia ai cittadini che ai turisti» spiega il sindaco Pierpaolo Rosetti «Certamente il disagio di non poter visitare la Fortezza verrà mitigato, nelle serata del consueto mercatino estivo del mercoledì, dall’apertura degli altri splendidi beni storici tra cui il Palazzo Comunale, la Chiesa di San Rocco e la Sala del Palio, in attesa di inaugurare nel 2015 una Fortezza ed uno Iat rinnovati che offriranno anche maggiori potenzialità di utilizzo».