da Fermo

da Fermo

Bandiera Blu 2014. Questa mattina la consegna dei vessilli

Sulle spiagge di Fermo sventolerà anche per il 2014 la bandiera blu. Questa mattina a Roma, alla presidenza del Consiglio dei ministri, la cerimonia di premiazione della 28° edizione organizzata dalla FEE Italia (Foundation for Environmental Education – Fondazione per l’Educazione Ambientale). A ritirare l’importante riconoscimento il vice Sindaco e assessore all’Ambiente Matteo Silenzi e l’assessore allo Sport Franco Menicali. 140 i comuni che hanno superato il severo giudizio di una Commissione di esperti, fra questi 17 sono della Regione Marche che si aggiudica il terzo posto a livello nazionale fra le Regioni che hanno conquistato più bandiere blu, un riconoscimento internazionale istituito nel 1987 ed assegnato ogni anno in 41 Paesi, inizialmente solo europei, più recentemente anche extra-europei. L’obiettivo principale del programma “Bandiera Blu” è quello di indirizzare la politica di gestione delle località turistiche verso un processo di sostenibilità ambientale prendendo in considerazione aspetti quali la qualità delle acque di balneazione, la depurazione delle acque reflue, la gestione dei rifiuti, il turismo e la spiaggia. I festeggiamenti per la bandiera Blu, già in fase di organizzazione in sinergia fra gli assessorati all’ambiente, allo sport e al turismo, sono in programma per il 21 giugno. “E’ un riconoscimento che è frutto di un lavoro fatto per garantire tutti i requisiti considerati dalla FEE – sottolinea l’assessore all’Ambiente Matteo Silenzi – in primo luogo è stato preso in considerazione il miglioramento di qualità delle acque di balneazione che passano in classe 1, grazie all’importante ruolo svolto dal Ciip che ha aumentato il livello di depurazione delle acque di scarico”. A contribuire all’ottenimento del riconoscimento anche il programma di educazione ambientale e informazione che ha portato l’Isc Leonardo Da Vinci ad ottenere la menzione di Ecoschool (bandiera verde). Per il 2014 il programma ambientale sarà esteso ad altre scuole della città. Altri elementi riconosciuti dalla FEE sono rappresentati da: il lavoro nel miglioramento dei requisiti di abbattimento delle barriere architettoniche, l’estensione in corso del porta a porta che dal 7 maggio interesserà Casabianca, il regolamento per le Eco-feste, le disposizioni per la spiaggia, la riqualificazione e il decoro urbano, gli obiettivi raggiunti nel turismo.

“C’è grande soddisfazione e stimolo ad andare avanti – ha aggiunto il Sindaco Nella Brambatti – da apprezzare lo sforzo di tutti, nonostante le eccezionali mareggiate che hanno portato sulle nostre spiagge centinaia di quintali di rifiuti. Eventi eccezionali che hanno messo a dura prova il nostro territorio. Un ringraziamento a quanti hanno lavorato per il mantenimento del riconoscimento e agli uffici che hanno operato in maniera intensa e professionale per il raggiungimento dello scopo”.

La bandiera Blu riconosce la qualità di tutto il litorale fermano e già per il prossimo anno l’assessore Silenzi ha in mente importanti miglioramenti: “Stiamo lavorando per una spiaggia interamente attrezzata per i disabili e opereremo intensamente per la riqualificazione naturalistica del litorale sud di Marina Palmense al fine di valorizzare l’ambiente per un offerta destagionalizzata che garantisca proposte anche in altre periodi dell’anno. Stiamo anche portando avanti l’idea di individuare lungo il litorale fermano uno spazio dedicato ai cani. Cercheremo di coinvolgere e integrare a pieno titolo Lido Tre Archi nella valorizzazione turistica del litorale: in tal senso è importante agire nel decoro urbano con la riqualificazione della fascia verde, l’apertura di nuove attività e l’eliminazione di vecchie strutture”

Ultimati i lavori sulla strada Pompeiana

Ripristinato da oggi il doppio senso di marcia del traffico veicolare sulla strada Pompeiana, danneggiata dalle piogge dei primi di maggio. I lavori di messa in sicurezza della strada, iniziati immediatamente dopo l’emergenza maltempo, hanno permesso il veloce ritorno alla normalità. Un intervento reso possibile con la somma urgenza: è stata ricostituita la scarpata che aveva subito uno smottamento, rifatto il tratto di pavimentazione che ha ceduto e asfaltata la strada. Da domani riaprirà al transito anche la strada comunale Gabbiano, mentre sono ancora in corso gli interventi di sistemazione della Lauretana.

L’esperienza dell’affido familiare in un incontro

L’accoglienza e il prendersi cura di minori nell’esperienza dell’affido familiare. È l’importante realtà raccontata nel corso dell’ultimo incontro “Narrare l’accoglienza … mi prendo cura di te”, ciclo di appuntamenti organizzato dalle famiglie affidatarie del territorio, che si sono costituite in associazioni (Mondo Minore, Famiglie per l’accoglienza e Famiglia Sociale), dagli Ambiti sociali XIX e XX e dai Consultori dell’Area Vasta 4. Un pubblico attento e partecipe ha potuto ascoltare, venerdì scorso nella Sala dei Ritratti di Palazzo dei Priori, le esperienze narrate da Rosanna Serio, vice-presidente nazionale dell’Associazione Famiglie per l’Accoglienza che nell’occasione ha presentato il suo libro “Affido: Una Famiglia per Crescere”. Mamma di tre bambini, Rosanna Serio ha raccontato le sue due storie di affido familiare. Parole preziose per le numerose famiglie affidatarie presenti all’incontro che hanno potuto interagire con la vice Presidente di Famiglie per l’accoglienza e fare tesoro altresì dell’esperienza di un ragazzo affidatario che ha raccontato le difficoltà e le conquiste di una vita in affido prima e della scelta a sua volta di diventare papà affidatario. Storie di vita toccanti che hanno restituito all’attenta platea consigli per affrontare l’esperienza dell’affido familiare. In primo luogo il dibattito, nel quale è intervenuto anche Massimo Valentini, presidente dell’associazione Famiglie per l’accoglienza di Porto San Giorgio, si è focalizzato sull’importanza del rapporto con la famiglia di origine che non deve essere mai negato al minore affidatario, anche in situazioni di difficoltà. “Da un punto di vista educativo e affettivo l’affido rappresenta un’esperienza edificante – sottolinea Silvana Zechini, assessore ai Servizi Sociali – e fondamentali sono il ruolo delle istituzioni, l’azione delle associazioni e il lavoro quotidiano delle famiglie. La serata è stata occasione di riflessione sul collegamento tra i cicli di vita del bambino e le dinamiche affettive che si possono sviluppare”. Daniela Alessandrini, dirigente del settore Servizi Sociali del Comune di Fermo e Presidente dell’Ambito XIX, aggiunge: “La programmazione di questi incontri avviene nell’ambito di una co-progettazione nella quale l’ente locale si avvale delle risorse che il territorio esprime. È possibile fare accoglienza e esperienza di affido solo c’è il supporto da parte dell’ente pubblico: le famiglie non si devono sentire sole”.

Ultimo appuntamento venerdì 30 Maggio sempre alle ore 21,15 presso il Teatro comunale di Porto San Giorgio con lo spettacolo teatrale “Serenata al Piccolo Principe – 70 anni e più di ingenua saggezza”, liberamente ispirato da Le Petit Prince di Antoine de Saint-Exupery, da un’idea di Marco Nocchi con la regia di Barbara Mancini.

Gli incontri aperti a tutti, offrono la possibilità di conoscere e sostenere l’affido familiare e, dopo un percorso formativo e informativo, decidere di fare un grande gesto d’amore e solidarietà accogliendo temporaneamente un minore in difficoltà nella propria crescita affettiva ed educativa.

affido familiare
affido familiare

Il Terminal apre le porte alla rassegna Fermo sui Libri

Sarà Cristiano Godano l’ospite del quarto appuntamento della Rassegna Fermo sui Libri. La cornice della performance dell’artista, in programma per giovedì 15 maggio alle 21,15, sarà il Terminal, un luogo che ben si addice ad uno dei principali protagonisti del rock italiano. Cristiano Godano, voce e anima dei Marlene Kunz, una delle formazioni più importanti del panorama musicale italiano dai primi anni ‘90 ad oggi, è la voce, il chitarrista e l’autore dei brani del gruppo. Una personalità poliedrica che, in oltre vent’anni di carriera, si è misurato con diverse espressioni artistiche, come la recitazione, e soprattutto la letteratura.

Dai primi passi come rocker a Cuneo, la sua città natale, al grande successo di critica e di pubblico, ai vari side projects, alla recente esperienza come blogger per “Il Fatto Quotidiano”, Cristiano Godano sembra muoversi con abilità fra le varie arti e forme di espressione. Nel 2008 ha anche pubblicato il suo primo libro, intitolato “I Vivi” edito da Rizzoli: una raccolta di sei racconti in cui crea una galleria di personaggi a metà fra il reale e il surreale.

Il 15 maggio l’artista si racconterà, canterà e interagirà con il pubblico, in una serata a metà fra lo storytelling e il live.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com