Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 01:47 di Dom 15 Dic 2019

dalla Regione Marche

di | in: Cronaca e Attualità, dalla Regione Marche

Almerino Mezzolani

image_pdfimage_print

27 mag 2014
ASSEMBLEA DEL VOLONTARIATO: ELETTI I RAPPRESENTANTI NEL COMITATO DI GESTIONE E DEL CONSIGLIO REGIONALE DI SETTORE.

“Una realtà importante su cui la Regione ha sempre investito tanto, sia in termini finanziari che organizzati”. È la fotografia del volontariato, scattata dall’assessore alla Salute, Almerino Mezzolani, che ha partecipato all’Assemblea regionale del volontariato, animata dalle Associazioni iscritte al Registro regionale. L’Assemblea formula proposte e pareri sugli indirizzi generali in merito alle attività di interesse del settore. Designa, inoltre, i rappresentanti delle organizzazioni di volontariato in seno al Comitato di gestione del Fondo speciale delle Fondazioni bancarie ed elegge il Consiglio regionale del volontariato. Le votazioni hanno portato alla nomina di Marcello Secchiaroli, Carlo Bellocchi, Floriana Crescimbeni e Rosario Pascucci – nel Comitato di gestione – e dei tredici componenti del Consiglio: Rosanna Marconi, Silvano Ciancamerla, Marco Gabriele Riciputi, Paola Fimmanò, Gilberto Montebelli, Gianfranco Spegni, Giorgio Salvucci, Piergiorgio Gualtieri, Pasquale Telera, Anna Laura Stopponi, Daniela Corsi, Marina Gagliardi, Umberto Cuccioloni. Mezzolani, nel suo saluto introduttivo, ha illustrato i compiti dei due organismi e riepilogato gli interventi regionali avviati nel 2014 per applicare la nuova legge sul volontariato e per attivare i Comitati di partecipazione alle attività delle Aziende sanitarie, previsti dalla legge di riordino del Sistema sanitario regionale. Ha poi relazionato sugli gli atti regionali, adottati i questo ultimo anno, che hanno dato seguito alle numerose indicazioni della nuova legge regionale sul volontariato, quali, in particolare, i criteri da riportare nelle convenzioni da sottoscrivere tra enti pubblici e associazioni di volontariato e le modalità di accesso, da parte delle associazioni, a strutture sanitarie e socio-sanitarie e sociali, pubbliche e private, per lo svolgimento delle proprie attività. Ha infine richiamato l’accordo sottoscritto tra la Regione e il Comitato di gestione dei fondi speciali per il volontariato, per un utilizzo congiunto delle risorse provenienti dalle Fondazioni bancarie e dei fondi del bilancio regionale destinati al finanziamento delle progettualità del volontariato, sulla base dei bandi annuali.


 

Strategia europea della Regione Adriatico Ionica, l’assessore Giorgi in videoconferenza con Palermo: “Una strategia che mira a rafforzare l’identità comune e a creare una governance multilivello in grado di disseminare la consapevolezza della nascita di una Europa dei popoli”

“Rafforzare l’identità comune della regione adriatico ionica, promuovere la prosperità sostenibile economica e sociale rafforzando l’identità comune della regione adriatico – ionica, migliorandone l’attrattività, la competitività e la connettività nel rispetto degli ecosistemi marittimi e ambientali; creare sinergie con le esistenti strategie macroregionali baltica e danubiana”. Sono le due strade da percorrere per consolidare la Strategia europea della regione adriatico ionica (Eusair), indicate dall’assessore alle Politiche comunitarie, Paola Giorgi, nel corso di un intervento in video conferenza con la città di Palermo, dove si è svolta una giornate di confronto promossa dal Comitato economico e sociale della Ue e dalla Regione Sicilia. “La Regione Marche ha svolto un ruolo propulsore e promotore della strategia con un impegno ancor più significativo negli ultimi 18 mesi, dopo che la Commissione Europea ha avuto mandato dal consiglio europeo, nel dicembre 2012, di elaborare la strategia e il piano d’azione Eusair entro il 2014. In questo periodo abbiamo coordinato le regioni italiane al fine di produrre documenti programmatici per la stesura del Piano d’azione. La Regione ha coordinato i lavori del Comitato delle Regioni tramite il gruppo interregionale adriatico ionico presieduto dal presidente Spacca con il governatore Katsifaras e tramite il parere Eusair del Comitato delle Regioni di cui il presidente Spacca è relatore”.  Il parere, in particolare, è stato richiesto dalla presidenza greca del Comitato delle Regioni, approvato all’unanimità dalla commissione Coter (Coesione Territoriale) il 5 maggio scorso e sarà adottato il prossimo 26 giugno in sessione plenaria del Comitato delle Regioni. “La governance è un elemento fondamentale delle strategie macroregionali; come autorità regionali pensiamo che i bisogni territoriali debbano essere rappresentati in un approccio di governance multilivello bottom – up per meglio affrontare le sfide comuni della regione adriatico – ionica mediante soluzioni condivise e concordate e l’Eusair con il suo Piano d’azione, necessita di una governance multilivello come chiave per il suo successo”. L’assessore ha quindi evidenziato alcuni punti qualificanti per il successo della strategia, già indicati nel parere Eusair approvato all’unanimità lo scorso 5 maggio dalla Commissione coesione territoriale, partendo dalle infrastrutture immateriali: “La creazione di un Adriatic Cloud una piattaforma telematica che consentirà di agganciare tutte le istituzioni, le forze sociali, le organizzazioni civili che vorranno costruire insieme il percorso della Macroregione. Un modo per dare maggiore velocità e trasparenza alle informazioni”. Sul fronte dello sviluppo economico, la Giorgi ha ricordato “la necessità di pianificare lo spazio marittimo e la gestione integrata delle zone costiere, l’innovazione nelle piccole e medie imprese e la tutela dell’ambiente”, valorizzando, in particolare, il potenziamento delle attrattive turistiche, culturali e dei prodotti agro-alimentari di alta qualità dell’area interessata. Ha anche richiamato “la necessità di istituire una Scuola superiore di amministrazione Adriatico-Ionica, su modello dell’ENA francese e di considerare il fenomeno della migrazione come fattore di integrazione e fonte di occupazione. Inoltre non ci può essere prosperità economica senza pensare al benessere dei cittadini; il diritto alla salute deve essere tutelato e rafforzato”.

 

© 2014, Redazione. All rights reserved.




27 Maggio 2014 alle 14:22 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


My Web TV Marche

• dalla Regione Marche
• dalla Regione Marche
• Ecco la 55ma Tirreno-Adriatico


Social

Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On YoutubeVisit Us On Instagram
Ricerca personalizzata