Recanatese, domenica ultimo atto a Giulianova

Recanatese, domenica ultimo atto a Giulianova

 

Recanati, 2014-05-02 – Oggi pomeriggio la Recanatese ha svolto una seduta di allenamento dopo il giorno di riposo concesso da mister Daniele Amaolo per la festività del 1° maggio. Stato d’animo coprensibilmente più disteso tra i giallorossi, dopo la matematica salvezza arrivata domenica scorsa grazie alla netta vittoria per 4-0 ottenuta ai danni dell’Isernia. Ma tra due giorni c’è ancora l’ultimo impegno in casa del Giulianova ed giallorossi non prenderanno certamente sotto gamba la gara provando a centrare l’ennesino risultato positivo e sperando, perchè no, di scalare un’altra posizione in classifica. I leopardiani, dopo un inizio campionato con qualche difficoltà, hanno saputo invertire la rotta grazie alle tempestive ed efficaci scelte messe in atto dalla società, cui va dato il merito di essersi affidata ad un allenatore esperto come Amaolo che conosce molto bene la categoria ed aver arricchito la rosa con innesti mirati e di qualità.Che c’è stata la svolta sono i numeri a dimostrarlo: 37 punti in 22 giornate (media di 1,68 a partita). Nel girone di ritorno una sola sconfitta,in casa contro la renato Curi Angolana, dopo la quale la Recanatese ha inanellato una serie positiva di undici gare consecutive che hanno contribuito ad un finale in crescendo per una gruppo che meritava molto di più di quanto la classifica dimostrava fino a qualche settimana fa. 

A coronamento dell’esantante stagione della Recanatese è arrivato il grande salto di Federico Palmieri nel cosidetto calcio che conta. Nella serata di martedì infatti il Carpi, società che milita nel campionato cadetto e che ha come mister quel Bepi Pillon che ha lasciato ottimi ricordi tra i tifosi ascolani, si è assicurato le gesta del baby (classe 1995) attaccante della Recanatese a partire dalla prossima stagione sportiva. Una grande traguardo per il ragazzo che quest’anno si è consacrato grazie ad una stagione entusiasmante come stanno a testimoniare le dodici reti messe a segno ( undici in campionato ed una in Coppa Italia a Matelica), senza dimenticare i sette rigori che Palmieri si è procurato e che lo hanno reso tra le pedine più decisive in questo campionato. Stagione resa indimenticabile anche dalla chiamata in Rappresentativa per il Torneo di Viareggio, kermesse notoriamente frequentata dai vari talent scout di squadre professionistiche.
Sicuramente non minore è la soddisfazione della società leopardiana, la cui filosofia è da sempre focalizzata proprio nella valorizzazione dei giovani del proprio vivaio (da molti anni la Recanatese è riconosciuta dalla FIGC come Scuola Calcio Qualificata) ed il fatto che gli under che giocano in prima squadra sono sempre stati di “produzione propria”, vale a dire provenienti dal settore giovanile giallorosso, nè è solo una testimonianza. 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com