Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 23:41 di Mer 12 Ago 2020

dalla Città

di | in: Cronaca e Attualità, dalla Città

Marco Calvaresi

image_pdfimage_print
Approvato il bilancio consuntivo 201313 giugno 2014

Approvato il bilancio consuntivo 2013

Concesso per un anno alla Sambenedettese lo stadio “Riviera delle palme” 

 

In tre ore il Consiglio comunale del 12 giugno ha approvato tutti i punti all’ordine del giorno e discusso un ordine del giorno di Forza Italia – Pdl sull’abusivismo commerciale.

 

In apertura, il presidente Calvaresi ha informato l’assise della perdita di due cittadini illustri della città: il prof. Antonio Guastaferro, premio Truentum 2011, e la prof.ssa Nadia Finocchi in Speca. E’ stato osservato un minuto di silenzio in memoria di due stimati educatori che hanno contribuito alla crescita culturale di moltissimi giovani sambenedettesi.

 

Sono state quindi discusse le interrogazioni e l’interpellanza presentate da Marucci del Movimento 5 stelle. Sulla vicenda della demolizione di villa Petrocchi, sulla quale sono state adombrate presunte inadempienze del Comune nella notifica del provvedimento di apposizione del vincolo da parte della Soprintendenza, l’assessore all’urbanistica Canducci ha risposto che in data 15 aprile 2014 il Comune ha ricevuto la raccomandata dalla Soprintendenza in cui non compariva alcuna indicazione di termine per la notifica né tantomeno l’urgenza della stessa. La comunicazione è stata assegnata all’ufficio competente che ha proceduto a notificare l’atto al destinatario dopo 5 giorni lavorativi, ben prima del termine di legge stabilito in 30 giorni. Citando una sentenza della Corte dei Conti, Canducci ha ricordato che il responsabile del procedimento deve indicare nell’atto i termini entro i quali effettuare la notifica aggiungendo che al momento non risulta pervenuta alcuna richiesta di risarcimento.

 

In merito all’interrogazione sui dati relativi all’inquinamento da polveri PM10 e agli eventuali riflessi derivanti dalle domeniche senz’auto, l’assessore alla viabilità Luca Spadoni ha spiegato che “il problema dell’inquinamento esiste a San Benedetto come in tutte le Marche. In termini assoluti, ha aggiunto, San Benedetto ha il valore peggiore delle Marche, ma l’andamento è omogeneo a quello di altre città come Ascoli, tranne alcuni casi episodici. Inoltre bisogna guardare anche alla collocazione delle centraline: ad esempio, ad Ascoli è situata in un parco di Monticelli ma fa registrare un solo “sforamento” dei limiti in meno rispetto a San Benedetto. A Civitanova la centralina si trova in una zona rurale. In merito all’iniziativa “Lasciamo l’auto a casa”, Spadoni ha detto che non ha certo la pretesa di incidere sulla riduzione delle PM10 ma intende promuovere un’altra mobilità e stimolare i cittadini a godere della città in maniera diversa.

 

Circa la chiusura, per il secondo anno, della piscina olimpionica del complesso “Gregori” e sulla mancata attivazione dell’impianto fotovoltaico della struttura, il vice sindaco Fanini ha fatto notare che il Comune ha messo a norma e adeguato per 750 mila euro l’interno del complesso. Per la vasca esterna, è stata chiesta all’ASUR una proroga dei termini per la messa a norma perché sono state imposte onerosissime prescrizioni per l’adeguamento. Fanini ha anche spiegato che il complesso natatorio non è dotato di impianto fotovoltaico (che produce energia elettrica), bensì di un impianto a pannelli solari per riscaldare la struttura che però stato danneggiato a seguito delle nevicate degli anni passati. La CLP Concordia sta invece provvedendo all’installazione di un impianto fotovoltaico.

 

L’assise ha approvato il rendiconto della gestione dell’esercizio finanziario 2013 e la variazione al bilancio di previsione 2014. Nella relazione, l’assessore al bilancio Fabio Urbinati ha ricordato che per la prima volta il Comune ha aderito al bilancio di cassa svolgendo un’analitica verifica di tutti i residui esistenti. Ne è scaturito un avanzo di circa 2,9 milioni, di cui poco più di 1 vincolati a specifica destinazione e 1,3 milioni vincolati a spese di investimento, espropri e contenziosi. Urbinati ha sottolineato il bassissimo indebitamento e dunque la buona salute del bilancio dell’Ente.

 

Piunti (Forza Italia – Pdl) ha sottolineato che in delibera si fa riferimento al ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale Marche pendente sul bilancio 2013 e ha chiesto di sapere a cosa sono stati destinati i circa tre milioni che, dal 2007 ad oggi, tra multe, parcheggi a pagamento e tassa di soggiorno, sono stati introitati dall’Ente.

 

Emili (gruppo misto) ha fatto notare che non si è riscosso che la metà dei 700 mila euro previsti nel bilancio per l’IMU e che i revisori dei conti anche questa volta hanno evidenziato che l’Ente è deficitario sui residui. Anche Marucci ha fatto notare l’elevata quota di tributi non riscossi. Bovara (Città aperta) ha tranquillizzato sul fatto che i residui non vengono azzerati e ha dichiarato che la Tasi è stata applicata solo sull’abitazione principale e pertinenze, mentre altri Comuni l’hanno spalmata un po’ su tutto, dagli appartamenti affittati ai fabbricati.

 

Nella replica, l’assessore Urbinati ha tranquillizzato l’assise dicendo che se ci fossero condizioni nefaste il bilancio non avrebbe avuto parere favorevole dai revisori dei conti. Sulla riqualificazione del lungomare, ha spiegato che si potrebbe fare un mutuo per avviare i lavori, ma tutto dipende dall’allentamento del patto di stabilità interno. Sulla riscossione dell’IMU, la previsione è inferiore all’incasso sinora ottenuto, la situazione è monitorata e comunque il bilancio si farà col saldo di dicembre, quando statisticamente il flusso è maggiore. I due punti sono stati approvati con 12 sì, 6 no (Marucci, Massimiani, Pellei, Piunti, Ruggieri, Tassotti) e tre astenuti (Calvaresi, Emili, Pezzuoli).

 

Come imposto dalla legge, il Consiglio ha poi approvato l’eliminazione dell’equiparazione all’abitazione principale dell’immobile posseduto e tenuto a disposizione da parte di soggetti iscritti all’anagrafe dei residenti all’estero (AIRE). Dunque queste persone pagheranno l’IMU.

 

Sull’informativa letta dal vicesindaco sul Bilancio 2014 della CIIP spa, Marucci ha sottolineato che nella relazione si parla della difficoltà di reperire fondi per investimenti a causa della banche del territorio che non assolvono alle loro funzioni. L’assise ha approvato con 14 sì e 7 astenuti.

 

Il Consiglio ha deciso che il Comune aderirà al “MAYOR ADAPT”, l’evoluzione del Patto dei Sindaci già sottoscritto a livello comunitario e sostenuto dalla Commissione UE per consentire ai Sindaci di impegnarsi volontariamente ad adottare strategie volte a ridurre le emissioni di gas a effetto serra, quindi l’impatto dei cambiamenti climatici e la capacità resiliente delle città. Marucci ha chiesto massima attenzione nella mappatura della vulnerabilità del territorio prevista nell’iniziativa europea.

 

Approvato anche il regolamento per disciplinare gli indennizzi dei danni provocati alle produzioni agricole dalla fauna selvatica nella Riserva della Sentina.

 

Il Consiglio ha anche dato il via libera alla proposta dalle ditte Adriatica Costruzioni edili srl e BM Costruzioni edili per ridefinire la dislocazione dei volumi in una zona di 3500 metri quadri sotto la statale 16 confinante con una serie di edifici di via Todaro e via Poggi. Canducci ha spiegato che si è deciso di dare la possibilità di intervenire sulla lottizzazione grazie al consenso raggiunto tra i titolari, che nella città si stanno portando ad esaurimento le potenzialità del PRG e che non sono molte le varianti effettuate in città: solo quella di San Pio X e il Piano degli Alberghi, dove peraltro si riordinano i volumi esistenti.

 

Approvata anche la cessione di porzione di area verde in via Liburdi che consentirà ai privati proprietari di realizzare la demolizione e ricostruzione di un fabbricato in via Dei Lauri realizzandovi l’accesso carrabile al lotto. In cambio i privati cederanno una parte del loro lotto dove realizzare a loro spese allargamento della strada, fogne, illuminazione e marciapiede.

 

Varata anche l’integrazione al programma annuale degli incarichi la cui spesa nel 2014 ammonterà a 31.000 euro e che in gran parte sarà destinata ad attività di studio per la Sentina e alla redazione di progetti comunitari.

 

Sul punto relativo agli indirizzi per affidare per l’anno sportivo 2014/2015 alla ASD Sambenedettese la gestione dello stadio “Riviera delle palme”, si è aperta un’ampia discussione. Tassotti, dichiarando l’astensione del suo gruppo consiliare, ha ribadito la necessità di tutelare la Sambenedettese calcio e ha chiesto di conoscere come si intende risolvere la questione dei debiti contratti per lo stadio, così come dichiarato dal Sindaco alla stampa. Tassotti ha annunciato che, dopo l’arrivo del parere dell’Osservatorio Regionale sui contratti pubblici, a breve porterà all’approvazione del Consiglio la relazione finale della commissione d’inchiesta. Dopo gli interventi di Emili, Liberati e Piunti, la delibera è stata approvata con 12 voti favorevoli, 9 astenuti (Emili, Pezzuoli, Tassotti, Ruggieri, Calvaresi, Marucci, Massimiani, Pellei, Piunti) e un non voto (Pasqualini).

 

E’ stato respinto l’ordine del giorno del consigliere Marucci che proponeva la modifica del regolamento per l’utilizzo dei volontari civici per permettere a chi ha avuto condanne penali di essere iscritto al relativo albo. Marinucci ha specificato che l’iniziativa dei detenuti alla Sentina è stata organizzata dalla Casa circondariale e non dal Comune. Spadoni ha aggiunto che la legge impedisce a chi ha riportato condanne non colpose di avere rapporti con la Pubblica Amministrazione.

 

In conclusione, è stato discusso un ordine del giorno presentato dai consiglieri Ruggieri (prima firmataria), Tassotti, Piunti, Massimiani sull’abusivismo commerciale in cui si chiede all’Amministrazione di rafforzare il proprio ruolo propositivo, propulsivo ed autorevole in seno agli organi di coordinamento preposti con proposte quali, ad esempio, l’utilizzo di steward in spiaggia che possano difendere i turisti dai venditori abusivi. Nel documento si chiede che gli assessorati competenti promuovano, in collaborazione con le associazioni di categoria del settore turistico, iniziative di sensibilizzazione ed informazione rivolte ai turisti.

 

Il Sindaco Gaspari ha rilevato che il tema è di competenza di organi statali come la Prefettura e la Questura. “Quest’ordine del giorno potrebbe essere preso come un’invasione di campo” ha dichiarato Gaspari, ricordando come il tema sia stato affrontato nell’ultima riunione del Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza svoltosi proprio a San Benedetto. Il Sindaco ha ricordato che dal 21 giugno il Comune disporrà di 13 nuovi agenti di Polizia Municipale per l’estate con il compito di affrontare anche questo problema mentre Prefettura e Questura hanno deciso di intraprendere un’azione congiunta delle forze dell’ordine per servizi mirati in spiaggia.“Si farà anche un lavoro di prevenzione alle stazioni ferroviarie, sul lungomare e alle fermate degli autobus, abbiamo svolto un’azione informativa presso hotel e stabilimenti. Non è facile gestire certe situazioni – ha aggiunto – alcuni nostri agenti sono stati anche aggrediti”. L’ordine del giorno è stato respinto con 10 no, 5 sì, 1 astenuto (Calvaresi) e 1 non voto (Pezzuoli).


E’ morto il prof. Antonio Guastaferro, premio Truentum 2011

di  | in: Cronaca e Attualità

Prof. Antonio GuastaferroProf. Antonio Guastaferro

E' morto il prof. Antonio Guastaferro, premio Truentum 201113 giugno 2014 

Gaspari: “La Città perde una splendida figura di uomo di scuola che ha operato con lungimiranza, passione e attenzione per le giovani generazioni” 

 

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ scomparso all’età di 89 anni il prof. Antonio Guastaferro, fondatore e preside per oltre trent’anni dell’Istituto Professionale di Stato per l’Industria e l’Artigianato, premio Truentum 2011.

 

Antonio Guastaferro era nato a Terzigno, in provincia di Napoli, il 6 novembre 1924. Laureato in Scienze Economico – Marittime a Napoli, iniziò la sua attività nelle scuole nel 1942 e nel 1948 arrivò nel Piceno insegnando presso la Scuola di Avviamento Industriale “G. Sacconi” di Ascoli Piceno. Quindi fu ispettore del lavoro, direttore della scuola di avviamento industriale di Recanati, direttore della scuola di Avviamento Industriale e Marinaro di San Benedetto del Tronto. Dal 1961, anno della fondazione della scuola, al 1992 fu preside dell’Istituto Professionale di Stato per l’Industria e l’Artigianato. In oltre 30 anni di guida di Guastaferro, l’IPSIA è cresciuto enormemente per importanza, numero iscritti, qualità della formazione. Gli allievi usciti dall’IPSIA “di Guastaferro” operano in Italia e nel mondo (basti pensare ai tecnici della motoristica e meccanica navale). Non va dimenticata l’istituzione del convitto annesso all’IPSIA grazie al quale la scuola ha avuto la possibilità di accogliere tanti giovani provenienti da ogni regione d’Italia e dall’estero. Il prof. Guastaferro è stato anche consigliere comunale in occasione delle elezioni del 1970.

 

Appresa la notizia, il sindaco Giovanni Gaspari ha così voluto ricordare Guastaferro: “Con la scomparsa del prof. Antonio Guastaferro la Città perde una splendida figura di uomo di scuola che ha posto le basi e diretto per oltre trent’anni l’IPSIA aiutando moltissimi giovani a trovare la propria realizzazione. Il premio Truentum ha rappresentato l’affetto, la riconoscenza e la gratitudine della comunità sambenedettese per la dedizione, l’impegno e il lavoro di una persona che, pur non essendo sambenedettese di nascita, ha amato la città e contribuito allo sviluppo della nostra collettività”.

 

“Personalmente – prosegue Gaspari – mi rimane il ricordo di quella cerimonia in cui Guastaferro si disse sbalordito della notizia del conferimento del premio. Ma aggiunse scherzando: ‘pensavo di riceverlo molto prima, al termine dei 50 anni di onorato servizio nella scuola’. Era orgoglioso di averlo ricevuto dichiarando di sentirsi veramente un cittadino sambenedettese. Un affettuoso pensiero va in questo momento alla famiglia”.

 

© 2014, Redazione. All rights reserved.


Sostieni www.ilmascalzone.it
La lettura delle notizie è gratuita ma i contributi sono graditi. Se ci credi utili sostienici con un contributo a tua scelta intestato a Press Too Srl
IBAN: IT07L0847424400000000004582
Banca del Piceno Credito Cooperativo – Filiale San Benedetto del Tronto 2




13 Giugno 2014 alle 14:37 | Scrivi all'autore | | |
Tags:

Argomenti Frequenti


Archivio


My Web TV Marche

• Coronavirus Marche: aggiornamento
• Ritorno al futuro
• dalla Regione Marche


Social

Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On YoutubeVisit Us On Instagram
Ricerca personalizzata