Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 10:33 di Ven 5 Giu 2020

Torna Popsophia alla Rocca Costanza di Pesaro

di | in: Primo Piano, Speciali

Popsophia

image_pdfimage_print

Rocca Costanza Scena Aperta

Filosofi, artisti e giornalisti si confrontano sulla “Nostalgia del presente”

 

PESARO – Pesaro si conferma la città della pop filosofia in Italia. Dopo il successo dello scorso anno, la stupenda Rocca Costanza ospita, dal 2 al 6 luglio, nel cortile interno e nei sotterranei, la IV edizione di “Popsophia”, filosofia del contemporaneo, sul tema “Nostalgia del presente”, dal titolo di una poesia di Borges.
Attraverso la voce di filosofi, artisti e giornalisti, la città diventa un laboratorio creativo della cultura contemporanea, tra mostre, spettacoli, dibattiti e performance, dove la filosofia si contamina con le forme del pop della musica, del cinema, della fiction, dello sport, della televisione, dei social media.
L’evento, ad ingresso libero, propone 13 rassegne, 65 appuntamenti, 12 concerti, 8 mostre e ben 90 ospiti, tra cui i maggiori protagonisti del pensiero critico: Remo Bodei, Umberto Curi, Laurent de Sutter, Massimo Donà, Roberto Esposito, Diego Fusaro, Enrico Ghezzi, Giulio Giorello, Sergio Givone, Giacomo Marramao, Luca Mastrantonio, Salvatore Natoli, Paolo Pagliaro, Massimo Recalcati, Simone Regazzoni, Peter Szendy, Nicla Vassallo.
LA SFIDA CULTURALE
“Quest’anno – evidenzia l’ideatrice di Popsophia e direttore artistico Lucrezia Ercoli –
abbiamo tolto dal sottotitolo la parola festival. Oggi basta aprire le pagine culturali dei
giornali per trovare una miriade di festival che usano una parola chiave per far ruotare
intorno ad essa il programma, invitando sempre gli stessi personaggi che presentano i loro
libri. Il nostro è invece un tentativo di fare filosofia del contemporaneo, un modo di pensare
il nostro tempo Abbiamo stimolato gli ospiti a parlare di un tema, in questo caso ‘Nostalgia
del presente’. La stessa immagine di copertina del programma, che deriva dall’opera d’arte
‘Il viandante sul mare di nebbia’ di Caspar David Friedrich del 1811, vuole essere da
stimolo per capire cos’è oggi la nostalgia, profondamente cambiata rispetto a quella
dell’800 ma diversa anche nelle culture dei vari paesi. Un tema così complesso verrà
declinato nelle sue tante forme”.
LE RASSEGNE
Il programma, originale e dissacrante, accompagna ogni giorno il pubblico dalle 17 a dopo
la mezzanotte, con appuntamenti in contemporanea nel cortile e nei sotterranei della Rocca.
Alle 18.30 la rassegna “Diatribe” vede coppie di filosofi dai punti di vista eterogenei
sfidarsi sulla “Nostalgia del presente”, in un’accesa agorà intellettuale. Alle 19 e alle 22, nei
sotterranei, è di casa “Popism”: la pop filosofia interroga la nostalgia della società di
massa, con spunti inediti su cinema, fotografia, tv e social network. Alle ore 20 è la volta di
inediti concerti jazz, accompagnati da citazioni su forme di nostalgia provenienti da cinque
paesi. “Il Punto” di Paolo Pagliaro, alle 21.30, offre spunti di indagine introducendo la
serata, mentre “PopSoirée” propone cinque spettacoli inediti che raccontano la nostalgia
del presente attraverso le canzonette, veri e propri tormentoni del mito contemporaneo. Un
viaggio tra le serie tv più amate dal pubblico è alle 22.30 con “Philofiction”, mentre alle
23, spazio alle visioni cinematografiche di “Fuori Orario”, per concludere, alle 23.30, con
le pillole video filosofiche di “Popcorto”. Altre rassegne vedono invece come protagonisti
bambini, ragazzi e studenti: da “In barba al filosofo” ad “AltLab”, da “Click! Istantanee
della nostalgia” a “Welcome to Sarajevo”, che vuole ricreare l’atmosfera di un autentico
“Caffè Sarajevo”, con immagini, suoni e riflessioni accompagnati dalle degustazioni di
“Cose di tè” di Elvira De Bellis
LE MOSTRE
Di grande rilievo anche le 8 esposizioni: “Memoria del presente” sui capolavori del
Novecento italiano, pensata dal critico Stefano Cecchetto per i Musei civici di Pesaro e
allestita da Popsophia e Pesaromusei (in mostra opere di Giacomo Balla, Alberto Burri,
Filippo De Pisis, Lucio Fontana, Renato Guttuso, Giorgio Moranti ed altri); “Tra storia e
memoria” a cura di Ludovico Pratesi in collaborazione con la Fondazione Pescheria con
opere video di 6 artisti nei sotterranei della rocca (; “Tunnel della memoria” a cura di
Macula sulla Pesaro nuova e antica, con i visitatori che diventano protagonisti
dell’installazione grazie ad autoritratti – luoghi (progetto di Francesco Lampredi); “Grani
di sabbia” a cura di Centrale Fotografia (opere di artisti africani frutto di un laboratorio di
Carlo Cecconi in Kenya); “Ecco, è ora… illustrazioni, fumetti, animazioni” a cura del
liceo artistico Scuola del libro di Urbino; “Click!” dell’Ufficio scolastico provinciale,
curata dalla fotografa Giorgia Biancini (dalla collaborazione tra Popsophia e scuole); “Le
rovine circolari” a cura dell’Accademia di Belle Arti di Macerata, video installazione
liberamente tratta dall’omonimo racconto di Borges.
L’intero programma è sulla pagina Facebook di Popsophia e sul sito www.popsophia.it

ROCCA COSTANZA SCENA APERTA

ROCCA COSTANZA SCENA APERTA

 


Rocca Costanza Scena Aperta rappresenta la prima occasione organica di attività in uno dei luoghi più suggestivi e amati della città di Pesaro, Rocca Costanza. La sfida della manifestazione – che vive dal 2 luglio al 19 agosto, su iniziativa del Comune di Pesaro in collaborazione con AMAT e grazie allo sforzo congiunto di numerose realtà del territorio che operano a livello culturale, Ente Concerti, Oasi delle mamme, Orchestra Sinfonica G. Rossini e Popsophia – è quella di offrire alla città e ai suoi abitanti un luogo “aperto”, accogliente e di grande fascino in cui soddisfare le proprie curiosità. Per i bambini non mancheranno le proposte di teatro e laboratori a loro dedicati, gli appassionati di teatro e danza potranno gustare spettacoli di grande spessore, per gli amanti della musica nelle sue diverse declinazioni un’offerta di concerti da non perdere, gli appassionati di pop filosofia e tutti coloro per i quali la proposta culturale rappresenta un’opportunità unica e irrinunciabile troveranno in Rocca Costanza Scena Aperta un’occasione di assoluto valore.

Costruita da Costanzo Sforza fra il 1474 e il 1483, Rocca Costanza costituisce la più importante opera di fortificazione di Pesaro. Il progetto è iniziato dall’ingegnere Giorgio Marchesi da Settignano e affidato dopo pochi mesi ad altri, forse a Luciano Laurana. Dopo la sua morte i lavori proseguono sotto la guida di Cherubino da Milano, anche se rallentati per la peste che imperversa a Pesaro. Il 28 ottobre 1500 Cesare Borgia occupa la città, destituisce Giovanni, figlio naturale di Costanzo e fa confluire nel fossato della rocca l’acqua dell’Adriatico, forse su consiglio di Leonardo da Vinci, suo ingegnere militare. Ristabilito il dominio sforzesco, nel 1503 Giovanni completa l’opera del fossato iniziata dal Borgia. Morto Giovanni nel 1510, la rocca viene ceduta nel 1513 dal fratello Galeazzo a Francesco Maria I Della Rovere, già duca di Urbino e nuovo signore di Pesaro. L’edificio subisce un ulteriore restauro nel 1657 dopo la devoluzione del ducato alla Stato Pontificio. Trasformata in carcere nel 1864, la rocca è stata ‘liberata’ da questa funzione nel 1989.

Ad inaugurare Rocca Costanza Scena aperta è dal 2 al 6 luglio la IV edizione di Popsophia, filosofia del contemporaneo, sul tema “Nostalgia del presente”. Attraverso la voce di filosofi, artisti e giornalisti, la città diventa un laboratorio creativo della cultura contemporanea, tra mostre, spettacoli, dibattiti e performance, dove la filosofia si contamina con le forme del pop della musica, del cinema, della fiction, dello sport, della televisione, dei social media. L’evento propone 13 rassegne, 65 appuntamenti, 12 concerti, 8 mostre e ben 90 ospiti, tra cui i maggiori protagonisti del pensiero critico: Remo Bodei,Umberto Curi, Laurent de Sutter, Massimo Donà, Roberto Esposito, Diego Fusaro, EnricoGhezzi, Giulio Giorello, Sergio Givone, Giacomo Marramao, Luca Mastrantonio, Salvatore Natoli, Paolo Pagliaro, Massimo Recalcati, Simone Regazzoni, Peter Szendy, Nicla Vassallo.

Ai più piccini è dedicato Andar per fiabe, l’amato festival di teatro per bambini e famiglie organizzato in collaborazione con AMAT. Da venerdì 11 luglio e per i seguenti venerdì 18 e 25 luglio, PUK attende i piccoli spettatori dalle ore 17 per condurli nel magico e divertente mondo del teatro, con tre straordinari appuntamenti (Il sogno di tartaruga, Il gatto dagli stivali e In mezzo al mare), alcuni speciali laboratori dedicati a tutti i bambini dai 4 anni in su e la merenda con prodotti semplici e genuini, offerti da Confartigianato.

Mamme al centroè un evento in programma il 12 luglio interamente dedicato alle mamme e alle loro famiglie, caratterizzato da numerose attività: dibattiti, proiezioni video, merende, giochi, letture, didattica per bambini e un’ospite d’eccezione, Tata Adriana Cantisani, direttamente dal format tv S.o.s. Tata. Saranno inoltre presentati al pubblico tutti i servizi offerti dalla neonata associazione Oasi delle Mamme, promotrice dell’iniziativa.

Rocca Costanza Scena Aperta ospita due appuntamenti della rassegna regionale TAU Teatri Antichi Unitipromossa in collaborazione con Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Regione Marche, AMAT e Soprintendenza per i Beni Archeologici delle Marche. Il 16 luglio è in scena Ovidio amori e sabbia, un originale lavoro che, grazie alla maestria di Massimo Ottoni nel dar forma con la sabbia a infinite figure e alla recitazione di David Riondino, racconta il testo del poeta latino Le metamorfosi. Danza e parole dialogano il 27 luglio intorno alle figure mitiche di Carmen, Medea e Cassandra nell’omonimo spettacolo affidato all’interpretazione coreografica di Rossella Brescia e alla recitazione di Vanessa Gravina.

Tre i Concerti diXanitalia. Sinfonica 3.0 promossi dall’Orchestra Sinfonica G. Rossini e dedicati alla musica nelle sue diverse espressioni. Primo appuntamento il 17 luglio con Pink Floyd, la storia, la leggenda a cura di DNA Pink Floyd Tribute Band, a seguire il 21 luglio è la volta di Carmina Burana e a conclusione del trittico il 24 luglio protagoniste sono le musiche di Beethoven e Saint-Saëns con Luca Bacelli al violoncello e Masismo Quarta alla direzione.

Un’esclusiva serata di rock d’autore attende il pubblico il 6 agosto con il concerto – promosso in collaborazione con AMAT – che vedrà esibirsi in esclusiva regionale Massimo Volume e Gianmarco Dottori insieme ai pesaresi Montezuma. I Massimo Volume hanno marchiato a fuoco il rock alternativo italiano fino al loro ultimo lavoro discografico Aspettando i barbari, un disco compatto e coinvolgente calato con forza nell’ambiguità del presente. Cantautore stralunato, talento poliedrico emergente conosciuto grazie alla trasmissione The Voice Of Italy – dove è stato scelto da Noemi, raggiungendo la fase finale del programma – Rocca Costanza Scena Aperta accoglie Gianmarco Dottori; a chiudere la terna di artisti il gruppo Montezuma con i suoi brani preziosi, caratterizzati da strutture complesse e melodie post rock.

Interessante e ricco il programma di lnterludio 2014 a cura dell’Ente Concerti. La splendida sede di Rocca Costanza ospita appassionanti concerti serali (10, 16 e 19 agosto, alle ore 21) e in collaborazione con il Rossini Opera Festival, la Fondazione Rossini e l’Accademia Musicale Napoletana, propone (12, 13 e 14 agosto alle ore l9) l’esecuzione integrale della sesta sessione dei Péchés de Vieillesse eseguita dal maestro Alessandro Marangoni accompagnato dai solisti dell’Accademia Rossiniana della 35° edizione del Rossini Opera Festival.

COMUNE DI PESARO

Assessorato alla Bellezza

AMAT

in collaborazione con

ENTE CONCERTI | OASI DELLE MAMME | ORCHESTRA SINFONICA G. ROSSINI | POPSOPHIA

ROCCA COSTANZA

Scena Aperta

2 luglio | 19 agosto 2014

conferenza stampa

PESARO

24 giugno 2014

PROGRAMMA

DAL 2 AL 6 LUGLIO DALLE ORE 17

POPSOPHIA / FILOSOFIA DEL CONTEMPORANEO

nostalgia del presente

PROGRAMMA 2014

© 2014, Redazione. All rights reserved.


Sostieni www.ilmascalzone.it
La lettura delle notizie è gratuita ma i contributi sono graditi. Se ci credi utili sostienici con un contributo a tua scelta intestato a Press Too Srl
IBAN: IT07L0847424400000000004582
Banca del Piceno Credito Cooperativo – Filiale San Benedetto del Tronto 2




30 Giugno 2014 alle 15:43 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


My Web TV Marche

• Coronavirus Marche: aggiornamento
• Ritorno al futuro
• dalla Regione Marche


Social

Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On YoutubeVisit Us On Instagram
Ricerca personalizzata