Bergonzoni, Augé, Virzi, Bauman, De Kerckhove, grandi ospiti per la seconda edizione di Futura Festival

Bergonzoni, Augé, Virzi, Bauman, De Kerckhove, grandi ospiti per la seconda edizione di Futura Festival

Civitanova 24/07/2014 – Taglio del nastro per la seconda edizione di Futura, il festival di Civitanova Marche (Macerata), in programma da domani 25 luglio al 3 agosto.
Oltre cento gli ospiti, invitati dalla direzione artistica di Gino Troli ad intervenire con dibattiti, lectio, concerti. Dieci giornate intense che fanno di Civitanova Marche una vera e propria officina dell’avvenire.

Molti i nomi di spicco che si alternano in Piazza della Libertà: il 25 luglio alle ore 21 c’è il genio anarchico di Alessandro Bergonzoni; domenica 27 sempre alle 21 è il turno del regista Paolo Virzì con sua moglie l’attrice Micaela Ramazzotti. Il 30 doppio appuntamento: alle 21 il sociologo belga Derrick De Kerckhove si interroga sui possibili effetti negativi della rete; alle 23 l’etnologo francese Marc Augé riflette sui giovani e Flaubert. Il 31 George Ritzer porta a Civitanova la propria affascinante indagine sul “sistema McDonald’s” mentre il 1 agosto Zygmunt Bauman propone un importante e personale decalogo per il futuro.
A conclusione dei dieci giorni di approfondimento e riflessione, il concerto dell’ eclettica Bandabardò il 3 agosto in Piazza XX settembre.

Un menù ricco e variegato, che si compone di ben dieci differenti sezioni, raddoppiando quelle dell’edizione precedente: Alla ricerca del tempo perduto/L’educazione sentimentale; Guerra e Pace, La buona terra/I nutrimenti terrestri; Le città invisibili/Il pianeta irritabile; Les mots et les choses; L’uomo in rivolta; Padri e figli/I vecchi e i giovani; Radici; The soft machine; Vaghe stelle dell’orsa.

Futura Festival domani al via con Alessandro Bergonzoni

 

Si apre il sipario su Futura 2015. La seconda edizione del festival si appresta ad animare Civitanova Alta senza interruzione fino al 3 agosto con oltre 100 ospiti e altrettanti incontri e dibattiti sul tema della rivisitazione dei classici, della scienza e della letteratura. Il primo week end si apre all’insegna del linguaggio con un ospite di punta come Alessandro Bergonzoni, chirurgo della parola che assieme al linguista Massimo Arcangeli dialoga proprio sulle nuove frontiere della lingua.
Ma il festival si apre ufficialmente nel pomeriggio. Dopo la cerimonia inaugurale al Teatro Annibal Caro di giovedì 24, è previsto per venerdì 25 il primo evento ufficiale, precisamente alle 17 presso il chiostro Sant’Agostino con il saluto delle autorità e l’aperitivo di benvenuto. Si prosegue poi alle 17.30 nel cortile dell’ex liceo dove viene aperta la sezione scientifica del Festival con l’appuntamento realizzato in collaborazione con “Festa di Scienza e Filosofia” di Foligno, Giardino della Scienza, INAF e SOFOS Bologna, Universita degli studi di Camerino: Cortile della Scienza – Planetario e area giochi fisici e matematici.
Alle 18, sempre nel cortile, è la volta di Vaghe stelle dell’Orsa, con “Dov’è il sole di notte?”, incontro in cui conversano il filosofo Roberto Casati e il fisico Eugenio Coccia su temi di astronomia; alle 18.30 invece laboratori di fisica e chimica per grandi e piccini.?È poi il turno della sezione Padri e figli/I vecchi e i giovani alle 19 presso il chiostro Sant’Agostino dove si discute di Due lezioni giornalistiche per il futuro, due libri recenti: “Oriana. Una donna” e “Tutte le speranze. Montanelli raccontato da chi non c’era”. Ne parlano gli autori Cristina De Stefano e Paolo Di Paolo. Gli spaccanumeri, esilaranti laboratori di matematica per tutti, vi aspettano nel cortile dell’ex liceo alle ore 21.00.?Alla stessa ora in piazza della Libertà Alessandro Bergonzoni dialoga sul palcoscenico in “Frontiere del linguaggio. Linguaggio di frontiera”, con la partecipazione di Massimo Arcangeli. Spirito anarchico, i suoi spettacoli sono incentrati nell’assurdo comico, nel rifiuto del reale come riferimento artistico e nella capacità di giocare con il linguaggio. Uomo poliedrico ed originale, Bergonzoni è scrittore, autore e attore di teatro, maestro nel creare e ricreare situazioni comiche surreali o paradossali.?Alle 21.30 presso il cortile ex liceo nuovo appuntamento con i laboratori di fisica e chimica per grandi e piccini, mentre alle 22.00 il Caffè scientifico con ”Matematica tra fornelli e lavelli”.
Attraverso Vaghe stelle dell’Orsa si raggiunge la lectio di Eugenio Coccia dal titolo“Questo grandissimo libro che continuamente ci sta aperto innanzi a gli occhi (io dico l’Universo)”, alle ore 23.00 presso il Teatro Annibal Caro.?Infine nel giardino della Pinacoteca alle 23.30 il laboratorio delle stelle, osservazione del cielo con il telescopio ed esperienze di ottica e spettri stellari, conclude questa prima giornata del festival dell’intelligenza e del pensare.
Per ulteriori informazioni visita il sito www.futurafestival.it o scarica l’applicazione per smartphone. 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com