da Giulianova

da Giulianova

Arriva la TARI:

deciso dalla Giunta il pagamento in tre rate. L’assessore Verdecchia: “Lo abbiamo deciso per dare più respiro ai contribuenti e per evitare l’ingolfamento con gli altri tributi dovuti”.

Arriva anche a Giulianova la TARI, cioè la tassa istituita dalla legge n. 147 del 27 dicembre 2013 destinata a finanziare integralmente i costi del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti a carico dell’utilizzatore.

Il presupposto della TARI è il possesso o la detenzione, a qualsiasi titolo, di locali o di aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani. Sono escluse dalla TARI le aree scoperte pertinenziali o accessorie a locali tassabili, non operative, e le aree comuni condominiali di cui all’articolo 1117 del codice civile che non siano detenute o occupate in via esclusiva.

La Giunta ha deciso si suddividere il pagamento della TARI in tre rate: due di acconto, ognuna pari al 35%, e l’ultima di saldo. La prima rata dovrà essere pagata il 15 settembre prossimo, la seconda il 17 novembre e l’ultima il 31 gennaio 2015.

Abbiamo deciso di differire al 31 gennaio del prossimo anno il saldo della TARI. E ciò – dichiara l’assessore al Bilancio Katia Verdecchiasia per dare respiro ai contribuenti, attraverso appunto la divisione in tre rate, e sia per evitare l’ingolfamento con gli altri tributi dovuti. Va infatti ricordato che la prima rata della TASI, la Tassa sui Servizi Indivisibili che sostituisce l’IMU sulla prima casa, scadrà il 16 ottobre, mentre il pagamento della seconda rata è fissato per il 16 dicembre, in coincidenza con il pagamento dell’IMU sulle seconde case. Rimangono ancora da definire, ma lo faremo di qui a breve portandole all’attenzione del Consiglio comunale – continua l’assessore Verdecchia – le tariffe da applicare. E’ appena il caso di ricordare che avevamo confermato per l’anno scorso l’applicazione della TARSU proprio per evitare aumenti consistenti delle tariffe”.

Il SUAP si rinnova.

Non più domande cartacee ma esclusivamente on-line.

Aria nuova per il SUAP, lo Sportello Unico per le Attività Produttive attivato nel 2010. Tutte le domande, le dichiarazioni, le segnalazioni e le comunicazioni concernenti le attività produttive di beni e servizi, rientranti nel campo di applicazione del SUAP, dovranno essere presentate esclusivamente per via telematica mediante una procedura guidata che facilita l’utente. Pertanto non saranno più accettati documenti cartacei.

Il SUAP – dichiarano il sindaco Francesco Mastromauro e l’assessore al Commercio Pierangelo Guidobaldi –venne ideato per consentire alle imprese di pervenire alla definizione delle singole richieste degli operatori economici in termini pratici, precisi e rapidi. Uno strumento, insomma, a supporto delle aziende per ridurre drasticamente i termini di istruttoria delle pratiche di insediamento, potenziamento o ammodernamento da parte delle amministrazioni competenti, di fatto quasi annullando gli effetti deleteri della burocrazia statale. Coerentemente all’azione di riforma della Pubblica amministrazione basata sul processo di dematerializzazione dei documenti, cioè alla definitiva eliminazione delle carta, ci siamo quindi attivati per sostituire i supporti tradizionali della documentazione amministrativa favorendo il documento informatico”.

Al SUAP devono quindi fare riferimento tutte le imprese, individuali o collettive, iscritte alla Camera di Commercio e, in caso di edilizia produttiva, i privati proprietari di immobili adibiti ad impianti ed attività produttive, nonché le Agenzie per le imprese. Il SUAP assicura la gestione del procedimento unico; la presentazione e gestione telematica della pratica; l’inoltro telematico della documentazione alle altre amministrazioni che intervengono nel procedimento; l’assistenza e l’orientamento alle imprese ed all’utenza in genere; la diffusione e la migliore conoscenza delle opportunità e potenzialità esistenti per lo sviluppo economico del territorio.

Per accedere al SUAP è necessario accedere al sito istituzionale del Comune (www.comune.giulianova.te.it). Una volta selezionato “Sportello Unico” o “Servizi”, si raggiungono le sezioni “Area Riservata” per accedere alla registrazione ed ai servizi on-line messi a disposizione dello sportello telematico, e “Informazioni e Modulistica” per avere informazioni su procedimenti, leggi, normative, adempimenti, modelli ed allegati da presentare. Per accedere al servizio ed inoltrare la pratica on-line è necessario disporre di una casella di Posta Elettronica Certificata e di kit di firma digitale.

La sezione INFO fornisce informazioni di carattere generale.

La sezione SERVIZI fornisce la documentazione operativa sull’attivazione dei procedimenti, i servizi di presentazione domanda on-line e visura stato avanzamento pratica.

Al SUAP possono essere presentati: avvio nuove attività; cessazione/sospensione dell’attività ripresa dell’attività; subingressi in attività esistenti; modifica soggetto titolare dei requisiti modifica mezzi di trasporto; modifica locali/impianti; modifica aspetti merceologici; modifica caratteristiche unità turistico ricettive; modifica sede operativa/legale; modifica forma societaria; modifica ragione sociale; richiesta parere preventivo su progetti preliminari di pianificazione paesistica, territoriale e urbanistica; richiesta d’indizione di una Conferenza di Servizi preistruttoria e collaudo.

Responsabile del SUAP è il Dirigente della III Area, Avv. Andrea Sisino. PEC: protocollogenerale@comunedigiulianova.it. Tel. 085-80.21.263; fax: 085-80.21.245.

Bivacchi e degrado in zona stazione.

Il sindaco mobilita FS, Polfer, Giulianova Patrimonio e Polizia Municipale. “Intervenire subito e quotidianamente. Suk intollerabile”.

Il sindaco Francesco Mastromauro ha chiesto un intervento urgente di pulizia, bonifica e ripristino del decoro del sottopassaggio tra Via Messina e lo scalo ferroviario inviando una precisa richiesta a Luciano Frittelli, direttore territoriale produzione di RFI Ancona, Gruppo Ferrovie dello Stato.

Quel sottopassaggio, come noto, è di proprietà delle FS, ed è quindi giusto – dichiara il sindaco – che provvedano loro, con interventi non ‘una tantum’ ma quotidiani, a rimuovere i rifiuti che ogni giorno abbandonano i senza tetto che ne hanno fatto la loro dimora. Ormai la situazione è intollerabile, ed anche pericolosa sotto il profilo igienico-sanitario a causa degli escrementi e di ogni lordura presente. Quel luogo è diventato una vergogna per la città; ormai è un vero e proprio suk, peraltro frequentato da persone poco raccomandabili. Adesso bisogna riprenderselo, perché a me pare che sia diventata una sorta di zona franca”.

Analoghe richieste il sindaco ha inviato alla Polizia Ferroviaria interessando sia il responsabile del locale Posto Polfer, sostituto commissario Patrizia Corvaglia, sia il dirigente compartimentale di Ancona. “Sono consapevole che il personale del posto di polizia, ridotto all’osso, deve fare davvero i salti mortali. Ma c’è una necessità impellente di intervento. Lo Stato non può arretrare nemmeno di un centimetro, perché altrimenti la stazione e le sue adiacenze sarebbero, come detto, una terra di nessuno. I cittadini hanno il sacrosanto diritto di essere tutelati, di muoversi senza guardarsi le spalle o dover subire le insistenze, ai limiti dell’aggressione, da parte dei mendicanti, o presunti tali”.

La terza sollecitazione del sindaco è per la Polizia Municipale e per la “Giulianova Patrimonio”.

Al comandante della Polizia municipale Roberto Iustini– specifica Mastromauro – ho chiesto di intervenire con il massimo vigore. Le mie ordinanze antibivacco, ed in particolare quella da me firmato nel marzo 2013 con specifico riferimento a piazza Roma ed alle altre aree vicine alla stazione, debbono essere fatte rispettare, senza se e senza ma. Anche in questo caso so di chiedere molto ad un personale sotto organico e impegnato su più fronti: ma è necessario che i servizi siano quotidiani. Non possiamo permetterci di abbassare la guardia. All’assessore Fabio Ruffini e al presidente della Giulianova Patrimonio Filippo Di Giambattista ho poi chiesto un’azione massiva contro il degrado e anche in questo caso quotidiana. Ho chiesto interventi mirati di pulizia del sottopasso di via Messina, in affiancamento agli operatori delle FS o in loro sostituzione qualora le FS non provvederanno, per assicurare le condizioni di decoro ed igienico-sanitarie. Analogo intervento dovrà poi essere effettuato anche nel sottopasso di via Nazario Sauro. Insomma – conclude il sindaco – qui si sta giocando una partita importante sotto il profilo igienico-sanitario, del decoro e della sicurezza pubblica. Ed è una partita che si deve assolutamente vincere, perché la città è stanca ed i turisti vanno accolti degnamente”.

il sindaco e Frittelli delle FS
il sindaco e Frittelli delle FS

Conferenza stampa il 29 luglio all’Ente Porto sull’avvio del progetto di raccolta dei rifiuti in mare e del relativo recupero e riciclo

Il prossimo 29 luglio, alle ore 11, si terrà nella sede dell’Ente Porto una conferenza stampa, organizzata dall’assessore alle Politiche per l’Ambiente e al Demanio Fabio Ruffini, in cui si illustrerà l’avvio del progetto di raccolta dei rifiuti in mare e del relativo recupero e riciclo. Alla conferenza stampa parteciperanno il presidente dell’Ente Porto Paolo Vasanella, il comandante dell’Ufficio circondariale marittimo Sandro Pezzuto, l’assessore regionale delle Politiche della pesca Dino Pepe, nonché il presidente del COGEVO Giovanni Di Mattia.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com