Primarie dei lettori forti, primi passi per Futura 2015

Primarie dei lettori forti, primi passi per Futura 2015


Gli ospiti della prossima edizione scelti dal pubblico. E domani nella Marche arriva Zygmunt Bauman

Civitanova 31/07/2014 – Futura si prepara ad ospitare domani il sociologo polacco Zygmunt Bauman e, in contemporanea lancia un’originale iniziativa per il 2015.
Il critico Filippo La Porta, tra i coordinatori del Festival di Civitanova Marche (provincia di Macerata) diretto da Gino Troli, promuove le primarie di così detti lettori forti: amanti della letteratura che tramite voto indicano le proprie preferenze sugli ospiti da invitare ai festival o ai premi letterari. Un modo per aumentare la partecipazione reale dei lettori, conformemente alla costante e continua richiesta di maggior partecipazione da parte della cittadinanza, come confermato dal successo dei social media, del crowfunding ecc.
Grazie a Futura Festival, l’idea di Filippo La Porta è adesso realtà: fino al 3 agosto infatti chiunque dichiari di leggere almeno 12 libri l’anno può partecipare recandosi nelle librerie civitanovesi aderenti all’iniziativa e indicando da uno a tre dei suoi scrittori preferiti. Per votare è necessario mostrare un documento e indicare i tre autori, italiani o stranieri, che si vorrebbe invitare a Futura 2015. Per rendere la votazione anche un momento di valutazione qualitativa, il “lettore forte” è tenuto a citare di ogni autore un’opera specifica e ad aggiungere un proprio aggettivo di apprezzamento.  Nel pieno rispetto della trasparenza, i risultati saranno divulgati domenica 3 agosto, ultimo giorno di Festival, e saranno pubblicati sul sito www.futurafestival.it Un esperimento che suscita interesse e che può creare un serio precedente per ogni festival o rassegna interessato a favorire la partecipazione popolare, non solo in termini quantitativi ma anche qualitativi.
Nel mentre, la seconda edizione di Futura non si ferma nonostante il maltempo e venerdì 1 agosto è il momento di Zygmunt Bauman, uno dei più grandi sociologi contemporanei. Polacco di origine, ma trapiantato a Leeds dov’è professore emerito di Sociologia, è considerato uno dei teorici più eminenti al mondo su temi come la modernità, l’olocausto e il consumismo in età postmoderna. Alle ore 21 in Piazza della Libertà a Civitanova Alta la sua lectio “Dieci regole per scrivere il futuro”.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com