Silvia Calderoni, “Voce di un corpo. Diario privato di una performer” al Dep Art

 

GROTTAMMARE, 2014-10-25 – Nell’ambito della rassegna “No man’s Island” curata da Nessunteatro e della XX Stagione Blow Up “La conquista dell’inutile”, oggi la performer Silvia Calderoni è stata protagonista al Dep Art dell’evento “Voce di un corpo, diario privato di una performer” e  di un live dj set. L’incontro è stato coordinato dalla giornalista e critica teatrale Emanuela Sabbatini.

FotoCronaca

© www.ilmascalzone.it

nb: per immagini ad alta definizione scrivere a redazione@ilmascalzone.it

 

 

Silvia Calderoni al Dep Art

Silvia Calderoni al Dep Art

 




Cupra Marittima in piedi per la pace

Cupra Marittima – Era numeroso e motivato il gruppo partito domenica 19 ottobre da Cupra Marittima, e diretto a Perugia per partecipare alla “Marcia della Pace Perugia – Assisi”, a cui (secondo i dati ufficiali) hanno preso parte circa centomila persone, 525 città di tutte le regioni italiane, 115 scuole, 275 enti locali e 478 associazioni.NLa manifestazione è stata aperta da una gigantesca bandiera con i colori dell’iride della pace. Il tema scelto per quest’anno è stato “Cento anni di guerre bastano”, dato che proprio quest’anno ricorrono i cento anni dallo scoppio della prima guerra mondiale.

Lungo i 24 chilometri che vanno da Perugia ad Assisi, si sono ritrovate persone giovani e meno giovani, diverse tra loro per convinzioni religiose, culturali, politiche, ma accomunate dal rifiuto della logica del terrorismo, della guerra, dell’esclusione sociale e del razzismo.

Il gruppo di Cupra Marittima, era capitanato da Don Matteo della Parrocchia “San Basso”, e dagli Assessori del Comune di Cupra Marittima Luca Vagnoni e Annamaria Cerolini, e dalla consigliere comunale e catechista Giovanna Verdecchia.

E’ stata proprio questa sinergia tra Comune e Parrocchia, a far sì che si organizzasse anche un pullman che partisse da Cupra.

L’organizzazione tecnica è stata curata dall’agenzia “Pertur Viaggi” di Cupra Marittima.

Il gruppo era composto anche da persone dei paesi limitrofi, Grottammare, Ascoli Piceno, Campofilone.

Lo slogan scelto per lo striscione realizzato per Cupra, da alcuni ragazzi e ragazze cuprensi della Consulta Giovanile “Francesco Brutti” di Cupra Marittima, è stato “Cupra Marittima, in piedi per la pace”.

Stanchi, ma felici, i componenti del gruppo hanno concluso la giornata di marcia con una piccola messa celebrata da Don Matteo, ad Assisi, presso un istituto di suore clarisse.

Al ritorno da Assisi, Don Matteo ha voluto omaggiare i partecipanti, donando loro un libricino contenente il testo de “Il messaggio per la Pace” di Papa Francesco.

Ricordiamo che l’Amministrazione Comunale che ha organizzato la partecipazione alla Marcia della Pace ha anche approvato una delibera di Consiglio Comunale con cui si chiede all’ONU di riconoscere la Pace come diritto umano fondamentale.




Le Marche un Teatro da diecimila posti

 

Nasce nelle Marche la

 

RETE LIRICA REGIONALE

 

 

Ancona, 2014-10-25 Con la firma del protocollo d’intesa si ècostituita, sabato 25 ottobre, alla presenza dell’Assessore alla Cultura della Regione Marche, Pietro Marcolini, la Rete Lirica delle Marche. Un sistema regionale a sostegno dei Teatri di Lirica Ordinaria, composta in prima istanza dai teatri di Ascoli, Fano, Fermo e dalla FORM, supportata ed agevolata dal Teatro di Tradizione di Macerata e dal Rossini Opera Festival.

Primi firmatari i Sindaci dei Comuni di Ascoli Piceno, Guido Castelli, di Fano, Massimo Seri, di Fermo, Nella Brambatti, di Macerata, Romano Carancini (anche in qualitàdi Presidente dell’Associazione Arena Sferisterio), il Presidente della Fondazione Orchestra Regionale delle Marche, Renato Pasqualetti, il Sovrintendente della Fondazione Rossini Opera Festival, Gianfranco Mariotti, la Presidente della Fondazione Teatro della Fortuna di Fano, Catia Amati e quello del Consorzio Marche Spettacolo, Carlo Maria Pesaresi.

La Rete rappresenta il primo caso italiano di sistema tra teatri che svolgono attivitàdi lirica ordinaria ed èun virtuoso esempio di collaborazione tra questi ed i Teatri di Tradizione (Macerata) i Festival (ROF), e l’ICO (FORM)

Il progetto ènaturalmente aperto a tutti i teatri marchigiani che, nel rispetto dei requisiti ministeriali e degli odierni accordi, intendano aderirvi anche in un momento successivo. Il suo avvio èoggi un punto di partenza concreto, strategico e realizzato su punti chiari e precisi e non una mera dichiarazione d’intenti. Èil risultato di un lungo lavoro propositivo e di mediazione tra soggetti diversi, teatri, fondazioni, enti sinfonici e Comuni di cui si èfatto carico il Consorzio Marche Spettacolo.

Obiettivo dei sottoscrittori èfavorire quanto piùpossibile la produzione lirica da parte dei teatri marchigiani e l’utilizzo delle masse artistiche e delle maestranze tecniche regionali anche al fine di ridistribuire reddito sul territorio dando ulteriore significato, in un momento cosìdifficile di crisi economica, agli importanti investimenti che gli Enti marchigiani dedicano al settore. Per realizzare al meglio questo obiettivo ènecessario un sistema che favorisca la compatibilitàeconomica delle attivitàliriche con le risorse disponibili, valorizzi le coproduzioni e la circuitazione, mantenendo alta la qualitàdelle produzioni e consenta il rispetto dei parametri ministeriali.

La Rete dei Teatri di Lirica Ordinaria (TLO), prevede una fase sperimentale di prima attuazione della durata di tre anni. Nel concreto, i TLO si impegnano a favorire l’attuazione della Rete per realizzare, nel triennio 2015-2017, le seguenti attivitàdi circuito, definendo impegni e compiti di ciascuno in base alle singole necessità, competenze, specificità, interessi e disponibilitàdi bilancio:

a)    coproduzione per il 2015-2017 di due titoli d’opera nel periodo gennaio-marzo di ogni anno, ospitando almeno 1 anteprima e 1 recita per ciascun titolo d’opera;

b)    eventuale coproduzione di un titolo d’opera nel periodo ottobre-dicembre, volto ad ampliare la rete verso le regioni limitrofe, in particolare Abruzzo e Umbria;

c)    eventuale ospitalitàdi produzioni estive provenienti dal Teatro di Tradizione anche riadattate in forma semiscenica o di concerto.

La Rete, infine, individua nella FORM (Istituzione Concertistica Orchestrale istituita dalla Regione e riconosciuta dallo Stato) la naturale orchestra di riferimento del circuito marchigiano pur tenendo presente che nella Regione operano organici artistici qualificati e radicati in precisi contesti territoriali da coinvolgere nella Rete.




Nasce Fotoclub Ascoli Piceno

 

Ascoli Piceno, 2014-10-25 – Dalla passione di fotoamatori nasce Fotoclub Ascoli Piceno con lo scopo di organizzare iniziative ben strutturare e far crescere un gruppo di persone talentuose del nostro territorio.

L’esigenza nasce dalla volontà di Paolo Luzi, Marco Canali e Luciano Verzola che all’interno dell’associazione CISI – Centro per l’integrazione interculturale, organizzeranno, con chi vorrà unirsi, corsi ed iniziative al fine di veder crescere la loro passione insieme al territorio piceno.

La prima iniziativa sarà un corso base di fotografia che avrà inizio nel mese di novembre e che vedrà Alessandro D’Angelo impegnato a spiegare le tecniche di base dell’utilizzo della macchina fotografica. Successivamente sono previsti sia corsi avanzati che workshop tematici.

Mostre fotografiche ed altri appuntamenti saranno programmati durante quella che si preannuncia come un iniziativa interessante ed aperta a tutti.

Ivano Corradetti, presidente CISI, affiancherà il gruppo per la programmazione e gestione delle iniziative concordate grazie ai membri del gruppo Fotoclub Ascoli Piceno.

Fotoclub Ascoli Piceno

Fotoclub Ascoli Piceno

Per informazioni visitate la pagina facebook “Foto club Ascoli Piceno” o il sito www.cisiamo.net, inviate una mail a info@cisi.ap.it, telefonate al numero 3771278232.




Con Alberto Cicchini, “Le immagini dell’Adriatico” via al Grand Tour Cultura

 

San Benedetto del Tronto, 2014-10-24 – Con l’inaugurazione della mostra “Le immagini dell’Adriatico” del fotografo sambenedettese Alberto Cicchini, tenutasi venerdì 24 ottobre, al Museo della Civiltà Marinara delle Marche, ha ufficialmente preso il via la terza edizione del Grand Tour Cultura l’iniziativa promossa dal MAB Marche, il coordinamento marchigiano tra Musei, Archivi e Biblioteche promosso da ICOM, ANAI e AIB e l’assessorato alla cultura della Regione Marche al quale l’Amministrazione Comunale di San Benedetto del Tronto ha aderito.

 

Al taglio del nastro erano presenti gli assessori alla cultura Margherita Sorge e alle politiche del mare Fabio Urbinati, il consigliere provinciale e comunale Silvano Evangelisti, la dirigente del settore cultura Renata Brancadori, il presidente dell’associazione Pescatori Sambenedettesi Pasquale Pignati e i fotografi Danilo Balducci e Giuseppe Di Caro.

Alberto Cicchini, "Le Immagini dell' Adriatico"

Alberto Cicchini, “Le Immagini dell’ Adriatico”

L’iniziativa che quest’anno ha per tema “Musei – Archivi – Biblioteche: crocevia di culture” coinvolge diverse istituzioni culturali marchigiane capaci di raccontare le storie nascoste dei nostri territori e di proporre suggestioni, percorsi e stimoli.

 

Il Comune di San Benedetto del Tronto, attraverso i suoi luoghi della cultura – il Polo museale “Museo del Mare”, l’Archivio Storico e la Biblioteca Multimediale “G. Lesca” – ha inteso essere l’Adriatico il crocevia di culture perché da sempre il nostro mare è protagonista indiscusso della nostra storia.

 

La mostra rimarrà aperta sino alla fine di dicembre nei giorni di venerdì, sabato e domenica, dalle 10 alle 13 e dalle 15,30 alle 18,30.

grand tour cultura 2014 - foto mostra Cicchini

grand tour cultura 2014 – foto mostra Cicchini




Benito Rossi: “Ospedale unico di vallata, si puo’ e si deve fare”

San Benedetto del Tronto – Venerdì 24 ottobre l’Associazione Orgoglio Civico attraverso i propri rappresentanti Benito Rossi e l’avv Patrizia Logiacco, ha incontrato in Ascoli Piceno L’Assessore Regionale Antonio Canzian per confrontarsi sulla necessità dell’Ospedale unico nel Piceno; soprattutto Orgoglio Civico ha voluto sincerarsi sulla reale volontà della Regione Marche di procedere verso questo importante obiettivo dove l’assessore sta dimostrando a nostro parere una seria convinzione. L’assessore ha garantito che la regione ha già avviato un interesse preliminare attraverso un percorso di pre fattibilità tecnico formale sino ad arrivare alla individuazione dell’area. Importante confronto anche sulla necessità di recuperare i ruoli sanitari attraverso una presa coscienza responsabile delle forze sociali al fine di valorizzare al meglio, così come sta correttamente procedendo il direttore generale dell’Asur 5 dott Del Moro, per il bene del paziente. Le capacità dei lavoratori al servizio di una collettività sono una risorsa che non può e non deve essere vanificata visto anche il quadro socio economico nazionale. Orgoglio Civico ritiene pertanto necessaria una presa coscienza dei cittadini, tutti, nonostante in questo periodo storico gran parte della politica sia riuscita a dimostrare il peggio di se. L’ospedale unico rimane pertanto un importante obiettivo che andrebbe a risolvere tanti problemi di ordine socio economico oltre che di avanzamento della qualità sanitaria e la credibilità delle persone può superare la debolezza dei partiti.

Orgoglio Civico

Benito Rossi 




Maristella Angeli selezionata alla writing Competition “Il Colore del dire”

 

Maristella Angeli tra le due italiane selezionate

Il colore dei Dire – Dylan Thomas Creative Writing Competition

 

 

Macerata – Maristella Angeli, residente a Macerata, è stata selezionata per l’Italia tra numerosi partecipanti, al concorso letterario internazionale “Il colore dei Dire”, Dylan Thomas Creative Writing Competition.

Il monologo da lei scritto “Il mendicante”, sarà inserito nel website ufficiale dedicato alle celebrazioni nel centenario della nascita di Dylan Thomas.

L’evento celebrativo si svolgerà Sabato 6 dicembre, 2014 7-9 pm nella Sala Rubino Graham, presso il Teatro Dylan Thomas a Swansea (Galles)

Organizzatori: Annie Pelleschi e il poeta gallese Peter Thabit Jones in collaborazione con

Stanley H. Barkan di New York

Giudici per la lingua inglese: Peter Thabit Jones e Anne Pelleschi del Galles; Stanley H. Barkan, Carolyn Mary Kleefeld, Maria Mazziotti Gillan e John Dotson degli Stati Uniti d’America

I giudici per le altre lingue sono stati scelti da Stanley H. Barkan e Peter Thabit Jones.

 

www.dylandowntheups.org.uk




dalla Uil

DOCUMENTO COMITATO DIRETTIVO UILP ASCOLI PICENO E FERMO 24 OTTOBRE 2014

 

Ascoli Piceno 24/10/2014 – Il giorno 24/10/2014, presieduto da Francesco Fabiani, segretario,  si è riunito il Comitato Direttivo della UIL Pensionati di scoli Piceno e Fermo (UILP).

Hanno partecipato ai lavori anche i Segretari della UIL Marche Luciano Fioretti e Andrea Marini della UILP.

Nella relazione introduttiva di Fabiani e nel dibattito sono stati evidenziati gli argomenti discussi al congresso nazionale : rilancio della contrattazione con gli enti locali a difesa  e tutela degli anziani, potere d’acquisto delle pensioni e revisione del fisco, estensione degli 80 euro ai pensionati, tutela dei non autosufficienti, welare socio sanitario. Tutti argomenti principe della manifestazione nazionale unitaria de pensionati del 5 novembre pv a Roma.

Sono stati altresì analizzati i principali punti della legge di stabilità 2015 evidenziando la maggiori criticità: trattenuta sui fondi pensione, anticipo del TFR, riduzione dei contributi ai comuni e alle regioni con effetti dirompenti per i servizi socio sanitari.

Il Comitato direttivo ha altresì evidenziato la necessità di attivare celermente i confronti con i comuni, a partire da quello di Ascoli Piceno, gli Ambiti sociali, sulla contrattazione dello stato sociale e dei servizi erogati .

Si ritiene altresì importante l’immediata attivazione delle cd Case del Dolore (non presente nella ns. città) e della salute (da attivare nel capoluogo entro l’anno) deliberate dalla Regione Marche nell’ambito del Piano sanitario per migliorare le risposte sanitarie ai cittadini.

Particolare riflessione è stata espressa sui dati delle pensioni delle Marche che confermano la necessità di idonei servizi per gli anziani:

Età in anni

40-44

45-49

50-54

55-59

60-64

65-69

70-74

75-79

80-84

85-89

90-94

+95

n.d.

Totali

Marche

40

163

708

10344

56639

67984

67683

58114

40978

22126

6595

1246

22

332642

Pesaro U.

5

65

210

2084

12841

16081

15218

12281

7957

4037

1158

222

3

72162

      Ancona

22

44

241

3850

18224

21794

20981

18137

13568

8246

2864

539

2

108512

      Macerata

5

29

99

2505

12198

13845

14495

12660

8694

4089

1062

216

8

69905

Ascoli P.

3

20

115

1025

7140

8744

9181

7959

5672

2967

791

161

7

43785

 

Forti preoccupazioni si sono espresse sul taglio del 40% al Fondo dei Patronati, deciso al livello nazionale, scelta gravissima e ingiusta con effetti dirompenti sui cittadini.

Si ricorda che il Patronato svolge una implorante funzione sociale (L.152/2001) con risorse versate dalle imprese e dai lavoratori senza alcun onere per lo Stato: su circa 22 milioni di lavoratori che versano sono oltre 50 milioni le persone che fruiscono dei servizi, di questi il 60% ha oltre i 50 anni, e l’82% sono italiani.

Circa gli assetti organizzativi è stato coptato nel direttivo Mercuri Daniele della zona di Fermo.

È stato inoltre ratificato l’incarico di Responsabile del settore H (Handicap e non autosufficienza) alla Sig.ra Rosanna Di Pietro.