Teatro Sanzio di Urbino: stagione 2014/2015

Teatro Sanzio di Urbino: stagione 2014/2015

Urbino – Una nuova, ricca e curiosa stagione di spettacolo dal vivo attende il pubblico al Teatro Sanzio su iniziativa del Comune di Urbino in collaborazione con l’AMAT.

Ad inaugurare il cartellone – che presenta sette appuntamenti per la sezione dedicata alla prosa (in abbonamento), quattro extra, tre per la città in scena e appuntamenti domenicali di teatro per famiglie – è il 31 ottobre Max Giusti con 2015 Personaggi, uno spettacolo comico dove l’attore, accompagnato dalla storica SuperMax Band e dalla splendida voce di Sarah Jane, fa parlare senza filtri i suoi personaggi che lo hanno accompagnato per tutto questo tempo.

Dopo il grande successo ottenuto nella passata stagione torna in Italia il più energico e travolgente tra i classici del musical, Sette spose per sette fratelli nell’allestimento di Massimo Romeo Piparo in scena il 27 novembre con Flavio Montrucchio e Roberta Lanfranchi. Dal film al palcoscenico, si ritrovano le divertenti avventure dei fratelli Pontepee e delle loro innamorate, con canzoni eseguite dal vivo e spettacolari coreografie acrobatiche: un perfetto evento teatrale che coinvolge ed entusiasma spettatori di tutte le età.

Un regista stimatissimo della scena cinematografica e due attrici di grande talento: Giorgio Diritti con Monica Guerritore e Carolina Crescentini danno vita il 6 febbraio a Qualcosa rimane, commedia inedita in Italia dell’acclamato drammaturgo Donald Margulies, vincitore del Premio Pulitzer nel 2000. Lo spettacolo – che debutta a Urbino in prima nazionale al termine di una residenza di allestimento – offre un confronto serrato in cui l’amicizia e la rivalità viene affrontato con rigore e franchezza.

Il 19 febbraio la scena è per la coppia Alessandro Haber Alessio Boni in una commovente, dolce ed esilarante pièce di Éric-Emmanuel Schmitt, Il visitatore diretta dalla sapiente regia di Valerio Binasco, tradotta e rappresentata in quindici lingue e in oltre venticinque paesi.

Dopo Oscura immensità una nuova pièce teatrale di Massimo Carlotto, Il mondo non mi deve nulla il 3 marzo al Teatro Sanzio. Una coinvolgente riflessione sul senso della vita, sul peso del caso e della nemesi, sulla libertà di scelta delle nostre coscienze è condotta in scena con grande maestria interpretativa da Pamela Villoresi e Claudio Casadio diretti dalla regia di Francesco Zecca.

Spazio alla danza, spettacolare e comunicativa dei Kataklò, il 24 marzo con Puzzle. Fortemente voluto da Giulia Staccioli che ne firma la regia e la supervisione artistica, lo spettacolo è una composizione corale e poliedrica, realizzata attraverso l’accostamento di coreografie storiche che hanno fatto grande la compagnia e ideazioni dei danzatori stessi.

Un cast capeggiato da, due mattatori – Gianluca Guidi, che firma anche la regia, e Giampiero Ingrassia – danno vita il 21 aprile in Taxi a due piazze di Ray Cooney a una serie di equivoci, coincidenze, bugie e mistificazioni della verità che, con ritmo infernale, offrono allo spettatore una travolgente serata piena di risate.

Un’originale rivisitazione della tragedia euripidea Le troiane – con suggestioni da Ovidio, Seneca e Sartre – è in scena il 16 ottobre al termine di una residenza di riallestimento come primo appuntamento della sezione extra. Lo spettacolo vive con l’interpretazione di una compagnia tutta al femminile, Gianna Giachetti, Manuela Mandracchia, Sandra Toffolatti e Mariangeles Torres, pluripremiate attrici e registe di se stesse che hanno collaborato con importanti personalità del mondo del teatro e del cinema.

Capodanno a teatro con Romeo e Giulietta, il balletto più rappresentato in tutto il mondo, danzato dal Ballet of Moscow nel solco della tradizione russa più classica. L’ensemble istituito nell’aprile 1998 dal coreografo Valery Anuchin è formato da artisti professionisti, impegnati continuamente in tournée in tutto il mondo. Gli sfarzosi ed eleganti costumi, come la scena incantata, contribuiscono a creare uno spettacolo di grande impatto.

Platinette, nome d’arte di Mauro Coruzzi (all’anagrafe Maurizio Coruzzi) – conduttore radiofonico, televisivo e attore italiano en travesti – è protagonista il 6 gennaio di una serata dal sapore esclusivo con Mauro Coruzzi vs Platinette, un’occasione in cui con la complicità di Vittorio Sgarbi, che firma la regia, le due indentità di Coruzzi si incontrano e scontrano per finire, come sarebbe possibile diversamente (?), con un abbraccio.

Una serata d’onore con Francesca Benedetti, grande signora del teatro italiano originaria di Urbino, attende il pubblico il 12 marzo con Madame Céline o il ballo della malora drammaturgia di Luca Scarlini e Massimo Verdastro dall’opera di Luis Ferdinand Céline. Francesca Benedetti si confronta con la parola incandescente, disperata e straordinariamente moderna di Luis Ferdinand Cèline, dando voce e corpo alla figura di Lucette, amica, compagna, amante appassionata ma anche spietato alter ego del grande scrittore francese.

Ad arricchire la proposta della stagione la sezione la città in scena, esperienze del territorio con la Compagnia Dialettale Urbinate in scena il 5 gennaio con El prét tel lèt, il28 marzo con L’aquilon e il 16 maggio con Che geni, e da gennaio appuntamenti domenicali pomeridiani di teatro per tutta la famiglia.

di + in allegato

cartella stampa

Biglietteria e informazioni AMAT (071 2072439), Teatro Sanzio (0722 2281).

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com