Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 04:47 di Dom 9 Ago 2020

Con “Banco di scena”, un corso di formazione in scenografia teatrale e scenotecnica

di | in: Cultura e Spettacoli

Fondazione Pergolesi Spontini

image_pdfimage_print

 

Gli studenti del terzo e del quarto anno del Liceo Artistico “E. Mannucci” di Jesi a scuola di scenografia teatrale con la Fondazione Pergolesi Spontini per la realizzazione delle scene degli spettacoli ispirati all’opera lirica “I racconti di Hoffmann” di Offenbach nell’ambito del progetto “Social Opera 2015”. Al via la seconda edizione del corso di formazione di “Banco di scena”, con lezioni in aula, a Teatro e nel Laboratorio Scenografico di Via Carlo Marx.

 

 

Jesi (AN) 13 novembre 2014 – Prosegue e si consolida la collaborazione tra la Fondazione Pergolesi Spontini ed il Liceo Artistico “E. Mannucci” di Jesi per la realizzazione di progetti di formazione dedicati ai ragazzi.

Prende il via in questi giorni la seconda edizione di “Banco di scena”, un corso di formazione in scenografia teatrale e scenotecnica destinato agli studenti del terzo e del quarto anno del Liceo, a cura della Fondazione Pergolesi Spontini in collaborazione con l’istituto scolastico.


Il corso, sviluppato da una idea di Massimo Ippoliti e Paolo F. Appignanesi, è inquadrato nell’ambito delle attività di teatreducazione della Fondazione Pergolesi Spontini a cura da Silvano Sbarbati, e ricondotte sotto il nome di “Social Opera”; il progetto è finalizzato ad indirizzare i giovani creativi ai mestieri collegati allo spettacolo dal vivo, integrando la scuola nel tessuto produttivo del proprio territorio e collegando la formazione in aula con quella nel mondo del lavoro.

La prima edizione di “Banco di scena” si è conclusa lo scorso ottobre con la realizzazione da parte degli studenti delle scene delle performance “Il flauto magico… a modo nostro” al Teatro Pergolesi di Jesi e al Teatro Spontini di Maiolati Spontini, nell’ambito dei laboratori di teatreducazione della Fondazione dedicati a persone disabili e con disagio psico-fisico.

Nella seconda edizione, il corso di natura teorica e pratica prevede lezioni nelle aule del Liceo Artistico, laboratori scenografici presso il Laboratorio della Fondazione, in via Carlo Marx a Jesi, e montaggio scenografico in teatro, in un percorso che unisce il processo formativo all’obiettivo finale: la realizzazione di scenografie teatrali per le performance ispirate all’opera “I racconti di Hoffmann” che si svolgeranno nel 2015 sempre nell’ambito dei laboratori di teatreducazione dell’azienda culturale.

Le lezioni ed i laboratori saranno condotti dal personale docente del Liceo (Massimo Ippoliti, Nicola Farina), e da qualificati operatori della Fondazione e del territorio (tra i quali Paolo F. Appignanesi, Silvano Sbarbati, Ilaria Sebastianelli, Frediano Brandetti, Elena Cervigni).

La partecipazione attiva di una pluralità di soggetti territoriali che operano nell’ottica di un lavoro partecipato, volto a valorizzare le competenze e le specificità di ciascuno, ha prodotto ancora una volta risultati di grande spessore – commenta la dirigente scolastica Prof.ssa Filomena Zanfardino – Gli studenti hanno risposto con entusiasmo al progetto Banco di scena, che ha consentito loro di attingere ad un tesoro di competenze legate a due eccellenze del luogo, ovvero la cultura musicale e la produzione teatrale. Siamo dunque estremamente felici di rinnovare la collaborazione con la Fondazione Pergolesi Spontini, e di offrire ai nostri studenti nuove opportunità di crescita”.

Con grande piacere abbiamo messo il nostro know-how di agenzia formativa a disposizione di una preziosa istituzione scolastica del territorio – spiega William Graziosi, AD della Fondazione Pergolesi Spontini – Con la seconda edizione di “Banco di Scena”, rinnoviamo l’ottima esperienza avuta con gli studenti del Mannucci di cui abbiamo ammirato la creatività, l’entusiasmo e la serietà del lavoro. Il corso si inserisce a pieno titolo tra le nostre attività di sensibilizzazione verso il melodramma che coinvolgono il mondo delle scuole, della disabilità e del disagio sociale. Il progetto, chiamato Social Opera, propone per il 2015 la seconda edizione di “Banco di scena”, i laboratori di teatreducazione destinati a utenti dei servizi socio-sanitari, una rassegna per i bambini delle scuole dell’infanzia e della Scuola Primaria, 8 laboratori di teatralità in Vallesina per bambini, adolescenti e adulti”.

© 2014, Redazione. All rights reserved.


Sostieni www.ilmascalzone.it
La lettura delle notizie è gratuita ma i contributi sono graditi. Se ci credi utili sostienici con un contributo a tua scelta intestato a Press Too Srl
IBAN: IT07L0847424400000000004582
Banca del Piceno Credito Cooperativo – Filiale San Benedetto del Tronto 2




13 Novembre 2014 alle 20:00 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


My Web TV Marche

• Coronavirus Marche: aggiornamento
• Ritorno al futuro
• dalla Regione Marche


Social

Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On YoutubeVisit Us On Instagram
Ricerca personalizzata