da Fermo

da Fermo

Mercatino del Riuso. Domenica 23 all’ex mercato coperto

 

Domenica 23 novembre, nell’ex mercato coperto di Fermo, dalle 15 alle 20, in occasione della “Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti” l’assessorato ai servizi sociali del Comune di Fermo organizza il “Mercatino del Riuso”. L’iniziativa è nata per consolidare la cultura della responsabilità personale rispetto alla produzione e allo smaltimento dei rifiuti, buone abitudini che in questi ultimi anni si stanno diffondendo maggiormente con innumerevoli benefici, sia ambientali che economici, per l’intera collettività.

Il Comune di Fermo da anni, con l’attività della Ludoteca Riù, porta avanti una politica di educazione al recupero e al riuso volta alla promozione di nuovi stili di vita finalizzati a sensibilizzare la cittadinanza, in particolare i ragazzi che frequentano le scuole del territorio, verso una maggiore consapevolezza sulla produzione eccessiva di rifiuti e sulla necessità di ridurli drasticamente.

“Il Mercatino del Riuso – sottolinea l’assessore ai servizi sociali Silvana Zechini – ha come finalità la diffusione della cultura del recupero e intende rendere più consapevoli i futuri cittadini in merito ai rischi ambientali causati dal dilagare del consumismo sfrenato e dalla pratica dell’usa e getta. Il Rappresenta inoltre un’occasione per sperimentare una diversa modalità di economia che assume anche un valore sociale in quanto privilegia i rapporti fra le persone che tornano ad interfacciarsi tra loro condividendo le proprie cose con gli altri in modo utile, attivo e divertente”.

Passare una giornata diversa e ritrovare il piacere di conversare e magari “liberarsi” di un oggetto inutile per scambiarlo o acquistarne un altro a bassissimo costo o addirittura barattarlo, è sicuramente un modo diverso di fare “economia” e, al tempo stesso, contribuire alla riduzione della produzione di rifiuti.

Chiunque, singolarmente o in rappresentanza di una scuola o di una associazione, può aderire all’iniziativa organizzando la sua bancarella, negli spazi dell’ex Mercato coperto di Fermo, dedicati all’iniziativa di domenica 23 novembre.

Gli oggetti usati ma ancora utili da portare al Mercatino del Riuso devono essere in buono stato e appartenenti alle seguenti categorie: abbigliamento, utensileria, libri, elettronica, oggettistica varia, accessori, bigiotteria, piccoli elettrodomestici, giochi e accessori per l’infanzia, soprammobili, utensili ed attrezzi da lavoro e altro ancora. Non sono ammessi alimentari, materiali degradabili, beni preziosi, oggetti di grandi dimensioni.

Nell’ex mercato coperto, riscaldato per l’occasione, gli operatori della Ludoteca Riù proporranno giochi e laboratori manuali creativi con materiali di recupero e la lettura di fiabe.

La partecipazione al Mercatino è completamente gratuita, è solo necessario prenotare la propria postazione presso lo sportello dell’Ufficio servizi sociali ai numeri 0734 284279 – 284413.

 

REGOLAMENTO CONSULTA GIOVANI

 

In allegato il Regolamento della Consulta degli studenti approvato dal Consiglio Comunale l’11.06.2014 . Il Regolamento che trovate in allegato è quello approvato dal Consiglio Comunale. Al testo saranno fatti emendamenti per esigenze di rappresentanza delle scuole periferiche di ogni ordine e grado. Il numero dei membri della Consulta sarà portato quindi a 48, come indicato dall’assessore Zechini in conferenza stampa, mediante successive modifiche, come previsto dalla normativa vigente.

Regolamento Consulta

 

Risultati “High Level Meeting”

 

Si è concluso con l’incontro “High Level Meeting” di lunedì 17 novembre all’Auditorium San Martino, il progetto europeo di durata biennale “En Vision 2020 – Energy Vision 2020, Programma Sud Est Europa” al quale ha partecipato anche il Comune di Fermo insieme ad altri nove partner europei.

L’incontro è stato finalizzato alla presentazione dei risultati ufficiali del progetto e gli specifici destinatari erano, in questa ultima fase, proprio i rappresentanti politici locali e regionali, dal momento che le analisi, i dati e le metodologie emersi attraverso l’elaborazione di Roadmaps energetiche ed ai Piani di implementazione delle tecnologie energetiche chiave, necessitano ora di essere recepiti dai programmi politici e tradotti in azioni concrete sui territori. Ciò nel rispetto dei famosi “Obiettivi 2020” (riduzione del 20% dell’emissione di CO2, aumento del 20% dell’efficienza energetica, diversificazione delle fonti energetiche con le rinnovabili del 20%, entro il 2020). Nutrita la presenza, a partire dal Sindaco della Città di Fermo Nella Brambatti, dal Vice Sindaco ed Assessore all’Ambiente Matteo Silenzi che ha seguito da vicino le diverse fasi del progetto, all’Assessore ai lavori pubblici Luigi Montanini, all’Assessore Regionale all’Ambiente ed Energia Maura Malaspina, al Consigliere Provinciale di Fermo Pierluigi Malvatani fino a diversi Sindaci ed amministratori dei Comuni della Provincia . Molto ben rappresentata anche la rete degli stakeholders locali – i diversi soggetti del territorio detentori di interessi in relazione alle tematiche affrontate dal progetto – tra cui la Camera di Commercio di Fermo, le società municipalizzate Solgas e Asite, la Steat ed altri, che hanno partecipato attivamente anche in altri incontri delle diverse fasi progettuali.

Diversi gli aspetti evidenziati nel corso dell’incontro: urgenza ed improrogabilità delle politiche energetiche e consapevolezza ambientale sono state sottolineate dallo stesso Sindaco Brambatti che si è richiamata ai drammatici eventi di questi giorni. Dal PEAR (Piano Energetico Ambientale) adottato nel 2005 al protocollo Itaca Marche per la sostenibilità energetica ed ambientale degli edifici, diversi sono gli interventi adottati richiamati dall’Assessore Regionale all’Ambiente Maura Malaspina per convergere sull’obiettivo della Green Economy; un richiamo alla concretezza attuativa, sia sul piano finanziario che tecnico è giunto dal Consigliere Provinciale Malvatani. Puntuale e dettagliato l’intervento del Vice Sindaco Matteo Silenzi sulla politica di sostenibilità energetica del Comune di Fermo. Silenzi ha evidenziato i tanti interventi eseguiti e in fase di realizzazione: dalla nuova illuminazione pubblica per una città SMART, al censimento del patrimonio edilizio pubblico per mirare gli interventi di riduzione dei consumi energetici, al bando per il nuovo asilo comunale (che verrà realizzato con le nuove tecniche di edilizia sostenibile), fino alla mobilità sostenibile con l’obiettivo di puntare di mezzi di trasporto più efficienti ed ecologici, come i nuovi bus a metano adottati di recente dalla Steat. “Il progetto EnVision 2020 mette il Comune nelle condizioni migliori per stimolare il territorio, cercando di acquisire quella conoscenza specifica che gli permette di sollecitare tutti i soggetti ad attivarsi in questo settore – sottolinea l’assessore Silenzi – Il prossimo passo è quello di riversare sul territorio quanto il Comune ha acquisito in termini di risultati del progetto, di esperienza e conoscenza e per svolgere un ruolo di stimolo e di incentivo ai privati ad agire nella stessa direzione”.

Il progetto “En Vision 2020” è stato elaborato dal Comune di Fermo in collaborazione con il Cosif – Consorzio di Svilupo Industriale del Fermano. Gli aspetti scientifici e di innovazione tecnologica del progetto sono stati sviluppati in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università Politecnica delle Marche diretto dal prof. Fabio Polonara e rappresentato nell’incontro dai suoi collaboratori l’ing. Giovanni Ciriachi e l’Ing. Marco Sotte che hanno illustrato nel dettaglio i risultati scientifici. Le diverse fasi progettuali, i meetings ed i workshops internazionali, gli obiettivi raggiunti sono stati illustrati sul piano tecnico dal Dirigente del Settore Poltiche Comunitarie Saturnino Di Ruscio che ha evidenziato come il percorso realizzato con En Vision 2020 sia un passo importante per il Comune di Fermo e per gli altri Comuni del territorio, per accedere ai nuovi finanziamenti POR-FESR che verranno approvati dalla Commissione Europea nel gennaio 2015.

Dopo l’adesione al Patto dei Sindaci, l’elaborazione e l’adozione del SEAP (Piano di sostenibilità energetica ed ambientale) e la conclusione del progetto “En Vision 2020” per il Comune di Fermo ora si apre un’altra pagina sulla politica energetica, in relazione ai nuovi fondi europei 2014 – 2020 che riconoscono priorità di accesso a tali fondi ai Comuni che hanno intrapreso tali virtuosi percorsi.

 

Donna e Dignità: Vincere la Violenza

 

 

donna e dignitàdonna e dignità

Convegno contro la violenza sulle donne

Il 25 novembre ricorre la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

Fermo – Come evento celebrativo, l’Assessorato ai Servizi Sociali del Comune in collaborazione con la Consigliera di Parità della Provincia di Fermo Barbara Ermini organizza un convegno, nel pomeriggio di sabato 22 novembre, dalle 17,30 alle 19,30, nella Sala Consiliare della Camera di Commercio di Fermo, per riflettere sui temi della violenza contro le donne.

Nel corso dellincontro – afferma il Sindaco Nella Brambatti – saranno affrontate le diverse forme di violenza, fisica e psicologica, subite dalle donne: dal femminicidio ai più comuni soprusi. Il convegno darà spazio ai percorsi di contrasto e di uscita dalla violenza per far passare l’importante messaggio: la donna può recuperare benessere, salute, liberta? e soprattutto dignità”.

L’Assessore ai Servizi Sociali, Silvana Zechini, sottolinea che il convegno, dal titolo “Donna e Dignità: Vincere la Violenza” rappresenta un’importante occasione per promuovere un atteggiamento di fiducia nel cambiamento culturale, sia riferito alle relazioni interpersonali tra uomo e donna, sia a potenziali vittime di violenza incentivandole a manifestare la richiesta d’aiuto, ai Centri Anti-Violenza (C.A.V.).

La Dirigente dei Servizi Sociali, Daniela Alessandrini, sottolinea: “L’iniziativa prevede la partecipazione di Luisa Barbieri, laureata in Medicina e Chirurgia all’Università di Bologna, impegnata nello studio e nel trattamento dei disturbi del comportamento alimentare e di relazione e autrice del libro “La sindrome di Mary Poppins – Storie vere di donne che non si sono arrese” e di Simona Cardinaletti, Psicologa e psicoterapeuta, coordinatrice della Casa Rifugio Zefiro di Ancona, profonda conoscitrice del fenomeno della violenza contro le donne. Sarà anche presenteAndrea Bernetti, Responsabile del Centro Ascolto Uomini Maltrattanti di Roma e membro dell’Associazione Maschile Plurale insieme a Roberto Di Benedetto, Dirigente della Squadra Mobile di Ascoli Piceno’’.

In quanto crimine che chiama in causa soprattutto gli uomini, la Consigliera di Parità Barbara Ermini ricorda l’importanza della presenza di Andrea Bernetti che illustrerà l’esperienza intrapresa a livello nazionale dall’Associazione Maschile Plurale nel proporre, sia come strumento di prevenzione della violenza che come cura per gli uomini maltrattanti, modelli di identità maschile di affrancamento da ruoli e rappresentazioni stereotipate evidenziando i limiti, anche in ottica maschile, di una cultura della relazione tra i generi improntata alla subalternità della donna.

Riflessioni, dunque, a tutto campo per analizzare, ma soprattutto per contrastare la violenza che, troppo frequentemente, coinvolge il genere femminile e di cui le cronache quotidiane riportano ampi riferimenti.

Il convegno vuole accendere i riflettori su questo “quotidiano” che sembra irreversibile e che, invece, deve essere contrastato perché ogni donna sia in grado di raggiungere la dignità che merita.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com