dal Piceno

dal Piceno

Bando stabilizzazione contratti atipici

Proroga, nuovo termine fissato al 28 febbraio

La Provincia comunica che è stata prorogata al 28 febbraio 2015 (precedentemente fissata al 30 novembre) la scadenza del bando per erogare incentivi per la stabilizzazione dei contratti atipici delle micro-piccole e medie imprese, rifinanziando l’avviso di ulteriori 110 mila euro.

Le tipologie delle imprese interessate dall’intervento, finanziato con risorse del Fondo Sociale Europeo, devono essere: micro-imprese, piccole-imprese, medie-imprese con sede legale e/o operativa nel territorio provinciale, che rientrano nei parametri fissati dal Reg. CE: 800/2008.

Destinatari sono: lavoratori residenti o domiciliati in provincia di Ascoli Piceno con contratto di lavoro atipico (tempo determinato, di inserimento e reinserimento lavorativo, collaborazione a progetto, a chiamata, interinale e ripartito) in essere da almeno 3 mesi al momento della presentazione dell’istanza. Si ricorda inoltre la richiesta del contributo (7 mila euro per ciascun lavoratore stabilizzato) deve essere effettuata dall’impresa interessata prima della trasformazione del rapporto di lavoro atipico.

La domanda di finanziamento deve essere redatta dal titolare dell’azienda o dal rappresentante legale utilizzando l’apposita modulistica reperibile sul sito istituzionale: www.provincia.ap.it/formazionelavoro . La domanda di presentazione va consegnata a mano o spedita a mezzo di Raccomandata A/R con avviso di ricevimento presso gli uffici del Servizio competente.

Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi agli Uffici del Servizio Formazione Professionale e Politiche Attive del Lavoro (via Kennedy, 34 Ascoli Piceno) o consultare il sito istituzionale: www.provincia.ap.it/formazionelavoro o chiamare i numeri telefonici 0736/277 426, 423, 979, 415.

Indirizzi e/mail: ernestina.rubatti@provincia.ap.it; simona.dibella@provincia.ap.it; roberto.maroni@provincia.ap.it

La vicenda dei tornelli sui bus della Start prima frettolosamente installati e, poi con altrettanta rapidità smantellati per dubbi sulla soluzione adottata circa i possibili problemi di sicurezza degli utenti e altri impedimenti. Peraltro un esperimento che non è certo stato gratuito, ma ha comportato delle spese a carico dell’azienda e quindi dei soci e della comunità locale; nonché la difficile e delicata situazione economica e finanziaria che sta attraversando la società, sono tutti elementi che non fanno altro che rafforzare il mio convincimento, mai cambiato, che l’operato del Cda vada attentamente valutato da parte dei soci ed eventualmente revocato con la nomina di un nuovo Consiglio di Amministrazione in base a mutati indirizzi di governance.

L’ordine del giorno dell’Assemblea dei soci del prossimo 16 dicembre non è mai infatti stato cambiato e, in agenda dello stesso, c’è la revoca e sostituzione del Cda. Pertanto, la mia decisione di rinviare l’Assemblea non è stata assunta per mie mutate valutazioni come interpretato da alcuni esponenti del Cda sulla stampa, orientamenti che sono stati, e sono, in piena sintonia con quelle di altri soci di maggioranza, ma esclusivamente motivata dalla necessità di approfondire tutte le delicate questioni sul tappeto come le spese relative alle consulenze legali, i preoccupanti dati di bilancio, l’accensione di mutui, il piano industriale e altre importanti problematiche circa la gestione di servizi essenziali per la mobilità dei cittadini.

Anzi, invito il Cda della Start ad anticipare la data di convocazione dell’Assemblea dei soci proprio perché in questi giorni alcune problematiche si sono ulteriormente acutizzate, penso ad esempio alla questione dei tornelli ed è quindi necessario stringere i tempi per definire al meglio la mission e i futuri indirizzi della società. Invito inoltre vivamente il Presidente e il Cda a non assumere, nel frattempo, decisioni come la nomina di un nuovo Direttore Generale, che possano condizionare e limitare la liberta e l’efficacia delle future scelte dei soci che, in sede di Assemblea, hanno tutto il diritto di definire l’assetto della Start e gli indirizzi a cui deve ispirarsi l’attività del Consiglio di Amministrazione, legato agli azionisti da un rapporto fiduciario.

Il Presidente della Provincia, Paolo D’Erasmo  

 

 

 

Premiazione del concorso “I Colori delle Donne” nella Sala del Consiglio Provinciale

 

I Colori delle DonneI Colori delle Donne
Tante iniziative nella settimana contro la violenza alle donne
San Benedetto del Tronto – La premiazione della 14° edizione del concorso di prosa e poesia “I Colori delle donne”, organizzato dalla Commissione Provinciale Pari Opportunità, si svolgerà quest’anno il 25 novembre nella giornata nazionale contro la violenza alle donne.

“Si tratta di una scelta simbolica e significativa per dare voce all’universo femminile e alla sua immensa sensibilità proprio nel periodo in cui – ha evidenziato il Consigliere Provinciale Valentina Bellini – si ricorda l’inciviltà e la barbarie degli omicidi femminili che in Italia solo nello scorso anno sono stati 179 e oltre 2.300 dal 2000 al 2013. Come è tradizione, anche stavolta, sono stati veramente di grande coraggio civile gli 80 componimenti presentati da candidate di tutta Italia compresi anche scritti redatti da donne detenute in carcere o in istituti minorili”.
L’iniziativa avrà luogo alle ore 10 nella sala del Consiglio Provinciale di palazzo San Filippo, dove dopo i saluti del Presidente della Provincia Paolo D’Erasmo, del Consigliere Bellini e della dott.sa Maria Antonietta Lupi Presidente della Commissione Pari Opportunità, le vincitrici daranno lettura delle loro opere e verranno consegnati i premi.

Molto difficile anche stavolta la selezione degli elaborati presentati che hanno spaziato in lirica e prosa nel mondo più intimo delle emozioni, sia delle vicende private che dell’impegno sociale al femminile, tutti esaminati con grande attenzione e profondità dalla qualificata giuria del concorso composta: dalla consigliera Bellini, da Franca Maroni presidente di giuria e del centro poesia Marche co-ideatrice del premio, da Stefania Serino giornalista di Vera TV, Laura Ripani redattrice del Corriere Adriatico, Natalia Encolpio capo redattore de Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, dalla Prof.ssa Maria Cristina Calvaresi della Commissione Pari Opportunità e da Eleonora Tassoni della Libreria Rinascita.

Veramente nutrito il programma dedicato a riflessioni e incontri sulle tematiche di genere: sempre martedì 25 si svolgerà, infatti, alle ore 17 presso la sala conferenze della Chiesa dell’Adorazione, un incontro sulla comunicazione globale al femminile promosso dall’Associazione “Convegni di Cultura Maria Cristina di Savoia”; mentre, alle 21, al Cinema Piceno, si svolgerà la performance dal titolo “Sulle Tracce di Proserpina” a cura della coreografa Mariangela Pespani. Infine, giovedì 27 alle 16 nella sala Docens della libreria Rinascita si svolgerà, su iniziativa dell’associazione “Realtà Donna”, un incontro informativo per la cittadinanza sul ruolo e l’attività del Centro antiviolenza della Provincia di Ascoli Piceno. Interverranno le operatrici di accoglienza e le consulenti della struttura.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com