dall’Amat

dall’Amat

Ancona, 2014-11-17 – 

 

DA VENERDÌ 21 A DOMENICA 23 NOVEMBRE AL TEATRO ROSSINI DI PESARO

GOSPODIN DI GIORGIO BARBERIO CORSETTI

 

 

Da venerdì 21 a domenica 23 novembre proseguono al Teatro Rossini di Pesaro con Gospodin, nuova produzione italiana di Giorgio Barberio Corsetti, gli appuntamenti della Stagione di Prosa promossa dal Comune e dall’AMAT e realizzata con il contributo della Regione Marche e del Ministero per i beni e le attività culturali e del turismo. Lo spettacolo, interpretato da un trio d’eccezione composto da Claudio Santamaria, Valentina Picello – reduce dal recente Premio Duse Social – e Marcello Prayer e in scena anche a Macerata il 18 e 19 dicembre e ad Ascoli Piceno il 20 e 21 dicembre, è basato su un testo dell’esordiente autore tedesco Philipp Löhle, associato del Maxim Gorki Theater a Berlino che inventa con i suoi testi dal carattere acido e surreale, di grande efficacia drammatica, un teatro fatto di sorprese e con ferocia esplora le contraddizioni della nostra società votata al consumo. A rivelarlo in Germania prima e in Francia poi fu proprio Genannt Gospodin quella che potremmo definire una tragicommedia del rifiuto.

 

Con Gospodin torna anche Oltre la Scena, un ciclo di appuntamenti in cui le compagnie incontrano il pubblico mettendosi a disposizione per domande e curiosità, che in quest’occasione ha luogo sabato22 novembre alle ore 18 presso la Sala della Repubblica.

 

Protagonista dello spettacolo è un anti-eroe tragicomico – interpretrato da Santamaria – che si ribella al capitalismo e cerca di vivere senza soldi trovando finalmente la sua libertà solo in prigione. La scrittura è graffiante, acuta, ironica e pungente. Una galleria di personaggi comici strampalati, miserabili ed idealisti raccontano il nostro mondo con grande poesia e feroce malinconia. Una parabola spietata sull’umanità, alternativa e integrata, che trova nella sensibilità di Barberio Corsetti un regista che ha saputo spaziare dai classici al mito, al cabaret, all’opera lirica, facendo interagire i linguaggi del corpo e della tecnologia -in questo caso graphic animation, video mapping e chroma key- con suggestione, delicatezza, ironia.

 

«È eroicamente testardo, sperimenta il mondo con il suo poetico e tragico rifiuto dell’unico elemento che fa girare il mondo, il denaro». Così Giorgio Barberio Corsetti descrive il protagonista. «Gospodin – prosegue il regista – è un personaggio paradossale che esprime la sua poesia con i suoi atti di negazione. Gospodin fa del paradosso il suo modo di vivere. Scritto da Philipp Löhle, giovane drammaturgo tedesco, questo testo per tre attori e tanti personaggi è composto da brevi scene dialogate e da racconti lirici in cui gli altri due attori, un lui e una lei, raccontano le scorribande allucinate di Gospodin nella città che assomiglia ad ognuna delle grandi città in cui viviamo. Gospodin corre, inseguito sempre dai fantasmi di un mondo che non vuole accettare. Gospodin supera cancellate, si perde nei supermercati, tenta di vivere con il baratto, nel bar che frequenta salta sul tavolo per dire la sua. Gospodin è una pura invenzione poetica e paradossale. Gospodin siamo noi, quando vorremmo mollare tutto e vivere in pace, senza il condizionamento, la pressione del guadagno. Gospodin è comico, è tragico, è adesso».

 

La traduzione dello spettacolo – prodotto da Fattore K. / L’UOVO Teatro Stabile di Innovazione in collaborazione con Romaeuropa Festival – è di Alessandra Griffoni a cura del Goethe Institut. Le scene sono di Giorgio Barberio Corsetti e Massimo Troncanetti, i costumi di Francesco Esposito, le luci di Gianluca Cappelletti, graphics a cura di Lorenzo Bruno e Alessandra Solimene, i video di Igor Renzetti e le musiche di Gianfranco Tedeschi e Stefano Cogolo.

 

Per informazioni: biglietteria del Teatro Rossini 0721 387621, Teatro Rossini 0721 387620, www.pesarocultura.it, teatri@comune.pesaro.pu.it, www.amatmarche.net.

Inizio spettacolo: venerdì e sabato ore 21, domenica ore 17.

MERCOLEDÌ 19 NOVEMBRE A CAMERINO LA GIORNATA DEI GIOVANI MARCHIGIANI

TRA GLI OSPITI GIORGIO MONTANINI E BEATRICE ANTOLINI

 

 

Mercoledì 19 novembre torna, dopo il grande successo dello scorso anno a Fabriano, la Giornata dei Giovani Marchigiani, un evento promosso dall’Assessorato alle Politiche Giovanili della Regione Marche e realizzato in collaborazione con AMAT e Comune di Camerino. Dedicata ai giovani, alle loro capacità creative, artistiche e imprenditoriali, l’iniziativa nasce per ascoltare la loro voce nel pluralismo di espressione e per dare vita a un luogo di incontro con coetanei italiani ed europei. A ospitare questa seconda edizione della Giornata dei Giovani Marchigiani è il bellissimo Teatro Marchetti di Camerino, città la cui vocazione di centro universitario capace di attrarre da anni un numero considerevole di giovani è divenuta punto di riferimento per tutto il territorio marchigiano ed extra regionale.

 

“La Giornata regionale dei Giovani è palcoscenico ideale per la valorizzazione dei meriti e dei talenti dei nostri ragazzi – dichiara l’Assessore alle Politiche Giovanili, Paola Giorgi – in perfetta coerenza con la nuova legge regionale sulle politiche giovanili, l’evento si focalizza sul talento Made in Marche con momenti formativi e di condivisione di esperienze, fino al clou della serata in cui classico, moderno e satira si mescolano per svelare bellissime sorprese. Una Giornata intensa, da vivere con entusiasmo e da scoprire con la passione dei giovani marchigiani”.

 

Workshop, musica dal vivo, incontri con gli artisti, premiazioni, prosa, stand informativi sul mondo dei giovani e le opportunità che la Regione Marche dedica loro: tutto questo e molto altro ancora nel ricco programma.

L’evento prende il via la mattina, al Teatro Marchetti alle ore 10, dove il coach Luca Stanchieri conduce un workout sulle potenzialità dei giovani. La giornata, tra teatro e altri spazi comunali, prosegue con workshop nel Palazzo Comunale, alle ore 17 con Sandro Giorgetti Responsabile del Social Media Team della Regione Marche, incontri e premiazioni per arrivare, alle ore 19, sempre nel Palazzo Comunale, all’aperitivo con il presidente della Regione, Gian Mario Spacca, l’assessore alle Politiche Giovanili, Paola Giorgi, i rappresentanti della Consulta regionale dei giovani e gli artisti Made in Marche che si esibiranno la sera stessa.

 

In serata il palcoscenico sarà tutto per i giovani già affermati artisti Made in Marche: apre il programma la Sinfonietta Beniamino Gigli (Orchestra Giovanile da Camera di venti elementi) diretta da Luca Mengoni con la partecipazione del fisarmonicista recanatese Christian Riganelli. La musica lascia spazio alla comicità irriverente di Giorgio Montanini, attore reduce dai brillanti successi dello spettacolo Un uomo qualunque e dalla grande visibilità televisiva ottenuta nelle trasmissioni Ballarò, Nemico Pubblico e Aggratis. Si termina con la musica della cantautrice e polistrumentista maceratese Beatrice Antolini, affermata e apprezzata musicista il cui stile miscela bene diversi generi, su tutti pop classico, elettronica, funk e progressive.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com