Pd, Roberto Giobbi: “Chiudere la sede di Via Balilla?”

Pd, Roberto Giobbi: “Chiudere la sede di Via Balilla?”

San Benedetto del Tronto, 2014-11-07 – Riceviamo e pubblichiamo integralmente una nota di Roberto Giobbi, segretario del Circolo Centro “Giudo Ianni” riguardo la ventilata chiusura della sede di Via Balilla

 

Invio la seguente nota perché come segretario del circolo centro penso di avere il diritto/dovere di chiarire alcuni fatti riguardo la ventilata chiusura della sede di Via Balilla.

Prima di tutto vorrei ricordare che tale sede fu affittata nel lontano 2006 dall’associazione “UNITI PER L’ULIVO”, quindi prima della nascita del PD.

In seguito, la dirigenza del neonato partito democratico decise di mantenerla perché indubbiamente era, e rimane strategica, soprattutto in occasioni degli appuntamenti elettorali.

E’altresì vero che già da alcuni anni il peso degli affitti e delle spese delle sedi di Via Balilla e di quella di Porto d’Ascoli, più le spese di gestione della sede di Via Manara costituiscono gran parte del bilancio economico del nostro partito. Già Felice Gregori si era posto il problema di una eventuale chiusura della sede di via Balilla, poi il sottoscritto e a seguire Sabrina Gregori analizzando i costi ci siamo resi conto che la questione è diventata non più rinviabile visto le entrate che il partito ha. In tempi di spending review ci pare giusto che un partito tenga i propri conti in ordine e se per fare ciò deve chiudere una sede, tale decisione seppur a malincuore deve essere presa per il bene del partito. Vorrà dire che utilizzeremo meglio le restanti due sedi e che faremo più iniziative nelle piazze e sul territorio.

Qualcuno ha fatto notare che il prossimo anno ci sono le elezioni regionali e quindi tale sede potrebbe essere utile per promuovere la candidatura dell’eventuale candidato di San Benedetto; dico che questo è condivisibile, anzi aggiungo che c’e’ un più importante appuntamento elettorale per la città di San Benedetto, le elezioni amministrative del 2016, quindi la sede se è strategica va tenuta aperta fino almeno a quella data.

Ma tornando ai fatti concreti servono circa 3500 euro per far si che questo accada; come segretario di quel circolo dico che se qualcuno trova l’80% di questa somma, io mi impegno a trovare il restante 20%.

Oggi al nostro popolo viene chiesto di rinunciare a diritti che sono molto più importanti della semplice chiusura di una sede, che comunque spero qualcuno ci aiuti a tenere aperta.

Resto in attesa di fatti concreti e non semplici dichiarazioni.

Spero che la presente nota contribuisca a chiarire la reale situazione della sede di via Balilla ed eviti che qualcuno possa usare questo argomento per creare divisioni e tensioni tra di noi.

Saluti

Il segretario del Circolo Centro “Giudo Ianni”

Roberto Giobbi

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com