Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 13:09 di Dom 29 Mar 2020

Prosegue la Stagione Lirica di Tradizione del Teatro Pergolesi di Jesi

di | in: Cultura e Spettacoli

Fondazione Pergolesi Spontini

image_pdfimage_print

 

Mercoledì 5 novembre ore 17 al Teatro Pergolesi di Jesi l’anteprima giovani dell’opera “Tosca” di Puccini che debutta venerdì 7 novembre (ore 20,30) e domenica 9 novembre (ore 16) in una nuova produzione per la 47^ Stagione Lirica di Tradizione a cura della Fondazione Pergolesi Spontini. Dirige Antonio Pirolli, regia di Massimo Gasparon, in scena un cast internazionale con il soprano greco Dimitra Theodossiou nel ruolo di Tosca, il tenore spagnolo Alejandro Roy (Cavaradossi) e il baritono americano Thomas Hall (Scarpia).

 

 

Jesi, 4 novembre 2014 – Prosegue la  47^ Stagione Lirica di Tradizione del Teatro Pergolesi di Jesi a cura della Fondazione Pergolesi Spontini, che ha preso il via il 4 e 5 ottobre con il “Don Giovanni” di Mozart per la regia di Graham Vick. 

Venerdì 7 novembre alle ore 20,30 e domenica 9 alle ore 16 (anteprima giovani mercoledì 5 novembre alle ore 17), va in scena la “Tosca” di Giacomo Puccini, nella nuova produzione della Fondazione Pergolesi Spontini in coproduzione con Teatro dell’Aquila di Fermo. L’opera viene proposta nell’allestimento originario realizzato in coproduzione tra Fondazione Pergolesi Spontini di Jesi, Sferisterio Opera Festival di Macerata, Teatri S.p.A. di Treviso – Società Strumentale della Fondazione Cassamarca. Dal 1911, dove ha debuttato per la prima volta sul palcoscenico del Teatro Pergolesi, l’opera è stata rappresentata a Jesi altre 14 volte.


Antonio Pirolli – già direttore del Teatro di Ankara dal 1995 al 2001 e dal 2002 direttore del Teatro d’Opera di Istanbul – dirige la FORM Orchestra Filarmonica Marchigiana ed il Coro Lirico Marchigiano “V. Bellini” (maestro del coro è Carlo Morganti). Regia scene e scene e costumi sono del veneziano Massimo Gasparon. Nel cast grandi interpreti delle scene liriche internazionali; nel ruolo di Tosca, che ha debuttato recentemente a Lecce, è il soprano greco Dimitra Theodossiou, considerata come uno dei più importanti soprani a livello internazionale per le straordinarie peculiarità vocali e una forza espressiva fuori del comune che le hanno consentito di imporsi come interprete ideale del grande repertorio Verdiano e del Belcanto “drammatico”; il tenore spagnolo Alejandro Roy  torna a Jesi nel ruolo di Mario Cavaradossi, già interpretato con successo nel 2008; il baritono americano Thomas Hall interpreta il Barone Scarpia. Completano il cast il basso Fabrizio Beggi (Angelotti), il tenore Saverio Pugliese (Spoletta), il baritono Paolo Orecchia (Sagrestano), il basso-baritono di origine anconetana Giacomo Medici (Sciarrone), ed il basso Gianni Paci (un carceriere). Ilaria Frenquelli è il Pastorello.

Da segnalare la presenza del Coro dei Pueri Cantores “D. Zamberletti” di Macerata e del Coro di voci bianche Scuola Musicale “G.B. Pergolesi” di Jesi.

L’opera “è ambientata in una Roma trionfante e tetra, decadente e splendente allo stesso tempo. Ho rivisto la Roma del Caravaggio con i suoi chiaroscuri di forte drammaticità; la Roma del Bernini e del Borromini, marmorea e funebre”. Così racconta Massimo Gasparon, regista, scenografo e costumista, che spiega: “Puccini pretende l’unità di luogo, di tempo e di azione per coinvolgere lo spettatore dall’inizio alla fine e come in un thriller tra i più riusciti sa bene che non deve mai risultare prolisso, soprattutto nel finale. La vera arte non deve mai apparire tale e Puccini ha la geniale capacità di presentare ogni situazione musicale come inevitabile, naturale e spontanea, mentre ne controlla i registri con maestria assoluta.  Ho cercato di procedere allo stesso modo: unità di luogo e di tempo attraverso una scenografia unica e tripla che da chiesa si trasforma in palazzo e poi in carcere, senza soluzione di continuità, per richiamare anche la skené greca che con la sua tripartizione sintetizzava ed evocava ogni luogo e ogni situazione della vicenda. I colori scelti sono quelli del Bernini, del marmo portoro nero screziato di venature dorate, ai capitelli e alle trabeazioni in marmo giallo antico, funebri e splendenti nella loro aulicità. I costumi seguono la rigida aulicità di David attraverso l’uso del bianco e del nero, dei velluti verde scuro e le feluche di napoleonica memoria”. Infine, “è fondamentale non limitare i caratteri dei principali personaggi alla tradizione, quanto invece renderli funzionali all’azione e al racconto: Scarpia non è solamente un sadico impunito che si diverte torturando e ricattando altri esseri umani. La stessa Tosca in alcuni momenti nel secondo atto giunge quasi a provare una perversa attrazione verso l’assoluta dissolutezza emozionale di Scarpia. E’ il fascino sottile ed inevitabile della violenza e dell’odio”.

 

La 47^ stagione lirica di Jesi è organizzata dalla Fondazione Pergolesi Spontini, con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dei Soci Fondatori (Regione Marche, Comune di Jesi, Comune di Maiolati Spontini), dei Partecipanti Aderenti (Comuni di Monsano, Montecarotto, San Marcello), del Partecipante Sostenitore (Camera di Commercio di Ancona), dei Fondatori Sostenitori (Art Venture: Gruppo Pieralisi, Leo Burnett, Moncaro, New Holland-Gruppo Fiat, Starcom Italia), ed il patrocinio del Consiglio Regionale delle Marche. Sponsor principale è Banca Marche.

© 2014, Redazione. All rights reserved.




4 Novembre 2014 alle 16:52 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


Ricerca personalizzata