Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 16:42 di Ven 22 Nov 2019

Comuni Ricicloni per la Regione Marche ad Ascoli Piceno

di | in: Cronaca e Attualità, dal Piceno

comuni ricicloni 2014

image_pdfimage_print

2 Comuni del territorio provinciale raggiungono il traguardo del 65% di differenziata e si aggiudicano la maglia diricicloni

La Provincia di Ascoli Piceno continua ad investire nella raccolta differenziata

che dal 2012 al 2013 ha registrato un incremento del 4,97%

Ascoli Piceno, 23 Dicembre 2014 – Cresce ancora la raccolta differenziata nella Provincia di Ascoli Piceno. Sono 2 i Comuni della Provincia che si sono aggiudicati il titolo diComune Riciclone per la Regione Marche 2014superando il 65% di raccolta differenziata nell’anno 2013, percentuale prevista dal Codice dell’Ambiente.

Monteprandone (70,17%) e Montefiore dell’Aso (69,25%), sono i Comuni della Provincia di Ascoli Piceno che si sono aggiudicati il titolo di “Comuni Ricicloni per la Regione Marche 2014”, l’iniziativa promossa dall’Assessorato all’Ambiente della Regione Marche e Legambiente Marche, che ha premiato nel complesso 103 Comuni marchigiani.

La percentuale di raccolta differenziata nella Provincia di Ascoli Piceno si attesta, per l’anno 2013, al 51,22%, con un incremento del 4,97% rispetto all’anno precedente. La Provincia di Ascoli Picenoha continuato ad investire nella raccolta differenziata, ottenendo buoni risultati, ma i dati evidenziano che è ancora al di sotto della media regionale, che è pari al 60,27%. Ogni abitante della Provincia, all’anno, produce 534kg di rifiuti procapite contro una media regionale di 513 kg.

 


Nella provincia spicca un’esperienza tra le più innovative nelle Marche, quella del ComunediFolignano, che con il 55,46% di raccolta differenziata, ha intrapreso dal 2010 un percorso verso la diminuzione della produzione dei rifiuti e verso l’incentivazione della raccolta differenziata, diminuendo al contempo i costi di gestione e coinvolgendo la popolazione anche attraverso la creazione di un gruppo di eco volontari. L’adozione di importanti politiche sulla prevenzione ha così permesso di raggiungere ottimi risultati. La produzione procapite dei rifiuti comunali, si attesta, infatti, a soli 284 kg procapite ed essendo inferiore di almeno il 30% rispetto alla media dell’ ATO di appartenenza, permetterà al Comune di Folignano l’esenzione dall’addizionale del 20% al tributo in discarica che dovranno invece pagare gli altri Comuni che non hanno raggiunto il 65 % di RD.

Un particolare plauso ai due Comuni di Monteprandone e Montefiore dell’Aso che hanno ottenuto il riconoscimento di “Comuni Ricicloni per la Regione Marche”. Sul versante della prevenzione, anche sulla base dell’eccellente risultato raggiunto dal Comune di Folignano la Regione Marche – ha dichiarato l’Assessore regionale all’Ambiente Maura Malaspina – proseguirà attraverso l’adozione di un Programma regionale specifico e l’istituzione del marchio di qualità “Comune libero da rifiuti” ad incrementare gli sforzi per ridurre il più possibile la produzione di rifiuti urbani nel territorio regionale in pieno accordo con le strategie Europee.”

Esprimo vivo apprezzamento ai Comuni di Monteprandone e Montefiore che hanno raggiunto risultati d’eccellenza conseguendo l’importante riconoscimento di Legambiente e il Comune di Folignano che ha intrapreso un percorso di forte sensibilizzazione dei cittadini a dimostrazione che ci sono enti locali molti virtuosi nel territorio Piceno, tuttavia come dato medio siamo l’ultima Provincia delle Marche per quanto riguarda la percentuale di differenziata – evidenzia il Presidente della Provincia Paolo D’Erasmo designato anche come Presidente dell’ATAvogliamo quindi lavorare insieme per migliorare e risalire rapidamente nella classifica allineandoci con le previsioni normative: una sfida decisiva che impegna non solo i soggetti pubblici come i Comuni, ma anche le imprese del territorio e i cittadini, è questa infatti la strada obbligata per diminuire i quantitativi dei rifiuti conferiti in discarica. Un obiettivo a cui al Provincia intende puntare con decisione guardando al rifiuto non solo come un costo, ma anche come possibile risorsa nell’ottica del riciclo e del riutilizzo“.

Partendo da un miglioramento rispetto agli scorsi anni, aumentare la percentuale e la qualità della raccolta differenziata e puntare sulla riduzione dei rifiuti sono i principali obiettivi che i Comuni della Provincia di Ascoli Piceno dovranno perseguire – hanno dichiarato Luigino Quarchioni e Francesca Pulcini, rispettivamente Presidente e Vice Presidente di Legambiente Marche -. Esiste un crescente interesse tra le amministrazioni comunali alla gestione sostenibile dei rifiuti ma è necessario accompagnare coloro che non hanno ancora ottenuto buoni risultati, puntando sul passaggio da tassa a tariffa così da perseguire un sistema più equo ed efficiente”.

L’iniziativa è stata organizzata dalla Provincia di Ascoli Piceno, Assessorato all’Ambiente della Regione Marche e Legambiente Marche con il patrocinioeilcontributodiComieco, Ricrea e Sartori Ambiente eilpatrociniodiProvinciadiPesaroeUrbino,ARPAM,ANCIMarche,UNCEMMarche,Conai,CiAl,ConsorzioItalianoCompostatori,COREPLA,CoReVe,Rilegno.

© 2014, Redazione. All rights reserved.




23 Dicembre 2014 alle 21:21 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


Ricerca personalizzata