dalla Regione Marche

dalla Regione Marche

2014-12-20 

50 anni della Lega del Filo d’oro, il presidente della Regione Spacca: “Esempio più alto della grande solidarietà dei marchigiani”

 

 

“La Lega del Filo d’oro è uno dei più alti riferimenti della grande solidarietà che le Marche sanno esprimere. Per questo il ringraziamento più forte va agli animatori dell’associazione e a tutta la comunità osimana”. Così il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, intervenendo questa mattina a Osimo alle celebrazioni per i 50 anni dalla fondazione della Lega del filo d’oro.

“Siamo una regione che  fa della solidarietà un punto d’orgoglio – ha detto – Le Marche vantano il primato nazionale per numero di volontari, sono tra i territori con il maggior numero di donazioni di organi e donatori di sangue. Di questa generosità il Filo d’Oro è il punto più alto d’espressione. I marchigiani usano un linguaggio fatto di poche parole e di molta concretezza. Un linguaggio che questa realtà parla da sempre. Ci aspettano momenti ancora molto duri – ha concluso – ma esperienze come questa ci guidano con speranza. Con la stessa determinazione che ha caratterizzato i fondatori della Lega del Filo d’Oro, rimanendo uniti e coesi, avendo questi esempi, troveremo la forza per superare le difficoltà”.

Sanità, Marche al top nella classifica del Ministero sui Lea

 

 

Spacca, MezzolaniSpacca, Mezzolani

Ancona – “Obiettivi e risultati così lusinghieri non si ottengono mai da soli. Il governo regionale ha creduto con grande determinazione nella riforma grazie alla quale, in pochi anni, la sanità marchigiana si è attestata come una delle più virtuose per costi e qualità dei servizi. Ma questo non sarebbe stato possibile senza il sacrificio quotidiano, la professionalità e la passione degli operatori che nel sistema lavorano giorno dopo giorno. Un’affermazione collettiva, quindi, quella che viene nuovamente certificata a livello nazionale”. Così il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, commenta i risultati, per le Marche, del Tavolo 2013 di verifica degli adempimenti dei Lea, i Livelli essenziali di assistenza, istituito presso il Ministero della Salute. Il Tavolo, che sta concludendo in queste settimane l’iter per tutte le regioni, ha già certificato un punteggio di 191 per le Marche che si posizionano così tra i primi posti in Italia per qualità dei servizi, migliorando la propria posizione rispetto alla precedente valutazione.

I punteggi vengono assegnati in base a 31 indicatori che vanno dall’assistenza ospedaliera alle liste d’attesa, dal controllo della spesa farmaceutica alle campagne di vaccinazione e screening, dai servizi domiciliari ai consultori, dalla specialistica alla diagnostica ambulatoriale. Una “pagella”, dunque, in grado di “certificare” dove il sistema sanitario pubblico funziona e dove no. “C’è la piena consapevolezza – prosegue Spacca – che si può ancora migliorare, che alcune criticità permangono. Ma il fatto che, valutazione dopo valutazione, graduatoria dopo graduatoria, certificazione dopo certificazione, le Marche mantengono saldi i primissimi posti per rapporto tra spesa e qualità dei servizi ci conforta nelle scelte compiute. Va soprattutto ricordato che prima della riforma sanitaria regionale per cui siamo stati pionieri in Italia, seguiti oggi da blasonate regioni italiane, la sanità marchigiana arrancava in fondo alle classifiche, era tra le più indebitate a livello nazionale. L’orgoglio per i risultati raggiunti è un patrimonio per tutta la comunità regionale”.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com