Charlie Hebdo, Biumor e Popsophia al liceo Filelfo di Tolentino

Charlie Hebdo, Biumor e Popsophia al liceo Filelfo di Tolentino

Tolentino – 21 Gennaio 2015 Scherza con i fanti e lascia stare i santi! Un incontro organizzato da Biumor e Popsophia con gli studenti del Liceo Filelfo di Tolentino sugli eventi che poche settimane fa hanno provocato 12 vittime nella redazione del settimanale Charlie Hebdo.

La riflessione è iniziata con la visione delle copertine dei numeri della rivista satirica parigina  presenti nel Museo dell’Umorismo e dei fogli regalati nel 1967 a Tolentino dal grande disegnatore Wolinski tra le vittime dell’attacco terroristico del 7 gennaio scorso.

Da Le Canard Enchainé a Hara-Kiri, l’avventura di tutti i mensili e settimanali satirici francesi si distingue per un approccio del tutto libero e irriverente nei confronti della cultura, della politica, della religione, della società e del costume.

Il tema sarà ripreso e sviluppato durante le giornate di #oppureridi nell’ultima settimana di agosto al Castello della Rancia di Tolentino.

Gli studenti e gli insegnanti del liceo Filelfo sono stati invitati ad essere protagonisti degli appuntamenti del festival che Popsophia dedica alla riflessione sull’umorismo. “Di fronte a un simile fatto di cronaca – ha sottolineato Lucrezia Ercoli, direttrice artistica di Popsophia e autrice del volume “Filosofia dell’Umorismo” (Inschibboleth, 2013) – la filosofia può aiutare a interpretare il rapporto tra verità e satira. Su cosa sia lecito scherzare è un problema molto antico che affonda nelle origini stesse del pensiero e che è tornato di stringente attualità. Tolentino, con il primo festival nazionale di filosofia dell’umorismo, è diventato un avamposto del dibattito nazionale su questi temi e le istituzioni scolastiche devono esserne protagoniste.”

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com