dal Piceno

dal Piceno
I cinque presidenti delle Province alla Regione Marche: “Sull’esempio dell’Emilia Romagna, salvaguardare i servizi ai cittadini”
29-01-2015

“Non possiamo più aspettare: scuole, strade, disabili sensoriali attendono risposte che dovevano arrivare già dal primo gennaio”

“Chiediamo alla Regione Marche di seguire l’esempio dell’Emilia Romagna, che in questa fase di transizione, in attesa dell’approvazione della legge di riordino del sistema locale, ha assicurato alle Province le risorse necessarie a garantire la continuità dei servizi ai cittadini. Non possiamo più aspettare: le scuole, le strade, i disabili sensoriali attendono risposte che dovevano arrivare già dal primo gennaio”.
E’ la ferma presa di posizione dei presidenti delle cinque Province marchigiane (Liana Serrani di Ancona, Daniele Tagliolini di Pesaro e Urbino, Antonio Pettinari di Macerata, Paolo D’Erasmo di Ascoli Piceno e Fabrizio Cesetti di Fermo), che invitano la Regione Marche da un lato a colmare i ritardi legati ai suoi obblighi di legge (approvando la normativa con cui vengono definite in maniera certa le competenze che faranno capo alla Regione e quelle delegate alle Province), dall’altro a far sì che il caos generato dall’incrocio tra legge di stabilità e “Riforma del Rio” non ricada ancora una volta sui cittadini, visti i tagli che impediscono alle Province la manutenzione delle strade e delle scuole, i servizi di assistenza ai bambini non udenti e non vedenti, l’assolvimento delle delicate competenze in campo ambientale.
“Ci auguriamo che questo momento di difficoltà – dicono i cinque presidenti – non venga strumentalizzato dalla Regione a fini elettorali, visto che a maggio si terranno le regionali. Non vorremmo essere lasciati nel limbo fino a quella data, occorrono risposte urgenti e non più rinviabili”.
Sala del Consiglio ProvincialeSono ormai mesi che i cinque presidenti delle Province marchigiane portano questi problemi all’attenzione della Regione, in numerosi incontri con il vice presidente Antonio Canzian e anche con l’assessore al bilancio Pietro Marcolini. E’ recente la lettera spedita ai prefetti dei rispettivi territori, al presidente della Regione Gian Mario Spacca, ai procuratori della Repubblica presso i tribunali territoriali e al presidente della Corte dei Conti di Ancona, in cui viene evidenziata l’impossibilità di garantire l’erogazione dei servizi pubblici essenziali visti i tagli al comparto delle Province.
“Con forte senso di responsabilità intriso di preoccupazione – avevano scritto i presidenti in quella lettera – temiamo che lo stato di manutenzione delle strade provinciali, principalmente nel periodo invernale, possa essere causa di tragedie stradali, come purtroppo siamo abituati a leggere sulla stampa locale e nazionale. Vorremmo scongiurare quelle responsabilità non dovute ad incapacità politico-amministrativa, ma conseguenti a scelte che certamente non abbiamo né auspicato né condiviso. C’è poi il timore di dover necessariamente interrompere i servizi essenziali di competenza dei nostri enti, con effetti deleteri sui cittadini delle nostre comunità”.

“Open Day della Memoria” per il 70° anniversario della liberazione di Auschwitz

Apertura straordinaria delle biblioteche rete S.I.P.

 

L’Amministrazione Provinciale ricorda che, sabato 31 gennaio, si svolgerà il cosiddetto “Open Day della Memoria” con l’apertura straordinaria di varie Biblioteche del territorio Ascolano appartenenti del Polo SIP (Sistema Interprovinciale Piceno). L’iniziativa conclude la settimana di commemorazioni dedicate al “Giorno della Memoria” nell’anno del Settantesimo anniversario della Liberazione di Auschwitz, promuovendo il valore universale della cultura come strumento di conoscenza e di crescita civile ed umana e contro ogni discriminazione.

 

Aderiscono alla giornata le biblioteche comunali di Ascoli Piceno, Castel di Lama e San Benedetto del Tronto (ore 9 – 13) e le biblioteche comunali di Ripatransone (ore 10 – 13), Colli del Tronto e Montemonaco (ore 10 – 12) nonché la biblioteca di Comunanza che al mattino e nel pomeriggio, dalle 15 alle 17, propone materiale informativo in collaborazione con l’ANPI locale. Alla giornata partecipa anche la biblioteca Archeoclub di Cupra Marittima con orario 9 – 12.

 

Da sottolineare l’apertura straordinaria della Biblioteca Provinciale di Storia Contemporanea “Ugo Toria” di Ascoli Piceno, che ha organizzato un pomeriggio dedicato alla conoscenza del tragico e doloroso episodio della deportazione degli Ebrei Italiani del Ghetto di Roma. La biblioteca sarà aperta dalle 15.30 alle 18.30 e saranno disponibili bibliografie ragionate e filmografie sul tema della shoah e delle persecuzioni nazi fasciste. In particolare, alle 17, sarà proiettato il film di Ettore Scola “Concorrenza Sleale” del 2001. La pellicola ritrae la normale esistenza di due commercianti romani (un ebreo) e delle loro famiglie. Tormentati dal buon esito degli affari, incrociano le loro vicende tra quotidiane schermaglie fino a che vengono drammaticamente travolti dalle Leggi Razziali con tutte le terribili conseguenze. Alla feroce follia dei capi sanguinari si contrappone l’umanità solidale dei singoli.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com