Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 09:33 di Lun 13 Lug 2020

da Giulianova

di | in: Cronaca e Attualità

assessore Di Giacinto e Sindaco Mastromauro

image_pdfimage_print

Approvati i progetti esecutivi per gli interventi sulle scuole dell’infanzia di via Mattarella e di via Simoncini.

156 mila euro l’importo dei lavori.

 

Sono stati approvati i progetti esecutivi, a firma degli ingegneri Pietrantonio Cascioli, Alessandro Tucci, Franco Giancamillo e dell’ architetto Leo Medori, relativi agli interventi sulle scuole dell’infanzia di via Mattarella e via Simoncini.

I lavori, aggiudicati all’impresa Edilstrade S.r.l. su un importo complessivo di 156 mila euro, concernono l’ampliamento e la parziale ristrutturazione interna dell’edificio scolastico di via Mattarella e la parziale ristrutturazione interna della sede di via Simoncini.

Per l’edificio di via Mattarella, in particolare – affermano il sindaco Francesco Mastromauro e l’assessore ai Lavori pubblici Nello Di Giacintosi provvederà anche ai nuovi impianti idrico-sanitario, elettrici, di illuminazione e per il riscaldamento. Questa Amministrazione prosegue dunque con decisione sulle linee di intervento a favore dei plessi scolastici tracciate a partire dal 2009. Tra il 2010 e il 2011 sono stati spesi oltre 854 mila euro per il primo adeguamento alle norme antincendio, mentre per il triennio 2015/2017 sono stati previsti interventi per complessivi 270 mila euro. Riguardo poi al miglioramento sismico, stiamo ultimando l’adeguamento del complesso che ospita le materne e le elementari di Zona Orti per una spesa di 1.596.000 euro, mentre ammonta a 893.000 euro la somma per gli interventi sulla media “Bindi”. E’ invece di 1.238.000 euro il finanziamento regionale ottenuto per il miglioramento sismico riguardante la scuola “De Amicis” ed il plesso scolastico dell’Annunziata: per la prima sono infatti destinati 547 mila euro mentre per il plesso dell’Annunziata vi sono a disposizione 691 mila euro. Insomma, la nostra attenzione rimane altissima per garantire non solo la sicurezza ma anche le migliori condizioni di fruibilità”.


 

Riunione sulla settimana corta.

Anche il dirigente Nardocci in sintonia con il sindaco: “La scuola è centro di comunità. La proposta di Mastromauro è di buon senso. Evitare ricorso al TAR per ripercorrere il processo decisionale”.

 

Mi fa piacere che ci sia un sindaco che intenda occuparsi dei problemi della comunità. Non è sempre scontato. E poiché la scuola è centro di comunità, credo che quella del sindaco sia una proposta di buon senso”.

Così si è espresso Massimilano Nardocci, dirigente dell’Ambito Territoriale di Teramo, in occasione dell’incontro tenutosi oggi, 21 luglio, nella sala riunioni della sede dell’Ambito Territoriale alla presenza dello stesso sindaco, della vice Nausicaa Cameli, del dirigente comunale Andrea Sisino, della dirigente del 1° Circolo Carmen Di Odoardo, della sua vice Antonella Collevecchio, della presidente del Consiglio d’Istituto Cristiana Cipolloni, del rappresentante della ditta di trasporto scolastico, Sergio Gaspari, nonché di alcuni rappresentanti dei genitori sia pro che contro la “settimana corta”.

Il sindaco ha esordito ribadendo come la questione della settimana corta non debba costituire una disputa con “vincitori” o “vinti” perché prioritario è “l’interesse dei bambini”. “E in questo momento – ha proseguito il sindaco Mastromauro – non abbiamo bisogni di ricorsi al TAR né di contrapposizioni, ma di trovare una soluzione. Che però deve essere condivisa. Mi rendo conto come la dirigente Carmen Di Odoardo si trovi in una posizione difficile. Ha tutta la mia comprensione. E continuerà ad avere, da parte dell’Amministrazione, supporto e interlocuzione. Purchè erchè gli enti debbono tra loro interoloquire. Io credo che una soluzione sia possibile, perché dal confronto è emersa la mancanza di una pregiudiziale nei confronti della settimana corta. Non è in gioco quindi, da parte dei genitori schierati per il “NO”, la settimana corta. Ma solo i modi e i tempi di attuazione. E d’altronde ognuna delle posizioni non è sprovvista di ragionevolezza. Ci sono, come in ogni situazione, sia pro che contro. Ma oggi dobbiamo fermare le bocce perché il metodo seguito non ha tenuto conto della necessaria condivisione”.

Anche il dirigente Nardocci ha voluto ribadire la necessità di evitare ricorsi che porterebbero altri a decidere “esautorando l’autonomia scolastica e l’autorità locale”, non nascondendo però le sue perplessità in relazione soprattutto ai problemi riguardanti l’inesistenza della mensa, con le conseguenti questioni di carattere anche igienico-sanitarie, e l’impossibilità, evidenziata da Sergio Gaspari, di rimodulare il sistema del trasporto scolastico a fronte di tempi giudicati troppo brevi. L’esortazione del dirigente Nardocci è stata quindi quella di “ripercorrere il processo decisionale. Credo sia possibile – ha aggiunto Nardocci – che il Consiglio d’Istituto possa pure giungere ad un riesame. Anche alla luce di alcune discrepanze evidenziate”.    

 

Riunione 21 luglio a Teramo su Settimana corta

Riunione 21 luglio a Teramo su Settimana corta

Domani conferenza stampa per illustrare il bilancio di previsione.

 

Domani, 22 luglio, alle ore 11 nella Sala consiliare del Comune conferenza stampa per illustrare il Bilancio di previsione.

© 2015, Redazione. All rights reserved.


Sostieni www.ilmascalzone.it
La lettura delle notizie è gratuita ma i contributi sono graditi. Se ci credi utili sostienici con un contributo a tua scelta intestato a Press Too Srl
IBAN: IT07L0847424400000000004582
Banca del Piceno Credito Cooperativo – Filiale San Benedetto del Tronto 2




21 Luglio 2015 alle 16:38 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


My Web TV Marche

• Coronavirus Marche: aggiornamento
• Ritorno al futuro
• dalla Regione Marche


Social

Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On YoutubeVisit Us On Instagram
Ricerca personalizzata