FiloFest chiude con la lectio magistralis di Umberto Galimberti

FiloFest chiude con la lectio magistralis di Umberto Galimberti

FILOFEST 2015

ALCUNE CENTINAIA DI PERSONE PER LA PASSEGGIATA FILOSOFICA. SUCCESSO PER LA SIT COMMEDY PSICOLOGICA “A CENA CON JUNG” E PER I PIATTI CON PRODOTTI LOCALI DI ECCELLENZA. DOMENICA SI CHIUDE CON LA LECTIO MAGISTRALIS DI GALIMBERTI.

Amandola (FM) – Domenica mattina alle 11.00, il Filofest chiude con la lectio magistralis di Umberto Galimberti, professore ordinario di Filosofia della Storia all’università Ca’ Foscari di Venezia, scrittore con moltissime opere all’attivo, editorialista molto prolifico in importanti testate nazionali ed internazionali sia di settore che divulgative, spesso ospite in importanti programmi televisivi. Allievo di Jaspers e studioso di psicologia è membro ordinario dell’International Association for Analytical Psychology. Una trentina di libri pubblicati e diversi testi tradotti in molte lingue straniere. Sarà preceduto da un intervento musicale di “Aquila Altera Ensemble”. Venerdì sera la riflessione, il confronto, l’espressione di se stessi, l’autenticità, tutti aspetti favoriti dall’ambiente naturale incantevole del lago di S. Ruffino e del Parco dei Cervi, hanno fatto da cornice alla Passeggiata Filosofica con la partecipazione di alcune centinaia di persone provenienti da varie regioni.

Filofest - passeggiata filosofica intorno al lago
Filofest – passeggiata filosofica intorno al lago

Magistrale la guida dei filosofi Andrea Ferroni e Sergio Labate, che partendo dal senso e significato della morale insita in ognuno di noi hanno creato stimoli di ampia partecipazione nel pubblico. Affollatissima e di grande coinvolgimento anche la sorpresa del Festival, una sit commedy psicologico-filosofica tra il celebre psicoanalista Carl Gustav Jung e la collega ed amante Sabina Spielrein, magistralmente interpretati da Andrea Ferroni ed Angelica Malvatani. Un confronto intervista a tutto campo sui vari aspetti della psicologia analitica di Jung e le differenziazioni con la dottrina freudiana, dalla metodologia al ruolo dei simboli e degli archetipi, dall’inconscio collettivo al principio d’individuazione. Molte poi le domande del pubblico. Di notevole gradimento anche la cena di valorizzazione dei produttori di eccellenza del territorio.

 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com