La poesia di Rossella Frollà ha incantato il pubblico della Palazzina

La poesia di Rossella Frollà ha incantato il pubblico della Palazzina

Discreto successo per la mostra di grafica di Livio Ceschin 

 

San Benedetto del Tronto, 2015-08-07 – Dal 25 luglio al 5 agosto la Palazzina Azzurra ha ospitato la mostra “L’eredità del segno” di Livio Ceschin incisore di caratura mondiale con illustrazioni. Nell’ambito della mostra, venerdì 30 luglio, nel giardino della Palazzina, è stato presentato il testo poetico “Violaine” di Rossella Frollà che accoglie tredici incisioni di Ceschin.

 

È stata una serata all’insegna della poesia e non solo. Oltre a Ceschin, sono intervenuti i poeti Davide Rondoni e Claudio Damiani, nonché il saggista – critico – scrittore Paolo Lagazzi che hanno alternato loro letture a quelle dell’autrice.

 

Arte, saggistica e scrittura, aggiunte alla poesia, hanno animato la serata nella quale il numeroso pubblico presente in Palazzina ha potuto apprezzare il volume “Violaine”: “opera che dà consistenza al rapporto profondo e inscindibile fra natura e io interiore – spiega l’autrice Frollà – libro che, a somiglianza del personaggio Violaine del dramma “L’annuncio a Maria” di Paul Claudel, sale verso una chiarificazione del fine intero dell’esistenza, passando per le figure dell’amore e della sofferenza”.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com