La Samb a Fedeli: nota del Sindaco

La Samb a Fedeli: nota del Sindaco

di Giovanni Gaspari*

 

San Benedetto del Tronto, 2015-08-05 – Nel giorno in cui il nuovo Presidente della Sambenedettese Calcio si presenta alla città, intendo rivolgere alla famiglia Fedeli un grande “in bocca al lupo” o, come si dice da queste parti, un “buon vento” per questa nuova avventura. L’auspicio è che la nostra amata Samb possa continuare a navigare in acque economicamente tranquille tentando di approdare in “porti” più confacenti alla gloriosa tradizione rossoblù.

 

Già ho avuto modo di ribadire al neo presidente Fedeli che, da parte dell’Amministrazione comunale, ci sarà una leale e fattiva collaborazione che, nell’immediato, si concretizzerà nella sistemazione del manto erboso del “Riviera delle Palme”.

 

Devo ammettere che, in nove anni trascorsi da Sindaco, tutti coloro che, a vario titolo, hanno tentato di avvicinarsi alla Samb, prima sono venuti ad incontrare me e poi la dirigenza rossoblù di turno. Il presidente Fedeli ha fatto il contrario, e questo è un segnale di grande serietà che non mancherà di produrre positivi effetti anche nei rapporti con il Comune, proprietario dello stadio.

 

Ma questa è l’occasione anche di manifestare sentimenti di gratitudine miei personali e, credo, dell’interno mondo del calcio cittadino, per Gianni Moneti e il co-presidente Manolo Bucci.

Fin dal luglio 2013, in una situazione disperata per le sorti della Samb, Moneti, che inizialmente doveva solo sponsorizzare la squadra, decise di mettersi in gioco e di raccogliere la società dalle macerie derivanti da una pesantissima situazione pregressa. Con Moneti la Samb è ripartita, ha vinto un campionato di Eccellenza e, fatto inedito da 20 anni a questa parte, ha ceduto la società secondo quanto previsto dalla legge, ovvero senza un passaggio nelle aule dei tribunali fallimentari. E, per quanto ci è dato sapere, la Sambenedettese calcio è stata consegnata ai nuovi proprietari con un bilancio sano. E mai abbiamo ricevuto, in questi due anni, richieste che non fossero strettamente attinenti alla gestione societaria, cosa niente affatto scontata visti i precedenti. Mai come stavolta è valido il detto secondo cui “una persona si giudica non da come si presenta, ma dall’impressione che lascia quando si allontana”.

 

Ora non resta che far sentire tutto il nostro sostegno alla nuova società e alla squadra e augurarci che consegnare il “Riviera delle Palme” con una capienza di oltre 15.000 spettatori possa essere di buon auspicio per il prossimo campionato e per il futuro della Sambenedettese calcio.

 

 

 

*Sindaco

 

il Tempio del Tifo © www.ilmascalzone.it
il Tempio del Tifo © www.ilmascalzone.it
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com