dalla Regione Marche

dalla Regione Marche

28 ago 2015

Tpl: per scongiurare tagli, adeguato il tetto tariffario; confermate garanzie per fasce deboli

Una delibera della Giunta regionale adegua il tetto delle tariffe per il trasporto pubblico locale. Un provvedimento necessario per scongiurare un taglio di 10 milioni del già esiguo Fondo nazionale dedicato al settore. Una ulteriore significativa decurtazione che sarà applicata se non saranno rispettati i criteri di efficienza ricavi/costi posti dall’Osservatorio nazionale TPL (Trasporto pubblico locale). Lo ha comunicato, questa mattina, l’assessore ai Trasporti Angelo Sciapichetti, il quale ha segnalato come sia, a questo punto, inevitabile l’adeguamento dei tetti delle tariffe, peraltro bloccati da due anni. La Giunta regionale ha pertanto approvato, questa mattina, una delibera che prevede una forbice che, per i biglietti di corsa semplice, potrà andare dai 10 centesimi della prima fascia (percorsi urbani e percorsi extraurbani fino a sei chilometri) e i 35 della nona (a ogni fascia corrisponde un aumento di percorrenza di sei chilometri, fino a 50 chilometri, la nona fascia prevede un range di 10 chilometri). Adeguamenti proporzionalmente analoghi sono previsti per gli abbonamenti settimanali, mensili e annuali.

“La Regione – spiega Sciapichetti – sta portando avanti, a livello nazionale, l’annosa questione relativa all’assegnazione dei fondi per il trasporto pubblico locale che, attualmente, ci vede ultimi nella classifica della quota per abitante, in quanto, per la suddivisione, viene ancora applicato il criterio della spesa storica. Parallelamente al nostro lavoro con il Governo e in Conferenza delle Regioni per supplire a questa grave carenza, siamo ormai costretti ad adeguare i tetti. Resterà fermo – conclude l’assessore – l’ampio sistema di garanzia per le fasce deboli, unito a ulteriori impegni, da parte delle agenzie di trasporti, a riorganizzare e razionalizzare il servizio in funzione della reale distribuzione della domanda di mobilità, ad adottare misure efficaci di contrasto all’evasione tariffaria e a concertare un programma di servizi gratuiti per gli enti, a particolare valenza sociale, destinati all’utenza giovanile al di fuori degli orari scolastici”.

IX EDIZIONE DEL FESTIVAL ADRIATICO-MEDITERRANEO – LE INIZIATIVE DELLA REGIONE MARCHE.

Nell’ambito della IX edizione del Festival Adriatico-Mediterraneo di Ancona anche quest’anno la Regione Marche – Assessorato all’Ambiente – ha organizzato eventi che approfondiscono le questioni ambientali, la biodiversità, la vita degli animali e i rapporti che intercorrono tra essi e l’uomo. Il proposito è di avvicinare il pubblico agli aspetti che riguardano il nostro mare, alle sue realtà ecologiche e ai delicati equilibri che ne governano da milioni di anni il funzionamento. In questa edizione la questione portante sono “I ponti”, come collegamenti tra differenti culture, esperienze, pratiche, delle opposte sponde. La proposta regionale verte su due Convegni che si volgeranno presso la Loggia dei Mercanti di Ancona il 30 agosto. Alle 10, “L’uomo e gli animali d’affezione: un’opportunità relazionale”: il convegno tratterà delle interazioni che riguardano l’uomo e gli animali scelti come compagni di vita; l’Assessorato regionale si occupa da tempo delle problematiche inerenti il benessere animale e la lotta al randagismo ai sensi e della L.R. 10/97 promuovendo con le Associazioni di volontariato interventi di miglioramento delle strutture che ospitano gli animali abbandonati e di formazione e informazione dei cittadini. Rientra in tale contesto anche l’organizzazione e la partecipazione ad iniziative come il progetto “la Scuola adotta un canile”. Sarà presente all’incontro un esperto di livello internazionale, il prof. Roberto Marchesini. Interverranno anche il prof. Andrea Spaterna direttore dell’Ospedale Veterinario Universitario dell’Università di Camerino, la dott.ssa Chiara Catalani Veterinario esperto in comportamento, il dott. Stefano Gavaudan Dirigente veterinario dell’Istituto zooprofilatico Umbria-Marche, il dott. Simone Cecchini Commissario corpo del Corpo forestale, il dott. Rocco Coretti, coordinatore delle Guardie zoofile OIPA. Nel pomeriggio invece, alle 17, si terrà l’incontro “Come sta il nostro mare? Ambiente e specie a rischio”, che affronterà vari aspetti che caratterizzano il mare Adriatico quale sub bacino del Mediterraneo, per consentire il confronto e la possibile integrazione dei risultati delle indagini che gli istituti scientifici regionali autonomamente effettuano. La messa a confronto e la sintesi delle posizioni che saranno espresse può consentire l’elaborazione di un quadro delle condizioni chimico-fisiche-biologiche marine: i relatori esporranno i dati in possesso rispetto alla qualità delle acque e allo stato di salute dell’ecosistema marino e delle specie che lo abitano in riferimento alle norme vigenti e ai vari filoni di ricerca. Una riflessione importante verterà sulla diffusione drammaticamente in aumento di nuovi inquinanti “emergenti” (molecole simil-ormonali, microplastiche, idrocarburi) che non trattenuti dai normali sistemi di depurazione invadono le acque comportando pericolose contaminazioni dei sedimenti marini e quindi delle carni di pesce di cui anche noi ci cibiamo. Saranno presenti i maggiori esperti locali sui temi dl mare: Mauro Marini del CNR-ISMAR, Francesco Regoli e Carlo Cerrano dell’Università politecnica delle Marche, Tristano Leoni dell’ARPAM, nonché esperti di livello internazionale come il parlamentare europeo Marco Affronte e l’esponente LAV Gaia Angelini Il legame tra il contenitore mare e la miriade di esseri viventi suoi ospiti è suggellato da una delle più antiche specie oggi viventi nel nostro pianeta: la tartaruga marina Caretta caretta, ormai divenuta la mascotte della manifestazione. Un esemplare sarà rilasciato sempre il 30 agosto alle 15 circa alla baia di Portonovo, lato molo presso la sede della Cooperativa dei “mosciolari”.

 

Campagna di ascolto dei territori: lunedì la conclusione con gli amministratori della provincia di Ancona

 

 

Giunta CeriscioliGiunta Ceriscioli

Ancona, 2015-08-28 – Si concluderà, nell’Anconetano, la prima fase della campagna di ascolto dei territori promossa dalla Giunta regionale. Lunedì 31 agosto, i 47 sindaci della provincia, i presidenti dell’amministrazione provinciale, dell’Unione montana e degli enti parco, insieme ai sette consiglieri regionali del collegio elettorale, si incontreranno presso le sedi del Gruppo Loccioni: l’azienda leader nello sviluppo dei sistemi automatici di misura e controllo, testimonial delle Marche nel mondo a Expo 2015. Il programma prevede una visita alla sede del Gruppo di Moie, poi l’incontro presso quella di Angeli di Rosora. Alle ore 12.00 la conferenza stampa conclusiva e la successiva visita ai laboratori dell’azienda.

I precedenti incontri si sono svolti il 15 luglio nell’Ascolano), il 23 luglio Pesaro e Urbino, il 4 agosto nel Fermano e il 25 agosto nel Maceratese. Le strutture che hanno ospitato la Giunta regionale e gli amministratori locali testimoniavano l’eccellenza dell’ospitalità e dell’imprenditorialità marchigiana, come la sede individuata per l’ultimo appuntamento.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com