Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 10:55 di Mar 22 Ott 2019

Adriatico Mediterraneo Festival: il programma di martedì 1 settembre

di | in: Cultura e Spettacoli

Adriatico Mediterraneo Festival

image_pdfimage_print

Turkish Cafè, Gianmarco Dottori e Ofelia all’Arco di Traiano, proiezioni alla Polveriera e poi letture, libri, artigianato e i sapori del Mediterraneo

 
Ancona, 2015-09-01 – Martedì l’Arco di Traiano raddoppia, anzi triplica: oggi in programma al porto antico di Ancona ci sono due concerti e uno spettacolo teatrale. La musica: alle 21.30 salgono sul palco i Turkish Cafè, alle 23.00 Gianmarco Dottori: entrambi reduci dall’ultima edizione di Musicultura (Dottori l’ha vinta) portano all’Arco suoni raffinati e musiche cantautorali. Il teatro: alle 20.00 inizia “Ofelia dell’acqua chiara”, del Gruppo Teatrale Recremisi.
Turkish Cafè combinano voce, chitarra e contrabbasso per un incontro musicale che, partito dal Belgio e dalla musica di strada, li ha portati in pochi anni a esibirsi festival e concorsi di rilievo europeo. Loro si definiscono una band elettroacustica subliminale: miscelano, sperimentando, la bellezza del suono degli strumenti acustici con la potenza delle parole, del suono elettronico, del ritmo e delle armonie vocali.
Gianmarco Dottori torna al porto antico dopo il concerto per la riapertura del waterfront lo scorso luglio: romano, chitarrista naturalmente talentuoso, inizia a suonare da adolescente, arrivando negli ultimi anni a palcoscenici di primissimo piano. Nel 2009 ha aperto il concerto di Ligabue allo Stadio Olimpico e vinto il premio del Festival della Canzone Italiana d’Autore di Isernia. Nel 2012, per la regia di Giampaolo Morelli, esce il suo primo videoclip, “Se Valerio Scanu vince Sanremo”, tratto dal singolo che, anche attraverso il web, lo ha fatto conoscere al grande pubblico. Nel giugno di quest’anno ha vinto la 26esima edizione di Musicultura col brano “Dannata felicità”.
Ofelia dell’acqua chiara”, in scena alle 20.00, nasce dall’idea di collegare il personaggio e il mito di Ofelia all’elemento dell’acqua: la fragile fanciulla shakespeariana si sente attratta dall’acqua, fino a integrarsi con essa. Tutto lo spettacolo viene rappresentato in uno spazio vuoto, connotato da pochi simboli: tronchi, ampolle, un’altalena, un trapezio, del tessuto, un fondale acquatico. Il testo del lavoro, inedito, si ispira alla tragedia di Shakespeare con citazioni da Cesare Pavese, Pablo Neruda, Alda Merini, Edgar Lee Masters,



Proiezioni: Tunisia e migranti alla Polveriera
La giornata si apre però all’insegna della Tunisia, con un importante incontro alle 18.30 alla Polveriera Castelfidardo: “La Tunisia in lotta per la democrazia. I volti della libertà della donna”. L’incontro vedrà protagoniste tre donne: Giorgiana Giacconi, rappresentante in Tunisia dell’associazione GVC che cura il progetto Eco de Femmes; la giornalista Leila Ben Salah, e la regista Carlotta Piccinini, autrice del documentario Eco de Femmes.
Quest’ultimo, che sarà proiettato nel corso della serata, è un documentario corale che racconta le esperienze e i desideri di vita e professionali di sei donne che vivono e lavorano in differenti zone rurali tra il Marocco e la Tunisia. 6 donne che hanno il comune obiettivo di creare delle cooperative che possano coniugare l’antica conoscenza agricola e manifatturiera femminile e lo sviluppo di nuovi prodotti per il mercato. La serata è patrocinata dalla Commissione Regionale Pari Opportunità.
Alle 21.00, sempre alla Polveriera, si aprono le proiezioni dei corti selezionati dal Terra di Tutti Film Festival di Bologna: la rassegna presenta ogni anno documentari a tema sociale provenienti dal sud del mondo ed accende i riflettori su conflitti dimenticati, lotte per i diritti e difesa delle risorse naturali. La serata è dedicata in particolare a “Migranti e nuove cittadinanze”, con la proiezione di tre opere: “Sexy Shopping”, di Antonio Benedetto & Adam Selo, che racconta la storia di Miah, un immigrato bengalese in Italia da molti anni che decide di girare un video in cui riprende di nascosto l’attività del suo piccolo negozio; “Destination De Dieu”, di Andrea Gadaleta Caldarola, uno spaccato sulla situazione dei lavoratori africani sfruttati nei campo di pomodoro della Capitanata; “Just About my Fingers ­ Storie di confine e impronte digitali”, di Paolo Martino, il racconto di Mussa Khan, rifugiato afghano in cerca di un posto sicuro in Europa in cui vivere.

Libri, letture e gioielli
La letteratura è protagonista di tre appuntamenti. Alle 18.30 nello spazio esterno della Feltrinelli in corso Garibaldi viene presentato Maiden Voyage, primo romanzo del collettivo di scrittori Carboneria Letteraria. Si tratta di un esperimento letterario che coniuga narrazione collettiva, fantascienza e il classico delitto della stanza chiusa. A raccontarlo sono quattordici personaggi, a ciascuno dei quali dà voce un autore diverso creando un romanzo a incastro.
Alle 19.00 al porto di Ancona, banchina n°1, si tiene la seconda lettura sul rimorchiatore, con protagonista Isabella Carloni: “Mareaperto”. Racconto in cui, legate alla voce del mare, figure misteriose emergono dal mito e parlano al nostro presente assetato di stupore. Isabella Carloni, artista della voce, ne cattura l’essenza femminile per dialogare attraverso il mitico Odisseo con l’idea contemporanea dell’eroe.
Sempre alle 19.00 ma alla Sala Boxe della Mole si apre un workshop di oreficeria balcanica in collaborazione con Weekendoit e a cura di Alice Canapa. Durante il laboratorio si apprenderà la tecnica di incisione ad acido dei metalli, utilizzando lastrine di ottone per creare un accessorio inspirandosi ai gioielli balcanici. Il numero massimo di partecipanti è quindici, il minimo otto. L’iscrizione è di €10 a testa, prenotazioni via mail a associazioneilcanapaio@yahoo.it. Ai partecipanti verrà fornito tutto il materiale e una dispensa sul workshop.

I sapori del Mediterraneo
Come tutti i giorni anche martedì 1 settembre sarà aperto presso l’area di Porta Pia lo stand di show cooking di Sapore di Mare, marchio di eccellenza del pesce congelato, che nasce nelle Marche e conta una rete di oltre 100 negozi in Italia. Qui sarà possibile, dalle 19.00 alle 24.00, degustare i prodotti della cucina marinara in un menù fra tradizione e innovazione.
All’Arco di Traiano sarà invece aperto, dalle 19.00 alla 01.00, lo stand di Caffè del Teatro/Stockfish presso il quale si potranno gustare le ricette della cucina marchigiana e della tradizione pugliese.

Tutte le info e il programma su www.adriaticomediterraneo.eu

© 2015, Redazione. All rights reserved.




1 Settembre 2015 alle 15:19 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


Ricerca personalizzata