Bruno Novo e Jordan Santos, i campeones che amano la Samb!

Bruno Novo e Jordan Santos, i campeones che amano la Samb!

Intervista esclusiva a due grandi protagonisti della Sambenedettese Beach Soccer

 

 

San Benedetto del Tronto, 2015-09-10 – La Sambenedettese Beach Soccer ha vissuto le ultime stagioni da assoluta protagonista: conquistare 4 trofei in 3 anni non è assolutamente cosa da poco e, infatti, solo Terracina è riuscito ad eguagliare i ragazzi di mister Oliviero Di Lorenzo.

 

Il momento più alto della storia recente rossoblù è stato senza dubbio lo scudetto vinto nell’estate 2014, impresa che si va ad aggiungere alle altre vittorie collezionate dalla Sambenedettese, capace di mettere in bacheca anche una Coppa Italia e ben due Supercoppe Italiane, di cui l’ultima conquistata nella stagione appena terminata.

 

Stagione in cui è stato sfiorato il sogno di replicare la finale scudetto dell’anno precedente, possibilità sfumata a pochi secondi dal termine del match con il sempre ostico Viareggio. Nonostante l’amarezza per la sconfitta, però, i rossoblù possono certamente ritenersi soddisfatti: il processo di crescita sta continuando e portare a casa un altro trofeo è sempre motivo di gioia.

 

Uno dei trascinatori delle grandi vittorie targate Sambenedettese è sicuramente il portoghese Bruno Novo, capace di mettere la firma su tutti e 4 i “tituli”conquistati. Oltre a lui, è tornato a calcare le spiagge rivierasche un altro lusitano eccellente: Jordan Santos, già a San Benedetto nell’estate 2011.

 

Novo e Santos possono essere considerati due big del “Futebol de Praia” e, non a caso, in questa stagione si sono laureati Campioni d’Europa e del Mondo con il Portogallo. Entrambi hanno sempre un pensiero rivolto alla Sambenedettese e la prossima estate tenteranno di spingere i rossoblù verso altri grandi traguardi: con loro, del resto, tutto è possibile. Chapeau.

Jordan Santos e Bruno Novo, entrambi sul tetto del Mondo e d’Europa con il Portogallo. Pensate che l’esperienza maturata con la Sambenedettese vi abbia aiutato ad ottenere questi due straordinari trionfi?

 

BN: “Ovviamente sì. Giocare in un campionato competitivo come quello italiano permette ad ogni giocatore di acquisire un’esperienza sempre maggiore. Ancor di più in un club come la Sambenedettese, perché qui si gioca sempre per vincere, in qualsiasi competizione”.

 

JS: “Non c’è dubbio. L’esperienza con la Samb mi ha reso un giocatore ancora più competitivo e sicuramente mi ha aiutato a raggiungere questi due grandi successi”.

 

 

Una volta che ci si è laureati campioni di tutto, c’è il rischio che venga a mancare la fame di successo?

 

BN: “Per quanto mi riguarda non c’è affatto questo rischio. Sono una persona che aspira sempre a fare di più, non sono mai soddisfatto. La “fame di vincere” è una caratteristica fondamentale a mio avviso: è questo che fa la differenza tra i giocatori normali e i grandi giocatori”.

 

JS: “No, non credo proprio. Sono felicissimo per aver conquistato due trofei a lungo inseguiti, ma detto questo voglio assolutamente continuare a vincere, con la Sambenedettese e con il Portogallo”.

 

Cosa significa per voi giocare nella Sambenedettese? Che emozioni trasmette questa maglia? Per i portoghesi, popolo passionale, dovrebbe essere ancora più bello giocare in un ambiente caldo come quello rivierasco.

 

BN: “Posso dire di essermi subito innamorato del pianeta Sambenedettese, fin dal mio primo anno qui (2010 ndr). Sono stato accolto alla grande e questo club è diventato speciale per me: lo considero la mia famiglia italiana. Quando rappresento la Sambenedettese, è come se rappresentassi la mia famiglia. Siamo un gruppo molto unito e la città ci trasmette una grande passione: tutti insieme abbiamo una forza enorme. Mi sento ogni giorno sempre più orgoglioso di indossare la maglia rossoblù”.

 

JS: “Giocare con questa maglia mi fa provare sensazioni uniche. Entriamo sempre in campo carichi di adrenalina e con tanta voglia di vincere. E’ tutto fantastico!”.

 

Svelateci quali sono gli obiettivi rossoblù per il futuro.

 

BN: “Il primo obiettivo è quello di continuare a lavorare duramente come è stato fatto finora. Siamo una squadra che si è guadagnata il rispetto di tutti gli avversari, proprio perché abbiamo formato uno spirito vincente. Possiamo contare su un mix di giocatori di esperienza e giovani di qualità, quindi cercheremo di ottenere il massimo: lotteremo sempre per vincere!”.

 

JS: “L’obiettivo è uno solo: migliorare sempre di più e provare a vincere tutto quello che sarà possibile. Ce la metteremo tutta in ogni partita”.

 

Gli ultimi 3 anni sono stati ricchi di vittorie. Cosa deve rimanere invariato nella squadra e quali, invece, possono essere i miglioramenti da attuare in vista della prossima stagione?

 

BN: “Infatti credo che stiamo facendo molto bene. Con la qualità che abbiamo e continuando a lavorare duramente, siamo in grado di battere qualsiasi avversario. Se possiamo migliorare? Si può sempre migliorare qualcosa, ma sicuramente lo staff tecnico e la società sapranno già dove dovranno operare”.

 

JS: “Penso che con una squadra e una società simile abbiamo dalla nostra parte un futuro molto luminoso. Cercheremo, però, di far meglio della passata stagione. Lavoreremo per questo”.

 

Infine, chiudiamo con una curiosità. Praticate anche il calcio a 11 oltre al “Futebol de Praia”?

 

BN: “Quest’anno mi dedicherò esclusivamente al beach soccer. Dovrò anche disputare la Coppa Intercontinentale e questo è un altro titolo che voglio assolutamente provare a conquistare!”.

 

JS: “Si. Gioco anche a calcio a 11 con il Boavista FC & Nazarenos, in Portogallo. Ma il beach soccer è sempre nei miei pensieri”.

 

In bocca al lupo “campeones”.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com