la 52ma Mostra Nazionale del Tartufo Bianco Pregiato delle Marche alla scoperta di Sant’Angelo in Vado

la 52ma Mostra Nazionale del Tartufo Bianco Pregiato delle Marche alla scoperta di Sant’Angelo in Vado

Dall’10 Ottobre al 1 Novembre quattro weekend pieni di appuntamenti per tutti i gusti, tutti profumati al Tartufo.

 

SANT’ANGELO IN VADO (PU), 2015-09-29 – Terra di arte, terra di sapori genuini, terra antica che ha vissuto la Storia da protagonista, terra di passaggio da sempre aperta a contaminazioni ed esperienze ma soprattutto terra di Tartufo. Con l’arrivo della stagione autunnale, quando i cavatori si mettono in cammino di buon mattino per portare sulle tavole imbandite, con l’aiuto del fido cane, il prezioso tubero, Sant’Angelo in Vado torna con la 52^ Mostra Nazionale del Tartufo Bianco Pregiato delle Marche. Ormai una tradizione, un marchio di qualità al profumo di Tuber Magnatum Pico che nei quattro fine settimana a cavallo tra ottobre e novembre apre al mondo le porte del salotto buono del Montefeltro, mettendo in vetrina non solo il tartufo ma anche storia, tradizione, gastronomia, prodotti di eccellenza assieme alle bellezze naturalistiche e storiche disseminate per il territorio di quella che fu la capitale della Massa Trabaria

Giannalberto Luzi con un tartufaio vadese e il suo fido cane e la vicepresidente Anna Casini con il vanghetto, lo strumento che usano i tartufai per togliere dalla terra il tartufo
Giannalberto Luzi con un tartufaio vadese e il suo fido cane e la vicepresidente Anna Casini con il vanghetto, lo strumento che usano i tartufai per togliere dalla terra il tartufo

E’ sufficiente allora aspettare ottobre per poter partire alla scoperta di Sant’Angelo in Vado e della sua Mostra Nazionale, organizzata dall’Amministrazione Comunale e Cooperativa Il Cerchio, muovendosi tra un programma ricco e attento alle esigenze di tutta la famiglia, dove si potrà giocare negli spazi per bambini, prendere parte a visite guidate innovative oppure perdersi liberamente tra i vicoli e le vie del centro storico medievale, all’ombra dei tanti campanili che costellano la città.

Nel primo fine settimana, quello del 10-11 ottobre per le vie del centro storico dell’Antica Tifernum Mataurense si omaggerà il gusto tipico delle colline e dei boschi dell’entroterra: troverete i tanti prodotti tipici di un territorio ricchissimo per biodiversità e peculiarità: il miele, i formaggi, le castagne e i salumi del Montefeltro saranno i protagonisti del weekend. Sabato alle 17 nella cornice dell’Auditorium di Santa Caterina, ospiti illustri parleranno assieme all’enogastronomo Giuseppe Cristini del Tartufo in tutte le sue declinazioni, mentre domenica pomeriggio in piazza Re Tartufo gli chef dei ristoranti vadesi prepareranno le ricette della tradizione, esaltate dal profumo del Tartufo.

Appuntamento di lignaggio internazionale invece quello che vedrà centauri da tutta Europa ritrovarsi in sella alle loro moto a Sant’Angelo in Vado per il 37° Motoraduno Nazionale e il 20° motoraduno Internazionale del Tartufo, un evento che ogni anno richiama in città migliaia di motociclisti e visitatori, guidati dall’inconfondibile aroma del prezioso tubero. Già tutto esaurito nelle prenotazioni di hotel e B&B non solo in città ma in tutto il Montefeltro: il più tradizionale e partecipato motoraduno d’Italia.

L’antica “Arte” della cerca al tartufo va in scena nel terzo weekend, quello del 24 e 25 ottobre con il Trofeo Perrotta, dedicato alla cerca al tartufo in box, giunto ormai alle quarantuno edizioni. Sarà piazza Umberto I, ribattezzata per l’occasione “Piazza Re Tartufo” a trasformarsi in palcoscenico d’onore per l’assegnazione a vip, celebrità e autorità che si sono distinte nei campi della vita sociale del premio Tartufo d’Oro 2015. Chi sarà la madrina del Tartufo 2015?

“La Fiera in Vado” del 31 ottobre e 1 novembre chiude la Mostra, un’occasione unica per assaporare l’ospitalità e le prelibatezze di questa terra incantata. In ogni weekend potranno essere visitate le diverse mostre d’arte, i musei, le chiese e i mosaici della Domus del Mito, assistere a concerti dal vivo e spettacoli itineranti oppure passeggiare per “le vie dei mercanti”, luoghi di curiosità e gastronomia.

 

Presentata ad Ancona la 52^ edizione della Mostra del Tartufo Bianco Pregiato delle Marche di Sant’Angelo in Vado.

 

 

Il Vicepresidente Anna Casini: <Valorizziamo un Tartufo che sia di tutta la regione Marche, ma attenzione alle scelte che compromettono la qualità>.

 

 

Ancona – Presentata al Palazzo della Regione Marche la 52^ Mostra Nazionale del Tartufo bianco Pregiato delle Marche che si terrà a Sant’Angelo in Vado nei fine settimana dal 10 ottobre al 1 novembre. Con la conduzione dell’enogastronomo Giuseppe Cristini, sono intervenuti il vicepresidente regionale Anna Casini, il sindaco Giannalberto Luzi e il presidente dell’Unione Montana Alta Valle del Metauro Romina Pierantoni

 

Giannalberto Luzi, Sindaco di Sant’Angelo in Vado

<E’ questa l’occasione per spiegare alla stampa perché una presentazione proprio in Ancona, qui nella sede della Regione Marche: siamo qui perché oggi lanciamo un messaggio che dice “Non più tartufo locale ma Tartufo Pregiato della Marche”. Politicamente l’obiettivo dev’essere aprire una strada per riconoscere una Certificazione di Origine Protetta per il tartufo che regionale e non sottoscritta a campanilismi. Il tartufo è un grande patrimonio di tutta la regione. A Sant’angelo In Vado ci sono vari primati se si parla di tartufo: il primo centro di tartuficoltura europeo, la Mostra più longeva delle Marche, l’ unico monumento al mondo al cane da tartufo. Quattro settimane intense quelle della 52^ Mostra, abbiamo portato alcune innovazioni al palinsesto tradizionale, ma soprattutto abbiamo rimesso al centro il Tartufo. Vogliamo lanciare la politica del tartufo tutto l’anno, sapendo valorizzare questo grande patrimonio. Sant’Angelo in vado ha un patrimonio che comprende ricchezze inimitabili come Domus del Mito, arte, chiese e Tartufo: ci sono tutte le premesse per un grande futuro.

 

 

Anna Casini, Vicepresidente ed Assessore all’Alimentazione:

<L’obiettivo che ci poniamo è una valorizzazione di tutti i territori dove il tartufo rientri tra i prodotti di grande qualità. Non esiste un tartufo più buono dell’altro, ma abbiamo diverse qualità che vanno valorizzate in maniera diversa, tutti questi tuberi costituiscono un’occasione di valorizzazione delle Marche. I numeri danno ragione alla valorizzazione del tartufo, un periodo lungo che arriva a Natale, sul quale bisogna puntare. Il legame con tradizione, territorio e mondo che gira intorno al tartufo porta alla cultura del buono, della qualità e della tipicità. Nell’arco dell’anno è sempre possibile trovare un tartufo giusto per il piatto che si va a cucinare e questa è una ricchezza unica.

Questi prodotti che nascono solo nelle nostre terre non sono delocalizzabili, occorre portare in alto le nostre produzioni, valorizzando il prodotto ma anche il saper fare, come l’arte della cucina; dobbiamo imparare a offrire il tartufo restando sui nostri territori, facendo attenzione alle scelte che compromettono il territorio e la qualità>.

 

 

Romina Pierantoni, Presidente Unione Montana Alta Valle del Metauro

E’ un segnale di grande importanza che il sindaco Giannalberto Luzi abbia voluto con sé l’Unione Montana dell’Alta Valle del Metauro, testimonianza di unità e coesione. Con la 52^ Mostra Nazionale del Tartufo di Sant’Angelo in Vado mettiamo in mostra una delle eccellenze del territorio, che produce valore aggiunto non soltanto sul coparto enogastronomico ma anche su quello turistico. I nostri sette comuni sono uniti da questo dono del tartufo e come Unione non possiamo che accogliere con favore l’idea del sindaco Luzi di promuovere il tartufo con una DOP: la qualità e la tracciabilità siano totali, dobbiamo garantirlo ai consumatori per un prodotto così naturale e superbo. Il tartufo sarà fondamentale per il futuro del territorio, stiamo sviluppando e tenendo in incubazione dei progetti di startup legati al tartufo.

PerInfo:
•Segreteria Mostra del Tartufo tel. 0722 810093
mail: info@mostratartufo.it

Sabato 10 e Domenica 11 Ottobre:

Tartufo, Cucina e prodotti locali

  • Piazza Umberto I – La Piazza di “Re Tartufo” stand tartufai.

  • Lago dell’Aiolina – XXI Gara di Pesca – Trofeo “Un Fiume di Tartufo”.

  • Zona Bocciodromo – XXI Raduno Camperisti “La Valle del Tartufo”.

  • Piazza Umberto I – Inaugurazione della 52° Mostra Nazionale del Tartufo Bianco Pregiato delle Marche.

  • Sala Parrocchiale – IX Mostra Micologica a cura dell’Ass. Micologica “Massa Trabaria”.

  • Santa Caterina – convegno “Conoscere il mondo del Tartufo, dalla scienza alla tavola”.

  • Zona Archeologica – Visite guidate ai mosaici della Domus del Mito.

  • Piazza Umberto I – “La Piazza delle Tradizioni”

  • Centro Storico – “Il Tartufo che bontà”.

  • Centro Storico – Visita guidata della città e dei suoi tesori.

  • Centro Storico – Cerca al Tartufo” simulazione in compagnia del tartufaio e del suo fedele amico il cane.

  • Centro Storico – degustazione prodotti a km 0 della Massa Trabaria.

  • Centro Storico – Apertura stand gastronomici e Ristorantini.Le Vie dei Mercanti” curiosità e gastronomia, mostre artistiche. Spettacoli itineranti.

Venerdì 16, Sabato 17 e Domenica 18 Ottobre:

Tartufo, Arte e Moto

Motoraduno Nazionale e Internazionale

  • Piazza Umberto I – La Piazza di “Re Tartufo” stand tartufai.

  • Zona Campo Sportivo – XXXVII Motoraduno Nazionale – XX Internazionale del Tartufo Bianco Pregiato. Organizzato dal Moto Club “Tonino Benelli” di Sant’Angelo in Vado.

  • Zona Archeologica – Visite guidate ai mosaici della Domus del Mito.

  • Piazza Umberto I – “La Piazza delle Tradizioni”

  • Centro Storico – Visita guidata della città e dei suoi tesori.

  • Centro Storico – Cerca al Tartufo” simulazione in compagnia del tartufaio e del suo fedele amico il cane.

  • Centro Storico – Apertura stand gastronomici e Ristorantini.Le Vie dei Mercanti” curiosità e gastronomia, mostre artistiche. Spettacoli itineranti.

Sabato 24 e Domenica 25 Ottobre:

Tartufo, Cultura e Arte

  • AssegnazioneTartufo d’Oro 2015”.

  • Piazza Umberto I – La Piazza di “Re Tartufo” stand tartufai.

  • Campo Monti – XXXXI Gara Nazionale di Cerca al Tartufo – “Trofeo Sergio Perrotta”.

  • Centro Storico – Trekking del Tartufo” in compagnia degli “Amici del Panino”.

  • Corso Garibaldi – XXII Raduno Auto Classiche “Le Strade del Tartufo”.

  • Zona Archeologica – Visite guidate ai mosaici della Domus del Mito.

  • Piazza Umberto I – “La Piazza delle Tradizioni”

  • Centro Storico – Visita guidata della città e dei suoi tesori.

  • Centro Storico – Cerca al Tartufo” simulazione in compagnia del tartufaio e del suo fedele amico il cane.

  • Centro Storico – Apertura stand gastronomici e Ristorantini.Le Vie dei Mercanti” curiosità e gastronomia, mostre artistiche. Spettacoli itineranti.

Sabato 31 ottobre e Domenica 1 Novembre:

Tartufo e “ La Fiera in Vado

  • Piazza Umberto I – La Piazza di “Re Tartufo” stand tartufai.

  • Corso Garibaldi – La Fiera “In Vado”.

  • Zona Archeologica – Visite guidate ai mosaici della Domus del Mito.

  • Piazza Umberto I – “La Piazza delle Tradizioni”

  • Centro Storico – Visita guidata della città e dei suoi tesori.

  • Centro Storico – Cerca al Tartufo” simulazione in compagnia del tartufaio e del suo fedele amico il cane.

  • Centro Storico – degustazione prodotti a km 0 della Massa Trabaria.

  • Centro Storico – Apertura stand gastronomici e Ristorantini.Le Vie dei Mercanti” curiosità e gastronomia, mostre artistiche. Spettacoli itineranti.

Per informazioni e prenotazione visite guidate a Sant’Angelo in Vado e provincia Pesaro e Urbino:

Segreteria Mostra del Tartufo tel. 0722 810093 – fax 0722 810093;

Soc. Coop. Soc. Il Cerchio 347 9782936

Comune Sant’Angelo in Vado tel. 0722 88455 – 0722 819901

E mail: info@mostratartufo.it; info@domusdelmito.com; info@guidaurbino.com

Durante la Manifestazione sarà divulgato il programma dettagliato degli eventi scaricabile su www.mostratartufo.it

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com