Ottimizzare l’utilizzo dei farmaci: l’Inrca presiede la conferenza

Ottimizzare l’utilizzo dei farmaci: l’Inrca presiede la conferenza

FARMACI: UN NUOVO SOFTWARE PER GESTIRE LE TERAPIE SUGLI OVER 65. E’ LO STUDIO EUROPEO “SENATOR”. L’INRCA PRESIEDE LA CONFERENZA ANNUALE

Ancona, 3 Settembre 2015 – Oggi giovedì 3 settembre e domani all’Ego Hotel di Ancona si tiene la conferenza annuale del progetto SENATOR (Software ENgine for the Assessment and optimitazion of drug and non-drug Therapy in Older peRsons), lo studio promosso dalla Commissione europea che mette insieme i migliori centri specializzati in geriatria, tra cui l’IRCCS INRCA, teso a ottimizzare l’utilizzo dei farmaci e delle terapie non farmacologiche nel paziente anziano complesso, anche grazie al supporto dell’informatica.

In un contesto di progressivo invecchiamento della popolazione in Europa, il numero di anziani che presentano tre o più patologie (multimorbidità) sta crescendo rapidamente – sottolinea il Prof. Antonio Cherubini, Responsabile dell’Unità Operativa di Geriatria e Accettazione Geriatrica d’Urgenza dell’INRCA – Un fenomeno che comporta il massiccio utilizzo di farmaci diversi sul paziente, con possibili effetti collaterali derivanti dalla loro interazione, che riguardano circa sei anziani su dieci, aumentando i costi per le cure”. Attualmente infatti la metà degli over 65 assume abitualmente oltre cinque medicinali, mentre vi è un sottoutilizzo delle terapie non farmacologiche, come esercizio fisico e dieta. “Per questo – spiega Cherubini – nell’ambito di SENATOR stiamo sviluppando, con la collaborazione di aziende leader nello sviluppo dell’informatica in medicina, un software di supporto ai medici non specialisti in geriatria per l’ottimizzazione delle cure. Dopo aver inserito una serie di dati che derivano da un’accurata valutazione del paziente, il software, tramite un algoritmo specifico, supporterà il medico nella scelta ottimale dei farmaci e delle cure alternative ad essi, quando possibile.

La sperimentazione del software SENATOR sarà avviata entro l’autunno e coinvolgerà simultaneamente, oltre all’INRCA, altri cinque ospedali in Irlanda, Regno Unito, Belgio, Spagna e Islanda, su un campione di 1800 pazienti complessi ricoverati in reparti chirurgici e medici ad eccezioni di quelli di geriatria. Per tale motivo ed in un’ottica di condivisione delle competenze, della metodologia e della casistica, l’INRCA condurrà lo studio presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona. In particolare verranno valutati i benefici nel ridurre gli effetti indesiderati dei farmaci e l’eventuale abbassamento della spesa sanitaria.

Nell’ambito del progetto l’INRCA ha anche il ruolo di esaminare gli studi effettuati dagli altri centri sull’efficacia delle terapie non farmacologiche, per il trattamento delle più comuni sindromi geriatriche (come stato confusionale, cadute, incontinenza, lesioni da pressione), in modo da fornire raccomandazioni sulla loro gestione. Al riguardo, l’Istituto ha già pubblicato linee guida per la prevenzione, durante il ricovero, dello Stato Confusionale Acuto (Delirium), una condizione clinica scatenata dalla contemporanea presenza di diversi fattori (eventi stressanti come malattie in fase acuta, interventi chirurgici, disidratazione, effetti indesiderati da farmaci). “Lo Stato Confusionale è la più frequente complicanza del ricovero nell’anziano. Grazie all’identificazione precoce dei fattori che causano gli stati confusionali, è possibile prevenire fino al 40% dei casi” – conclude Cherubini – “a dimostrazione di come dalla ricerca scientifica possano scaturire soluzioni assistenziali concrete”.

Il progetto SENATOR, di durata quinquennale, è finanziato dalla Commissione europea nell’ambito del Settimo Programma Quadro e si concluderà nel 2017.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com