Benvenuto e Buona Navigazione, sono le ore 00:01 di Dom 5 Lug 2020

da Ascoli Piceno

di | in: Cronaca e Attualità

Guido Castelli

image_pdfimage_print

2015-12-12

ASSEMBLEA SOCI CONSORZIO UNIVERISTARIO PICENO, IL SINDACO CASTELLI ILLUSTRA I NUOVI PROVVEDIMENTI
 
“Noi continuiamo a credere fortemente al rapporto con l’Università”. Questo il commento del Sindaco Guido Castelli al termine dell’assemblea odierna tenutasi tra i soci del CUP (Consorzio Universitario Piceno). Lo stesso primo cittadino ha illustrato le varie novità decise in sede di assemblea appunto.
“Quella di oggi è stata un’assemblea di grande importanza – afferma Guido Castelli -. Abbiamo preso atto della fuoriuscita della Provincia di Ascoli dal Consorzio, motivata alla luce della legge 56 di riforma delle Province, nel presupposto che la Provincia, non avendo la cultura e comunque l’organizzazione universitaria tra le proprie funzioni, non poteva più partecipare utilmente ad un consorzio. Ma la fuoriuscita è anche del Comune di Spinetoli. Quindi, abbiamo riclassificato le percentuali di partecipazione degli enti residui al consorzio stesso. La tecnica che abbiamo usato è stata di quella di svalutare il valore delle quote e senza esborsi ulteriori, di accrescere il valore percentuale della partecipazione degli enti che hanno ritenuto di mantenere in vita il Consorzio Universitario Piceno. Quindi, se prima la situazione al 31/ 12 era di questo tenore: Ascoli Piceno 38%, Provincia di Ascoli 34%, San Benedetto del Tronto 20%, Spinetoli 3%, Unione dei Comuni 2% e Folignano 1%, ora invece è così ripartita: Ascoli 61%, San Benedetto del Tronto 33%, Unione dei Comuni 3% e Folignano 1%. E questo è stato il primo atto. La seconda cosa che abbiamo fatto è stata gestire la problematica riferita alla Provincia che era morosa e debitrice di una somma verso il CUP pari 1.534.000 euro. Per cui, abbiamo previsto una scansione temporale per il rientro da questo debito e anche una modalità di saldo particolare – precisa Castelli -. La Provincia di Ascoli Piceno infatti, si impegna a cedere per un valore di 350mila euro l’immobile di via Tornasacco, che attualmente ospita alcuni uffici provinciali, e che quindi entra nel patrimonio del Consorzio. La metodologia è stata validata dalla Corte dei Conti. Poi, ci sono i ratei al 31/12/2015 di 220mila euro, al 30/06/2016 di 440mila euro, al 31/01/2017 di 262mila euro e al 30/06/2017 sempre di 262mila euro. Quindi abbiamo spalmato negli anni, a dimostrazione del fatto che, il salvataggio dei conti della Provincia è stato reso possibile anche dalla assennatezza e dalla responsabilità che si sono assunti i soci del CUP, a cominciare dal Comune di Ascoli Piceno. Questo lo dico per contraddire tutti coloro che giocano sul fatto che noi non siamo stati attenti su queste esigenze. La riquadratura dei conti della Provincia, in realtà, è stata resa possibile dalla disponibilità del Comune di Ascoli, socio principale del CUP. Ora noi abbiamo il compito di andare in Consiglio ad asseverare questi provvedimenti e per riclassificare le quote. Per quanto riguarda il Comune di Ascoli sarà il 22 dicembre il Consiglio che approva la nuova ripartizione consortile. Abbiamo anche approvato – dichiara il sindaco introducendo l’altra novità – anche un Protocollo d’intesa che di fatto, considerato che ormai sono rimasti i Comuni di Ascoli e di San Benedetto nel CUP, impegna a sviluppare uno studio per capire se le relazioni con l’Università, che attualmente passano attraverso la formula consortile, non sia il caso di superarla come forma, prevedendo una contrattualizzazione e un rapporto diretto tra Comuni e Università. In pratica, si è approvato un Ordine del Giorno per cui potrebbe essere giusto e utile, sempre con la salvaguardia del personale, superare la stessa forma del Consorzio. Un Consorzio utile ed efficace che ci ha aiutato molto. Ma da questo punto di vista – conclude Guido Castelli –  è stata prevista la redazione di uno studio di fattibilità che verifichi quali altre forme, potrebbero essere le convenzioni dirette tra Comuni e  Università, possono mantenere il rapporto con l’università, su cui peraltro, continuiamo a credere fortemente tutti”.


SALDO IMU E TASI AL 16/12/2015
Il prossimo 16 dicembre scade il termine ultimo per versare il saldo di IMU e TASI. L’Amministrazione comunale prima del termine di scadenza dell’acconto del 16/6/2015, insieme al modello F24 precompilato in tutte le sue parti per il pagamento dell’acconto stesso, ha provveduto ad inviare ai contribuenti un altro modello F24 per il versamento del saldo, parzialmente precompilato, senza cioè indicazione degli importi e codici tributo per dar modo di determinare correttamente l’imposta in base alla situazione impositiva che potrebbe aver subito modifiche nel corso dell’anno 2015. Se, invece nel corso dell’anno 2015 non si sono verificate variazioni rispetto all’anno precedente, per il saldo basta copiare gli importi e i codici tributo riportati sul modello F24 dell’acconto.
Natale, dichiarazione del sindaco Castelli 
Il Natale è qualcosa di più di una semplice festa religiosa.
Fa parte del nostro patrimonio culturale, del nostro più antico e prezioso bagaglio di tradizioni. Non celebra unicamente la nascita del Bambin Gesù, ma anche quei principi come la fratellanza, la solidarietà e la pace, sui quali si fondano le società occidentali.
E questo, poi, è un Natale assolutamente particolare. E’ il Natale dell’Anno Santo della Misericordia che anche noi ascolani ci accingiamo a vivere con l’apertura, domenica 13 dicembre, della Porta santa in Cattedrale.
Un avvenimento, purtroppo, che inevitabilmente comporta inderogabili misure di sicurezza richieste dai tempi non facili che viviamo.
Misure di sicurezza – deliberate dal comitato per l’Ordine e la Sicurezza istituito presso la Prefettura  – che imporranno, per lo svolgimento della cerimonia,  la chiusura per tutta la giornata di domenica della pista di pattinaggio e delle casette del Villaggio di Natale oltre che la momentanea rimozione dei gazebo di San Biagio.
Nella giornata di oggi ho firmato l’ordinanza scaturita dalle decisioni del comitato per l’Ordine e la Sicurezza; decisioni che indubitabilmente penalizzeranno gli operatori commerciali dei mercatini di Piazza Arringo ai quali tuttavia voglio manifestare la mia personale vicinanza.
Guido Castelli
Inaugurazione mostra “In Posa” iconografie dei selfie
in posa

in posa

Ascoli Piceno 11 dicembre 2015 – Domenica 13 dicembre 2015 alle ore 17,00 presso le sale del Trivio a Palazzo dei Capitani sarà inaugurata  “In Posa” iconografie dei selfie, una mostra d’arte contemporanea con le opere di nove artisti presenti nell’attuale panorama espositivo sia regionale che nazionale.

“Questa è una generazione che si mette in posa – come scrive nel testo il Prof.Gabriele Di Francesco –
osserva il mondo che velocemente passa, scorrendo su una specie di cimitero della memoria che è
Facebook. La nostra vita in un click, la salute in un click, tutti i valori, le fantasie, i sogni, le emozioni riflessi in un click. Si va in cerca della vera realtà. Con l’arte ci si ritrova e sicuramente si interagisce con le azioni quotidiane. Gli artisti si rappresentano e certamente  s’interrogano nelle opere in evidenti stati d’animo”.
Gli artisti, coordinati da Nazareno Luciani, sono stati scelti per la loro stimolante creatività:
Ado Brandimarte, Stefano Brandetti, Andrea Capecci, Hernan Chavar, Desirèe Di Caro, Emilio Patalocchi, Rossano Piccioni, Caterina Silenzi, Federica Simonetti.
Una reale vetrina di giovani che nell’arte e con l’arte suggeriscono una sincera scena dell’attuale mondo contemporaneo.
La mostra potrà essere visitata tutti i giorni fino al 15 gennaio 2016 con i seguenti orari: mattino 10,00-13,00  pomeriggio 15,00-19,00.
Per ulteriori informazioni  e-mail  nazareno.luciani@yahoo.it    cell 3287180203.
Inaugurazione Mostra Ceramica

Con la Mostra/Mercato che si inaugura lunedì 14 dicembre alle ore 17,00 presso la sala Cola d’Amatrice nasce un importante sodalizio: l’ Accademia Maiolicari Ascolani.

In nome della ceramica, o meglio della maiolica tipicamente ascolana, alcuni artigiani e artisti hanno deciso di associarsi per dar vita, sul solco della tradizione trasmessaci nei secoli dai Paci, da Matricardi, dalla FAMA, ad un nuovo movimento che poggiandosi sul passato guarda diritto verso il futuro ed il rinnovamento formale e concettuale.

Presidente dell’Accademia è stato nominato Andrea Maria Antonini, già assessore alla Cultura del Comune di Ascoli, attualmente Ambasciatore Italiano per le Città della Ceramica.

La Mostra/Mercato patrocinata dal Comune di Ascoli Piceno, si protrarrà fino al 23 dicembre e sarà visitabile tutti i giorni dalle 10.00 alle 13,00 e dalle 15,30 alle 19,00.

All’inaugurazione oltre ai ceramisti sarà presente il sindaco Guido Castelli, l’Assessore alla cultura Giorgia Latini e l’assessore al Commercio, Alessandro Filiaggi

Primo obiettivo della neo costituenda Accademia, subito dopo l’impegno della Mostra/Mercato sarà quello di mettere mano al numeroso materiale che il Comune e la Provincia hanno acquistato pochi anni fa relativo agli stampi della fabbrica dei Paci, da cui estrarre forme ed idee originali per futuri oggetti.

Inaugurazione Mostra Ceramica

Inaugurazione Mostra Ceramica

© 2015, Redazione. All rights reserved.


Sostieni www.ilmascalzone.it
La lettura delle notizie è gratuita ma i contributi sono graditi. Se ci credi utili sostienici con un contributo a tua scelta intestato a Press Too Srl
IBAN: IT07L0847424400000000004582
Banca del Piceno Credito Cooperativo – Filiale San Benedetto del Tronto 2




12 Dicembre 2015 alle 18:16 | Scrivi all'autore | | |

Argomenti Frequenti


Archivio


My Web TV Marche

• Coronavirus Marche: aggiornamento
• Ritorno al futuro
• dalla Regione Marche


Social

Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On YoutubeVisit Us On Instagram
Ricerca personalizzata