da Ascoli Piceno

da Ascoli Piceno
NUMEROSI PROGETTI DI OPERE PUBBLICHE APPROVATI NELL’ULTIMA GIUNTA COMUNALE, IL COMMENTO DEL SINDACO CASTELLI
“La prossima stagione degli investimenti comunali ad Ascoli non sarà di flessione o di riduzione. Questo perché crediamo che, attraverso essi, si aggiungano anche ragioni meritorie in favore di imprese che hanno la possibilità di superare la crisi, confidando anche nei lavori pubblici”. Questa la dichiarazione del Sindaco di Ascoli Guido Castelli al termine della Giunta nella quale sono stati approvati molti progetti riguardanti le opere pubbliche.
“Nella ultima giunta abbiamo approvato una serie di progetti piuttosto importanti finanziati con la recente variazione di bilancio che ha consentito di distribuire su più iniziative progettuali la somma di 4, 5 milioni di euro – precisa il primo cittadino Castelli -. Una cifra che, originariamente era destinata alla contrazione di un mutuo per la realizzazione del nuovo ponte nel quartiere di Monticelli. Questa decisione di rinviare di circa due anni è motivata dal fatto che, una parte delle opere di urbanizzazione propedeutiche alla realizzazione del ponte dovevano essere ricavate dal contributo che il privato promotore della riqualificazione urbana di Villa Rendina, avrebbe corrisposto al Comune. Venendo a mancare per circa 2 milioni l’apporto del privato, almeno momentaneamente, abbiamo ritenuto di scegliere una tempistica diversa e più adeguata al principio di giusta e corretta valorizzazione delle risorse comunali”. Castelli entra poi nello specifico. “Abbiamo approvato la riqualificazione delle mura urbiche del centro storico. Da più parti infatti, si evidenzia un certo grado di ammaloramento della mura storiche cittadine, basti pensare al transennamento che riguarda la zona di Porta Cartara, quando dal ponte si va verso Lungo Castellano sulla sinistra. Si pensi alle famose sostruzioni, considerate nei secoli come una caratteristica distintiva di Ascoli. Nella zona dell’Annunziata verranno riqualificate e messe in sicurezza. Ai fini tecnici, inoltre, è stato approvato il progetto definitivo di recupero della Torre degli Ercolani, che si appresta ad essere l’unica torre visitabile anche da un punto di vista turistico e della circuitazione culturale della nostra città. Quindi un progetto che allude ad una maggiore valorizzazione dell’ostello e del palazzetto dei Longobardi, non solo ai fini ricettivi ma anche culturali”. “E’ stato approvato definitivamente anche il progetto di demolizione e ricostruzione della tribuna est dello stadio Del Duca – afferma Guido Castelli – alla luce del parere positivo del Coni. Ciò vuol dire che nei prossimi giorni, provvederemo alla stipula del mutuo con il Credito Sportivo, proprio perché l’ultimo frammento amministrativo che mancava per la composizione del puzzle progettuale è stato aggiunto mercoledì scorso dalla Commissione Impianti del Coni Nazionale”. “Un ulteriore lavoro significativo riguarda il completamento degli interventi di riqualificazione degli edifici scolastici, da sempre una delle priorità della mia amministrazione – sottolinea il sindaco – In tal senso, abbiamo operato scelte significative per ciò che concerne l’adeguamento e la messa in sicurezza della palestra del plesso in via Kennedy, e tutta una serie di adeguamenti di edifici scolastici che nel 2016 consentiranno  numerosi interventi importanti”. “La somma di 1 milione di euro circa è stata dedicata alla ordinaria e straordinaria manutenzione delle strade urbane ed extra urbane. Inoltre ci sarà un adeguamento degli impianti e dei sistemi di amplificazione che riguardano la sala della Ragione, l’Auditorium Montevecchi e l’auditorium del Polo S.Agostino. Previsti anche piccoli interventi per il Centro Alzheimer e via Adriatico”.
“Tutta una serie di interventi importanti e significativi che danno luogo ad una stagione per quanto riguarda gli interventi comunali che non sarà di flessione o di riduzione – conclude Guido Castelli – nonostante la grande messe di spese in conto capitale già consumata e sviluppata nel corso dei sei anni. Noi siamo e continuiamo ad essere convinti che attraverso questi lavori, oltre che obiettivi di riqualificazione e messa a sistema della città, aggiungano anche ragioni meritorie in favore delle imprese, che hanno quindi la possibilità di superare l’attuale stagione di crisi, anche confidando su lavori pubblici. Questi ultimi, un po’ ovunque in Italia, sono caduti in picchiata. Infatti gli investimenti fissi lordi della Pubblica Amministrazione sono precipitati del 40% negli ultimi 4 anni. Invece da noi hanno avuto picchi importanti. Da questo punto di vista l’ultima giunta ha avuto un particolare significato e rilievo”.
INAUGURATA AD ASCOLI LA MOSTRA DELL’ACCADEMIA MAIOLICARI
La ceramica come tratto distintivo della città di Ascoli. Sotto questa buona stella e’ nata la Mostra Mercato dell’Accademia Maiolicari, patrocinata dal Comune, inaugurata oggi presso la sala Cola dell’Amatrice. Evento che segna di fatto, la nascita di una nuova realtà, denominata appunto Accademia Maiolicari. Al taglio del nastro hanno partecipato il sindaco Guido Castelli, l’assessore comunale alla Cultura Giorgia Latini, il presidente della Accademia Andrea Maria Antonini e il Direttore della Pinacoteca Civica Stefano Papetti.
“La mostra appena inaugurata rappresenta un punto di partenza importantissimo per la nostra città – afferma il primo cittadino Guido Castelli –. La ceramica deve affermarsi come tipicità ascolana nel mondo, è questo l’obiettivo da raggiungere. L’Accademia Maiolicari ci darà una grande mano in tal senso. E’ evidente infatti che per mettersi insieme, come hanno fatto i componenti di quest’ultima, bisogna avere delle ragioni comuni”.
“Quella odierna è l’occasione per presentare l’Accademia che raccoglie la maggior parte dei ceramisti che operano ad Ascoli – dichiara il presidente dell’Accademia Maiolicari Andrea Maria Antonini -. Si deve rimettere la ceramica al centro delle attività comunali e  culturali. Vogliamo monitorare le opere del passato riproponendole in chiave moderna e inoltre ricominciare a lavorare di nuovo le forme. Ecco cosa vogliamo raggiungere”.
La mostra conta diverse centinaia di opere esposte, dei seguenti artisti: Monia Vallesi, Paolo Lazzarotti, I Biancucci, Sandro Canala, Luciano Caponi e Barbara Petrelli. L’esposizione sarà visitabile sino al 23 dicembre, tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 15.30 alle 19.
il taglio del nastro
il taglio del nastro
ceramica
ceramica

 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com